Cicala (Italia)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Cicala
comune
Cicala – Stemma
Cicala – Veduta
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneCoat of arms of Calabria.svg Calabria
ProvinciaProvincia di Catanzaro-Stemma.png Catanzaro
Amministrazione
SindacoAlessandro Falvo (Cicala nel cuore)
Territorio
Coordinate39°01′19.88″N 16°29′09.96″E / 39.02219°N 16.4861°E39.02219; 16.4861 (Cicala)Coordinate: 39°01′19.88″N 16°29′09.96″E / 39.02219°N 16.4861°E39.02219; 16.4861 (Cicala)
Altitudine829 m s.l.m.
Superficie9,28 km²
Abitanti927[1] (31-12-2018)
Densità99,89 ab./km²
Comuni confinantiCarlopoli, Fossato Serralta, Gimigliano, Sorbo San Basile, San Pietro Apostolo.
Altre informazioni
Cod. postale88040
Prefisso0968
Fuso orarioUTC+1
Codice ISTAT079030
Cod. catastaleC674
TargaCZ
Cl. sismicazona 2 (sismicità media)
Nome abitanticicalesi
PatronoSan Giacomo Maggiore Apostolo
Giorno festivo24/25 luglio
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Cicala
Cicala
Cicala – Mappa
Posizione del comune di Cicala all'interno della provincia di Catanzaro
Sito istituzionale

Cicala è un comune italiano di 927 abitanti della provincia di Catanzaro in Calabria, situato ai piedi della Sila Piccola.

Geografia fisica[modifica | modifica wikitesto]

Territorio[modifica | modifica wikitesto]

Fiumara Sant'Elia.

Il territorio comunale si presenta allungato secondo la direzione Nord-Ovest/Sud-Est, delimitato praticamente dai percorsi delle fiumare "Sant'Elia" e "Pomo" ad Est e "Vecchiarelli" e "Corace" ad Ovest che, scendendo dalla Sila, costituiscono il sistema idrico principale del territorio comunale; territorio caratterizzato da una pressoché uniforme ascensione di quota che passa da un minimo di 550 m s.l.m. della punta più a valle (presso la congiunzione dei fiumi Pomo e Corace in località "Due Fiumi") ad un massimo di 1088 m s.l.m. della parte più alta, il monte "Monticello".

Dal punto di vista dei rilievi il territorio presenta tutte le caratteristiche della zona montuosa della Sila Piccola, cui praticamente appartiene, solcata da profondi avvallamenti torrentizi. L'uso del suolo è prevalentemente caratterizzato dalla presenza di castagneti e di querceti, ed in parte da vigneti, seminativi arborei in genere e boschi cedui nella fascia territoriale compresa fra le località "Volta del Torno", "Pietro Gualtieri" e "Cintarella".

Il clima infine è caratterizzato da una media ventosità e da una particolare piovosità che contribuisce, insieme alla già abbondante dotazione idrica, alla formazione delle zone verdi boschive che caratterizzano tutta la zona.

Il borgo cicalese appartiene alla Comunità Montana dei Monti Reventino, Tiriolo e Mancuso.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Fondato nel XVI secolo, Cicala ha certamente avuto presenze sul territorio risalenti al Neolitico, com'è stato affermato dallo studioso Domenico Lovisato: "[…] azze, scalpelli, martelli e ciottoli, dell'epoca della pietra, ritrovati in Calabria […] le armi formate di rocce calabresi si trovano in abbondanza sulla parte settentrionale della provincia di Catanzaro, come Tiriolo Superiore e Cicala"[2].

Dopo l'età Neolitica non si hanno più tracce di insediamenti fino al 1595, quando Giovanna Castriota Scanderbeg (nipote dell'eroe albanese Giorgio Castriota Scanderbeg e discendente da parte di madre di Guglielmo I d'Inghilterra e Carlo Magno[3]) diede a un villaggio stanziato nel territorio appartenente al feudo di Tiriolo il nome di “Castriota”. Qualche anno dopo, intorno al 1609, essa cedette per 80.000 ducati il latifondo al Patrizio genovese e nobile di Messina Conte Carlo Cigala di provenienza della famiglia del navigatore corsaro Scipione Cigala, che divenne così I Principe di Tiriolo.[4] Da alcuni atti custoditi nell'archivio storico di Catanzaro si legge che nel 1616 alcuni uomini della "Trempa di Castagna" chiesero al Conte Cigala di fondare un casale nella "Stagliata di Fantuzzo" e di concedere loro dei capitoli di immunità. Da quel momento il villaggio Castriota prese il nome di Cigala, per poi essere cambiato in Cicala.

Si suppone che il centro abitato in origine si sviluppò principalmente sulla cosiddetta "Via Rande" (Via Grande, composta da Via Vittorio Emanuele II e da una parte di Via Garibaldi), intorno ai Palazzi dei Mancusi e dei Cigala. Subì gravissimi danni durante il terremoto del 1783 e nel 1806 in seguito a ripetuti episodi insurrezionali, i Francesi incendiarono e distrussero il piccolo centro presilano che, tuttavia, in breve tempo, risorse. Tale distruzione è confermata dai documenti dell'Archivio Comunale che esistono proprio a far data dagli anni intorno al 1810.

Grande rilievo, negli anni precedenti ed immediatamente successivi l'Unità d'Italia, ebbero le bande di briganti che imperversavano nella zona e che furono costante motivo di grave preoccupazione per i governi dell'epoca. Di particolare rilievo artistico-storico sono le due Chiese che testimoniano la profonda e radicata fede religiosa. La prima, dell'Immacolata (ad oggi sconsacrata), risalirebbe al tardo monachesimo e la sua presenza sarebbe da collegare alla più famosa Abbazia di Santa Maria di Corazzo dalla quale la Chiesa dell'Immacolata sarebbe dipesa essendo, tra l'altro, luogo di transito sulla via di Corazzo per i numerosi pellegrini che vi si recavano. La seconda, in stile barocco, risalente alla fine del XVI secolo, è dedicata al Santo Patrono, l'Apostolo Giacomo: ospita nelle due navate di destra e di sinistra due pregevolissimi altari in legno che vi sarebbero giunti provenienti dall'Abbazia di Corazzo, quando questa andò in rovina. Interessanti sono anche alcuni fabbricati in stile liberty o in pietra, con balconi e portali, considerati beni architettonici del paese come: Palazzo Cigala, Palazzo Mancusi, Palazzo Talarico P., Palazzo Astorino, Palazzo Mancuso, Palazzo Voce, Palazzo Talarico G., Palazzo Astorino (II). Nei dintorni del paese, troviamo la presenza di altre caratteristiche costruzioni, ricordiamo: il Mulino Talarico - loc. "Pendino", il Mulino Mancusi - loc. "Castaneto", il Mulino Leo-Mancusi - loc. "Due Fiumi", il Casale Le Pera - loc. "Giardino" e Villa Mancusi - località "Fossa del Mattino".

Cultura[modifica | modifica wikitesto]

Interno della chiesa di San Giacomo Maggiore a Cicala.

Festa di San Giacomo Maggiore Apostolo[modifica | modifica wikitesto]

La festa di San Giacomo M.A.[5], santo Patrono di Cicala, si tiene ogni anno il 25 luglio e rappresenta l'evento più importante della comunità cicalese. Grazie al fatto che essa si celebra in piena estate, è potuta divenire il momento di raccolta di molti cittadini emigrati sia in Italia che all'estero.

La festa inizia già il 24 luglio, quando viene allestito un mercato nel centro del paese, le cosiddette "bancarelle". Durante la serata si tiene un'esibizione canora o di cabaret. Il 25 luglio, nel primo pomeriggio, inizia una processione per tutte le vie del paese, a cui partecipa la maggioranza della popolazione e che dura all'incirca 5 ore. La sera della festa è allietata da un importante concerto, che fa confluire nel paese un cospicuo numero di visitatori provenienti da tutto l'hinterland. Infine l'evento si conclude con degli spettacolari fuochi pirotecnici.

Durante la processione viene trasportata in spalla la statua di San Giacomo M.A. Essa si presenta come un'immagine policroma a foglia d'oro, realizzata in legno di pero e scolpita a tutto tondo, la tunica è di colore rosso che ricorda il suo martirio, il mantello giallo ocra, sulle spalle porta una "mozzetta" nera con due conchiglie, cappello, bisaccia a tracolla e nella mano destra un bastone, segni del pellegrino. È alta due metri per un peso di quattro quintali e nella mano sinistra abbraccia un voluminoso libro di colore azzurro: il Vangelo.

Statua di San Giacomo Maggiore Apostolo.

Un racconto leggendario tramandato oralmente di generazione in generazione narra di un periodo di povertà e carestia e del bisogno dei cicalesi di affidarsi alla protezione divina. Nella medesima situazione si trovarono gli abitanti di San Pietro Apostolo, un paese limitrofo, e insieme ai cicalesi commissionarono ad uno scultore delle Serre la costruzione di due statue da venerare. Per la comunità di San Pietro Apostolo fu costruita la statua di San Pietro e per Cicala quella di San Giacomo M.A. a causa dei temporali e dei fulmini che in quel periodo perturbavano il paese, questo perché Giacomo veniva chiamato da Gesù "Figlio del tuono" per sottolineare l'inesauribile zelo di cui era dotato e anche per il suo temperamento impetuoso. Il giorno in cui le due statue furono consegnate alle popolazioni i sampietresi alla vista della statua di San Giacomo rimasero sbalorditi dalla sua bellezza, tanto che la vollero per loro, ma proprio quando tentarono di sollevarla, malgrado gli sforzi, riuscirono a spostarla solo per pochissimi metri tanta era la pesantezza; così provarono i cicalesi e per prodigio essa divenne leggera come un fuscello e i n mezzo allo stupore e alla commozione fu portata a Cicala dove ancora oggi San Giacomo è venerato e amato oltre misura dai suoi abitanti.

Economia[modifica | modifica wikitesto]

Frutto maturo del Castagno.

Per molti anni Cicala si è sostentata grazie al castagno, sfruttato sia per il legno che per il frutto; infatti secondo la tradizione ogni anno nel paese si tiene la "Sagra della castagna". Cicala si pone tra le più importanti realtà produttive regionali di lavorazione, conservazione e distribuzione castanicola, grazie alla qualità (nota in tutta la zona) del frutto. Legate a questa fase dell'economia cicalese sono varie industrie di legname e alcune aziende alimentari che si occupano della lavorazione e trasformazione della castagna e di altri prodotti agricoli locali.

Negli ultimi anni la coltivazione della castagna è stata seriamente minata dall'infestazione del Cinipide del castagno che, come in altre zone del pianeta, ne ha decimato la produzione ledendo pesantemente l'economia del piccolo borgo presilano, dove i molti coltivatori hanno visto letteralmente svanire un'importante fetta di reddito proveniente da una tradizione secolare. Degno di nota è l'impegno della comunità nello sconfiggere tale piaga attraverso l'introduzione in natura del Torymus Sinensis[6], antagonista del Cinipide, che ha già portato risultati estremamente positivi nella coltura castanicola in Giappone.

All'inizio degli anni duemila, collocata presso la contrada Milocca, è sorta la nuova zona P.I.P(zona industriale) che ospita molte delle piccole e medio imprese presenti nel territorio comunale.

Infrastrutture e trasporti[modifica | modifica wikitesto]

La fermata di Cicala (in verde) nel tratto ferroviario Cosenza-Catanzaro Città.

La stazione ferroviaria di Cicala si trova sul tratto della linea Catanzaro-Cosenza delle Ferrovie della Calabria. L'azienda Ferrovie della Calabria collega inoltre Cicala a numerose località vicine per mezzo di un servizio quotidiano di autolinee.

Cicala è collegata all'Autostrada A3 Napoli-Reggio Calabria, a cui si accede percorrendo la Strada statale 109 della Piccola Sila fino a Colosimi e poi la Strada statale 616 di Pedivigliano, lunga 16 km, fino allo svincolo Altilia-Grimaldi. È possibile raggiungere inoltre la stessa autostrada da sud, attraverso lo svincolo Lamezia Terme, a cui si accede attraverso l'uscita di Marcellinara della Strada statale 280 dei Due Mari.

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[7]

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Sindaco: Falvo Alessandro

Note[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Calabria Portale Calabria: accedi alle voci di Wikipedia che parlano della Calabria