San Pietro Apostolo (Italia)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
San Pietro Apostolo
comune
San Pietro Apostolo – Stemma San Pietro Apostolo – Bandiera
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneCoat of arms of Calabria.svg Calabria
ProvinciaCoat of Arms of the Province of Catanzaro.svg Catanzaro
Amministrazione
SindacoRaffaele De Santis (lista civica Santu Pietro per il futuro) dall'11-6-2017
Territorio
Coordinate39°00′N 16°28′E / 39°N 16.466667°E39; 16.466667 (San Pietro Apostolo)Coordinate: 39°00′N 16°28′E / 39°N 16.466667°E39; 16.466667 (San Pietro Apostolo)
Altitudine750 m s.l.m.
Superficie11,72 km²
Abitanti1 611[1] (30-11-2019)
Densità137,46 ab./km²
FrazioniBivio Zeta, Pasqualazzo, Colicella, Colla
Comuni confinantiDecollatura, Gimigliano, Miglierina, Serrastretta, Tiriolo
Altre informazioni
Cod. postale88040
Prefisso0961
Fuso orarioUTC+1
Codice ISTAT079115
Cod. catastaleI095
TargaCZ
Cl. sismicazona 1 (sismicità alta)
Nome abitantisan pietresi
PatronoSan Pietro Apostolo
Giorno festivo29 giugno
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
San Pietro Apostolo
San Pietro Apostolo
San Pietro Apostolo – Mappa
Posizione del comune di San Pietro Apostolo all'interno della provincia di Catanzaro
Sito istituzionale

San Pietro Apostolo (San Piatru in calabrese) è un comune italiano di 1 611 abitanti[1] della provincia di Catanzaro in Calabria.

Geografia fisica[modifica | modifica wikitesto]

Clima[modifica | modifica wikitesto]

Il clima di San Pietro Apostolo è di tipo appenninico e varia a seconda dell'altitudine raggiunta nel paese. Il paese è circondato da monti che in alcuni punti arrivano anche a 1000 m di altitudine: uno di questi è il monte Portella la cui vetta raggiunge quota 1039 m s.l.m. C'è anche l'influenza del vicino monte Reventino (1417 m s.l.m.) Il territorio di San Pietro Apostolo è caratterizzato da inverni freddi e abbastanza nevosi ed estati fresche sulle altitudini più elevate.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La città fu fondata dai contadini fuggiti da Motta Santa Lucia dopo il terremoto del 1638. Spostandosi verso l'interno, chiesero asilo al principe Carlo Cigala di Tiriolo, che permise loro di stabilirsi nell'area che oggi è conosciuta come "Colla Pagliara", in cambio del pagamento di una modesta imposta frontale. Successivamente si trasferirono in una zona più bassa, più riparata dal vento. Il villaggio prese il nome da una piccola statua dell'apostolo San Pietro eretta nella zona.Il paese fu amministrato dal feudo di Tiriolo fino alla fine del XVIII secolo quando ottenne l'autonomia ai sensi della legge n°14 del 19 gennaio 1807. Fu elevato allo status di comune con il nome di "San Pietro a Tiriolo" e posto sotto la giurisdizione di quella che fu allora chiamata Calabria Ulteriore, che consisteva pressappoco alle attuali province di Catanzaro, Crotone, Reggio Calabria e Vibo Valentia. Il 4 maggio 1811 il comune ricevette il nome di San Pietro Apostolo, attestando la sua separazione da Tiriolo che rimase, tuttavia, sede amministrativa. La legge n. 360 del 1 ° maggio 1816 trasferì il villaggio di San Pietro Apostolo con i suoi abitanti del 1992 dall'amministrazione del Tiriolo a quella di Gimigliano e dalla provincia di Calabria Ultra alla nuova provincia di Calabria Ultra Seconda (Catanzaro). Il rivoluzionario Giuseppe Garibaldi si fermò qui la notte del 28 agosto 1860. Il capo della Spedizione dei Mille, proveniente da Maida, fu un gradito ospite del sostenitore Garibaldi Anselmo Tomaini (già condannato a morte dai Borboni per essere stato uno dei i sostenitori dei movimenti di Maida e Filadelfia) dove, con i suoi più stretti collaboratori, prese atto della situazione e pianificò le prossime operazioni che avrebbero aperto le strade a Napoli; nella stessa notte Francesco Stocco, con solo pochi uomini, indusse la resa di 10.000 uomini comandati dal generale Ghio, i quali erano accampati presso Soveria Mannelli, avendo abilmente acceso numerosi incendi posti molto visibilmente sulle alture circostanti. La visita di Garibaldi è commemorata da due tavolette poste sulle pareti di Palazzo Tomaini nel 1887 e 1961.Nel corso del XVII secolo, un ruolo importante fu svolto nell'economia di San Pietro dalla raccolta e dalla lavorazione della ginestra, una pianta fibrosa che veniva ammorbidita grazie all'acqua del fiume Amato (corso che scorre ne pressi del paese). Ciò ha creato una fibra che è stata utilizzata dai filatori locali per la produzione di tessuti. Anche l'allevamento del baco da seta era molto comune: i vermi venivano nutriti con foglie di gelso bianco presenti nella zona. La seta così prodotta veniva quasi interamente lavorata localmente e per la maggior parte commercializzata a Catanzaro, Nicastro e anche nella vicina città di Serrastretta.

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[2]

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

  • Chiesa di San Pietro Apostolo: l'edificio religioso, eretto nel 1639, presenta un'architettura neoclassica. All'interno della chiesa è conservato un fonte battesimale in marmo di Gimigliano;
  • Chiesa del Carmine;
  • Calvario;
  • Chiesa della Lettera;
  • Palazzo Mazza;
  • Palazzo Tomaini;
  • Palazzo Cianflone;
  • Palazzo Falvo;
  • Palazzo Grandinetti;
  • Palazzo De Santis;
  • Mulini: lungo la riva del fiume Amato, corso d'acqua che scorre nei pressi del paese, si posso osservare cinque mulini;
  • Frantoio Grandinetti;
  • Cimitero Monumentale.

Eventi[modifica | modifica wikitesto]

  • Pigliata o "Pigghiata", è opera sacra che rappresenta la passione e la morte di Gesù Cristo, scritta in prosa nel 1880 da un anonimo cittadino di San Pietro e prodotta per la prima volta il 18 febbraio dello stesso anno. Si compone di 5 atti e 52 scene, dura circa 8 ore e viene eseguita, solitamente, nella piccola piazza antistante la Chiesa;
  • Festa di San Pietro, celebrata il 29 giugno;
  • Festa della Madonna del Carmelo, celebrata dal 14 al 16 luglio;
  • Festa della Madonna della Lettera, celebrata l'ultima domenica di settembre.

Infrastrutture e trasporti[modifica | modifica wikitesto]

Strade[modifica | modifica wikitesto]

Il paese è attraversato dalla strada provinciale 165 (ex S.S.19) che lo collega direttamente alla città di Catanzaro e ad altri comuni della provincia.

Tramite la strada provinciale 77, che parte da una piccola frazione del paese, Bivio Zeta, è possibile raggiungere il borgo di Serrastretta e la città di Lamezia Terme.

Ferrovie[modifica | modifica wikitesto]

Il paese dispone di una stazione ferroviaria, raggiungibile tramite la strada provinciale 38. Il sistema ferroviario, che lo collega con il capoluogo regionale e con la città di Cosenza, è gestito dalla società Ferrovie della Calabria. Al momento il tratto è interrotto presso la cittadina di Soveria Mannelli.

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Periodo Primo cittadino Partito Carica Note
? 1964 Domenicantonio De Santis Sindaco
1964 1985 Luigi Pingitore Partito Comunista Italiano Sindaco
1985 1992 Domenico Perri Ramoscello d'ulivo (lista civica) Sindaco
1992 12/06/1994 Commissario Prefettizio
12/06/1994 26/05/2002 Talarico Pasquale lista civica Sindaco
26/05/2002 29/05/2007 Domenico Perri Ramoscello d'ulivo (lista civica) Sindaco
29/05/2007 07/05/2012 Francesco Fragale Rinascita per San Pietro (lista civica) Sindaco
09/05/2012 in carica Raffaele De Santis San Pietro per il futuro (lista civica) Sindaco

Sport[modifica | modifica wikitesto]

Una formazione della S.S. San Pietro Apostolo

Il paese dispone di un campo comunale da calcio e da tennis.

La principale società calcistica del paese è la S.S. San Pietro Apostolo, fondata nel 1963, che ha sempre militato in campionati di carattere dilettantistico. I colori sociali della squadra sono il bianco e il rosso.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Dato Istat - Popolazione residente al 30 novembre 2019.
  2. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Calabria Portale Calabria: accedi alle voci di Wikipedia che parlano della Calabria