Corace (fiume)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Corace
Fiume Corace.JPG
Tratto del Corace in prossimità della foce
Stato Italia Italia
Regioni Calabria Calabria
Lunghezza 48 km
Portata media 4,4 m³/s
Altitudine sorgente 1 050 m s.l.m.
Nasce Maurizio Timpe (Bianchi)
Affluenti Melito, Usito
Sfocia Mar Ionio (Catanzaro)
38°48′52.94″N 16°36′34.05″E / 38.814706°N 16.609459°E38.814706; 16.609459Coordinate: 38°48′52.94″N 16°36′34.05″E / 38.814706°N 16.609459°E38.814706; 16.609459

Il Corace è un fiume della Calabria, che nasce nella Sila e si getta nel golfo di Squillace dopo un corso di 48 km.

Decorso[modifica | modifica wikitesto]

Il Corace corrisponde all'antico Crotalus. Nasce nel territorio di Bianchi, e scende dapprima verso Sud-Est, con lieve pendenza, attraverso i territori di: Carlopoli (Castagna), Cicala, Gimigliano e Tiriolo, a breve distanza dal corso del fiume Amato. I due fiumi, l'Amato e il Corace, corrono quasi paralleli a distanza di 1–2 km soltanto l'uno dall'altro, separati da una propaggine a quota 800-900 metri, sino al profondo burrone esistente tra i territori di Cicala e di Gimigliano, portandosi a brevissima distanza fra di loro (meno di 1 km) in prossimità della stazione ferroviaria "Serrastretta-Carlopoli" delle Ferrovie della Calabria. Il corso dei due fiumi diverge in corrispondenza del masso calcareo formato in parte dal monte Tiriolo e dal territorio di Tiriolo e Gimigliano; qui, mentre l'Amato volge verso Ovest per gettarsi nel mar Tirreno, le acque del Corace, ingrossate dal torrente Acciaio e dai fiumi Melito e Usito, percorrono l'ultimo tratto in direzione Sud-Sud-Est sino alla foce sul Mar Ionio, in prossimità dei quartieri sud della città di Catanzaro.

Al Corace è legato il nome dell'abbazia cistercense di Corazzo, situata lungo l'alto corso del fiume, nei pressi dell'abitato di Castagna.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Calabria Portale Calabria: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Calabria