Capitan Marvel (DC Comics)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Capitan Marvel
WhizComicsNo02.jpg
Capitan Marvel nella sua prima apparizione, disegnato da C. C. Beck
UniversoUniverso DC
Nome orig.Captain Marvel
Lingua orig.Inglese
Alter ego
  • William Joseph "Billy" Batson
AutoreBill Parker
DisegniC.C. Beck
EditoreDC Comics - Fawcett Comics
1ª app.1940
1ª app. inWhiz Comics n. 2
Interpretato da
Voci orig.
Voci italiane
SessoMaschio
Luogo di nascitaFawcett City
Poteri
  • la saggezza di Salomone
  • la forza fisica di Ercole
  • la resistenza di Atlante
  • il coraggio di Achille
  • il potere di Zeus
  • la velocità di Mercurio
  • capacità di produrre ed emettere onde, fulmini e scariche elettriche magiche
  • volo
  • immune alla magia
  • guarigione istantanea
AffiliazioneJustice League of America

«SHAZAM!»

(La parola che Billy Batson pronuncia per attivare i suoi poteri)

Capitan Marvel, poi noto come Shazam,[1] è un personaggio dei fumetti ideato da C.C. Beck (disegni) e Bill Parker (testi) nel 1939. Il personaggio ha esordito su Whiz Comics n. 2 (febbraio 1940) della Fawcett Comics,[2] per essere poi acquisito dalla DC Comics. Quest'ultima decise poi di cambiarne il nome in Shazam per via dell'omonimia con il personaggio della Marvel Comics che, negli anni in cui il personaggio non era più pubblicato, ideò un supereroe con lo stesso nome, registrandone il marchio ma non il nome.

Il personaggio fu il supereroe più popolare degli anni quaranta, e la serie Shazam/Captain Marvel Adventures in quel periodo vendeva più di Superman e di altri famosi albi di supereroi, arrivando a tirature di un milione e trecentomila copie al mese fra il 1942 e il 1946, il doppio di Batman.[3] Fu anche il primo supereroe dei fumetti ad apparire in un serial cinematografico, Adventures of Captain Marvel, del 1941; ebbe inoltre numerosi epigoni nati sull'onda del successo. Nella sua longeva storia editoriale vi si sono cimentati alcuni dei più grandi autori e artisti della storia dei comic, quali, Otto Binder, Pete Costanza, Mac Raboy, Kurt Schaffenberger (durante la Golden Age), Dennis O'Neil nei primi anni settanta (dopo il passaggio alla DC), Roy Thomas (negli anni ottanta), Jerry Ordway con un'acclamata graphic novel (The Power of Shzama!) e serie regolare (anni novanta), Alex Ross, Paul Dini, Geoff Johns, Gary Frank (negli anni duemila)[4].

Biografia del personaggio[modifica | modifica wikitesto]

Epoca classica e post-crisis (1941-2010)[modifica | modifica wikitesto]

«Santa polenta!»

(Tipica esclamazione di Billy Batson)

Capitan Marvel è l'alter ego di William Billy Batson, un ragazzo di quindici anni rimasto orfano[5] che si mantiene lavorando come reporter radiofonico e segretamente viene scelto come campione del bene dal Mago Shazam: ogni volta che Billy pronuncia il nome del mago (Shazam!), è colpito da un fulmine magico che lo trasforma in un supereroe adulto con immensi poteri e le abilità di figure mitologiche. Billy ha deciso di condividere questo potere, perdendo parte della sua forza ed energia, con la sorella che si trasforma in Mary Marvel e Freddy Freeman che diventa Capitan Marvel Jr.: insieme formano la Famiglia Marvel.

Tra i principali avversari ci sono Black Adam, un egiziano dotato di poteri simili ai suoi, Mr. Mind, un verme in grado di controllare i cervelli delle persone, ma soprattutto il malvagio Dottor Sivana, suo zio acquisito e i Sette Peccati Capitali. Acclamato come "Il mortale più potente del mondo" e soprannominato The Big Red Cheese[6] dal suo nemico Dottor Sivana, un epiteto adottato anche dai fan per il loro eroe[senza fonte].

La maledizione di Shazam! (dal 2011)[modifica | modifica wikitesto]

Premessa[modifica | modifica wikitesto]

Il personaggio subisce un reboot nel 2011 dove Geoff Johns e Gary Frank creano la versione moderna di Capitan Marvel, che cambia definitivamente nome in Shazam! ed è quella canonica con gli albi pubblicati all'interno della continuity dell'Universo DC attuale.

Le origini di Shazam![modifica | modifica wikitesto]

«...ho solo quindici anni e so già che non esiste una cosa come una persona buona e pura. Le persone sono orribili. Ti deludono. Ho passato la mia vita ad impararlo. Le brave persone vengono divorate , vengono sfruttate, scompaiono. Fidati di me. Non importa quanto provi ad essere buono. Tutti gli altri ti faranno affondare con loro.»

(Billy Batson)

Billy Batson è un ragazzino di 15 anni, nato negli anni duemila ed è rimasto orfano. Nel corso della sua vita è già stato adottato da 4 famiglie ma poi è stato rimandato all'istituto di adozione in seguito ad un carattere scontroso e violento, che gli hanno causato problemi di adattamento con le scuole, le istituzioni e le famiglie affidatarie. Nonostante sia un'adolescente (periodo già problematico per una possibile adozione) la sua tutrice, che tra l'altro non vede l'ora di sbarazzarsene, gli riesce a trovare due genitori adottivi, il signore e la signora Vasquez, una coppia che ha già adottato 5 figli e pare disposta a prendersi cura anche di Billy. Convinto di essere respinto e (inconsciamente) consapevole di non poter essere amato o accettato, il ragazzo affronta la nuova realtà familiare con un atteggiamento scontroso e pieno di rabbia che riversa contro i suoi nuovi fratelli. Indubbiamente ha un carattere introverso e cinico, incapace di avere fiducia nel prossimo e in una società nella quale nota solo degrado e ipocrisia.

Parallelamente a queste vicende lo scienziato e studioso di esoterismo Dotto Sivana, è da anni che approfondisce le sue ricerche sugli antichi miti che riguardano la Roccia dell'Eternità, una fortezza leggendaria che raccoglieva il consiglio suprema dei maghi ed era depositaria di un potere (di origine magica) che surclassava le possibilità e le conoscenze sviluppatesi in epoca moderna con lo sviluppo scientifico e il razionalismo positivista, elementi fondanti della nostra civiltà dai tempi di Cartesio. Grazie a dei testi di un'epoca perduta è di alcune scoperte archeologiche effettuate sia in Egitto che nell'antica Mesopotamia si convince dell'esistenza di Black Adam, un individuo scelto dal consiglio dei maghi come depositario di un potere magico mai appartenuto prima a nessun uomo. Il suo scopo era quella di proteggere l'umanità da una minaccia chiamata i Sette Peccati Capitali e liberare il mondo dalle tirannie. Inizialmente le cronache lo indicano come un paladino adatto ad eseguire i compiti a lui preposti dal Consiglio dei Maghi. Viene acclamato come colui che libera kahdaq (il suo paese) e aver sconfitto i sette peccati capitali pare scomparire da ogni testo antico. Si ipotizza che avendo preteso una sua autonomia d'azione e allontanatosi dalla Roccia dell'Eternità sia stato sepolto, anche grazie all'aiuto dei faraoni egiziani, in una tomba/prigione protetta da sigilli magici affinché, nonostante immortale, vi rimanga relegato per sempre. Il Dottor Sivana riesce ad individuare il luogo di sepoltura ad una settantina di kilometri a nord di Bagdad in una segretissima e molto antica caverna sottorranea. Dopo anni di ricerche lui e il suo team l'hanno individuata e rompendo un muro ricoperto da sigilli magici liberano un furioso Black Adam pronto a scatenare la sua ira sul Mago (colui che siede sul trono della Roccia dell'Eternità) e sui nuovi faraoni del mondo. Durante la frantumazione della parete magica che lo imprigionava si liberano dei fulmini mistici che colpiscono un occhio di Sivana, rendendolo capace di vedere la Magia oltre il velo della realtà percepita dai sensi e dalla ragione. La rinascita di Black Adam viene percepita dal Mago, ormai unico superstite dell'antico consiglio dei Maghi, un vecchio e stremato individuo vicino alla fine della sua esistenza e avendo fallito per secoli nel tentativo di trovare un uomo dal cuore nobile capace di divenire il nuovo depositario del potere della Magia. Ma ora non c'è più tempo, bisogna trovare un nuovo paladino che sia depositario di un potere capace di fronteggiare la minaccia di Black Adam. Quest'ultimo ha rivolto la sua ira contro il team di Sivana sterminandolo ma lascia vivo lo scienziato in quanto riesce ad esprimersi nella sua lingua o qualcosa di simile e gli sembra possieda capacità e conoscenze che gli possano tornare utili a destreggiarsi in un mondo per lui nuovo. Sivana lo porta a New York, la sua sede e una delle città più importanti dell'epoca attuale. Black Adam si rende subito conto che la differenza tra questa civiltà e quella in cui ha vissuto migliaia di anni fa è solo apparente. Esistono infatti un'elite di potere che lui individua come i nuovi Faraoni e delle masse che vengono soggiogate e manipolate. Le disparità sociali, la concentrazione di ricchezze, la cattiva gestione del potere politico (corrotto) sono rimaste. Decide quindi che il suo nuovo compito sarà quello di portare un Apocalisse in questo (apparentemente) nuovo mondo per poi ricostruirlo sotto il suo comando, ma prima apre un portale interdimensionale per raggiungere la Roccia dell'Eternità e vendicarsi su colui che lo ha imprigionato. Avendone anticipato l'arrivo, il Mago compie un'ultima invocazione per trasportare nella magica dimora un essere umano degno di diventare il nuovo avatar della magia. Con sua enorme sorpresa si ritrova materializzato di fronte un incredulo Billy Batson. Ne percepisce l'animo pieno di rabbia, cinismo e rancore e inizialmente lo ritiene non degno del compito che deve affidargli ma non ha più tempo e il ragazzo nasconde un potenziale nel suo animo che potrebbe, nelle giuste condizioni, portarlo ad essere quel campione dell'umanità e nuovo Messia dell'antica magia di cui ora il mondo necessita. Gli svela quindi come ultimo atto della sua lunga esistenza la parola che parola che deve pronunciare (con fede e convinzione) affinché avvenga la trasformazione. La parola magica è Shazam!. Billy si vede colpito da un fulmine e trasformato in un uomo adulto con un costume rosso e un mantello sentendo scorrere dentro le sue membra un potere mai immaginato prima. Il Mago muore e la Roccia dell'Eternità viene magicamente sigillata. Quando arrivano Sivana e Black Adam è ormai tardi e questi capisce che è stato creato un nuovo avatar della Magia che serve a fermarlo. Nel frattempo però Billy, ora divenuto Shazam si aggira per la città insieme al primo dei suoi fratelli adottivi a cui ha rivelato quanto è successo, si tratta di Freddy. I due girano per la città cercando di sfruttare il nuovo potere di Billy per far soldi, comprare birra e divertirsi, arrivano persino a scassinare un bancomat. Billy odia i bulli e prepotenti e quindi sventa anche qualche rapina o aggressione ma poi si fa pagare dalle possibili vittime che ha salvato. I suoi primi pensieri su cosa fare nei panni di Shazam! non sono nobili o altruistici ma sono tesi a realizzare i suoi desideri repressi da anni di vessazioni e carenze economiche. Mentre pensa a usare i suoi poteri per scopi personali arriva a Philidalfia Black Adam e lo attacca per uccidere il nuovo campione della Roccia dell'Eternità. Preso di sorpresa, Billy non riesce a reagire e viene preso dalla paura e quindi scappa e, per nascondersi pronuncia la parola magica per ritornare un semplice quindicenne di cui Black Adam perde le tracce in quanto viene a mancare quel legame tra i due che viene chiamato la connessione con il Fulmine, fonte inestinguibile del potere magico e che si manifesta quando avviene la trasformazione in Shazam!. La breve lotta tra i due è sufficiente a creare gravi interferenze nei campi elettromagnetici e la città cade in un black out. Freddy nel frattempo è riuscito a tornare a casa e racconta ai fratelli gli incredibili avvenimenti ai quali ha assistito. Anche se increduli i ragazzi adottivi della famiglia Vasquez decidono di andare alla ricerca di Billy che è andato a rifugiarsi allo zoo, un luogo dove si sente a suo agio e dove si confida con una tigre a cui va a far visita sin da quando era piccolo. Freddy ne è a conoscenza e quindi lo trovano, spronandolo a mostrare coraggio e bloccare la terribile minaccia che colpisce la loro città. Nel frattempo il Dottor Sivana su indicazioni di Black Adam riesce a rintracciare le 7 persone che inconsapevolmente nascondono l'identità immortale dei 7 peccati capitali e grazie ai suoi nuovi poteri sulla magia, amplificati dallo stesso Black Adam, li riporta alla loro forma e coscienza originaria. Sono pronti a scatenarsi sull'umanità. Billy svela ai fratelli che vuole trovare un modo per ritornare alla Fortezza del Mago e cedere un potere di cui non si sente degno di possedere. Mary, la più adulta del gruppo lo sprona a non sottovalutarsi e gli ricorda il coraggio da lui dimostrato a scuola quando si è scontrato con ragazzi più grandi di lui che bullizzavano Freddy. Billy sembra non dargli retta ma su una superficie riflettente torna a vedere l'immagine di una donna che dice di chiamarsi Francesca, rappresentante e protettrice di uno dei 6 regni della Magia di cui la Terra farebbe parte. Lo avverte che la minaccia di Black Adam minaccia tutte queste dimensioni da cui dipende l'ordine cosmico e solo lui può affrontarlo in quanto, una volta conferita, la connessione con il Fulmine non può più essere tolta da un individuo. Inoltre il Mago ha sacrificato la sua vita per invocarla un'ultima volta e donandola a lui. Tra l'altro gli rivela che in tutti i 6 regni lui e Adam sono rimasti gli unici due a incanalare il potere del Fulmine e lei sostiene che percepisce la forza della sua anima, ha davvero le potenzialità per diventare il più potente mortale sulla Terra ma deve vincere le sue paure e insicurezze, i veri ostacoli che un uomo deve affrontare per poter crescere e trovare il suo potenziale. La vera sfida non è con Black Adam ma risiede dentro di lui. Gli arriva a confidare il vero fondamento del Potere: «(non sono i nemici o le difficoltà esterne)...ma sono gli errori...e le tragedie che affrontiamo in noi stessi come nei regni, che ci rendono più che mortali. Il Bene che facciamo in vita è ciò che ci rende immortali».

Quando Black Adam scova Billy e minaccia i suoi fratelli adottivi, qualcosa nell'animo del ragazzo si smuove e si sente pronto a lottare contro il suo predecessore, quindi si trasforma in Shazam!. La lotta è impari in quanto l'esperienza e il potenziale di Adam surclassa la capacità del nuovo prescelto di avere piena padronanza del Potere del Fulmine. Inoltre l'incarnazione dei 7 peccati capitali ha trovato l'anima più corrotta della città, quella del ricco e prepotente Mister Brier, già astioso nei confronti di Billy in quanto ha aggredito a scuola i suoi due figli in seguito ai loro atti di bullismo. Brier viene trasformato in in essere mostruoso che sembra scaturito dalle viscere dell'Inferno e infatti porta sul petto una croce inversa a cinque punte. Black Adam ha ora un altro potente alleato e Shazam! sembra non avere possibilità. Ma è in questo momento che Billy capisce il valore della famiglia e come la vera forza de un individuo, come suggeritogli da Francesca, nasca dai legami familiari e dal sostegno di cui ogni individuo ha bisogno per rimettersi in piedi. Si ricorda in inoltre che i suoi poteri, legati al simbolo mistico del Fulmine possono essere condiviso e quindi decide di cederne una parte a tutti i suoi fratelli che subiscono una trasformazione simile alla sua e ognuno con le proprie particolarità e costume acquista dei super poteri. Nasce un team che passerà alla storia e al mito come la Marvel Falminy, un'incarnazione collettiva del Fulmine Vivente. Insieme riescono a reggere l'urto della furia di Adam e dei suoi alleati ma il compito della sfida finale tra i due prescelti ricade su Billy. La loro battaglia si sposta alla Zoo della città dove Billy decide di dare parte del suo potere alla Tigre a cui è si è affezionato fin da bambino la quale attacca furiosamente Adam. Questo però toglie in parte le forze sia a lui che al resto della Marvel Family. Adam non comprende questa cessione di parte dei suoi poteri, lui crede solo in se stesso e vuole per se ogni frammento dell'energia del Fulmine. Billy però èun ragazzo intelligente e conosce la storia del suo avversario, lo sfida quindi su piano differente ritrasformandosi nella sua originale versione di ragazzino quindicenne. Invita Adam a fare lo stesso, trovi il coraggio di affrontarlo come un essere umano. Sono millenni che non torna nella sua forma mortale ma in un eccesso di presunzione accetta la provocazione del ragazzino. Improvvisamente viene pervaso dai ricordi e dalle colpe del suo passato. Viene tormentato dal terribile atto con il quale aveva ucciso il suo stesso nipote, il prescelto originario del consiglio dei Maghi, per non voler condividere il Potere con nessuno. Progressivamente il suo corpo mortale pare non sopportare il peso del Tempo e comincia inesorabilmente a indebolirsi. Billy non si lascia sfuggire il momento di debolezza della sua nemesi oscura e pronuncia la parola magica Shazam!. La potente scarica di energia che provoca la trasformazione è sufficiente a rendere in brandelli un uomo ormai vecchio e pentito come Adam, la battaglia è vinta. Venendo a mancare la fonte del suo potere anche Brier perde la sua forma demoniaca e i 7 peccati capitali fuggono così come lo stesso Dottor Savana. L'umanità ha il suo nuovo Campione e un valoroso team di super eroi pronti a difenderla dalle minacce provenienti da altri mondi, regni magici o dalla malvagità che può attecchire e crescere in alcuni esseri umani.

Genesi del personaggio[modifica | modifica wikitesto]

Il personaggio viene ideato l'anno dopo l'esordio di Superman nel periodo che verrà ricordato come la Golden Age del fumetto (1938-1951) e questo genere di personaggi domina le vendite dell'editoria dei fumetti statunitensi fino ai primi anni cinquanta. Indubbiamente gli autori riprendono caratteristiche comuni ad altri personaggi come la doppia identità, la forza e la capacità di volare già viste in Superman mentre le differenze tra i due supereroi sono però notevoli:

  • entrambi rimangono orfani ma Billy non viene adottato e si trova ad affrontare il mondo da solo, per certi versi riprende il personaggio di Batman ma, a differenza di Bruce Wayne, Billy Batson non è ricco e si trova ai margini della società del benessere;
  • Capitan Marvel trova l'origine dei suoi poteri in forze magiche e mitologiche mentre Superman è invece un alieno;
  • Capitan Marvel è un uomo adulto che però ha un alter ego adolescente e la trasformazione è di natura morfologica e la mente e la coscienza di un ragazzo controllano i poteri.

Nel tratteggiare i visi e le espressioni dei protagonisti, il disegnatore Beck si ispira a personaggi reali o creati in opere letterarie:[7]

Storia editoriale[modifica | modifica wikitesto]

Periodo Golden Age (1939-1953)[modifica | modifica wikitesto]

Capitan Marvel (l'attore Tom Tyler) in uno screenshot del trailer originale del serial cinematografico Adventures of Captain Marvel (1941)

La Golden Age dei fumetti americani inizia ufficialmente con il primo numero della serie Action Comics nel giugno 1938 nel quale esordì il prototipo di un nuovo genere di personaggio legato sia all'avventura che alla fantascienza: il supereroe Superman. Negli anni successivi vennero ideati diversi altri supereroi che si ispirarono a quella che diverrà in breve tempo un'icona della cultura pop americana. Su questa scia la Fawcett Comics crea Capitan Marvel che esordì nel gennaio 1940[8] con il nome di Capitan Thunder sul primo numero di Flash Comics e poi, con il suo nome definitivo, su Whiz Comics n. 2 del febbraio 1940. Il n. 1 di Flash Comics non venne mai distribuito - se non una bassissima tiratura - e le tavole dei disegni non vennero neppure colorate; questo per evitare problemi con la National Comics che proprio nello stesso periodo aveva pubblicato una nuova serie omonima, Flash Comics poche settimane prima; analogamente il nome Capitan Thunder fu modificato in quanto nello stesso mese in cui era previsto l'esordio del personaggio della Fawcett, esordì prima il personaggio Johnny Thunder sull'albo Flash Comics della National Comics; tra l'altro il superpotere del personaggio della National consisteva nell'invocare un genio in grado di esaudire i suoi desideri pronunciando la parola magica "Cei-u".[9] Si optò quindi per una nuova serie, Whiz Comics, il cui nome era quello della stazione radio in cui lavorava Billy Batson, l'alter ego di Capitan Marvel. La nuova serie esordì col n. 2 indicato in copertina in quanto teneva conto nella numerazione del primo numero della serie Flash Comics inteso come numero di lancio della serie; tuttavia dal quarto numero la numerazione cambiò riportando in copertina la numerazione come se la serie fosse partita con il primo albo della Whiz Comics e non con il precedente della Flash Comics.

Il successo della serie fu tale che già a partire dal 1941 gli viene affiancata la testata Captain Marvel Adventures. La differenza tra le due stava nel fatto che quest'ultima presentava storie in cui Capitan Marvel agiva principalmente da solo (senza l'aiuto dei membri della Famiglia Marvel). Nel 1945 gli viene dedicata una terza serie dal titolo Shazam Family, questa volta più focalizzata sui protagonisti della Famiglia Shazam.

Copertina di America's Greatest Comics n.3

A partire dalla fine degli anni quaranta, le vendite dei fumetti di supereroi cominciano a calare ma la vera crisi per la Fawcett Comics è la perdita (in appello) della causa intentatagli dalla DC Comics già a partire dal 1941. Secondo i legali della DC, la Fawcett aveva creato Capitan Marvel plagiando il personaggio di Superman. La contesa riguardava il mantello, la capacità di volare, la superforza e persino le pose assunte dal personaggio nei disegni. Quando la causa legale ha inizio, il personaggio della Fawcett è il più venduto albo a fumetti dell'epoca arrivando a superare il milione di copie vendute[10]. La Corte si pronuncia a favore della Fawcett nel 1951 ma la DC Comics riesce a vincere in appello nel 1953 e la Fawcett Comics venne costretta a pagare un risarcimento di 400.000 dollari all'editore di Superman e a sospendere tutte le pubblicazioni di Capitan Marvel. Whiz Comics chiude con il n. 155 a giugno 1953 e Captain Marvel Adventures con il n. 150 di novembre 1953; Shazam Family chiude con il n. 89 (gennaio 1954) e questo è l'ultimo albo che vede come protagonisti questi personaggi pubblicati dalla Fawcett Comics. La successiva pubblicazione di una storia inedita di Capitan Marvel arriva dopo 19 anni e paradossalmente sotto l'etichetta e la direzione della DC Comics che acquisì i diritti dalla Fawcett.

Periodo DC Comics[modifica | modifica wikitesto]

Periodo pre-Crisis (1972-1986)[modifica | modifica wikitesto]

Con tale denominazione si indica quel periodo della storia DC Comics che intercorre dalla fine della Silver Age del fumetto americano (1969-1971) alla miniserie Crisi sulle Terre infinite (1985-1986), con la quale la casa editrice ristruttura tutto il suo parco editoriale e la continuity riguardante i suoi personaggi. Talvolta questo arco di tempo viene fatto coincidere con la Bronze Age del fumetto[11].

La DC prese la licenza di pubblicare i personaggi della Famiglia Marvel dalla Fawcett Comics (ormai impossibilitata ad utilizzarli) nel 1972 (i diritti vennero acquisiti in via definitiva solo nel 1980). Il 1972 è un anno fondamentale per la storia del fumetto statunitense in quanto è l'anno in cui la Marvel per la prima volta supera nelle vendite la storica DC, questo grazie alla nuova direzione di Roy Thomas (dopo il progressivo allontanamento di Stan Lee dalla gestione editoriale), il quale inizia un'espansione dei titoli pubblicati che non ha precedenti cercando di proporre al lettore nuove idee e generi[12]. La DC cerca di reagire all'offensiva e la riproposta di un personaggio storico della Golden Age rientra in questa agenda[12]. La prima serie che introduce Capitan Marvel e la Famiglia Marvel nell'Universo DC porta il titolo Shazam! ed esce con data di copertina febbraio 1973. Sono però ormai passati 19 anni dall'ultima pubblicazione dedicata al personaggio il cui primo albo della nuova serie viene distribuito il 14 dicembre 1972[12]. La serie non può usare in copertina il titolo Capitan Marvel in quanto è stato registrato dalla Marvel Comics per la sua testata Capitan Marvel. Questo è potuto avvenire in quanto in quegli anni la Fawcett Comics era di fatto fallita lasciando vacanti i suoi copyright. La nuova testata della DC è realizzata da Dennis O'Neil (testi per le nuove storie) e ai disegni lo stesso Clarence Charles Beck, co-creatore del personaggio nel 1939[13]. Insieme allo storico editor Julius Schwartz (grande sostenitore del revival del personaggio) cambiarono della serie da Capitan Marvel in Shazam. La passione mostrata da Schwartz per le classiche avventure del Capitano porta a commettere un primo errore in quanto, volendo il ritorno di Beck, non vi è un rinnovamento a livello stilistico delle storie e lo stesso fumettista della Golden Age rimane stupito di essere stato ingaggiato in quanto negli ultimi due decenni ha abbandonato l'attività a tempo pieni di fumettista[13]. A questo si aggiunge l'ulteriore passo falso nella scelta del formato, situazione che riguarda gli albi DC in generale, che passano ad un prezzo di copertina di 25 centesimi per 54 pagine che però contengono non solo storie inedite ma anche ristampe[12]. La serie Shazam! non fa eccezione e raccoglie 3 storie di cui una è una ristampa delle storie classiche degli anni quaranta e cinquanta (ormai anacronistiche per le nuove generazioni di lettori) e solo una di questa è un inedito scritto da Dennis O'Neil[13]. Nel primo numero O'Neil cerca di spiegare l'assenza di 19 anni della Famiglia Marvel con il fatto che sono stati intrappolati in uno stato di animazione sospesa alla quale si affiancano due ristampe di cui una del 1946. Inizialmente la serie suscita un certo interesse e le vendite sono buone ma presto inizia un inesorabile declino. Dennis O'Neil è uno degli scrittori di punta della DC e insieme all'artista Neil Adams aveva realizzato un ciclo di storie su Grenn Lantern/Green Arrow considerate uno dei landmark per la nascita della Bronze Age dei comic (1970-1985)[13]. I lettori e la critica rimangano però delusi dal suo lavoro su Shazam! considerato privo di ispirazione e innovazione. A sua discolpa non bisogna trascurare la mancata collaborazione e intesa con Beck il quale spesso revisionava i soggetti di Dennis senza approvazione e riproponeva un tipo di narrazione e impostazione delle tavole che si rifacevano agli stilemi classici della sua epoca (ovvero gli anni quaranta)[13]. A dispetto degli sforzi pubblicitari e creativi, la serie termina con il numero 35 (luglio 1978). Sul piano delle scelte editoriali, la DC si trova in un momento difficile in quanto è messa sotto pressione dalla supremazia acquisita dalla rivale Marvel e dal progressivo declino delle vendite che la porta a una progresssiva riduzione dei titoli proposti arrivando ad un minimo storico per il decennio nel 1974 quando nelle edicole le serie distribuite sono 24 contro le 44 proposte dalla Casa delle Idee[14]. Nel tentativo di recuperare lettori e profitti, tra il 1974 e il 1975 propone (per 12 titoli) il nuovo formato Giant-Size di 100 pagine con un aumento del prezzo di copertina a 50 centesimi (contro i 25 di un albo Marvel)[14]. Shazam rientra nel nuovo fallimentare formato, presentando tra l'altro un numero eccessivo di vecchie storie e a dispetto di quelle inedite, fattore che contribuisce ulteriormente alla perdita di interesse e lettori verso il titolo[14]. La serie non riesce neppure ad avvantaggiarsi dell'arrivo sul popolare canale televisvo CBS di una serie tv live-action sul personaggio la cui premiere avviene il 7 settembre 1974[14]. La serie televisiva viene trasmessa il sabato mattina all'interno del popolare Cbs's kid line-up e riscuote un grande successo che la porta a proseguire per 3 stagioni[14]. La fine degli anni settanta è però il periodo più critico della storia di questa casa editrice. La drastica riduzione delle vendite dei fumetti tra il 1977 e il 1978 non ha precedenti. Tale biennio è denominato "DC Implosion" e vide la cancellazione di circa venti serie in un breve arco di tempo. Tra queste vi è la serie Shazam!. Dopo la sua conclusione la DC punta ancora sul personaggio e prosegue le sue storie all'interno della rivista antologica World's Finest Comics. Eccetto per il n. 271 Capitan Marvel ha una sua storia inedita dal n. 253 (ottobre-novembre 1978) al n. 282 (agosto 1982). A questo punto il personaggio sembra volere essere messo in disparte dalla DC che lo reputa un super eroe, che pur avendo avuto una gloriosa vita editoriale nella Golden Age, ora ha perso appeal per le nuove generazioni. Nel 1981 arriva Roy Thomas alla DC, dopo dissapori e contrasti con l'editor-in-chef della Marvel Jim Shooter Thomas è stato responsabile dell'espansione e della Marvel nei primi anni settanta portandola allo storico sorpasso nelle vendite sulla storica casa editrice di Superman e Batman. Inoltre è stato colui che ha lanciato una delle serie di maggior successo degli anni settanta quale Conan the Barbarian, seconda nelle vendite Marvel solo ad The Amazing Spider-Man. Shooter però non gli vuole concedere la possibilità di avere controllo sulle opere da lui scritte, di cui pretende di essere sia scrittore che editor, ma il nuovo redattore capo vuole separare i due ruoli come nuova politica aziendale. La DC Comics della nuova presidente Jenette Khan ha bisogno di nuovi autori, editor e responsabili creativi per potersi rilanciare nel nuovo decennio e non si lascia sfuggire l'opportunità di offrirgli un contratto. Thomas è da sempre stato un grande ammiratore ed estimatore dei personaggi classici della DC e tra questi vi è Capitan Marvel di cui vorrebbe da subito rilanciare una nuova serie reboot sullo storico perosnaggio della Fawcett Comics. Questo progetto viene momentaneamente rimandato mentre Roy si dedica ad una serie quale All-Star Squadron con protagonisti i classici personaggi della Golden Age. La serie ottiene un discreto successo generando due spin-off quali Infinity Inc. (1984) e Young All-Stars (1987). La possibilità di un rilancio del Capitan Marvel originale arriva però solo dopo la pubblicazione di Crisi sulle Terre Infinite (1985-1986) quando la DC azzera la continuity del suo multiverso per poter ripartire con un rinnovamento dell'intero parco dei suoi titoli e aggiornando le origini dei personaggi, eliminando l'esistente di terre alternative. Tale operazione editoriale è l'occasione giusta per poter inserire nel nuovo universo DC una nuova versione dell'iconico Capitano la quale viene ovviamente affidata a Roy Thomas.

Altre storie inedite prima di Crisi sulle Terre infinite sono pubblicate su:

Periodo post-Crisi (1987-1994)[modifica | modifica wikitesto]

Con tale denominazione si indica il periodo nel quale la DC Comics cerca di dare una struttura omogenea alle storie e alle origini dei suoi personaggi. Viene eliminato il concetto di realtà parallela e di Multiverso e di conseguenza non sono più presenti versioni alternative dei supereroi che vengono pubblicati. Per molti personaggi si riparte da capo e le loro vicende del periodo Golden Age e Silver Age vengono cancellate o drasticamente rimodellate[11]. Nel caso di Shazam si decide di introdurre il personaggio nel nuovo Universo DC e di cancellare dalla sua continuity tutto ciò che è stato pubblicato su di lui prima del 1986. Con questo intento viene pubblicata la miniserie di 4 numeri Shazam!: The New Beginning (aprile - luglio 1987), scritta da Roy Thomas e Dan Thomas e disegnata da Tom Mandrake. Il titolo significa Il nuovo inizio e difatti le origini di Billy vengono rinarrate nel presente e d'ora in poi non c'è più riferimento ad un periodo in cui il personaggio esisteva già ai tempi della seconda guerra mondiale o solo prima degli anni ottanta.

Origini post-Crisis[modifica | modifica wikitesto]

Billy Batson è un ragazzino orfano che vive a San Francisco (non più nella città immaginaria Fawcett City creata per il personaggio negli anni settanta). Come nella versione classica (Golden Age) i poteri gli vengono donati da Mago Shazam in un tunnel abbandonato della metropolitana. Le differenze più significative stanno nel fatto che il Dottor Sivana è lo zio di Billy ed è stato lui ad ucciderne i genitori per appropriarsi della loro assicurazione sulla vita e finanziare i suoi esperimenti scientifici. Tra l'altro durante uno di questi, libera accidentalmente Black Adam dalla sua prigione in un'altra dimensione. Black Adam aveva ottenuto in passato gli stessi poteri di Shazam da Mago Shazam. Il mago però si era pentito della sua scelta a causa della malvagità di Adam e così lo aveva imprigionato. Billy si trova ad affrontarlo come prima prova da supereroe e riesce a sconfiggerlo dimostrandosi degno dei suoi poteri magici.

L'innovazione più duratura di questa versione narrata da Roy Thomas consiste nello stabilire definitivamente che quando avviene la trasformazione del ragazzino Billy nell'adulto Capitan Marvel, la mente e le emozioni del supereroe rimangono quelle di un adolescente. Il fatto era già stato accennato fin dalla Golden Age ma non se ne erano mai accentuate le conseguenze sul comportamento di Capitan Marvel (per esempio l'impaccio, l'ingenuità e il senso di stupore tipici di un quindicenne).

Shazam, nuova genesi (dal 2011)[modifica | modifica wikitesto]

A partire dal 2011 vi è un radicale rinnovamento dell'intero Multiverso DC Comics iniziato con la saga evento Flashpoint seguita a partire dal 2011 dall'ambizioso progetto The New 52 che vede il rilancio delle serie DC dal n.1 nelle quali la continuity dei personaggi viene azzerata o comunque rivista e integrata nel tentativo di compiacere eventuali nuovi lettori e dare una nuova prospettiva ed idee all'Universo DC[15]. Prende forma il terzo multiverso della casa editrice. La supervisione creativa del progetto è affidata ai due co-publisher Dan DiDio e Jim Lee e a Geoff Johns principale direttore creativo, (all'epoca) vice-presidente e responsabile come supervisore e sceneggiatore degli adattamenti cinematografici e televisivi dei super eroi DC, ad esclusione dei progetti affidati a Zack Snyder che aveva preteso una gestione autonoma dei film da lui diretti. Lo storico personaggio di Capitan Marvel subisce un reboot della sua decennale storia, il suo nome è definitivamente cambiato in Shazam (per evitare conflitti e confusione con i vari Capitani omonimi della Marvel Comics) e l'arduo compito di creare una versione del personaggio che non tradisca la sua eredità e identitità editoriale ma al contempo lo renda appetibile per le nuove generazioni, viene affidata a Geoff Jhons, affiancato dal disegnatore Gary Frank[15]. I due hanno già collaborato sulle pagine della storica Action Comics per poi realizzare la miniserie Superman Secret Origin che di fatto stabilisce i paradigmi definitivi del personaggio fissandone (con alcune modifiche successive) le origini definitive, quelle canoniche con i fumetti tutt'ora pubblicati sull'iconico super eroe[16]. Geoff Johns è inoltre reduce dal rilancio di due storici personaggi Silver Age quali Hal Jordan con la miniserie Green Lantern: Rebirth e Barry Allen con Flash: Rebirth[16]. Due opere che offrono una rivisitazione delle origini e peculiarità dei due personaggi e ne sanciscono il definitivo ritorno/rinascita all'interno della continuity dell'Universo DC degli anni post-2000[16].

Geoff Johns dichiara che vuole rispettare gli elementi fondanti di un personaggio quale Shazam e il suo alter ego Billy Batson, fattori che lo hanno reso un eroe unico nel panorama fumettistico capace di superare persino la popolarità di Superman nei primissimi anni quaranta. Tra questi vi è il valore della famiglia intesa non come legame di sangue ma il forte legame tra un gruppo di persone che condividono nobili principi, fiducia reciproca e sostegno incondizionato, terreno fondamentale per alimentare la crescita emotiva e morale di un orfano quale Billy. A questo si aggiunge l'importanza della magia intesa come potere scaturito dalla propria anima e determinazione, capace di manipolare (sia in positivo, sia in negativo) la realtà ad un livello superiore rispetto alla scienza, al razionalismo e al neo-materialismo dilagante nella civiltà occidentale. Per ottenere tale risultato e sviluppare il potere che gli è stato affidato deve compiere un viaggio all'interno del suo animo per riscoprire il valore dell'amicizia, dell'altruismo, della fiducia in se stesso e nella necessità di dare alla nostra epoca un simbolo di speranza e fiducia. Questo nonostante forze occulte e portatrici di un'Apocalisse vorrebbero rimodellare l'intera civiltà sotto il loro comando, e che nel fumetto sono rappresentate dalle due nemesi storiche Black Adam e Dottor Sivana. Johns si trova però ad affrontare un personaggio classico che non ha mai finora affrontato un reale processo di modernizzazione, Billy/Shazam, la Shazam Family, i supervillain, e i comprimari rispecchiano ancora le caratteristiche forgiate nell'ambiente socio-culturale degli anni quaranta e cinquanta (quando era pubblicato dalla Fawcett Comics)[15]. La stessa DC dopo averne acquisito la proprietà a partire dagli anni settanta, ne mantiene le prerogative e tematiche della Golden Age e il processo di rinnovamento del personaggio è solo marginale anche durante il periodo post-crisis (dopo il 1986). Negli anni novanta vi è l'acclamato ciclo di storie di Jerry Ordway che però sembra celebrare gli aspetti classici del personaggio la cui impostazione risulta proporlo come un mero clone di un personaggio quale il Superman della Bronze Age. Johns e Frank privano invece il personaggio dell'eroismo classico approfondendo l'umanità del protagonista dotandolo di problemi, insicurezze e di un marcato cinismo riscontrabili in un ragazzo che a quindici anni si ritrova ancora in un orfanotrofio, ha problemi disciplinari ed è già stato respinto da 4 famiglie affidatarie[15]. Si tratta di un ragazzo introverso, pieno di risentimento e rabbia e che ha perso la fiducia in se stesso e nel prossimo. Di fatto è un disadattato che affronta la più recente adozione presso la famiglia Vasquez come un tentativo destinato a fallire in quanto si sente (inconsciamente) incapace di appartenere ad un nucleo familiare capace di amarlo e accettarlo. Irascibile e schivo è un ragazzo figlio di un America ormai segnata da differenze sociali, perdita di una identità nazionale e di una sfiducia verso le istituzioni e persino la pietra angolare su cui si basa ogni società ovvero la famiglia[15]. In questo Billy è quindi un personaggio è agli antipodi dell'incarnazione originale, un adolescente ingenuo, eroico e dal cuore nobile che a dispetto delle avversità conserva la fiducia nel grande Sogno Americano[15]. Mentre nelle origin story classiche di Capitan Marvel, il giovane orfano è stato scelto per la sua nobiltà d'animo, nella versione moderna del duo Johns-Frank il mago supremo ultimo protettore della Roccia dell'Eternità (la più grande fortezza della Magia esistente), si ritrova a scegliere quasi per caso Billy come il nuovo Shazam in quanto il Dottor Sivana ha trovato e risvegliato Black Adam, una minaccia che solo i poteri di un vero paladino della Magia può fermare. Nonostante questo in Billy si mantengono "sotto la brace" (come affermato dal Mago") dei propositi nobili e un coraggio senza pari. Non è la scelta perfetta ma d'altra parte non ha trovato di meglio. Da questo presupposto parte il viaggio di crescita di un ragazzo che di ritrovare la fiducia negli altri, la capacità di guardare ad un futuro migliore e la capacità di credere in se stesso, elementi propulsori del suo vero potenziale come super eroe e come uomo. Anche qui è da sottolineare la capacità di riportare interesse verso personaggi dell'epoca classica rendendoli appetibili (e più umani) per le generazione degli anni duemila[15]. Il reboot del personaggio viene pubblicato come back story (o storia di appendice) sulla serie della Justice League della linea The New 52. Il formato è quello di short story che vanno a comporsi in una origin story in 13 capitoli dall'emblematico titolo La Maledizione di Shazam!, pubblicata tra il 2011 e il 2013 sui nn.7-11, il n.0, i nn.14-16 e 18-21 della Justice League.

Poteri e abilità[modifica | modifica wikitesto]

Quando Billy Batson pronuncia la parola magica "Shazam" si trasforma in Capitan Marvel, acquisendo i seguenti superpoteri che sono direttamente legati alle lettere del nome:

S per la saggezza di Salomone Come Capitan Marvel, Billy ha accesso istantaneo a una vasta conoscenza erudita. La saggezza di Salomone inoltre gli conferisce chiaroveggenza, in grado di fornirgli consigli e suggerimenti su come agire in tempo di bisogno. Nelle prime storie di Capitan Marvel, conosceva tutte le lingue, antiche e moderne, e poteva ipnotizzare la gente.
H per la forza di Ercole, dal Latino Hercules Ribattezzato "Il mortale più potente del mondo", Capitan Marvel possiede un'incredibile superforza, ed è in grado facilmente di piegare l'acciaio, spaccare i muri con un pugno e spostare oggetti pesantissimi. La forza di Capitan Marvel è tale da poter tenere tranquillamente testa a Superman, Wonder Woman o Martian Manhunter.
A per la resistenza di Atlante Usando la resistenza di Atlante, Capitan Marvel non ha bisogno di mangiare, dormire o respirare ed è praticamente invulnerabile visto che può sopportare e sopravvivere alla maggior parte degli attacchi fisici persino da parte di esseri superforti come Superman, Wonder Woman o Aquaman.
Z per il potere di Zeus Il potere di Zeus, oltre a generare il fulmine magico che lo trasforma in Capitan Marvel, aumenta anche le altre sue abilità fisiche, gli conferisce invulnerabilità alla magia, e gli permette di effettuare viaggi interdimensionali e teletrasportarsi. Il potere di Zeus, inoltre, lo rende in grado di guarire istantaneamente da qualsiasi lesione gli si possa procurare, semplicemente chiamando a sé il fulmine; con questa capacita Capitan Marvel è in grado di guarire istantaneamente anche le altre persone. Se Batson pronuncia la parola del suo nome "Shazam" quando si è già trasformato in Capitan Marvel, un fulmine magico piomba sul bersaglio da lui designato.
A per il coraggio di Achille Come la saggezza, quest'aspetto è innanzitutto psicologico, e conferisce a Capitan Marvel una forza interiore superumana alla quale attingere. Inoltre gli conferisce invulnerabilità alla telepatia e al controllo mentale.
M per la velocità di Mercurio Grazie all'acquisizione della velocità di Mercurio, Capitan Marvel può volare e muoversi a velocità superiore alla velocità della luce.

Emuli[modifica | modifica wikitesto]

Anche se la Fawcett possedeva ancora il personaggio, non potendolo pubblicare non aveva interesse né la forza economica per impedire che altre case editrici utilizzassero lo stesso nome per altri eroi a fumetti, alcuni molto simili anche nelle caratteristiche a quello di Beck e Parker.

Mary Marvel, la sorella dell'eroe, rappresenta la sua versione femminile

Marvelman (1954)[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Miracleman.

È un personaggio britannico creato da Mick Anglo nel 1954. La casa editrice L. Miller & Son Limited pubblicava nel Regno Unito le ristampe delle storie di Capitan Marvel. Nel momento in cui la Fawcett interruppe le pubblicazioni dopo la disfatta legale del 1953, in Inghilterra decisero di farne una loro versione cambiandone il nome in Marvelman e mantenendone inalterate le altre caratteristiche. La trama è incentrata su un ragazzino, Micky Moran invece di Billy Batson, che si trasforma in un supereroe ma questa volta la parola da pronunciare è Kimota! invece di Shazam!. La pubblicazione cessò nel 1963, ma il personaggio fu ripreso nel 1982 dallo scrittore Alan Moore nelle pagine di Warrior Magazine. A partire dal 1985, le avventure serializzate in bianco e nero di Moore vennero ristampate a colori da Eclipse Comics[17] con il nuovo titolo Miracleman (in quanto la Marvel Comics si oppone all'uso della parola "Marvel" nel titolo). Nel 2009 la stessa Marvel Comics ottiene i diritti su storie e personaggi.[18]

Capitan Marvel (1966)[modifica | modifica wikitesto]

Personaggio ideato da Carl Burgos per la casa editrice Myron Fass Enterprises e pubblicato sull'albo Captain Marvel esordito nell'aprile 1966. Il protagonista è il professor Roger Winkle, insegnante di archeologia al Dartmoor College, ma in realtà è un robot venuto da un altro pianeta per aiutare a mantenere la pace sulla Terra. Quando pronuncia la parola Split!, alcune parti del suo corpo si possono separare ed essere comandate a distanza. Indossa una tuta viola e porta un amuleto che gli fornisce energia. Con la parola Xam! il suo corpo si ricompone. Nel fumetto è presente anche una versione di Billy Batson, un ragazzino di nome Billy Baxton che spesso aiuta il professor Roger. Capitan Marvel, pur essendo un robot, è innamorato della figlia del preside, Linda Knowles.

La serie non ebbe periodicità regolare e venne pubblicata per solo quattro numeri da aprile a novembre 1966. Quello che mette in evidenza a livello editoriale è che il nome Capitan Marvel è di fatto di pubblico dominio.

Capitan Marvel (1967)[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Capitan Marvel (Marvel Comics).

Stan Lee e Gene Colan creano il personaggio su Marvel Super-Heroes n. 12 (dicembre 1967). Si tratta di un alieno della razza Kree dal nome Mar-Vell. Inizialmente viene mandato sulla Terra come osservatore ma si troverà presto coinvolto in vari complotti interni alle stesse gerarchie del suo Impero. Grazie all'entità cosmica Eon acquista superpoteri e diventa protettore della Terra e una sorta di Guardiano dell'Universo grazie alla sua coscienza cosmica. Nelle sue storie degli anni settanta ha come alter ego il terrestre Rick Jones. I due sono persone differenti e non possono coesistere insieme. Quando Rick si trasforma nel Capitano usa delle Nega-Bande che ha ai polsi e il suo posto è preso da Mar-Vell che arriva sulla Terra da un'altra dimensione (la Zona negativa). Dopo la morte di Mar-Vell il titolo e nome di Capitan Marvel passò ad altri eroi, ultima dei quali Carol Danvers, precedentemente Ms. Marvel, nel 2012.

Prime (1993)[modifica | modifica wikitesto]

Pubblicità dell'orologio di Capitan Marvel (The Black Terror n. 25, pag. 34, dicembre 1948)

Creato da Gerard Jones - Len Strazewsky e disegnato da Norm Breyfogle, edito dalla Malibu Comics, si tratta di un ragazzino di tredici anni di nome Kevin Green che si trasforma in un supereroe adulto ipermuscoloso (a limiti della caricatura) e con i poteri del volo, una super-resistenza e una superforza. Sono presenti elementi quali il mantello, il simbolo sul petto e la trasformazione morfologica da ragazzino a uomo. Come nel caso di Billy Batson, il giovane Kevin mantiene intatti la sua coscienza e i suoi pensieri quando si ritrova ad essere il supereroe adulto Prime[19]. Il personaggio esordì a giugno 1993 sulla testata omonima, Prime, e la sua ultima apparizione fu su Ultraverse: Future Shock (febbraio 1997).

Personaggi[modifica | modifica wikitesto]

Premessa[modifica | modifica wikitesto]

L'elenco è suddiviso tra la versione classica e quella moderna (post-2011). Vi è poi un ulteriorore suddivisione tra le "origin story" sia degli avversari e sia degli alleati nella loro genesi classica e in quella moderna. Tali precisazioni sono necessarie per poter contestualizzare e delineare i protagonisti di un'epopea editoriale che si è sviluppata nel corso di decenni di pubblicazioni (dal 1941) e un cambio della casa editrice (dal 1972).

Avversari (epoca classica)[modifica | modifica wikitesto]

  • Dottor Sivana: Il primo e principale nemico di Capitan Marvel. Sivana, uno scienziato pazzo calvo e di bassa statura, tenta in continuazione di dominare il mondo e distruggere i Marvel usando le sue invenzioni. Nella continuity dell'era classica, i figli adolescenti di Sivana, Georgia e Thaddeus Jr. si alleano col padre nei suoi loschi piani; insieme sono conosciuti come la Famiglia Sivana. In più, ci sono altri due figli di Sivana, Magnificus e Beautia, che sono amici convinti di Capitan Marvel. Nell'era corrente dell'universo DC, Sivana è il capo di un mega corporazione che fu distrutta dalle sue continue battaglie con Capitan Marvel. Oggi, Sivana opera sottoterra e come capo dei Fearsome Five, un team di supercriminali che hanno combattuto sia i Teen Titans che gli Outsiders.
  • Black Adam: È un antico egiziano rinnegato, ex protetto del Mago Shazam, che fu il primo a cui furono dati i poteri dal Grande Mago. Ha creato la "Black Marvel Family, un trio antagonista della Famiglia Marvel, composto da Adam, sua moglie Iside e il fratello di lei Osiride. È uno dei più potenti nemici di Capitan Marvel.
  • Mr. Mind e la Società dei Mostri del Male: all'inizio Mr. Mind cominciò a guidare una squadra di supercriminali conosciuti come la Società dei Mostri del Male. Durante due anni di tirannia mistermindiana con un team di centinaia di cattivi e criminali (compresi parecchi famosi avversari della Famiglia Marvel quali il Dottor Sivana, Capitan Nazi e Ibac), Mr. Mind si rivelò essere un verme miope, alto due centimetri, di un altro pianeta che legge nel pensiero. Il verme cattivo subì un processo, con l'accusa d'omicidio di 186.744 persone e fu condannato alla sedia elettrica.[20] Mind sopravvisse all'esecuzione e scappò; si batté con la Famiglia Marvel molte altre volte e formò una nuova versione della Società dei Mostri del Male (includendo nemici quali Mister Atom, Oggar, King Kull e Black Adam), fino alle Crisi sulle Terre infinite. Nella serie della metà degli anni novanta, il Potere di Shazam!, Mind fu reintegrato come il leader di una razza di milioni di vermi venusiani che leggono nella mente, che appaiono irregolarmente nell'universo DC tentando di controllare i potenziali ospiti umani.
  • Capitan Nazi: creato scientificamente come "specie perfetta" di Soldato. Ovviamente ispirato agli eventi della Seconda Guerra Mondiale, Nazi continuò ad operare nelle storie classiche della Famiglia Marvel fino agli anni ottanta. Nella serie il Potere di Shazam!, Nazi fu riportato in azione dopo aver passato cinquant'anni in animazione sospesa, e subito ridivenne un nemico della Famiglia Marvel. Capitan Nazi è il responsabile del danno alla gamba del giovane Freddy Freeman, che porta il personaggio a diventare Capitan Marvel Jr..
  • Ibac: un fragile teppista denominato "Stinky" Printwhistle, che fu potenziato da Lucifero in persona, con i poteri di quattro dei più malvagi uomini che abbiano mai camminato sulla faccia della Terra. Quando dice il nome "IBAC", diventa un super bruto con una forza straordinaria. Ripronunciando il suo nome, si ritrasforma in Printwhistle. Come Capitan Marvel Jr., Ibac non può dire il suo nome.
  • I Sette nemici mortali dell'uomo: Sette potenti demoni, basati sui sette peccati enumerati nel Cristianesimo, che prendono controllo sia degli umani che dei supereroi. I peccati furono catturati dal Mago Shazam molti anni fa e li racchiuse in sette statue beffarde simili a cartoni animati. Le sette statue che ospitano i demoni, sono in mostra nella caverna sotterranea della metropolitana, nei fumetti originali, mentre nella Roccia dell'Eternità nei fumetti odierni. I demoni sono fuggiti varie volte provocando devastazioni, solitamente liberati da un altro cattivo. Nelle storie originali della Fawcett e in molte altre versioni, i Sette Peccati erano censurati in misura degli standard degli anni quaranta, identificandoli come i Sette nemici mortali dell'uomo e includevano Orgoglio, Invidia, Avidità, Odio, Pigrizia, Egoismo e Ingiustizia. Molte delle apparizioni dei fumetti post-2000 identifica i Sette nella loro versione teologica (Orgoglio, Invidia, Avidità, Rabbia, Pigrizia, Gola e Lussuria).
  • Mister Atom: un robot con intelligenza artificiale, potenziata nuclearmente creato dal dottor Charles Langley. Nella serie il Potere di Shazam!, Mister Atom, sotto controllo di Mr. Mind, distrusse Fairfield, una città vicino Fawcett City, dove Mary Bromfield viveva con i suoi genitori adottivi, con un'esplosione nucleare. Divenne un membro della Società dei Mostri del Male e attaccò la Roccia dell'Eternità, nominata da Capitan Marvel.
  • Sabbac: come Ibac, Sabbac è un altro essere potenziato magicamente dalle forze demoniache. Sabbac prende i suoi poteri da sei demoni (Satana, Aym, Belial, Belzebù, Asmodeo e Createis), che gli conferiscono capacità simili a quelle dei Marvel. Il Sabbac originale, l'altere ego del fratello carnale di Freddy Freeman/Capitan Marvel Jr., Timothy Karnes, apparve per la prima volta nel 1943 come figura umanoide. Nei fumetti Outsiders dei primi anni 2000, Karnes fu ucciso e i suoi poteri vennero rubati da un mafioso russo chiamato Ishamel Gregor. Quando Gregor diventa Sabbac, si trasforma in demone hulkesco con la pelle rossa, corna, alito di fuoco e odore di zolfo.
  • Oggar: L'autonominatosi "L'immortale più potente del mondo", fu uno dei maggiori nemici ricorrenti delle storie dei Marvel Pre-Crisi. Oggar era un allievo di Shazam e sotto la tutela del mago ottenne la divinità e per un po' si alleò con i dei e gli eroi che davano potere a Capitan Marvel. Si eresse contro Shazam, che lo buttò fuori e lo maledisse fornendolo di zoccoli invece dei piedi. Possiede una forza divina uguale a quella di Capitan Marvel e la magia che gli permette di fare quasi tutto, ma non può essere diretta verso un bersaglio femminile. Infatti Mary Marvel fu chiamata più volte a vedersela con lui.
  • King Kull: Il re degli uomini bestia, umanoidi neanderthaliani che vissero in tempi antichi e schiavizzarono il popolo degli Homo Sapiens. Gli uomini bestia furono infine rovesciati dai loro schiavi, sebbene King Kull, nascosto in una camera sotterranea segreta, sopravvisse e giurò vendetta verso l'umanità. La gente di Kull ha sviluppato significative tecnologie avanzate prima della loro scomparsa e Kull spesso si batterà con i Marvel utilizzando tali tecnologie.
  • Blaze e Satanus: Sono presenti solo nelle storie moderne della Famiglia Marvel, la demonessa Blaze e suo fratello Lord Satanus, che originariamente apparvero nei fumetti di Superman, sono i figli illegittimi del Mago Shazam, che fu stregato dalla loro madre durante i giorni da supereroe nella biblica Canaan. Blaze ha tentato di allargare la sua influenza demoniaca attraverso Fawcett City fin dagli anni quaranta, richiedendo a la forza di Shazam e dei suoi alleati per fermarla.
  • Chain Lightning: Una metaumana con disturbi di personalità multipla che ha il potere di assorbire e disperdere elettricità sotto forma di fulmini. Come tale, può fare in modo di ritrasformare i Marvel nei loro alter ego fin troppo umani, scagliando il fulmine su di loro con sufficiente carica. Nella serie il Potere di Shazam!, Chain Lightning fu raffigurata come una teenager, le cui quattro personalità (il suo alter ego Amy, l'amareggiata Amber, la bambina che è in lei e il suo "io") danno energia ai suoi poteri. La personalità di Amy ha un amore non corrisposto per Capitan Marvel Jr., dopo che lui l'ha dissuasa dal commettere il suicidio.
  • Mr. Banjo: Kurt Filpots lavorava come agente per la Axis durante la Seconda guerra mondiale. Vestito come un uomo robusto in un'irsuta tuta verde e con un cappello di paglia che porta con sé in giro un vecchio banjo, Filpots consegna segreti in forma di note musicali. Sebbene malvagio, molte persone ammirano il fatto che Mr. Banjo vada incontro al Ragazzone in Rosso con nient'altro che il suo banjo.
  • Rowdy Sparkle: Rowdy fu uno dei pochi divertenti cattivi introdotti prima di Crisi sulle Terre infinite che Capitan Marvel avrebbe combattuto regolarmente. Rowdy si considera il "ragazzo più duro del mondo". Dopo aver letto una copia di "Come Fare Tutto". Suo cugino, Sunny Sparkle, è il suo polo opposto.
  • Mr. Who: Mr. Who era uno scienziato zoppo, che sviluppò la Soluzione Z, un composto chimico che lo avrebbe reso incapace di cambiare la sua forma fisica. Piuttosto che condividere la sua scoperta col mondo preferì usarla per i suoi scopi criminali.
  • Arson Fiend: George Tweedle era un assicuratore di polizze contro il fuoco che ingerì una pozione che lo trasformò in un essere demoniaco col nome di Arson Fiend. Fiend ha il potere di infiammare tutto ciò che tocca; nella serie del 1990 il Potere di Shazam!, Fiend acquistò anche il potere di lanciare palle di fuoco.
  • Zia Minerva: un genio del crimine che somiglia ad una dolce vecchietta, ma dotata di una precisione millimetrica con una pistola.

Avversari (versione moderna)[modifica | modifica wikitesto]

  • Black Adam: principale nemesi di Shazam! di cui ne rappresenta una versione oscura e con una visione differente di quale sia il ruolo e la posizione che, chi possiede un tale Potere, debbano avere sui 6 regni (di cui la Terra fa parte). In tutti i 6 regni sono rimasti gli unici ad avere la connessione con il Fulmine ovvero la devastante e inesauribile energia magica affidatagli dalla Roccia dell'Eternità. Adam è stato il primo ad essere scelto dal consiglio dei Maghi come depositario e paladino dei Regni. Billy è il secondo ma tra i due vi è una differenza di migliaia di anni, il primo è nato nell'antica Mesopotamia (data imprecisata) mentre il secondo è nato negli anni duemila della nostra epoca. Adam nasce in una località chiamata kahndaq a nord dell'attuale Bagdad ed assiste ad una terribile invasione di una violenta tribù barbarica comandata dallo spietato Ibac. Le croniche riportano le sue scorribande come la piaga che portò il male nel mondo in un'epoca in cui sembrava prosperare da millenni la pace e la prosperità. La famiglia di Adam e i suoi consanguinei sono sterminati, rimane in vita come schiavo solo il giovane nipote Aman. Il corso della storia dell'umanità ha intrapreso un sentiero oscuro e vi è quindi l'intervento del consiglio dell'Eternità al quale presenziano i maghi rappresentanti dei 6 regni e scelgono Aman per divenire il Campione dell'umanità donandogli i poteri magici che gli permettano di fronteggiare le orde di Ibac. Gli confidano inoltre che può condividere la sua connessione col Fulmine anche lo zio Adam il quale è stato ferito. Aman non vuole comportarsi come Ibac e sterminare il suo popolo ma propone allo zio di cercare un compromesso e renderlo inoffensivo, bisogna iniziare una nuova epoca di pace e non un circolo di sangue, vendette e guerre. Adam però non è d'accordo, ora vuole la vendetta e la possibilità di riplasmare la civiltà con la forza. Da uomo spietato e senza la solidità morale del nipote, arriva ad ucciderlo rimanendo l'unico avatar della Magia sulla Terra. Quando il consiglio della Fortezza della Magia si rende conto dell'errore commesso, ma d'altra parte loro avevano scelto il nipote, riescono a imprigionarlo in una Tomba dove rimarrà rinchiuso fino a quando i sigilli della parete che lo imprigiona non sono distrutti dal Dottor Sivana nella nostra epoca.
  • Dottor Sivana: brillante scienziato che ha dedicato gran parte della sua vita agli studi scientifici, ma è rimasto deluso dai risultati e dagli sviluppi della Scienza Moderna. Questo lo ha portato verso lo studio di testi antichi e di un sapere ormai perduto nelle ombre della storia. Arriva a scoprire che un più alto livello di sapere e potere sulla realtà lo si era ottenuto migliaia di anni fa quando le civiltà più evolute sfruttavano i principi della Magia. I suoi studi e ricerche, supportati da alcune scoperte archeologiche che vi era un tempo in cui il centro del potere assoluto era rappresentato da una Fortezza (allora visibile all'umanità) chiamata La Roccia dell'Infinito, sede di un consiglio di grandi Maghi in grado di manipolare la materia e plasmare la storia umana. In un periodo in cui si afferma che il "male arriva sulla Terra" portato da brutali orde barbariche, frammenti di croniche antiche parlano della creazione di un super uomo con il controllo sui poteri magici e che avrebbe dovuto incarnare il Campione dell'Umanità. Il suo nome è Black Adam, ma ribellatosi allo stesso consiglio della magia che lo aveva prescelto venne imprigionato in una tomba per l'eternità. Nel frattempo per timore che il sapere sulla Magia possa venire sfruttato per alimentare la sete di potere e l'avidità dilagante sulla Terra, la Roccia dell'eternità viene nascosta in un luogo intra dimensionale e le conoscenze da lei custodite vengono perdute. Sivana è colui che riesce a scoprire la locazione della tomba prigione, a circa 70 kilometri a nord di Bagdad e libera dal suo confinamento millenario Black Adam. Durante gli scavi viene colpito nell'occhio destro da un fulmine composto da un'energia di origine magica e che gli conferisce la capacità di vedere la magia oltre il velo della realtà. Si tratta di un collegamento fondamentale con il flusso delle forze che alimentano tali poteri e di fatti quando Billy Batson si trasforma in Shazam, viene colpitò da un fulmine, il cui simbolo è anche raffigurato sul suo costume da super eroe così come su quello di Black Adam.

Alleati, amici e famiglia (versione moderna)[modifica | modifica wikitesto]

  • I coniugi Vasquez: sono i genitori adottivi che sono disposti ad accoglierlo nella loro famiglia nonostante Billy abbia già 15 anni e un passato turbolento alle spalle. I Vasquez si stanno prendendo cura di altri cinque ragazzi orfani e si dimostrano generosi e comprensivi. Permettono al ragazzo di cominciare a sentirsi parte di un gruppo di persone (i suoi fratelli adottivi) che saranno fondamentali per rompere la sua sfiducia e incapacità di aver fiducia nelle persone. Sono personaggi fondamentali all'interno delle avventure e della saga di Shazam!.
  • Mary: è la più adulta tra i fratelli, la più ligia alle regole e con un forte senso di responsabilità verso gli altri membri della famiglia. Inizialmente rimprovera Billy per il suo comportamento scontroso e poco amichevole ma è anche la prima ad incoraggiarlo a non farsi vincere dalle sue paure. Lo sprona ad essere l'eroe che ha le potenzialità di diventare, non deve fuggire dalle battaglie ma avere il coraggio di affrontare il destino che gli è stato affidato ovvero essere il Campione dell'Umanità nelle vesti di Shazam!.
  • Freddy Freeman: è l'opposto di Mary in molti aspetti, i suoi genitori sono in prigione e anche lui pare avviato verso una condotta di vita che non promette un destino differente. Inoltre soffre di un handicap fisico che lo costringe a camminare con delle stampelle. Primo tra i fratelli a cui Billy rivela l'incontro con il Mago e la sua trasformazione in Shazam!. Inizialmente Freddy lo supporta nell'uso di tali poteri per fini personali e accumulare soldi. In questa fase diviene il miglior amico che Billy abbia mai avuto.
  • Darta Dudley: la più giovane della famiglia. Di origini afroamericane è la più ottimista ed ed amichevole dei fratelli, accoglie con grande entusiasmo l'arrivo di Billy nella loro casa e cerca da subito di metterlo a proprio agio.
  • Pedro Pena: è il più taciturno e insicuro del gruppo. Parla poco e pare soffrire di scarsa stima in se stesso, rimane spesso in silenzio in quanto pensa di non avere nulla di importante da dire o teme che le sue opinioni non vengano ascoltate.
  • Eugene Choi: di origini asiatica è un ragazzino dotato di una menta analitico-matematica ed è probabilmente il più intelligente dei fratelli. Appassionato di videogiochi, eccelle come gamer competitivo.
  • Il Mago: ultimo dell'antico Consiglio dei Maghi e il custode della Roccia dell'Eternità, la più grande fortezza magica mai esistita. Appare come un uomo molto anziano e fisicamente fragile, impugna una lancia con un terminale che rispecchia il fulmine ed ha tatuato sul petto lo stesso simbolo. L'aspetto ricorda quello di uno sciamano tribale dai tratti aborigeni. Nel corso dei millenni ha progressivamente perso fiducia nell'uomo tanto che non crede ormai più che possa esistere qualcuno degno di diventare Shazam!, depositario dei poteri magici derivanti dalla connessione col Fulmine e Campione dell'Umanità. Pare sia stato lui a decidere di sottrarre all'umanità le conoscenze legate alla Magia, questo in seguito all'errore che aveva portato il consiglio a creare Black Adam. Inoltre è sua la decisione che portò a imprigionare lo stesso Adam all'interno di una tomba con sigilli magici. Osservando la situazione dell'umanità e dei numerosi conflitti bellici e disparità sociali causate dal predominio del scienza e della tecnologie moderne (i nuovi surrogati della Magia), pare dubitare di aver commesso l'ennesimo errore ad aver sottratto al Regno della Terra (uno dei 6 regni esistenti in questa cosmogonia) le conoscenze delle antiche arti magiche.
  • Shazam Family (conosciuta anche come Marvel Family): sono i principali alleati di Shazam!, super eroi che lui stesso ha creato condividendo con loro la connessione con il Fulmine e quindi i poteri donatigli dal Mago. Nel caso della versione moderna (e canonica) il termine Famiglia è quanto mai adeguato in quanto Billy decide di condividere i suoi super poteri con i suoi fratelli adottivi, presi in affidamento (come lui) dai coniugi Vasquez. I poteri di Shazam! sono archetipicamente legati alle doti che la mitologia e la Magia aveva attribuito ad alcuni Dei. Nella tradizione occidentale ci si è riferiti agli olympionici dei greci. Ognuno dei componenti della Sahazam Family sviluppa quindi una peculiarità che lo lega ad una delle divinità che hanno incarnato nel mito i poteri del Fulmine di Shazam! (che simbolicamente rappresenta lo stesso Zeus). Mary evidenzia la tenacia e la combattività di Achille, così come la sue intuizioni sul campo di battaglia, Pedro incarna la forza di Ercole, Eugene Choy è la mente del team e rappresenta la saggezza di Salomone (anche se per correttezza storico-letteraria il riferimento è ad Atena), Darta Dudley ha la velocità propria di Mercurio, Freddy Freeman ha la resistenza di Atlante che tra l'altro contrasta con la sua condizione da normale essere umano dove soffre di fragilità neuro muscolare.

Altre versioni[modifica | modifica wikitesto]

  • In Batman: Il cavaliere oscuro colpisce ancora un ormai vecchio Capitan Marvel è, con Superman e Wonder Woman, costretto sotto ricatto a obbedire a Lex Luthor che lo utilizza per i propri piani criminali; morirà sotto un cumulo di macerie per difendere gli abitanti di Metropolis dall'attacco di Brainiac.
  • In Kingdom Come è servo di Lex Luthor a causa di un lavaggio del cervello fattogli dal criminale; durante la battaglia finale contro Superman, Batson rinsavisce grazie alle sue parole e si sacrifica assorbendo l'esplosione di una potentissima bomba atomica, riuscendo a salvare una parte dei supereroi e dei criminali.
  • In Marvel contro DC, Capitan Marvel affronta Thor, dio del tuono. L'esito dello scontro, deciso grazie ad un sondaggio tra i lettori, vede vincitore il personaggio della Marvel Comics.

Altri media[modifica | modifica wikitesto]

Da notare: la Marvel Comics possiede solo il marchio di Capitan Marvel, e non il nome: la Marvel ha il diritto di usare questo marchio sui prodotti specifici che questa registra finché tali prodotti sono in commercio, ma la DC Comics è pur sempre in grado di chiamare il personaggio "Capitan Marvel" ogni volta che ne ha la necessità in fumetti, film, serie televisive, ecc.; non può usare il nome nel caso che sia il titolo promozionale di un fumetto, di un film, una serie televisiva, ecc. o promuovere il personaggio sotto questo nome. Niente vieta legalmente alla DC Comics di agire in questo modo.

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Capitan Marvel interpretato da Zachary Levi nel film Shazam!.

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

  • È apparso in un episodio della serie televisiva animata Justice League Unlimited. Nell'unico episodio in cui appare, Capitan Marvel crede ingenuamente alla redenzione di Lex Luthor e lo supporta quando questi, per avallare la propria campagna elettorale alla Presidenza degli Stati Uniti, propone l'uso di un nuovo tipo di generatore in grado di produrre enormi quantità di energia pulita. Purtroppo questo lo porta a un'accesa battaglia con Superman, che invece rifiuta categoricamente di fidarsi e sospetta addirittura che il generatore sia in realtà un'arma. Lo scontro tra i due termina con la vittoria di Superman, ma che poi viene pubblicamente svergognato quando Atomo conferma che non è mai esistita nessuna arma e che il congegno di Lex è davvero soltanto un generatore. A peggiorare il tutto, Capitan Marvel, disgustato dal comportamento di Superman, lascia la Justice League accusandoli di non comportarsi più da eroi. Al termine dell'episodio però, si scopre che l'intera faccenda del generatore era parte di un piano tra Lex Luthor e Amanda Waller per screditare e quindi indebolire la Justice League, quindi Capitan Marvel, con la sua fanciullesca ingenuità, ha solo fatto il gioco dei due criminali. La serie termina senza che il personaggio riappaia quindi è ignoto se sia mai venuto a sapere della verità, se si sia chiarito con i compagni e se sia tornato a fare parte della Justice League.
  • Capitan Marvel compare in sette episodi di Batman: The Brave and the Bold, nel quale è doppiato da Jeff Bennett (come Capitan Marvel) e Tara Strong (come Billy Batson)[22].
  • Appare come personaggio speciale nella serie animata Justice League Action, doppiato da Sean Astin[23].
  • Capitan Marvel è apparso come personaggio ricorrente nella serie Young Justice, doppiato da Rob Lowe[24] e più tardi da Chad Lowe, mentre Billy Batson è doppiato da Robert Ochoa.

Videogiochi[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

Il n. 1 di Flash Comics non venne mai distribuito - se non una bassissima tiratura - e le tavole dei disegni non vennero neppure colorate; questo per evitare problemi con la National Comics che proprio nello stesso periodo aveva pubblicato una nuova serie omonima, Flash Comics, poche settimane prima.
  1. ^ Exclusive: GEOFF JOHNS Hopes Lightning Strikes SHAZAM!, su newsarama.com. URL consultato il 28 agosto 2015.
  2. ^ FFF - Fumetto, CAPTAIN MARVEL, su www.lfb.it. URL consultato il 20 ottobre 2017.
  3. ^ Play Magazine n. 30, vedi articolo "Close Encounters" di Andrea Materia, Play Press Publishing, agosto-settembre 1998.
  4. ^ Geoff Johns, in "Grazie ad una parola magica un orfano solitario è diventato il più potente mortale del Mondo...Shazam!", in Origini di Shazam!,  pp.5-6
  5. ^ (l'età in cui ha perso i genitori non è certa e varia a seconda delle storie che ne narrano le origini)
  6. ^ La locuzione è solitamente tradotta con "Il formaggione rosso", perché cheese significa formaggio in inglese, ma è da far presente che cheese nello slang può indicare anche una persona importante, influente e imponente oppure una cosa giusta, adeguata, migliore.
  7. ^ Fawcett Companion, vedi articolo The human qualities of the Captain Marvel characthers, Editore:TwoMorrow Publishing (2001)
  8. ^ L'anno ufficiale di creazione del personaggio è il 1939 in quanto la prima storia del supereroe pubblicata con data di copertina gennaio 1940, di fatto è stata realizzata e pubblicizzata già negli ultimi mesi dell'anno precedente.
  9. ^ Flash Comics n. 1, vedi la storia The kidnapping of Johnny Thunder di John Wentworth (testi) - Stanley Aschmeier (matite), gennaio 1940
  10. ^ (EN) the world's mightiest mortal[collegamento interrotto]. URL consultato il 21 dicembre 2009.
  11. ^ a b Questa suddivisione temporale è quella ufficialmente usata su Overstreet Comic Book price guide, la più diffusa rivista periodica per collezionisti di fumetti statunitensi.
  12. ^ a b c d Jason Sacks, in "Chapter Three: 1972 - The Paradigm Shifts", in The 1970s,  pp.60-91
  13. ^ a b c d e Jason Sacks, in "Chapter Four: 1973 - Innocent Lost", in The 1970s,  pp.92-123
  14. ^ a b c d e Jason Sacks, in "Chapter Five: 1974 - No More Heroes", in The 1970s,  pp.124-149
  15. ^ a b c d e f g (IT) Manuele Enrico, Shazam: Le Origini, Geoff Johns riscrive le origini di Billy Batson. URL consultato il 13 maggio 2022.
  16. ^ a b c Biografie di Geoff Johns e Gary Frank, in Origini di Shazam!,  ultima pagina
  17. ^ Miracleman n. 1-23, agosto 1985 - agosto 1993 Editore Eclipse Comics
  18. ^ Anteprima n.216, vedi articolo: Miracolo a San Diego di Simone Bongiovanni, Panini Spa Divisione Pan Distribuzione, agosto 2009.
  19. ^ Prime n. 1, giugno 1993
  20. ^ Andrea Fiamma, Il fumetto di Shazam che DC Comics non vuole farvi leggere, in Fumettologica, 4 aprile 2019. URL consultato il 5 aprile 2019.
  21. ^ (EN) Shazam Begins Production, First Set Photo Arrives, su MovieWeb, 29 gennaio 2018. URL consultato il 23 febbraio 2018.
  22. ^ (EN) Tara Strong on 'Batman', 'Chowder', 'Drawn Together' Movie, su Voiceactors.wordpress.com, 14 luglio 2009. URL consultato il 15 gennaio 2011.
  23. ^ (EN) December 15, 2016: New “Justice League Action” Clip – “Shazam Slam”, su Superman Homepage, 15 dicembre 2016.
  24. ^ (EN) CCI: Shazam! Rob Lowe to Voice Captain Marvel in Young Justice, su Comic Book Resources, 22 luglio 2010. URL consultato il 15 gennaio 2011.
  25. ^ (EN) Liz Lanier, ‘LEGO DC Super-Villains’ Getting ‘Shazam!’ DLC Friday, su Variety, 5 aprile 2019. URL consultato il 7 aprile 2019.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • (EN) Beard Jim, Dallas Keith, Dykema Dave, McCoy Paul Brian, Sacks Jason, American Comic Book Chronicles: The 1980s, Raleigh (North Carolina), TwoMorrows Publishing, 2013. ISBN 9781605490465
  • (EN) Dallas Keith, Sacks Jason & AA.VV., American Comic Book Chronicles: The 1970s, Raleigh (North Carolina), TwoMorrows Publishing, 2014. ISBN 9781605490564
  • (IT) Johns Geoff e Frank Gary, Shazam! - Le Origini, Modena, Panini Comics, 2021. ISBN 9788828737452

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN305024542 · LCCN (ENn2013049420 · J9U (ENHE987008729229705171 (topic) · WorldCat Identities (ENlccn-n2013049420
  Portale DC Comics: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di DC Comics