Amazo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Amazo
Universo Universo DC
Lingua orig. Inglese
Alter ego nessuno
Autore Gardner Fox
Editore DC Comics
1ª app. giugno 1960
1ª app. in The Brave and the Bold n.30
Specie androide
Sesso Maschio
Abilità
  • Assorbimento delle cellule umane attraverso il suo corpo sintetico, il che gli permette di replicare le abilità speciali di qualsiasi supereroe
Parenti
  • Professor Ivo (creatore)
  • Kid Amazo ("figlio")

Amazo è un androide immaginario, appartenente all'universo fumettistico DC Comics. Il suo autore è il disegnatore Gardner Fox.

Biografia del personaggio[modifica | modifica wikitesto]

L'androide è inizialmente nemico della Justice League, costruito da uno scienziato terrestre, il Professor Ivo, nella speranza di usare i loro poteri per potersi permeare di immortalità. Disattivato dopo il primo scontro con la Lega e rinchiuso nella sala dei trofei del gruppo, Amazo verrà riattivato e modificato molte volte nel corso degli anni. In un occasione l'androide è stato riattivato per permettere alla Lega di recuperare i propri poteri e in un altra quando la Terra viene colpita da una radiazione di sole rosso. Il supercriminale noto come La Chiave in seguito riattiverà l'androide nel tentativo di ripristinare la propria statura.

Ivo riattiverà Amazo mandandolo contro una versione più debole della Lega: l'androide riuscirà a sconfiggere numerosi eroi prima di essere fermato da Aquaman e Martian Manhunter. Una versione di Amazo verrà estratta dalla linea temporale dall'androide Hourman, desideroso di conoscere il suo "antenato". Questa versione di Amazo riuscirà a copiare i poteri temporali di Hourman, prendendo cosi il nome di "Timazo". Un'altra versione di Amazo si scontrerà nuovamente con la Lega nel tentativo di liberare Ivo, ma verrà fermata quando Superman, su consiglio di Atomo, dichiarerà la Lega sciolta, facendo mancare all'androide la sua funzione principale.

Batman e Nigthwing in seguito si scontreranno con una altra versione di Amazo, riuscendo a distruggerlo dal momento che l'androide era privo di alcuni poteri. Durante Crisi Infinita Amazo farà parte di un gruppo di criminali che attaccherà Metropolis, venendo distrutto da Black Adam. Ivo in seguito combinerà parti di Amazo con del DNA umano per creare un figlio per l'androide, chiamato "Kid Amazo". Ivo inoltre scaricherà il programma di Amazo nel corpo dell'androide Red Tornado, come piano per permettere al criminale Solomon Grundy di ottenere l'immortalità. L'androide si scontrerà con la Lega, prima di essere teletrasportato nel circolo gravitazionale della stella rossa Antares.

Poteri e abilità[modifica | modifica wikitesto]

Amazo ha la capacità di assorbire i poteri e capacità di ogni essere vivente tramite il contatto visivo, e possiede in modo permanente i poteri dei membri fondatori della Lega, cosa che lo rende un temuto avversario. Possiede anche la capacità di replicare le armi degli avversari, come l'anello di Lanterna Verde o il lasso di Wonder Woman. In alcune versioni possiede il difetto di assorbire anche le debolezze degli eroi (come la vulnerabilità alla kryptonite di Superman o la debolezza al colore giallo di Lanterna Verde).

Altri media[modifica | modifica wikitesto]

Amazo compare in Justice League Unlimited in due episodi. Androide alla ricerca del suo senso dell'esistenza, infine sceglie di cercarlo entrando nella Lega.

Compare anche nel videogioco Scribblenauts Unmasked: A DC Comics Adventure.

Nella serie TV Arrow la Amazo è la nave del professor Ivo, che in questa incarnazione è un ricercatore medico.

DC Comics Portale DC Comics: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di DC Comics