Campionato del mondo endurance FIA

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Vai alla navigazione Vai alla ricerca
Campionato del mondo endurance FIA
CategoriaPrototipi
Gran Turismo
NazioneMondiale
Prima edizione2012
PneumaticiBandiera della Francia M Michelin
Bandiera degli Stati Uniti G Goodyear Tire & Rubber Company
Pilota campione
(2023)
Bandiera della Svizzera Sébastien Buemi
Bandiera della Nuova ZelandaBrendon Hartley
Bandiera del Giappone Ryō Hirakawa
Squadra campione
(2023)
Bandiera del Giappone Toyota Gazoo Racing
Sito web ufficialeFIA World Endurance Championship
Stagione dell'anno corrente
Campionato del mondo endurance 2024

Il Campionato del mondo endurance FIA, in inglese FIA World Endurance Championship (WEC), è un campionato mondiale automobilistico per vetture Sport Prototipo e Gran Turismo impiegate in gare di durata, è organizzato dall'Automobile Club de l'Ouest (ACO) ed è disciplinato dalla Federazione Internazionale dell'Automobile (FIA).

Questa competizione ha sostituito a partire dal 2012 la precedente Intercontinental Le Mans Cup, serie organizzata dall'ACO e disputatasi nel 2010 e nel 2011. Si tratta della prima serie di competizioni endurance che si può fregiare del titolo di campionato del mondo, a distanza di vent'anni da quando nel 1992 si disputò l'ultima stagione agonistica del soppresso Campionato del mondo sportprototipi sempre gestito dalla FIA, che già utilizzò tale nome dal 1981 al 1985.

Contesto[modifica | modifica wikitesto]

Danny Watts su HPD ARX-03a-Honda (Strakka Racing) e Olivier Beretta su Ferrari 458 Italia GTC (AF Corse) durante la 6 Ore di Shanghai 2012
Toyota TS040 Hybrid a Le Mans 2014
Porsche 919 Hybrid (24 ore Le Mans 2014)
Nissan Nismo al Ginevra Motor Show 2015

Il primo campionato endurance a livello mondiale fu il WSC (in inglese, Campionato Mondiale Sport-Prototipi), anche se per molti era il "Mondiale Marche". Nacque nel 1953 e comprendeva alcune delle più importanti gare di durata, come le 24 Ore di Le Mans e Spa, o la 12 Ore di Sebring, ma anche importanti gare stradali; la Mille Miglia e la Targa Florio in Italia e la Carrera Panamericana in Messico. Esisteva un titolo solo per i costruttori, quello piloti fu istituito solo nel 1981. Nel corso degli anni a questo campionato hanno partecipato tantissime case automobilistiche e tantissimi piloti con una gran varietà di auto: prototipi, vetture sport, gran turismo e per un certo periodo anche le vetture silhouette.

Le auto che partecipavano al WSC erano le più veloci in assoluto dopo quelle di Formula 1, e anche a livello di popolarità tra gli appassionati il mondiale non aveva nulla da invidiare alla massima serie. L'unica cosa, è che le gare di durata non hanno mai avuto particolari coperture televisive,a differenza della Formula 1, dove le gare erano decisamente più corte. Nel 1991, però, la FIA impose nuovi regolamenti: macchine da 750 kg con motori aspirati da 3.500 cm³. L'intento era di ridurre i costi, ma il risultato fu completamente l'opposto, Infatti questi nuovi motori non erano altro che motori da F1 depotenziati, quindi piuttosto costosi, oltre che inadatti per questo tipo di gare. I prototipi erano ormai delle monoposto carrozzate. Inoltre, le gare erano dei veri e propri gran premi, con distanze sui 430 km, ad eccezione della 24 Ore di Le Mans. Nel 1993, dati i pochissimi iscritti al mondiale, la Federazione soppresse definitivamente il mondiale, e con esso finirono di esistere anche i prototipi "Gruppo C".

La 24 Ore di Le Mans si continuò comunque a disputare ma per ben vent'anni non ha fatto parte di nessun campionato. Nel frattempo, in Nord America, precisamente nel 1999, Don Panoz creava l'ALMS (American Le Mans Series), sulla base dei regolamenti ACO in vigore a Le Mans, leggermente rivisti. L'ACO decise di creare così la LMS (Le Mans Series), un campionato europeo composto per lo più da gare di 1000 km. Nel 2010 sempre l'ACO creò poi l'ILMC (Intercontinental Le Mans Cup), con l'intento di creare di nuovo un campionato endurance mondiale. Il campionato era costituito da tre gare in Europa (1000 km di Silverstone), Nord America (Petit Le Mans) e Asia (1000 km di Zhuhai). Questione di un altro anno, e nel 2012 rinasce ufficialmente un campionato mondiale: il Campionato del Mondo Endurance, appunto. Si tratta di un mondiale nato dalla collaborazione tra ACO e FIA, i cui regolamenti sono gli stessi di quelli in vigore alla 24 Ore di Le Mans.

Come per il vecchio Mondiale Marche, anche la prima gara della prima stagione del nuovo mondiale è stata la 12 Ore di Sebring, vinta dall'Audi con "Dindo" Capello, Tom Kristensen e Allan McNish.

Nel 2012, oltre la 12 Ore di Sebring e la 24 Ore di Le Mans, si sono disputate solo gare di 6 ore sui circuiti di Spa, Silverstone, Interlagos, Fuji, Bahrain e Shanghai. Nel 2013 è stata tolta la 12 Ore di Sebring, sostituita da un'altra gara di 6 ore sul nuovo circuito americano di Austin.

Nel 2015 è stata tolta dal calendario la 6 Ore di Interlagos ed è stata sostituita con la 6 Ore del Nürburgring, da disputarsi sul circuito del Nürburgring Gp-Strecke

Titoli assegnati e punteggi[modifica | modifica wikitesto]

Nella serie corrono diverse classi di vetture, dalle Hypercar (LMH) alle vetture Gran Turismo (GTE), basate su automobili derivate dalla produzione di serie. Vengono assegnati i titoli di Campioni del mondo Endurance FIA ai Piloti ed ai Costruttori esclusivamente per la categoria LM-H e LM-GTE PRO. Oltre a ciò, la FIA assegna diversi Trofei Endurance alle migliori squadre delle classi LM-P2, LM-GTE PRO e LM-GTE Am. Il titolo Piloti può essere attribuito a 2 o 3 piloti, componenti del medesimo ed invariato equipaggio durante tutta la stagione.

Nelle gare da 6 ore, i punti sono assegnati secondo lo schema seguente ed è valido in ogni classe di vetture: al 1º 25 punti, 2º 18 punti, 3º 15 punti, 4º 12 punti, 5º 10 punti, 6º 8 punti, 7º 6 punti, 8º 4 punti, 9º 2 punti, 10º 1 punto. Gli altri piloti che finiscono la gara prendono 0,5 punti. Le gare dalla durata di 8 ore e la 1000 Miglia di Sebring prevedono un punteggio moltiplicato di 1,5 volte rispetto a quello standard da 6 ore. Solo per la 24 Ore di Le Mans il punteggio viene raddoppiato. In ogni classe, viene attribuito un punto supplementare per la vettura in pole position e per ogni pilota di tale equipaggio[1].

Gare[modifica | modifica wikitesto]

Albo d'oro[modifica | modifica wikitesto]

Stagione LMP1 LMP2 GTE Pro GTE Am
2012 Piloti Bandiera della Germania André Lotterer
Bandiera della Francia Benoît Tréluyer
Bandiera della Svizzera Marcel Fässler
(con Audi Sport Team Joest)
- [2]
Squadre Bandiera della Svizzera Rebellion Racing
(con Lola B12/60)
Bandiera degli Stati Uniti Starworks Motorsport
(con HPD ARX-03b)
Bandiera dell'Italia AF Corse
(con Ferrari 458 GTC)
Bandiera della Francia Larbre Compétition
(con Chevrolet Corvette C6.R)
Costruttori Bandiera della Germania Audi Bandiera dell'Italia Ferrari
Stagione LMP1 LMP2 GTE Pro GTE Am
2013 Piloti Bandiera del Regno Unito Allan McNish
Bandiera della Danimarca Tom Kristensen
Bandiera della Francia Loïc Duval
(con Audi Sport Team Joest)
Bandiera del Belgio Bertrand Baguette
Bandiera del Regno Unito Martin Plowman
Bandiera del Messico Roberto González
(con OAK Racing)
Bandiera dell'Italia Gianmaria Bruni
(con AF Corse)
Bandiera del Regno Unito Jamie Campbell-Walter
Bandiera del Regno Unito Stuart Hall
(con Aston Martin Racing)
Squadre Bandiera della Svizzera Rebellion Racing[3]
(con Lola B12/60)
Bandiera della Francia OAK Racing
(con Morgan LMP2)
Bandiera dell'Italia AF Corse
(con Ferrari 458 Italia GT2)
Bandiera degli Stati Uniti 8 Star Motorsports
(con Ferrari 458 GT2)
Costruttori Bandiera della Germania Audi Bandiera dell'Italia Ferrari
Stagione LMP1-H LMP2 GTE Pro GTE Am
2014 Piloti Bandiera della Svizzera Sébastien Buemi
Bandiera del Regno Unito Anthony Davidson
(con Toyota Racing)
Bandiera della Russia Sergey Zlobin
(con SMP Racing)
Bandiera dell'Italia Gianmaria Bruni
Bandiera della Finlandia Toni Vilander
(con AF Corse)
Bandiera della Danimarca David Heinemeier Hansson
Bandiera della Danimarca Kristian Poulsen
(con Aston Martin Racing)
Squadre Bandiera della Svizzera Rebellion Racing
(con Lola B12/60 e Rebellion R-One)
Bandiera della Russia SMP Racing
(con Oreca 03-Nissan e Oreca 03R-Nissan)
Bandiera dell'Italia AF Corse
(con Ferrari 458 Italia GT2)
Bandiera degli Stati Uniti Aston Martin Racing
(con Aston Martin Vantage GTE)
Costruttori Bandiera del Giappone Toyota Racing Bandiera dell'Italia Ferrari
Stagione LMP1 LMP2 GTE Pro GTE Am
2015 Piloti Bandiera della Germania Timo Bernhard
Bandiera dell'Australia Mark Webber
Bandiera della Nuova Zelanda Brendon Hartley
(con Porsche Team)
Bandiera della Russia Roman Rusinov
Bandiera della Francia Julien Canal
Bandiera del Regno Unito Sam Bird
(con G-Drive Racing)
Bandiera dell'Austria Richard Lietz
(con Porsche Team Manthey)
Bandiera della Russia Viktor Shaitar
Bandiera della Russia Alekseij Basov
Bandiera dell'Italia Andrea Bertolini
(con SMP Racing)
Squadre Bandiera della Svizzera Rebellion Racing
(con Rebellion R-One)
Bandiera della Russia G-Drive Racing
(con Ligier JS P2)
Bandiera della Germania Porsche Team Manthey
(con Porsche 911 RSR)
Bandiera della Russia SMP Racing
(con Ferrari 458 Italia GT2)
Costruttori Bandiera della Germania Porsche Bandiera della Germania Porsche
Stagione LMP1 LMP2 GTE Pro GTE Am
2016 Piloti Bandiera della Germania Marc Lieb
Bandiera della Svizzera Neel Jani
Bandiera della Francia Romain Dumas
Bandiera degli Stati Uniti Gustavo Menezes
Bandiera della Francia Nicolas Lapierre
Bandiera di Monaco Stéphane Richelmi
Bandiera della Danimarca Nicki Thiim
Bandiera della Danimarca Marco Sørensen
Bandiera della Francia Emmanuel Collard
Bandiera della Francia François Perrodo
Bandiera del Portogallo Rui Águas
Squadre Bandiera della Svizzera Rebellion Racing Bandiera della Francia Signatech-Alpine Bandiera del Regno Unito Aston Martin Racing Bandiera dell'Italia AF Corse
Costruttori Bandiera della Germania Porsche Bandiera dell'Italia Ferrari
Stagione LMP1 LMP2 GTE Pro GTE Am
2017 Piloti Bandiera della Germania Timo Bernhard
Bandiera della Nuova Zelanda Earl Bamber
Bandiera della Nuova Zelanda Brendon Hartley
Bandiera della Francia Julien Canal
Bandiera del Brasile Bruno Senna
Bandiera del Regno Unito James Calado
Bandiera dell'Italia Alessandro Pier Guidi
Bandiera del Canada Paul Dalla Lana
Bandiera del Portogallo Pedro Lamy
Bandiera dell'Austria Mathias Lauda
Squadre Bandiera della Svizzera Vaillante Rebellion Bandiera dell'Italia AF Corse Bandiera del Regno Unito Aston Martin Racing
Costruttori Bandiera della Germania Porsche Bandiera dell'Italia Ferrari
Stagione LMP1 LMP2 GTE Pro GTE Am
2018-2019 Piloti Bandiera della Spagna Fernando Alonso
Bandiera della SvizzeraSébastien Buemi
Bandiera del Giappone Kazuki Nakajima
Bandiera della Francia Nicolas Lapierre
Bandiera della Francia Pierre Thiriet
Bandiera del Brasile André Negrão
Bandiera della Danimarca Michael Christensen
Bandiera della Francia Kévin Estre
Bandiera della Germania Jörg Bergmeister
Bandiera degli Stati Uniti Patrick Lindsey
Bandiera della Norvegia Egidio Perfetti
Squadre Bandiera del Giappone Toyota Gazoo Racing
(con Toyota TS050 Hybrid)
Bandiera della Francia Signatech Alpine Matmut
(con Alpine A470)
Bandiera della Germania Porsche GT Team
(con Porsche 911 RSR)
Bandiera della Germania Team Project 1
(con Porsche 911 RSR)
Costruttori Bandiera del Giappone Toyota Gazoo Racing Bandiera della Germania Porsche
Stagione LMP1 LMP2 GTE Pro GTE Am
2019-2020 Piloti Bandiera del Regno Unito Mike Conway
Bandiera del Giappone Kamui Kobayashi
Bandiera dell'Argentina Josè María Lòpez
Bandiera del Portogallo Filipe Albuquerque
Bandiera del Regno Unito Philip Hanson
Bandiera della Danimarca Marco Sørensen
Bandiera della Danimarca Nicki Thiim
Bandiera della Francia Emmanuel Collard
Bandiera della Danimarca Nicklas Nielsen
Bandiera della Francia François Perrodo
Squadre Bandiera del Giappone Toyota Gazoo Racing
(con Toyota TS050 Hybrid)
Bandiera del Regno Unito United Autosports
(con Oreca 07)
Bandiera del Regno Unito Aston Martin Racing
(con Aston Martin Vantage AMR)
Bandiera dell'Italia AF Corse
(con Ferrari 488 GTE)
Costruttori Bandiera del Giappone Toyota Gazoo Racing Bandiera del Regno Unito Aston Martin
Stagione LMH LMP2 GTE Pro GTE Am
2021 Piloti Bandiera del Regno Unito Mike Conway
Bandiera del Giappone Kamui Kobayashi
Bandiera dell'Argentina Josè María Lòpez
Bandiera dell'Austria Ferdinand Habsburg
Bandiera della Francia Charles Milesi
Bandiera dei Paesi Bassi Robin Frijns
Bandiera dell'Italia Alessandro Pier Guidi
Bandiera del Regno Unito James Calado
Bandiera dell'Italia Alessio Rovera
Bandiera della Danimarca Nicklas Nielsen
Bandiera della Francia François Perrodo
Squadre Bandiera del Giappone Toyota Gazoo Racing
(con Toyota GR010 Hybrid)
Bandiera del Belgio Team WRT
(con Oreca 07)
Bandiera dell'Italia AF Corse
(con Ferrari 488 GTE)
Bandiera dell'Italia AF Corse
(con Ferrari 488 GTE)
Costruttori Bandiera del Giappone Toyota Gazoo Racing Bandiera dell'Italia Ferrari
Stagione LMH LMP2 GTE Pro GTE Am
2022 Piloti Bandiera della Svizzera Sébastien Buemi
Bandiera della Nuova Zelanda Brendon Hartley
Bandiera del Giappone Ryō Hirakawa
Bandiera del Portogallo António Félix da Costa
Bandiera del Messico Roberto González
Bandiera del Regno Unito Will Stevens
Bandiera del Regno Unito James Calado
Bandiera dell'Italia Alessandro Pier Guidi
Bandiera degli Stati Uniti Ben Keating
Bandiera della Danimarca Marco Sørensen
Squadre Bandiera del Giappone Toyota Gazoo Racing
(con Toyota GR010 Hybrid)
Bandiera del Regno Unito Team Jota
(con Oreca 07)
Bandiera dell'Italia AF Corse
(con Ferrari 488 GTE)
Bandiera del Regno Unito TF Sport
(con Aston Martin Vantage AMR GTE)
Costruttori Bandiera del Giappone Toyota Gazoo Racing Bandiera dell'Italia Ferrari
Stagione Hypercar LMP2 GTE Pro GTE Am
2023 Piloti Bandiera della Svizzera Sébastien Buemi
Bandiera della Nuova Zelanda Brendon Hartley
Bandiera del Giappone Ryō Hirakawa
Bandiera dell'Angola Rui Andrade
Bandiera della Svizzera Louis Delétraz
Bandiera della Polonia Robert Kubica
Non disputato Bandiera dei Paesi Bassi Nicky Catsburg
Bandiera degli Stati Uniti Ben Keating
Bandiera dell'Argentina Nicolás Varrone
Squadre Bandiera del Giappone Toyota Gazoo Racing
(con Toyota GR010 Hybrid)
Bandiera del Belgio Team WRT
(con Oreca 07)
Bandiera degli Stati Uniti Corvette Racing
(con Chevrolet Corvette C8.R)
Costruttori Bandiera del Giappone Toyota Gazoo Racing
Fonte: fiawec.com

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Regolamento sportivo
  2. ^ Il campionato piloti esisteva solo per la categoria LMP1
  3. ^ Il trofeo LMP1 Privati è aperto solo ai team privati non supportati dai produttori. Dopo il ritiro di Strakka Racing dal WEC a metà stagione, Rebellion Racing è l'unica squadra a completare il campionato.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  Portale Automobilismo: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di automobilismo