Briosco

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Briosco
comune
Briosco – Stemma
Localizzazione
Stato Italia Italia
Regione Regione-Lombardia-Stemma.svg Lombardia
Provincia Provincia di Monza e della Brianza-Stemma.png Monza e Brianza
Amministrazione
Sindaco Anna Maria Casati (lista civica Progetto Briosco) dal 25/05/2014
Territorio
Coordinate 45°43′N 9°14′E / 45.716667°N 9.233333°E45.716667; 9.233333 (Briosco)Coordinate: 45°43′N 9°14′E / 45.716667°N 9.233333°E45.716667; 9.233333 (Briosco)
Altitudine 271 m s.l.m.
Superficie 6,61 km²
Abitanti 6 008[1] (30 novembre 2014)
Densità 908,93 ab./km²
Frazioni Capriano, Fornaci
Comuni confinanti Besana in Brianza, Carate Brianza, Giussano, Inverigo (CO), Renate, Veduggio con Colzano, Verano Brianza, Arosio
Altre informazioni
Cod. postale 20836
Prefisso 0362
Fuso orario UTC+1
Codice ISTAT 108011
Cod. catastale B187
Targa MB
Cl. sismica zona 4 (sismicità molto bassa)
Nome abitanti brioschesi
Patrono sant'Ambrogio e san Vittore
Giorno festivo prima domenica di ottobre
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Briosco
Briosco
Posizione del comune di Briosco nella provincia di Monza e della Brianza
Posizione del comune di Briosco nella provincia di Monza e della Brianza
Sito istituzionale

Briosco (Briusch in dialetto brianzolo[2]) è un comune italiano di 6.008 abitanti della provincia di Monza e Brianza.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Non vi sono notizie certe su Briosco prima del Mille. Il borgo doveva essere sorto certamente prima di questa epoca, forse per iniziativa di un nucleo longobardo, e doveva essersi formato per aggregazione di alcune corti rurali attorno ad un centro fortificato costruito a guardia della valle del Lambro.

Nel 1289 Goffredo da Bussero conta a Briosco ben quattro chiese, dedicate rispettivamente a San Vittore, Sant'Ambrogio, San Gregorio e San Maurizio. Briosco faceva allora capo, e fu così ancora per molti secoli, alla pieve di Agliate. Nel Medioevo è testimoniato a Briosco anche un insediamento femminile dell'ordine degli Umiliati. Di antica origine è anche la presenza di mulini nella località Peregallo, sicuramente documentata dal 1402, ma certamente più antica, dato che la località figura fin dal 1237 tra le proprietà del Monastero Maggiore di Milano. Nei secoli successivi, il territorio di Briosco, infeudato alla famiglia Crivelli, conobbe un modesto sviluppo grazie alle attività agricole e all'insediamento di alcune famiglie nobili, che qui costruirono le loro residenze; tra queste si ricordano i Porro Lodi, gli Andreotti, i Medici di Marignano, gli Annoni, i Casanova e i Trivulzio. Nel 1898, dopo secoli di anonimato, Briosco salì agli onori della cronaca nazionale per la solidarietà che i giornali cattolici italiani manifestarono a favore di numerose famiglie di contadini brioschesi minacciati di sfratto da alcuni proprietari terrieri.[3]

Attorno alla metà dell'Ottocento fu costruita presso il Lambro una cartiera per iniziativa della ditta "Lebon e Compagni"; dopo vari cambi di proprietà, la cartiera fu acquistata dalla famiglia Villa, che la mantenne in attività fino al 1975. Altre attività industriali e artigianali sorsero nei settori del legno, del tessile e della meccanica. Nella frazione di Fornaci si era invece sviluppata una fiorente produzione di laterizi, che si giovava in parte delle locali cave di argilla; tale attività è oggi completamente abbandonata, ad eccezione di una piccola fornace ancora attiva nella frazione di Fornaci (Fornace Artistica Riva).[4]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[5]


Etnie e minoranze straniere[modifica | modifica wikitesto]

Secondo i dati ISTAT, al 31 dicembre 2010 la popolazione straniera residente era di 219 persone, pari al 3,67% di tutti i residenti. Le nazionalità maggiormente rappresentate in base alla loro percentuale sul totale della popolazione residente erano:[6]

Pos. Cittadinanza Popolazione
1 Marocco Marocco 45
2 Romania Romania 22
3 Senegal Senegal 19
4 Ecuador Ecuador 16
5 Tunisia Tunisia 11

Cittadini noti[modifica | modifica wikitesto]

Biblioteche[modifica | modifica wikitesto]

La Biblioteca Comunale di Briosco fa parte del Sistema Bibliotecario BrianzaBiblioteche.

Territorio[modifica | modifica wikitesto]

Il Comune di Briosco confina con quelli di Giussano, Inverigo, Veduggio con Colzano, Renate, Besana Brianza, Carate Brianza. Il territorio è tipicamente collinare e ha le sue massime elevazioni sulla collina di Capriano (m 327) e sulla collina del Simonte (m 314). È attraversato da nord a sud dalla valle del Lambro e dal tracciato della superstrada Milano-Lecco-Colico.

Buona parte del territorio comunale rientra nei confini del Parco Regionale della Valle del Lambro. Le aree più interessanti dal punto di vista ambientale sono il tratto brioschese della valle del Lambro e la valle della Bevera, che conservano ampie zone di verde agricolo e di boschi. L'area boschiva più importante è quella detta della "Gagiada", che si trova appunto nella valle della Bevera, tra Briosco e Capriano.

Punti panoramici degni di attenzione si trovano sulla collina di Capriano, sulla collina del Simonte e presso la cascina Verana.

Feste e sagre popolari[modifica | modifica wikitesto]

  • Cammino di San Mauro 15 gennaio ( si percorre a piedi l'antico sentiero dai Carigg di Capriano al Vianò di Renate)
  • Falò della Gibiana ultimo giovedì di gennaio a Briosco
  • Brioscofesta: giugno, lungo le vie e tra i cortili di Briosco
  • Sagra del pesce: fine giugno-inizio luglio presso l'oratorio di Briosco
  • Festa della birra: seconda metà di luglio presso la Baita degli Alpini di Capriano
  • Sagra degli uccelli prima domenica di settembre a Fornaci
  • Capriano in piazza terza settimana di settembre a Capriano

Da vedere[modifica | modifica wikitesto]

  • Fondazione collezione Rossini - Raccolta di Sculture contemporanee- open-air

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

"Progetto Briosco" è la lista civica che amministra il Comune dal 2004. Al Sindaco Andrea Folco delle precedenti legislature 2004-2009 e 2009-2014 è succeduta Anna M. Casati in carica per la legislatura 2014-2019.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Dato Istat
  2. ^ AA. VV., Dizionario di toponomastica. Storia e significato dei nomi geografici italiani, Milano, GARZANTI, 1996, p. 101.
  3. ^ Domenico Flavio Ronzoni, I fatti del 1898 a Briosco. Lo scontro tra cattolici e liberali in un paese della Brianza contadina, Missaglia, Bellavite Editore, 1999.
  4. ^ Domenico Flavio Ronzoni, Alla ricerca delle radici perdute. Per una storia di Briosco, Capriano e Fornaci, Briosco, Comune di Briosco,1985, pp. 325.
  5. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.
  6. ^ Statistiche demografiche ISTAT - Bilancio Demografico e popolazione residente straniera al 31 dicembre 2010 per sesso e cittadinanza, ISTAT. URL consultato il 19 agosto 2012.
Controllo di autorità VIAF: (EN245440768
Lombardia Portale Lombardia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di lombardia