Baldrs draumar

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Odin rides to Hel.jpg

Il Baldrs Draumar (italiano: Sogni di Baldr) o Vegtamskviða (italiano: Carme del Viandante) è una composizione mitologica presente nell'Edda Poetica che ha come soggetto la morte del dio Baldr. Il poema è presente solo nel Codex Arnamagnæanus e quindi viene inserito tra gli Eddica Minora. Mentre il titolo Baldrs Draumar si riferisce direttamente a Baldr, Vegtamskviða fa riferimento a Odino. Vegtamr infatti è uno dei molti nomi di Odino, e che il dio utilizza per interrogare la Veggente.

Sinossi[modifica | modifica wikitesto]

Poiché Baldr è tormentato da incubi (ballir draumar), gli dèi decidono di mandare Odino a interrogare una veggente che era morta da tempo e sepolta in Hel. Odino risveglia la Veggente con alcuni incantesimi e tra le sue reticenze la costringe a dire la sorte di Baldr, chi sarà il suo assassino, e chi le fanciulle che canteranno al suo funerale. A questo punto la Veggente smaschera Odino, chiamandolo Gautr dell'Umanità, e Odino la insulta negando la sua sapienza e dicendo che lei è la madre di sei giganti. Allora la Veggente gli predice la liberazione di Loki e il Ragnarök e dice nessuno la rivedrà più fino a quel giorno.

Struttura del poema[modifica | modifica wikitesto]

Il poema è uno dei carmi più brevi dell'Edda. Consiste in 14 strofe ed è composto con il metro fornyrðislag, formato da quattro strofe separate in due semiversi ciascuna. Il genere è misto: sono presenti la forma narrativa nelle prime quattro strofe e la forma dialogica tra Odino e la Veggente. Le prime due strofe sono molto simili a una scena del Þrymskviða, in cui gli dèi si riuniscono per decidere come recuperare il martello di Thor.

Riferimenti[modifica | modifica wikitesto]

Il Baldrs Draumar potrebbe trattarsi di una manipolazione e di un ampliamento successivi della Völuspá nel brano che riporta la morte di Baldrs. Infatti entrambi i poemi mostrano una certa somiglianza nella struttura. Qui apprendiamo alcune cose che nella Völuspá risulterebbero incomprensibili, come per esempio chi sarà il vendicatore di Baldr. Nella Völuspá se ne fa soltanto un accenno, senza che il nome del vendicatore venga fatto, mentre nel Baldrs Draumar la veggente nomina Váli, colui che ucciderà Höðr.

Snorri Sturluson riprende il poema affermando, nell'Edda in Prosa, che prima della propria morte Baldr era tormentato da sogni premonitori e che tutti gli dèi già sapevano della sua sorte. Per tala motivo decisero di proteggerlo. A differenza del poema, quindi, Odino non cavalca fino a Hel per interrogare la Veggente.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Henry Adams Bellows (a cura di), The Poetica Edda. Translated from the Icelandic with an Introduction and Notes. American-Scandinavian Foundation, 1923
  • Alberto Mastrelli (a cura di), L'Edda. Carmi Norreni, Sansoni, 1982
  • Piergiuseppe Scardigli, Marcello Meli (a cura di), Il canzoniere eddico, Garzanti, 198
  • Karl von Hildenbrand, Die Lieder der Älteren Edda. Schöning, 1876
  • Giacomo Prampolini, Letterature germaniche insulari, Utet, 1949

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]