Annemiek van Vleuten

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Vai alla navigazione Vai alla ricerca
Annemiek van Vleuten
Annemiek van Vleuten agli Europei su pista 2017
Nazionalità Bandiera dei Paesi Bassi Paesi Bassi
Altezza 168[1] cm
Peso 55[1] kg
Ciclismo
Specialità Strada, pista, ciclocross, mountain biking
Squadra Movistar
Termine carriera 2023
Carriera
Squadre di club
2008Vrienden v/h Platteland
2009DSB Bank
2010-2011Nederland Bloeit
2012-2014Rabo
2015Bigla
2016-2017Orica
2018-2020Mitchelton
2021-2023Movistar
Nazionale
2010-2023Bandiera dei Paesi Bassi Paesi Bassistrada
2017-2018Bandiera dei Paesi Bassi Paesi Bassipista
Palmarès
 Giochi olimpici
Argento Tokyo 2020 In linea
Oro Tokyo 2020 Crono
 Mondiali su strada
Argento Toscana 2013 Cronosq.
Oro Bergen 2017 Cronometro
Oro Innsbruck 2018 Cronometro
Bronzo Yorkshire 2019 Cronometro
Oro Yorkshire 2019 In linea
Argento Imola 2020 In linea
Bronzo Fiandre 2021 Cronometro
Argento Fiandre 2021 Staffetta
Oro Wollongong 2022 In linea
 Europei su strada
Oro Plouay 2020 In linea
 Mondiali su pista
Argento Apeldoorn 2018 Ins. ind.
Statistiche aggiornate al 10 settembre 2023

Annemiek van Vleuten (Vleuten, 8 ottobre 1982) è un'ex ciclista su strada, pistard, ciclocrossista e mountain biker olandese.

Considerata tra le più forti cicliste della storia,[2][3] è stata un'atleta polivalente, benché specializzata nelle classiche e nelle cronometro.[4] Fra i successi di maggior rilievo annovera un'edizione della Coppa del mondo su strada (nel 2011) e tre del World Tour (nel 2018, 2021 e 2022), due medaglie olimpiche a Tokyo 2020 (argento in linea, oro a cronometro), due titoli mondiali in linea (nel 2019 e 2022) e due a cronometro (nel 2017 e 2018), un titolo europeo in linea (nel 2020), quattro Giri d'Italia (nel 2018, 2019, 2022 e 2023) e un Tour de France (nel 2022)

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Gli esordi e i primi anni[modifica | modifica wikitesto]

In gioventù pratica equitazione e calcio; poi, dopo aver subito due operazioni al menisco, comincia a dedicarsi al ciclismo agonistico nel 2006, all'età di ventiquattro anni, iscrivendosi al club TCW '79 di Wageningen.[5] Nel 2007 ottiene la licenza per gareggiare: partecipa alla prima competizione nell'aprile dello stesso anno, al criterium di Waddinxveen, poi consegue la prima vittoria al Ronde van Lexmond.[5] In settembre viene invitata a correre allo Holland Tour, competizione professionistica, tra le file della formazione Therme Skin Care, mentre in chiusura di stagione si aggiudica il Campionato universitario nazionale a Utrechtse Heuvelrug.[5] Proprio nel 2007 si laurea in scienze animali all'Università di Wageningen.[5][6]

Nel 2008 debutta tra le professioniste con il team Vrienden van het Platteland, gareggiando per la prima volta in Coppa del mondo. Non arrivano vittorie internazionali in stagione per lei: è infatti solo seconda ai Campionati mondiali universitari a cronometro e terza a quelli in linea, seconda al Grote Prijs Stad Roeselare e terza nel prologo del Tour de Limousin.[5] L'anno dopo si trasferisce alla DSB Bank-Nederland Bloeit, la squadra capitanata da Marianne Vos e diretta da Jeroen Blijlevens. Come l'anno prima non ottiene successi di primaria importanza – pur classificandosi settima nella prova in linea e decima a cronometro ai campionati olandesi – ma questo soprattutto a causa di problemi legati ad uno schiacciamento all'arteria femorale della gamba destra, diagnosticato in agosto e curato in settembre con un'operazione chirurgica.[5]

2010-2012: le prime vittorie da professionista[modifica | modifica wikitesto]

È nel 2010 che van Vleuten conquista i primi trionfi a livello UCI. Nella tre giorni del Ronde van Drenthe, in aprile, è, in sequenza, terza nell'Acht van Dwingeloo, seconda nell'Univé Ronde van Drenthe (gara di Coppa del mondo) e prima nel Novilon Damesronde van Drenthe. Tra maggio e giugno è quindi seconda, con una vittoria di tappa, alla Gracia-Orlová, terza al Gran Premio Ciudad de Valladolid (anch'esso valido per la Coppa del mondo) e seconda, con un altro successo di tappa, alla Emakumeen Bira.[5] In agosto vince la Route de France, poi, ai campionati del mondo di Melbourne, deve accontentarsi del venticinquesimo posto finale causa una foratura a dieci chilometri dal traguardo.[5] Conclude l'annata piazzandosi sesta nella graduatoria generale di Coppa del mondo.

Van Vleuten nel 2011

Il 2011 di van Vleuten si apre con un'importante serie di risultati nelle prove di Coppa del mondo. Dopo il terzo posto al Trofeo Alfredo Binda, trionfa infatti al Giro delle Fiandre battendo in uno sprint a due la russa Tat'jana Antošina,[7] con cui era scattata ai meno tre dall'arrivo; è quindi sesta sia all'Univé Ronde van Drenthe che alla Freccia Vallone, e quinta al Tour of Chongming Island. La sequenza di piazzamenti le permette di raggiungere la testa della classifica di Coppa, e di lottare per la leadership con la compagna di squadra Marianne Vos. Il 31 luglio ottiene la seconda vittoria in Coppa del mondo, facendo suo, con un attacco a 600 metri dall'arrivo, l'Open de Suède Vargarda;[8] il 27 agosto, infine, fa suo anche il Grand Prix de Plouay, potendo così iscrivere il proprio nome, per il 2011, nell'albo d'oro della Coppa del mondo su strada.[5] Dopo la conclusione della Coppa del mondo firma un contratto con la nuova formazione Stichting Rabo Women, ritrovando la compagna Vos e il direttore sportivo Blijlevens.[5]

Nell'inverno del 2011 si sottopone a un altro intervento chirurgico, per rimuovere una stenosi all'arteria iliaca della gamba sinistra; inizia a dicembre la riabilitazione.[5] La sua stagione 2012 si apre, per i postumi dell'intervento, in marzo, mentre i primi successi arrivano in aprile, al Grote Prijs Stad Roeselare e in due tappe del Grand Prix Elsy Jacobs in Lussemburgo. Dopo la vittoria alla Valkenburg Hills Classic e il terzo posto all'Emakumeen Bira (con un successo di tappa), a fine giugno si aggiudica la prova in linea dei campionati olandesi, superando per distacco la compagna e campionessa uscente Marianne Vos.[9] In estate partecipa per la prima volta ai Giochi olimpici, concludendo quattordicesima nella prova in linea (vince la compagna Marianne Vos). In settembre, dopo la vittoria nel prologo del Giro della Toscana, è quindi quarta nella cronometro a squadre e undicesima nella gara in linea ai campionati del mondo di Valkenburg. Al termine dell'anno risulta settima nella graduatoria mondiale individuale UCI.

2013-2016: i piazzamenti a cronometro e gli infortuni a Livigno e Rio[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2013 conclude quinta al Giro delle Fiandre, vince il prologo del Grand Prix Elsy Jacobs ed è quindi terza alla Valkenburg Hills Classic e ai campionati nazionali sia in linea che a cronometro. Dopo il ritiro al Giro d'Italia, conquista una frazione sia al Thüringen Rundfahrt che al Trophée d'Or. Nel finale di stagione è quindi seconda allo Holland Tour e sulla piazza d'onore con le compagne della Rabo-Liv nella cronometro a squadre dei campionati del mondo di Firenze. Nella primavera 2014 si piazza quinta al Ronde van Drenthe e ancora quinta al Giro delle Fiandre. Dopo aver conquistato il titolo nazionale a cronometro, battendo per pochi centesimi su Ellen van Dijk, conquista anche il prologo e la terza tappa del Giro d'Italia; concluderà la "Corsa rosa", che vede un podio finale interamente di marca Rabo-Liv, all'ottavo posto. Nel finale di stagione fa sue il prologo, la prima tappa e la classifica finale del Giro del Belgio.

Van Vleuten alla Freccia Vallone 2016

Nel 2015 lascia la Rabo-Liv e si accasa alla svizzera Bigla. In primavera conclude settima al Trofeo Alfredo Binda, quarta al Giro delle Fiandre e seconda alla Freccia Vallone e al Festival Elsy Jacobs. Nel prosieguo di stagione vince quindi il prologo dell'Emakumeen Bira, la medaglia di bronzo a cronometro ai Giochi europei a Baku e il prologo del Giro d'Italia a Lubiana.[10] Il 6 agosto è vittima di un incidente mentre si sta allenando a Livigno: investita da un'auto, riporta diverse fratture e la perforazione di un polmone.[11][10] Rientrata alle corse già il 1º settembre, dieci giorni dopo si aggiudica il prologo del Giro della Toscana, concludendo la corsa al terzo posto.

Nel 2016 si trasferisce alla formazione australiana Orica-AIS. Con la nuova maglia ottiene numerose top 10 nelle classiche di inizio stagione, e quindi successi a cronometro al Festival Elsy Jacobs, all'Auensteiner-Radsporttage e al campionato nazionale di specialità; si classifica inoltre seconda alla Valkenburg Hills Classic e quarta al Thüringen Rundfahrt. Il 7 agosto, mentre è in testa alla prova in linea dei Giochi olimpici di Rio de Janeiro, cade battendo violentemente la testa su un cordolo ai margini del percorso. Ricoverata in terapia intensiva in ospedale, riporta una grave commozione cerebrale e tre fratture spinali.[12] Lascia l'ospedale dopo tre giorni, senza che le ferite riportate abbiano causato problemi permanenti;[13] rientrata alle corse, a un mese dall'incidente, al Giro del Belgio, vince, come due anni prima, due tappe e la classifica finale della corsa. Nel finale di stagione è quindi quinta nella cronometro dei campionati del mondo di Doha.

2017-2020: i tre titoli mondiali e i due successi al Giro d'Italia[modifica | modifica wikitesto]

Van Vleuten (1ª, al centro) sul podio della cronometro mondiale 2018 con van der Breggen (2ª) e van Dijk (3ª)

Nella primavera 2017 vince la Cadel Evans Great Ocean Road Race ed è quindi sempre piazzata nelle classiche del circuito World Tour: si classifica quinta alla Strade Bianche e alla Liegi-Bastogne-Liegi, sesta al Ronde van Drenthe e al Trofeo Alfredo Binda, e quarta al Giro delle Fiandre, all'Amstel Gold Race e alla Freccia Vallone. Si aggiudica quindi la Durango-Durango Emakumeen Saria, una tappa all'Emakumeen Bira (concludendo al secondo posto la corsa) e il titolo nazionale a cronometro. Al seguente Giro d'Italia conquista due frazioni, a Montereale Valcellina in una volata a tre[14] e a Sant'Elpidio a Mare nella cronometro,[15] e rimane sempre con le migliori, ma anche a causa del distacco accusato nella frazione pianeggiante di Occhiobello per un ventaglio,[16] ottiene "solo" il terzo posto nella graduatoria finale, arricchito comunque dal successo nelle classifiche a punti e dei GPM. Anche dopo il Giro ottiene risultati di rilievo: vince infatti la Course by Le Tour de France sul Colle dell'Izoard[17] e due tappe a cronometro e la classifica finale dell'Holland Tour; in chiusura di stagione, ai campionati del mondo di Bergen, conquista infine il titolo mondiale a cronometro[18] e si piazza quarta nella prova in linea vinta dalla connazionale Chantal Blaak.

Nel 2018 conquista la classifica generale del Giro d'Italia,[19] con tre successi di tappa, nella cronoscalata di Diga di Campo Moro, in cui prende la maglia rosa,[20] sul prestigioso traguardo del Monte Zoncolan (percorso per la prima volta dal Giro femminile)[21] e nella frazione finale a Cividale del Friuli, infliggendo notevoli distacchi a tutte le rivali.[22] In stagione ottiene anche il suo secondo titolo mondiale a cronometro, sul tracciato iridato di Innsbruck davanti alle connazionali Anna van der Breggen ed Ellen van Dijk.[23] Le numerose vittorie stagionali, tra cui i "bis" alla Course by Le Tour de France[24] e all'Holland Tour già vinti nel 2017, le consentono di far sua anche la classifica individuale del World Tour. Durante l'anno si mette in evidenza anche su pista, vincendo la medaglia d'argento nell'inseguimento individuale ai campionati del mondo di Apeldoorn, battuta in finale dalla specialista Chloé Dygert.

Van Vleuten in maglia iridata nel 2020

Nel 2019 vince la Strade Bianche[25] e conclude in seconda posizione Giro delle Fiandre, Amstel Gold Race e Freccia Vallone, mentre il 28 aprile conquista per la prima volta in carriera la Liegi-Bastogne-Liegi.[26] Nuovamente campionessa nazionale a cronometro, vince per il secondo anno consecutivo il Giro d'Italia,[27] facendo sue le frazioni di Lago di Cancano[28] e la cronometro in salita di Teglio.[29] In settembre vince il prologo dell'Holland Tour per poi concludere la stagione ai campionati del mondo di Bergen dove è terza nella prova a cronometro e prima nella prova in linea,[30] laureandosi così per la prima volta, al termine di un lungo attacco solitario, campionessa del mondo.

Il 2020 si apre subito con la vittoria alla Omloop Het Nieuwsblad,[31] ma in seguito allo stop delle competizioni causa pandemia globale,[32] rientra alle gare solo a fine luglio dove inanella quattro successi consecutivi: Emakumeen Nafarroako Klasikoa,[33] Clásica Femenina Navarra,[34] Durango-Durango Emakumeen Saria[35] e la prestigiosa Strade Bianche.[36] A fine agosto si aggiudica per la prima volta in carriera il campionato europeo in linea, battendo in una volata a due Elisa Longo Borghini.[37] Al Giro d'Italia vince la tappa di Arcidosso,[38] ma, a causa di una frattura al posto rimediata in seguito a una caduta, è costretta al ritiro dalla corsa, nonostante fosse momentaneamente in maglia rosa.[39] È infine seconda nella prova in linea dei campionati del mondo di Imola, alle spalle della connazionale van der Breggen.

2021-2023: le vittorie con Movistar[modifica | modifica wikitesto]

Van Vleuten in maglia gialla al Tour de France 2022 tra la maglia a pois Demi Vollering e la maglia verde Marianne Vos

Passata al Movistar Team nella stagione 2021,[40] è quarta alla Strade Bianche, terza all'Amstel Gold Race, quarta alla Freccia Vallone e seconda alla Liegi-Bastogne-Liegi, mentre vince la Dwars door Vlaanderen[41] e, a dieci anni di distanza, il Giro delle Fiandre.[42] Fa poi sue una tappa[43] e la classifica generale[44] alla Setmana Ciclista Valenciana e l'Emakumeen Nafarroako Classics.[45] A fine agosto partecipa ai Giochi olimpici di Tokyo dove conquista la medaglia d'argento in linea e quella d'oro a cronometro.[46] Prosegue con il successo alla Classica di San Sebastián[47] e con una tappa[48] e la generale[49] del Tour of Norway, vincendo anche la cronoscalata di Cabeza de Manzaneda,[50] la tappa di O Pereiro de Aguiar[51] e la classifica finale[52] della Madrid Challenge by La Vuelta. Termina ai campionati del mondo delle Fiandre con un terzo posto nella cronometro iridata un'altra prolifica annata.

Il 2022 parte subito all'insegna del successo con una tappa[53] e la generale[54] della Setmana Ciclista Valenciana di fine febbraio. Conclude al secondo posto Strade Bianche, Giro delle Fiandre e Freccia Vallone, al quarto l'Amstel Gold Race, mentre riesce a vincere la Omloop Het Nieuwsblad[55] e soprattutto la Liegi-Bastogne-Liegi.[56] In seguito fa suo per la terza volta il Giro d'Italia,[57] con le frazioni di Cesena[58] e Aldeno;[59] è poi al via della prima storica edizione del Tour de France: conquista al termine di una straordinaria azione da lontano la tappa di Le Markstein,[60] e si impone anche il giorno successivo nella frazione conclusiva a La Super Planche des Belles Filles,[61] centrando la difficile accoppiata Giro-Tour.[62] Così come l'anno precedente si aggiudica la Madrid Challenge by La Vuelta,[63] dominando la cinque giorni iberica grazie alla netta vittoria nella seconda tappa di Colindres.[64] Conclude un'ennesima strepitosa stagione ai campionati del mondo di Wollongong: è settima nella cronometro e quinta nella staffetta mista, prova nella quale riporta la frattura del gomito destro in seguito a una caduta.[65] Ciò nonostante appena tre giorni dopo, ormai alla soglia dei quarant'anni, si laurea per la seconda volta in carriera campionessa del mondo nella prova in linea, anticipando un gruppo ristretto di atlete con un bell'attacco da finisseur nell'ultimo chilometro.[66]

Van Vleuten in azione in maglia iridata al campionato nazionale in linea 2023, chiuso al quinto posto

Il 2023, in quella che rappresenta l'ultima stagione prima dell'addio alle corse,[67] inizia in terre spagnole alla Setmana Ciclista Valenciana, che chiude al quarto posto. Quarta anche alla Strade Bianche, è solo ventisettesima al Giro delle Fiandre, tagliata fuori dai giochi per la vittoria da una caduta. Il ritorno al successo non arriva nemmeno nelle classiche delle Ardenne, concludendo undicesima all'Amstel Gold Race, settima alla Freccia Vallone e sesta alla Liegi-Bastogne-Liegi. Il 1º maggio è ai nastri di partenza de La Vuelta Femenina, dove è attesa a un bel duello con Demi Vollering durante le sette tappe in programma:[68] nonostante la più giovane connazionale si dimostri superiore nell'arrivo in salita della quinta giornata di gara, precedendola di 3",[69] Van Vleuten riesce a distanziare la rivale il giorno successivo, sorprendendola a circa 70 km dall'arrivo nel bel mezzo di un bisogno fisiologico con un attacco di squadra.[70] Leader con 1'11" di margine, riesce a difendersi dal tentativo di rimonta della più pimpante portacolori della SD Worx nell'ultimo e decisivo arrivo in quota a Lagos de Covadonga: al traguardo è terza e paga 1'02", ma riesce ugualmente ad aggiudicarsi la classifica generale per soli 9".[71] Quinta all'Itzulia Women la settimana seguente, prende parte ai campionati nazionali di fine giugno, concludendo al terzo posto la prova a cronometro e al quinto quella in linea. È poi la volta del Giro d'Italia, che vince per la quarta volta in carriera:[72] domina la corsa, facendo sue in solitaria le tappe di Marradi,[73] Canelli[74] e Alassio,[75] rifilando distacchi importanti a tutta la concorrenza nella generale e aggiudicandosi anche le classifiche a punti e delle scalatrici. Si presenta al Tour de France dove la attende un nuovo testa a testa con Vollering per la maglia gialla.[76] Dopo averle ceduto una manciata di secondi sul breve ma impegnativo arrivo di Rodez della quarta tappa,[77] si ritrova momentaneamente al terzo posto con 12" di margine sulla connazionale alla vigilia della penultima e decisiva frazione con finale al Col du Tourmalet: sull'impegnativa salita pirenaica Van Vleuten va però in difficoltà, perdendo 36" da Katarzyna Niewiadoma e ben 2'34" dalla vincitrice Vollering,[78] segnando di fatto il passaggio di consegne con la più giovane rivale.[79] Nella tappa conclusiva del giorno seguente, la cronometro di Pau, perde anche il terzo gradino del podio in favore della stessa Niewiadoma, terminando la sua seconda e ultima Grande Boucle quarta, a 3'59" da Vollering.[80] Il 13 agosto è ottava nella prova in linea ai Mondiali di Glasgow,[81] mentre a fine mese vince con appena 2" di margine su Cecilie Uttrup Ludwig il Tour of Scandinavia.[82] Chiude il 10 settembre, con un ventitreesimo posto sulle strade di casa del Simac Ladies Tour, una delle carriere più decorate nella storia dello sport a pedali, costellata da 104 vittorie.[83]

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Strada[modifica | modifica wikitesto]

  • 2010 (Nederland Bloeit, cinque vittorie)
Novilon Eurocup
2ª tappa Gracia-Orlová (Lichnov > Lichnov)
4ª tappa Iurreta-Emakumeen Bira (Orduña > Orduña)
4ª tappa Route de France (Bonneval > Cloyes-sur-le-Loir)
Classifica generale Route de France
  • 2011 (Nederland Bloeit, tre vittorie)
Giro delle Fiandre
Open de Suède Vargarda
Grand Prix de Plouay
  • 2012 (Rabobank Women Cycling Team, otto vittorie)
Grote Prijs Stad Roeselare
Prologo Grand Prix Elsy Jacobs (Lussemburgo > Lussemburgo, cronometro)
2ª tappa Grand Prix Elsy Jacobs (Mamer > Mamer)
Valkenburg Hills Classic
7-Dorpenomloop van Aalburg
4ª tappa Emakumeen Bira (Orduña > Iurreta)
Campionati olandesi, Prova in linea
Prologo Giro della Toscana-Memorial Fanini (Campi Bisenzio > Campi Bisenzio, cronometro)
  • 2013 (Rabo Woman Cycling Team, tre vittorie)
Prologo Festival Elsy Jacobs (Mamer > Mamer, cronometro)
3ª tappa Thüringen Rundfahrt (Schleiz > Schleiz)
6ª tappa Trophée d'Or (Orval > Saint-Amand-Montrond)
  • 2014 (Rabo-Liv Women Cycling Team, sei vittorie)
Campionati olandesi, Prova a cronometro
Prologo Giro d'Italia (Caserta > Caserta, cronometro)
3ª tappa Giro d'Italia (Caserta > San Donato Val di Comino)
Prologo Giro del Belgio (Naast > Naast, cronometro)
1ª tappa Giro del Belgio (Honnelles > Honnelles)
Classifica generale Giro del Belgio
  • 2015 (Bigla Pro Cycling Team, tre vittorie)
Prologo Emakumeen Bira (Iurreta > Iurreta, cronometro)
Prologo Giro d'Italia (Lubiana > Lubiana, cronometro)
Prologo Giro della Toscana-Memorial Fanini (Campi Bisenzio > Campi Bisenzio, cronometro)
  • 2016 (Orica-AIS, sei vittorie)
Prologo Festival Elsy Jacobs (Cessange > Cessange, cronometro)
2ª tappa, 1ª semitappa Auensteiner-Radsporttage (Auenstein > Auenstein, cronometro)
Campionati olandesi, Prova a cronometro
Prologo Giro del Belgio (Nieuwpoort > Nieuwpoort, cronometro)
3ª tappa Giro del Belgio (Geraardsbergen > Geraardsbergen)
Classifica generale Giro del Belgio
  • 2017 (Orica-Scott, undici vittorie)
Cadel Evans Great Ocean Road Race
Durango-Durango Emakumeen Saria
4ª tappa Emakumeen Bira (Etxarri Aranatz > Alto de San Miguel de Aralar)
Campionati olandesi, Prova a cronometro
2ª tappa Giro d'Italia (Zoppola > Montereale Valcellina)
5ª tappa Giro d'Italia (Sant'Elpidio a Mare > Sant'Elpidio a Mare, cronometro)
La Course by Le Tour de France
Prologo Holland Tour (Wageningen > Wageningen, cronometro)
3ª tappa Holland Tour (Roosendaal > Roosendaal, cronometro)
Classifica generale Holland Tour
Campionati del mondo, Prova a cronometro (con la Nazionale olandese)
  • 2018 (Mitchelton-Scott, tredici vittorie)
2ª tappa Herald Sun Tour (Melbourne > Melbourne, cronometro)
2ª tappa Emakumeen Bira (Agurain > Vitoria, cronometro)
7ª tappa Giro d'Italia (Lanzada > Diga di Campo Moro, cronometro)
9ª tappa Giro d'Italia (Tricesimo > Monte Zoncolan)
10ª tappa Giro d'Italia (Cividale del Friuli > Cividale del Friuli)
Classifica generale Giro d'Italia
La Course by Le Tour de France
Veenendaal-Veenendaal Classic
Prologo Holland Tour (Arnhem > Arnhem, cronometro)
1ª tappa Holland Tour (Nimega > Nimega)
6ª tappa Holland Tour (Roosendaal > Roosendaal, cronometro)
Classifica generale Holland Tour
Campionati del mondo, Prova a cronometro (con la Nazionale olandese)
  • 2019 (Mitchelton-Scott, otto vittorie)
Strade Bianche
Liegi-Bastogne-Liegi
Campionati olandesi, Prova a cronometro
5ª tappa Giro d'Italia (Ponte in Valtellina > Lago di Cancano)
6ª tappa Giro d'Italia (Chiuro > Teglio, cronometro)
Classifica generale Giro d'Italia
Prologo Holland Tour (Sittard-Geleen > Sittard-Geleen, cronometro)
Campionati del mondo, Prova in linea (con la Nazionale olandese)
  • 2020 (Mitchelton-Scott, sette vittorie)
Omloop Het Nieuwsblad
Emakumeen Nafarroako Klasikoa
Clásica Femenina Navarra
Durango-Durango Emakumeen Saria
Strade Bianche
Campionati europei, Prova in linea (con la Nazionale olandese)
2ª tappa Giro d'Italia (Paganico > Arcidosso)
  • 2021 (Movistar Team Women, dodici vittorie)
Dwars door Vlaanderen
Giro delle Fiandre
1ª tappa Setmana Ciclista Valenciana (Barxeta > Gandia)
Classifica generale Setmana Ciclista Valenciana
Emakumeen Nafarroako Classics
Giochi olimpici, Prova a cronometro (con la Nazionale olandese)
Classica di San Sebastián
3ª tappa Tour of Norway (Drammen > Norefjell)
Classifica generale Tour of Norway
2ª tappa Madrid Challenge by La Vuelta (Cabeza de Manzaneda > Cabeza de Manzaneda, cronometro)
3ª tappa Madrid Challenge by La Vuelta (Cabeza de Manzaneda > O Pereiro de Aguiar)
Classifica generale Madrid Challenge by La Vuelta
  • 2022 (Movistar Team Women, tredici vittorie)
3ª tappa Setmana Ciclista Valenciana (Vila-real > Vistabella del Maestrat)
Classifica generale Setmana Ciclista Valenciana
Omloop Het Nieuwsblad
Liegi-Bastogne-Liegi
4ª tappa Giro d'Italia (Cesena > Cesena)
8ª tappa Giro d'Italia (Rovereto > Aldeno)
Classifica generale Giro d'Italia
7ª tappa Tour de France (Sélestat > Le Markstein)
8ª tappa Tour de France (Lure > La Super Planche des Belles Filles)
Classifica generale Tour de France
2ª tappa Madrid Challenge by La Vuelta (Colindres > Colindres)
Classifica generale Madrid Challenge by La Vuelta
Campionati del mondo, Prova in linea (con la Nazionale olandese)
  • 2023 (Movistar Team Women, sei vittorie)
Classifica generale La Vuelta Femenina
2ª tappa Giro d'Italia (Bagno a Ripoli > Marradi)
6ª tappa Giro d'Italia (Canelli > Canelli)
7ª tappa Giro d'Italia (Albenga > Alassio)
Classifica generale Giro d'Italia
Classifica generale Tour of Scandinavia

Altri successi[modifica | modifica wikitesto]

  • 2007 (Therme Skin Care)
Ronde van Lexmond
  • 2008 (Vrienden van het Platteland, una vittoria)
Campionati dei Paesi Bassi centrali, Prova a cronometro
  • 2009 (DSB Bank-Nederland Bloeit)
Ronde van Rijssen
Klever Radrennen
Campionati dei Paesi Bassi centrali, Prova a cronometro
  • 2011 (Nederland Bloeit)
Classifica generale Coppa del mondo
  • 2012 (Rabobank Women Cycling Team)
Classifica a punti Emakumeen Bira
Classifica a punti Giro della Toscana-Memorial Fanini
  • 2014 (Rabo-Liv Women Cycling Team)
1ª tappa Giro del Belgio (Blaugies > Warquignies, cronosquadre)
Classifica a punti Festival Elsy Jacobs
Classifica scalatrici Giro del Belgio
Classifica a punti Giro d'Italia
Classifica scalatrici Giro d'Italia
  • 2018 (Mitchelton-Scott)
Classifica a punti Giro d'Italia
Classifica a punti Holland Tour
Classifica generale UCI World Tour
  • 2019 (Mitchelton-Scott)
Classifica a punti Giro d'Italia
Classifica scalatrici Giro d'Italia
  • 2021 (Movistar Team Women)
Classifica generale UCI World Tour
  • 2022 (Movistar Team Women)
Classifica a punti Giro d'Italia
Classifica generale UCI World Tour
  • 2023 (Movistar Team Women)
Classifica a punti Giro d'Italia
Classifica scalatrici Giro d'Italia

Ciclocross[modifica | modifica wikitesto]

Veldrit Boxtel (Boxtel)
Nationale Veldrit van Rhenen (Rhenen)

Mountain biking[modifica | modifica wikitesto]

Geopark Hondsrug Classic, Cross country (Gasselte)
Campionati olandesi, Marathon
Geopark Hondsrug Classic, Cross country (Gasselte)

Piazzamenti[modifica | modifica wikitesto]

Grandi Giri[modifica | modifica wikitesto]

2010: 27ª
2011: 75ª
2012: ritirata (8ª tappa)
2013: ritirata (5ª tappa)
2014: 8ª
2015: 35ª
2017: 3ª
2018: vincitrice
2019: vincitrice
2020: non partita (8ª tappa)
2022: vincitrice
2023: vincitrice
2022: vincitrice
2023: 4ª
2020: 6ª
2021: vincitrice
2022: vincitrice
2023: vincitrice

Classiche[modifica | modifica wikitesto]

2008: 41ª
2009: 19ª
2010: 40ª
2011: 3ª
2012: 13ª
2013: 7ª
2014: 43ª
2015: 7ª
2016: 8ª
2017: 6ª
2008: 89ª
2009: 30ª
2010: 10ª
2011: vincitrice
2012: ritirata
2013: 5ª
2014: 5ª
2015: 4ª
2016: 7ª
2017: 4ª
2018: 3ª
2019: 2ª
2020: 15ª
2021: vincitrice
2022: 2ª
2023: 27ª
2021: ritirata
2010: 12ª
2011: 6ª
2012: 13ª
2014: 38ª
2015: 2ª
2016: 14ª
2017: 4ª
2018: 4ª
2019: 2ª
2021: 4ª
2022: 2ª
2023: 7ª
2017: 5ª
2018: 3ª
2019: vincitrice
2020: 28ª
2021: 2ª
2022: vincitrice
2023: 6ª

Competizioni mondiali[modifica | modifica wikitesto]

Strada[modifica | modifica wikitesto]

Pista[modifica | modifica wikitesto]

Apeldoorn 2018 - Inseguimento individuale: 2ª

Competizioni europee[modifica | modifica wikitesto]

Strada[modifica | modifica wikitesto]

Pista[modifica | modifica wikitesto]

Berlino 2017 - Inseguimento individuale: 4ª

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Cavaliere dell'Ordine di Orange-Nassau - nastrino per uniforme ordinaria

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Ciclista olandese dell'anno nel 2017,[85] 2019,[86] 2021[87] e 2022[88]
Trofeo Internazionale Flandrien nel 2022[89]
Vélo d'Or nel 2022[90]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b (ES) Annemiek van Vleuten, su movistarteam.com.
  2. ^ Alessandra Giardini, Tour de France Femmes. Storia di Annemiek, una marziana in mezzo a noi, su quibicisport.it, 31 luglio 2022.
  3. ^ Marco Bucciantini, Van Vleuten e un anno da leggenda: chi è la fuoriclasse che sa solo vincere, su gazzetta.it, 1º gennaio 2023.
  4. ^ (EN) Annemiek Van Vleuten, su movistarteam.com.
  5. ^ a b c d e f g h i j k (NL) Annemiek, su annemiekvanvleuten.nl.
  6. ^ (EN) Sarah Connolly, Annemiek van Vleuten Interview part 2: "If you don’t have fun then you can’t be good", su podiumcafe.com, 30 maggio 2011.
  7. ^ Giro delle Fiandre WE: Ronde Van Vleuten, prima di Coppa. Annemiek batte Antoshina. Terza Vos, su cicloweb.it, 3 aprile 2011 (archiviato dall'url originale il 27 maggio 2011).
  8. ^ Donne. Cooke (MCipollini) terza in Coppa del Mondo, su tuttobiciweb.it, 31 luglio 2011.
  9. ^ (EN) Van Vleuten victorious in Rabobank spectacle, su cyclingnews.com, 23 giugno 2012.
  10. ^ a b (EN) Van Vleuten hit by car in Italy, su cyclingnews.com, 7 agosto 2015.
  11. ^ Incidente a Livigno per Annemiek Van Vleuten. L'olandese della Bigla rischia di saltare la seconda parte di stagione, su oldsite.cicloweb.it, 7 agosto 2015 (archiviato dall'url originale il 14 luglio 2019).
  12. ^ Ciclista Annemiek van Vleuten in terapia intensiva, su agi.it, 8 agosto 2016.
  13. ^ Rio, Van Vleuten: "Presto lascio l'ospedale. Non ci sono altri danni alla schiena", su gazzetta.it, 9 agosto 2016.
  14. ^ Giro Rosa. Van Vleuten, volata doc, su tuttobiciweb.it, 1º luglio 2017.
  15. ^ Mattia Bazzoni, Giro Rosa, ancora l'Olanda: Van Vleuten imprendibile nella crono, su gazzetta.it, 4 luglio 2017.
  16. ^ Sebastiano Cipriani, Fotofinish D'Hoore, Van Vleuten d'oh!, su cicloweb.it, 3 luglio 2017.
  17. ^ Riccardo Zucchi, La Course by Le Tour de France 2017, assolo della Van Vleuten. Terza la Longo Borghini, su cyclingpro.net, 20 luglio 2017.
  18. ^ Bergen. Doppietta olandese nella crono femminile, su tuttobiciweb.it, 19 settembre 2017.
  19. ^ Sebastiano Cipriani, Van Vleuten, un Giro da dieci e lode, su cicloweb.it, 16 luglio 2018.
  20. ^ Mattia Bazzoni, Giro Rosa, cronoscalata da Lanzada ad Alpe Gera, dominio della Van Vleuten, su gazzetta.it, 12 luglio 2018.
  21. ^ Mattia Bazzoni, GiroRosa: la maglia rosa Van Vleuten doma lo Zoncolan, su gazzetta.it, 14 luglio 2018.
  22. ^ Mattia Bazzoni, Giro Rosa: a Cividale la regina Van Vleuten si prende anche l'ultima tappa, su gazzetta.it, 15 luglio 2018.
  23. ^ Davide Terraneo, Innsbruck 2018, oro Van Vleuten e tripletta olandese nella cronometro femminile élite, su cyclingpro.net, 25 settembre 2018.
  24. ^ La Course 2018, Van Vleuten regina anche in Francia, su cyclingpro.net, 17 luglio 2018.
  25. ^ Davide Terraneo, Strade Bianche 2019, tra le donne si impone Van Vleuten. Quarta la Bastianelli, su cyclingpro.net, 9 marzo 2019.
  26. ^ Giampaolo Almeida, Liegi-Bastogne-Liegi Donne 2019, dominio di Annemiek van Vleuten! Quarta Soraya Paladin, su cyclingpro.net, 28 aprile 2019.
  27. ^ Giulia De Maio, Giro Rosa. Vos fa poker, Van Vleuten fa festa, su tuttobicitech.it, 14 luglio 2019.
  28. ^ Giampaolo Almeida, Giro Rosa 2019, numero in salita della van Vleuten! Tappa e maglia per lei, su cyclingpro.net, 9 luglio 2019.
  29. ^ Giro Rosa 2019, Annemiek Van Vleuten domina anche la cronoscalata, su cyclingpro.net, 10 luglio 2019.
  30. ^ Ciro Scognamiglio, Mondiali donne, straordinaria Van Vleuten: fuga di 105 km per l'oro, su gazzetta.it, 28 settembre 2019.
  31. ^ Brilla l'iride alla Omloop femminile: sul Muur assolo di Van Vleuten. Seconda Bastianelli, su cicloweb.it, 29 febbraio 2020.
  32. ^ Giampaolo Almeida, UCI, stop alle corse fino a luglio (agosto per il World Tour), su cyclingpro.net, 15 aprile 2020.
  33. ^ (EN) Kirsten Frattini, Annemiek van Vleuten wins Emakumeen Nafarroako Klasikoa, su cyclingnews.com, 23 luglio 2020.
  34. ^ Michele Carpani, Clásica Femenina Navarra, bis di Annemiek Van Vleuten davanti a Elisa Longo Borghini, Maria Giulia Confalonieri e Elisa Balsamo, su cyclingpro.net, 24 luglio 2020.
  35. ^ Durango-Durango Emakumeen Saria 2020, altro show di Annemiek Van Vleuten, su cyclingpro.net, 26 luglio 2020.
  36. ^ Strade Bianche 2020, Mavi Garcia prova l'impresa, ma Annemiek Van Vleuten non lascia scampo, su cyclingpro.net, 1º agosto 2020.
  37. ^ Davide Filippi, Europei Plouay 2020, solo Annemiek van Vleuten batte una splendida Elisa Longo Borghini, su cyclingpro.net, 27 agosto 2020.
  38. ^ Van Vleuten, numero ad Arcidosso: conquista tappa e maglia rosa, su gazzetta.it, 12 settembre 2020.
  39. ^ Luca Stamerra, Che botta per la Van Vleuten, è frattura al polso: Giro finito, addio ai Mondiali, su eurosport.it, 18 settembre 2020.
  40. ^ (EN) Annemiek van Vleuten joins the Movistar Team as Blues enter a whole new dimension, su movistarteam.com, 31 agosto 2020.
  41. ^ Davide Terraneo, Dwars door Vlaanderen 2021 donne, Annemiek Van Vleuten batte Niewiadoma allo sprint! Quarta Guazzini, su cyclingpro.net, 31 marzo 2021.
  42. ^ Antonino De Maio, Giro delle Fiandre 2021 Donne, successo in solitaria di Annemiek Van Vleuten. Quarta Elisa Longo Borghini, su cyclingpro.net, 4 aprile 2021.
  43. ^ Davide Filippi, Setmana Valenciana 2021, Annemiek Van Vleuten domina la prima tappa. Quarto posto per Letizia Borghesi, su cyclingpro.net, 6 maggio 2021.
  44. ^ Antonino De Maio, Setmana Ciclista Valenciana 2021, attacco vincente di Urska Zigart con Arianna Fidanza seconda. Annemiek Van Vleuten fa sua la corsa, su cyclingpro.net, 9 maggio 2021.
  45. ^ (EN) Van Vleuten crowns Movistar Team masterpiece in Navarra Classic, su movistarteam.com, 13 maggio 2021.
  46. ^ Tokyo 2020, Annemiek Van Vleuten domina la crono, su cyclingpro.net, 28 luglio 2021.
  47. ^ Davide Filippi, Clasica San Sebastián Donne 2021, dominio di Annemiek Van Vleuten. Terzo posto per Tatiana Guderzo, su cyclingpro.net, 31 luglio 2021.
  48. ^ Davide Filippi, Ladies Tour of Norway 2021, nuovo show di Annemiek Van Vleuten: tappa e maglia per la neerlandese, su cyclingpro.net, 14 agosto 2021.
  49. ^ (EN) Lukas Knöfler, Annemiek van Vleuten wins Ladies Tour of Norway, su cyclingnews.com, 15 agosto 2021.
  50. ^ Challenge By La Vuelta 2021, Annemiek Van Vleuten si prende la cronoscalata. Marlen Reusser resta al comando, su cyclingpro.net, 3 settembre 2021.
  51. ^ Challenge by La Vuelta 2021, altra meraviglia di Annemiek Van Vleuten!, su cyclingpro.net, 4 settembre 2021.
  52. ^ (EN) Daniel Ostanek, Van Vleuten wins the Ceratizit Challenge by La Vuelta, su cyclingnews.com, 5 settembre 2021.
  53. ^ Setmana Valenciana 2022, primo show stagionale di Annemiek Van Vleuten! Terza Marta Cavalli, su cyclingpro.net, 19 febbraio 2022.
  54. ^ Giampaolo Almeida, Setmana Valenciana 2022, ultima tappa a Marta Bastianelli davanti a Elisa Balsamo! Annemiek van Vleuten vince la corsa, su cyclingpro.net, 20 febbraio 2022.
  55. ^ Davide Filippi, Omloop Het Nieuwsblad Donne 2022, altro show di Annemiek Van Vleuten! Battuta Demi Vollering, quarto posto per Elisa Balsamo, su cyclingpro.net, 26 febbraio 2022.
  56. ^ Liegi-Bastogne-Liegi 2022, tra le donne assolo di Annemiek van Vleuten! 5ª e 6ª Longo Borghini e Cavalli, su cyclingpro.net, 24 aprile 2022.
  57. ^ Carlo Filippo Vardelli, Ciclismo, Giro Donne 2022. Chiara Consonni vince l'ultima tappa a Padova, Annemiek van Vleuten regina del Giro, su eurosport.it, 10 luglio 2022.
  58. ^ Francesco Menichincheri, Giro Donne 2022, tappa e maglia per Annemiek Van Vleuten. Terza Marta Cavalli, su cyclingpro.net, 4 luglio 2022.
  59. ^ Riccardo Iacente, Giro d'Italia Donne 2022: Van Vleuten cade ma vince ad Aldeno! Una super Cavalli sale al secondo posto nella generale, su oasport.it, 8 luglio 2022.
  60. ^ Tour donne, l'impresa di Van Vleuten: si prende tappa e maglia gialla, su gazzetta.it, 30 luglio 2022.
  61. ^ Tour donne 2022, trionfa Van Vleuten: tappa e corsa, su gazzetta.it, 31 luglio 2022.
  62. ^ Luca Stamerra, Tour de France Femmes. Annemiek van Vleuten fa doppietta Giro+Tour: dalla Luperini a Somarriba, chi l'aveva già fatto, su eurosport.it, 1º agosto 2022.
  63. ^ Vuelta donne: Balsamo trionfa a Madrid. Van Vleuten, storico tris, su gazzetta.it, 11 settembre 2022.
  64. ^ Giampaolo Almeida, Challenge by La Vuelta 2022, Annemiek Van Vleuten straccia la concorrenza! 2ª Elisa Longo Borghini, su cyclingpro.net, 8 settembre 2022.
  65. ^ Ciro Scognamiglio, Van Vleuten, frattura a un gomito dopo la caduta. In dubbio per sabato, su gazzetta.it, 21 settembre 2022.
  66. ^ Claudio Ghisalberti, Van Vleuten, il capolavoro della donna bionica (col gomito rotto!). Persico terza, su gazzetta.it, 24 settembre 2022.
  67. ^ Van Vleuten non ci ripensa e conferma il ritiro a fine 2023, su quibicisport.it, 6 ottobre 2022.
  68. ^ Gianluca Bruno, La Vuelta Femenina 2023: Annemiek van Vleuten sfida Demi Vollering, Silvia Persico e Marta Cavalli vogliono farsi vedere, su oasport.it, 30 aprile 2023.
  69. ^ Fabio Poncemi, Favoloso duello Vollering-Van Vleuten: Demi stronca l'iridata e si prende la maglia roja, ma la Vuelta è aperta, su mtbi.it, 5 maggio 2023.
  70. ^ Gianluca Bruno, Demi Vollering fa polemica: "Stavo facendo la pipì e mi hanno attaccata, vergogna!", su oasport.it, 7 maggio 2023.
  71. ^ Vuelta,che spettacolo! Vollering attacca, Van Vleuten si salva per 9 secondi, Realini sul podio, su tuttobiciweb.it, 7 maggio 2023.
  72. ^ Luca Gialanella, Van Vleuten, il poker al Giro della regina del ciclismo: a 40 anni nessuna come lei, su gazzetta.it, 9 luglio 2023.
  73. ^ Luca Gialanella, Giro Donne, Van Vleuten vince la prima tappa e si prende la maglia rosa, su gazzetta.it, 1º luglio 2023.
  74. ^ Davide Romani, Giro donne: Van Vleuten show. Vittoria di tappa e rosa blindata, su gazzetta.it, 5 luglio 2023.
  75. ^ Ciro Scognamiglio, Giro Donne, ancora a segno Van Vleuten. Realini sale al terzo posto, su gazzetta.it, 6 luglio 2023.
  76. ^ Tour de France donne, Van Vleuten da battere. Longo Borghini ci prova, su gazzetta.it, 23 luglio 2023.
  77. ^ (EN) Kirsten Frattini, Van Vleuten loses time in first test against Vollering at Tour de France Femmes, su cyclingnews.com, 26 luglio 2023.
  78. ^ Luca Gialanella, Tour donne, nella nebbia del Tourmalet la Vollering trova vittoria e maglia gialla. Crollo Van Vleuten, su gazzetta.it, 29 luglio 2023.
  79. ^ Rachel Jary, TDFF 2023. La vittoria di Demi Vollering al Tourmalet apre un nuovo capitolo per il ciclismo femminile, su rouleur.it, 30 luglio 2023.
  80. ^ Luca Gialanella, Tour de France, trionfo finale dell'olandese Vollering; sul podio Kopecky e Niewiadoma, su gazzetta.it, 30 luglio 2023.
  81. ^ L'ultimo mondiale di Van Vleuten: "Un bel modo per dire addio", su cicloweb.it, 14 agosto 2023.
  82. ^ La stoccata di Ludwig non basta: Van Vleuten vince il Tour of Scandinavia, su cicloweb.it, 27 agosto 2023.
  83. ^ Francesca Monzone, L'addio di Annemiek van Vleuten: «Ora vorrei insegnare lo sport ai giovani», su tuttobiciweb.it, 11 settembre 2023.
  84. ^ (NL) Koning Willem Alexander benoemt Van Vleuten tot Ridder in de Orde van Oranje Nassau, su sportnieuws.nl, 3 dicembre 2018.
  85. ^ (NL) Dumoulin en Van Vleuten tot wielrenners van het jaar verkozen, su teamnl.org, 4 dicembre 2017.
  86. ^ (NL) Daan Hakkenberg, Van der Poel en Van Vleuten gekroond tot beste van 2019, su gelderlander.nl, 20 novembre 2019.
  87. ^ (NL) Annemiek van Vleuten is wielrenster van het jaar 2021, su wielerflits.nl, 20 dicembre 2021.
  88. ^ (NL) Dylan van Baarle en Annemiek van Vleuten zijn wielrenners van het jaar in Nederland, su nieuwsblad.be, 19 dicembre 2022.
  89. ^ (NL) Stijn Joris, Onverwoestbare Annemiek Van Vleuten bekroont jaar met Internationale Flandrienne, su nieuwsblad.be, 18 ottobre 2022.
  90. ^ Vélo d'Or 2022, trionfo di Remco Evenepoel e Annemiek Van Vleuten, su cyclingpro.net, 1º dicembre 2022.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]