Amanda Spratt

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Amanda Spratt
20180929 UCI Road World Championships Innsbruck Women Elite Road Race Amanda Spratt 850 8231.jpg
Amanda Spratt ai campionati del mondo 2018
Nazionalità Australia Australia
Altezza 161 cm
Peso 55 kg
Ciclismo Cycling (road) pictogram.svg
Specialità Strada, pista
Squadra Mitchelton
Carriera
Squadre di club
2012-2017Orica
2018-Mitchelton
Nazionale
2010- Australia Australia
Palmarès
Gnome-emblem-web.svg Mondiali su strada
Bronzo Toscana 2013 Cronosq.
Argento Ponferrada 2014 Cronosq.
Argento Innsbruck 2018 In linea
Statistiche aggiornate al febbraio 2019

Amanda Spratt (Penrith, 17 settembre 1987) è una ciclista su strada e pistard australiana che corre per il team Mitchelton-Scott. Attiva tra le Elite dal 2007, ha vinto due titoli nazionali in linea, nel 2012 e nel 2016[1], e la medaglia d'argento in linea ai campionati del mondo 2018.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Originaria del Nuovo Galles del Sud, comincia a gareggiare nel ciclismo, precisamente in BMX, all'età di nove anni[2]. Passata alle gare su strada, nel 2004 si aggiudica la medaglia di bronzo nella cronometro Juniores ai campionati del mondo di Verona.

Debutta tra le Elite nel 2007 vincendo il titolo oceaniano nella corsa a punti[2]. Nel 2010 viene convocata per la prima volta per la gara in linea Elite dei campionati del mondo, ma non conclude la prova; nel 2011 vince invece la classifica generale del Tour de Feminin-O cenu Českého Švýcarska in Repubblica Ceca. Nel 2012 debutta da professionista con la formazione UCI Orica-AIS e si laurea campionessa nazionale in linea vincendo in solitaria la corsa[2]; in estate partecipa anche alla gara in linea dei Giochi olimpici di Londra, ma conclude fuori tempo massimo. Nel 2013 si classifica quarta al Trofeo Alfredo Binda e terza, con le compagne dell'Orica-AIS, nella cronometro a squadre dei campionati del mondo di Firenze: migliora il piazzamento nella successiva rassegna iridata a Ponferrada, vincendo la medaglia d'argento[2].

Nel 2015 si aggiudica il Giro del Trentino-Alto Adige/Südtirol e ottiene alcuni piazzamenti di tappa al Thüringen Rundfahrt[2]. L'anno dopo vince per la seconda volta il titolo nazionale in linea, precedendo in volata Ruth Corset, nonché la Cadel Evans Great Ocean Road Race in patria[2].

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Strada[modifica | modifica wikitesto]

Grand Prix de Beauraing
2ª tappa, 2ª semitappa Ronde de Bourgogne
1ª tappa Tour de Feminin-O cenu Českého Švýcarska (Krásná Lípa > Krásná Lípa)
Classifica generale Tour de Feminin-O cenu Českého Švýcarska
  • 2012 (Orica-AIS, due vittorie)
4ª tappa Jayco Bay Classic
Campionati australiani, Prova in linea
  • 2014 (Orica-AIS, una vittoria)
2ª tappa Santos Women's Cup
  • 2015 (Orica-AIS, una vittoria)
Giro del Trentino-Alto Adige/Südtirol
  • 2016 (Orica-AIS, tre vittorie)
Campionati australiani, Prova in linea
Cadel Evans Great Ocean Road Race
6ª tappa Thüringen Rundfahrt (Schleiz > Schleiz)
  • 2017 (Orica-Scott, tre vittorie)
1ª tappa Santos Tour (Hahndorf > Meadows)
Classifica generale Santos Tour
2ª tappa Emakumeen Bira (Markina-Xemein > Markina-Xemein)
  • 2018 (Mitchelton-Scott, sei vittorie)
3ª tappa Santos Tour (The Bend Motorsport Park > Hahndorf)
Classifica generale Santos Tour
4ª tappa Emakumeen Bira (Iurreta > Iurreta)
Classifica generale Emakumeen Bira
Grand Prix Cham-Hagendorn
6ª tappa Giro d'Italia (Sovico > Gerola Alta)
  • 2019 (Mitchelton-Scott, due vittorie)
2ª tappa Tour Down Under (Nuriootpa > Angaston)
Classifica generale Tour Down Under

Altri successi[modifica | modifica wikitesto]

  • 2018 (Mitchelton-Scott)
Classifica scalatrici Santos Tour
Classifica scalatrici Giro d'Italia

Pista[modifica | modifica wikitesto]

Campionati australiani, Inseguimento a squadre (con Skye Lee Armstrong e Toireasa Gallagher)
Campionati oceaniani, Corsa a punti

Piazzamenti[modifica | modifica wikitesto]

Grandi Giri[modifica | modifica wikitesto]

2012: non partita (9ª tappa)
2013: 23ª
2014: 45ª
2015: non partita (6ª tappa)
2017: 5ª
2018: 3ª

Competizioni mondiali[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Amanda Spratt, su Greenedgecycling.com. URL consultato il 23 aprile 2016.
  2. ^ a b c d e f (EN) Amanda Spratt, su Cycling.org.au. URL consultato il 23 aprile 2016 (archiviato dall'url originale il 24 giugno 2016).

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]