Anna van der Breggen

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Anna van der Breggen
Anna van der Breggen - Rio 2016 - Women's road race (29178482255) (cropped).jpg
Anna van der Breggen ai Giochi di Rio de Janeiro 2016
Nazionalità Paesi Bassi Paesi Bassi
Altezza 167 cm
Peso 56 kg
Ciclismo Cycling (road) pictogram.svg
Specialità Strada, ciclocross
Squadra Boels-Dolmans
Carriera
Squadre di club
2009Team Flexpoint
2010-2011WV Noordwesthoek
2012-2013Sengers LCT
2014-2016Rabo
2017-Boels-Dolmans
Nazionale
2012- Paesi Bassi Paesi Bassi
Palmarès
Olympic flag.svg Giochi olimpici
Oro Rio de Janeiro 2016 In linea
Bronzo Rio de Janeiro 2016 Cronometro
Gnome-emblem-web.svg Mondiali su strada
Bronzo Richmond 2015 Cronosq.
Argento Richmond 2015 Crono
Argento Richmond 2015 In linea
Wikiproject Europe (small).svg Europei su strada
Oro Goes 2012 Crono U23
Argento Plumelec 2016 Crono Elite
Oro Plumelec 2016 In linea Elite
Statistiche aggiornate al agosto 2017

Anna van der Breggen (Zwolle, 18 aprile 1990) è una ciclista su strada e ciclocrossista olandese che corre per il team Boels-Dolmans. Scalatrice e specialista delle cronometro[1], in carriera ha vinto due Giri d'Italia e l'oro olimpico su strada ai Giochi di Rio de Janeiro 2016.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Gli esordi[modifica | modifica wikitesto]

Comincia a gareggiare nel ciclismo nel 1998[1]. Nel 2009 viene messa sotto contratto dal Team Flexpoint, sodalizio UCI con cui gareggia per la prima volta alle gare di Coppa del mondo, al Giro d'Italia e al Thüringen Rundfahrt. Dopo due stagioni di crescita in una formazione non UCI, la WV Noordwesthoek (corre spesso con i colori delle selezioni olandesi), nel 2012 passa al team Sengers Ladies. Durante l'annata ottiene le prime vittorie internazionali—tre tappe e la classifica finale al Tour de Bretagne, una frazione al Tour en Limousin ma soprattutto il titolo europeo a cronometro Under-23 nella rassegna continentale svoltasi a Goes—e chiude inoltre quinta nella prova in linea dei campionati del mondo di Valkenburg. Nel 2013, pur confermandosi tra le migliori atlete a livello mondiale, non ottiene vittorie: è quarta alla Freccia Vallone, all'Emakumeen Euskal Bira e al Thüringen Rundfahrt, terza al Grand Prix de Plouay e quarta in linea ai campionati del mondo di Firenze.

2014-2016: le vittorie alla Rabo-Liv[modifica | modifica wikitesto]

Trasferitasi alla forte Rabo-Liv (la squadra di Marianne Vos) per il 2014, torna al successo nella primavera di quell'anno, aggiudicandosi prima la Dwars door de Westhoek e poi la classifica finale del Festival Luxembourgeois Elsy Jacobs; in marzo era stata anche seconda al Ronde van Drenthe e quarta al Trofeo Alfredo Binda, gare di Coppa del mondo. Nella seconda parte di stagione conclude terza al Giro d'Italia, su un podio finale monopolizzato dalla Rabo-Liv (vince Vos davanti a Pauline Ferrand-Prévot), e conquista quindi una tappa e la graduatoria generale del Tour of Norway, e una frazione al Belgium Tour, in cui chiude seconda.

Confermata in maglia Rabo-Liv, nella prima parte del 2015 ottiene numerosi risultati di livello: fa suoi l'Omloop Het Nieuwsblad, due tappe all'Energiewacht Tour, la Freccia Vallone, ancora la classifica finale del Festival Luxembourgeois Elsy Jacobs e il titolo nazionale a cronometro, e si classifica inoltre terza al Trofeo Alfredo Binda, al Giro delle Fiandre e nella prova su strada dei Giochi europei di Baku. In luglio riesce quindi a conquistare il prestigioso Giro d'Italia—in quella corsa, dopo essere stata seconda per diverse tappe, si aggiudica la cronometro finale di Nebbiuno strappando la maglia rosa a Megan Guarnier—mentre due settimane dopo fa sua la Course by Le Tour de France sugli Champs-Élysées di Parigi. In settembre ai campionati del mondo su strada di Richmond conquista infine due medaglie d'argento individuali, sia a cronometro che in linea (battuta da Linda Villumsen e da Elizabeth Deignan, rispettivamente), oltre al bronzo nella cronometro a squadre.

Nel 2016, dopo alcuni piazzamenti nelle classiche di primavera, si aggiudica l'Omloop van de IJsseldelta e la sua seconda Freccia Vallone; al Giro d'Italia, dopo un inizio non brillante, riesce a rimontare, anche grazie alla seconda piazza nella cronometro di Varazze, fino al terzo posto finale. Dopo il Giro si presenta al via delle due prove olimpiche di ciclismo a Rio de Janeiro: nella gara in linea è brava a rimanere nel quartetto di testa e infine a prevalere in una volata a tre su Emma Johansson e Elisa Longo Borghini, conquistando l'oro olimpico[2], mentre in quella a cronometro fa sua la medaglia di bronzo. Forte della forma dimostrata, in settembre ai campionati europei su strada di Plumelec si aggiudica l'argento nella gara a cronometro, battuta dalla connazionale Ellen van Dijk, e la medaglia d'oro nella prova in linea, precedendo in una volata ristretta Katarzyna Niewiadoma e ancora Longo Borghini.

Dal 2017: Boels-Dolmans[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2017 lascia dopo tre anni la Rabo-Liv e, come annunciato nel luglio precedente, va a rinforzare le file della squadra n. 1 al mondo, l'olandese Boels-Dolmans[3]. In primavera, dopo il secondo posto allo Healthy Ageing Tour, fa sue le tre gare del nuovo trittico delle Ardenne femminile: nell'arco di una settimana conquista infatti l'Amstel Gold Race (prima edizione dopo tredici anni di interruzione), la Freccia Vallone per la terza volta consecutiva e infine la prima storica edizione della Liegi-Bastogne-Liegi femminile[4]. Dopo l'exploit nelle Ardenne vola in Stati Uniti e conquista, pur senza vittoria di tappa, la classifica finale del Tour of California (valido per il Women's World Tour). Rientrata in Europa, è protagonista anche al Giro d'Italia: nella "Corsa rosa" veste il simbolo del primato già al termine della seconda tappa, e, nonostante gli attacchi di Longo Borghini e della connazionale Annemiek van Vleuten, riesce a mantenere la leadership fino a Torre del Greco, sede d'arrivo finale, conquistando, pur senza vittorie individuali parziali, il suo secondo Giro d'Italia[5].

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Strada[modifica | modifica wikitesto]

  • 2012 (Sengers Ladies Cycling Team, sei vittorie)
1ª tappa Tour de Bretagne (Radenac > Mohon)
2ª tappa Tour de Bretagne (Yffiniac, cronometro)
4ª tappa Tour de Bretagne (Plonéour-Lanvern > Dinéault)
Classifica generale Tour de Bretagne
2ª tappa Tour en Limousin (Bourganeuf > Bosmoreau-les-Mines)
Campionati europei, prova a cronometro Under-23
  • 2014 (Rabo-Liv Women Cycling Team, sette vittorie)
Dwars door de Westhoek
1ª tappa Festival Luxembourgeois Elsy Jacobs (Garnich > Garnich)
Classifica generale Festival Luxembourgeois Elsy Jacobs
Omloop van de IJsseldelta
1ª tappa Tour of Norway (Strömstad > Halden)
Classifica generale Tour of Norway
4ª tappa Belgium Tour (Geraardsbergen > Geraardsbergen)
  • 2015 (Rabo-Liv Women Cycling Team, undici vittorie)
Omloop Het Nieuwsblad
Prologo Energiewacht Tour (Winsum, cronometro)
5ª tappa Energiewacht Tour (Borkum > Borkum)
Freccia Vallone
1ª tappa Festival Luxembourgeois Elsy Jacobs (Garnich, cronometro)
Classifica generale Festival Luxembourgeois Elsy Jacobs
Campionati olandesi, prova a cronometro
8ª tappa Giro d'Italia (Pisano > Nebbiuno, cronometro)
Classifica generale Giro d'Italia
La course by Le Tour de France
4ª tappa Belgium Tour (Lierde > Geraardsbergen)
  • 2016 (Rabo-Liv Women Cycling Team, quattro vittorie)
Omloop van de IJsseldelta
Freccia Vallone
Giochi olimpici, prova in linea
Campionati europei, prova in linea Elite
  • 2017 (Boels-Dolmans Cycling Team, cinque vittorie)
Amstel Gold Race
Freccia Vallone
Liegi-Bastogne-Liegi
Classifica generale Tour of California
Classifica generale Giro d'Italia

Altri successi[modifica | modifica wikitesto]

  • 2012 (Sengers Ladies Cycling Team)
Classifica a punti Tour de Bretagne
Classifica giovani Tour de Bretagne
Classifica giovani Tour en Limousin
2ª tappa, 2ª semitappa Trophée d'Or (Orval, cronosquadre)
  • 2014 (Rabo-Liv Women Cycling Team)
Classifica scalatrici Emakumeen Euskal Bira
Classifica a punti Tour of Norway
2ª tappa Belgium Tour (Blaugies > Warquignies, cronosquadre)
Classifica scalatrici Belgium Tour
  • 2015 (Rabo-Liv Women Cycling Team)
Open de Suède Vargarda TTT
Classifica scalatrici Belgium Tour
  • 2017 (Boels-Dolmans Cycling Team)
2ª tappa Healthy Ageing Tour (Baflo, cronosquadre)
1ª tappa Giro d'Italia (Aquileia > Grado, cronosquadre)
Vargarda UCI Women's WorldTour TTT (cronosquadre)

Ciclocross[modifica | modifica wikitesto]

Veldrit Ureterp (Ureterp)
Rabobank Veldrit Boxtel (Boxtel)
Kerstveldrit (Reusel)
Rabobank Veldrit Boxtel (Boxtel)
Rabobank Veldrit Boxtel (Boxtel)
Kerstveldrit (Reusel)
Centrumcross (Surhuisterveen)

Piazzamenti[modifica | modifica wikitesto]

Grandi Giri[modifica | modifica wikitesto]

2009: non partita (5ª tappa)
2010: 43ª
2011: 89ª
2012: 22ª
2013: 18ª
2014: 3ª
2015: vincitrice
2016: 3ª
2017: vincitrice

Competizioni mondiali[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b (EN) Anna van der Breggen, su Boelsdolmanscyclingteam.com. URL consultato il 20 agosto 2017.
  2. ^ Rio2016: Ciclismo Donne. Oro a Van der Breggen, bronzo a Longo Borghini, su Corrieredellosport.it. URL consultato il 20 agosto 2017.
  3. ^ (EN) Boels-Dolmans announce Anna van der Breggen signing, su Cyclingnews.com, 5 luglio 2016. URL consultato il 20 agosto 2017.
  4. ^ Van der Breggen è l’Embatida, su Cicloweb.it, 23 aprile 2017. URL consultato il 20 agosto 2017.
  5. ^ GiroRosa, trionfa la Van der Breggen: Longo Borghini seconda a 1’03”, su Gazzetta.it, 9 luglio 2017. URL consultato il 20 agosto 2017.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]