Lucinda Brand

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Lucinda Brand
Lucinda Brand - 2018 UEC European Road Cycling Championships (Women's road race).jpg
Lucinda Brand (2018)
Nazionalità Paesi Bassi Paesi Bassi
Altezza 168[1] cm
Peso 57[1] kg
Ciclismo Cycling (road) pictogram.svg
Specialità Strada, ciclocross
Squadra Trek-Segafredo
Carriera
Squadre di club
2009-2010Leontien.nl
2011-2012AA Drink
2013-2016Rabo
2017-2019Sunweb
2020-Trek-Segafredo
Nazionale
2011-Paesi Bassi Paesi Bassistrada
2017-Paesi Bassi Paesi Bassicross
Palmarès
Gnome-emblem-web.svg Mondiali su strada
Bronzo Limburgo 2012 Cronosq.
Argento Toscana 2013 Cronosq.
Bronzo Richmond 2015 Cronosq.
Oro Bergen 2017 Cronosq.
Bronzo Innsbruck 2018 Cronosq.
Bronzo Yorkshire 2019 Staffetta
Gnome-emblem-web.svg Mondiali di ciclocross
Bronzo Valkenburg 2018 Elite
Argento Bogense 2019 Elite
Bronzo Dübendorf 2020 Elite
Statistiche aggiornate al marzo 2020

Lucinda Brand (Dordrecht, 2 luglio 1989[1]) è una ciclista su strada e ciclocrossista olandese che corre per il team Trek-Segafredo. Professionista su strada dal 2009, ha vinto due titoli nazionali in linea, nel 2013 e nel 2015, e tre tappe al Giro d'Italia; nel ciclocross è stata medaglia di bronzo ai campionati del mondo 2018 e 2020, e d'argento nel 2019.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Comincia a gareggiare nel ciclismo all'età di otto anni[1], e nel 2008 è tra le file del club dilettantistico RSC De Zuidwesthoek. Debutta tra le Elite nel 2009 con la Leontien.nl[1], squadra Women's diretta da Michael Zijlaard: in stagione si aggiudica una corsa nei Paesi Bassi, la Heuvelland Classic, e partecipa ad alcune gare di Coppa del mondo nonché al Tour de l'Aude. Nel 2010 si classifica quarta ai campionati nazionali e prende parte per la prima volta al Giro d'Italia, ma non ottiene successi; l'anno dopo si piazza terza nella prova in linea Under-23 dei campionati europei di Offida[2] nonché, in maglia AA Drink-Leontien.nl, terza nella tappa alpina con arrivo a Grosotto al Giro d'Italia. Nello stesso anno viene convocata in Nazionale per la gara in linea Elite dei campionati del mondo a Copenaghen.

Nel 2012 si classifica quarta alla Freccia Vallone (prova di Coppa del mondo), sesta all'Emakumeen Euskal Bira e terza in linea ai campionati olandesi. Tra luglio e agosto torna anche al successo facendo sue una tappa al Tour en Limousin e una alla Route de France, mentre nel finale di stagione contribuisce al terzo posto della sua AA Drink-Leontien.nl nella cronometro a squadre dei campionati del mondo nel Limburgo[2]. Per il 2013 passa tra le file del quotato team Rabobank Women. Durante l'anno ottiene il terzo posto all'Omloop van Borsele e il successo in solitaria ai campionati nazionali in linea davanti alle compagne di squadra Marianne Vos e Annemiek van Vleuten[3]; coglie poi due secondi posti di tappa al Thüringen Rundfahrt, il terzo finale al Trophée d'Or e conclude quindi ancora a podio, questa volta seconda, nella cronometro a squadre dei campionati del mondo in Toscana con la sua Rabobank[2].

Nel 2014 si aggiudica una tappa e la graduatoria finale dell'Energiewacht Tour e si classifica seconda ai campionati nazionali in linea, battuta da Iris Slappendel, e terza nella tappa di Jesi al Giro d'Italia. Il 30 agosto, con un attacco solitario portato negli ultimi chilometri di corsa, riesce a conquistare il Grand Prix de Plouay, ultima prova di Coppa del mondo, precedendo le compagne di squadra Marianne Vos e Pauline Ferrand-Prévot[4]. L'anno seguente, dopo il quarto posto nella Ronde van Drenthe Worldcup, ottiene un successo di tappa e il quarto posto finale all'Energiewacht Tour. In giugno si laurea per la seconda volta campionessa nazionale, vincendo in solitaria, come già nel 2013, la prova in linea, mentre in luglio fa sue due tappe al Giro d'Italia, la terza a Mantova in volata ristretta e la settima a Loano in solitaria dopo un attacco in discesa da Naso di Gatto[5][6]. Nella stessa estate è seconda allo Sparkassen Giro Bochum, vince la cronometro a squadre di Vargarda con la Rabo-Liv e si piazza quarta nella gara individuale, chiudendo così quinta nella classifica di Coppa del mondo.

Nella prima parte del 2016, sempre in maglia Rabo-Liv, si piazza quinta all'Omloop van het Hageland, terza alla Gand-Wevelgem e sesta nella classifica finale dell'Energiewacht Tour. Dopo aver corso il Giro d'Italia, è quarta alla Prudential Ride London Grand Prix, e a seguire, tra agosto e settembre, ottiene le prime vittorie della sua stagione: vince infatti l'Erondegemse Pijl, una tappa e la graduatoria finale del Tour of Norway e una frazione del Belgium Tour (in cui chiude terza assoluta). A fine anno lascia la Rabo-Liv per gareggiare nel Team Sunweb.

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Strada[modifica | modifica wikitesto]

  • 2009 (Leontien.nl, una vittoria)
Heuvelland Classic
  • 2012 (AA Drink-Leontien.nl Cycling Team, due vittorie)
3ª tappa Tour en Limousin (Vallière > Vallière)
3ª tappa Route de France (Nœux-les-Mines > Tergnier)
  • 2013 (Rabobank Women Cycling Team, una vittoria)
Campionati olandesi, Prova in linea
  • 2014 (Rabo-Liv Women Cycling Team, tre vittorie)
4ª tappa Energiewacht Tour (Eemsmond > Eemsmond)
Classifica generale Energiewacht Tour
Grand Prix de Plouay
  • 2015 (Rabo-Liv Women Cycling Team, quattro vittorie)
2ª tappa, 2ª semitappa Energiewacht Tour (Westerkwartier > Westerkwartier)
Campionati olandesi, Prova in linea
3ª tappa Giro d'Italia (Curtatone > Mantova)
7ª tappa Giro d'Italia (Arenzano > Loano)
  • 2016 (Rabo-Liv Women Cycling Team, quattro vittorie)
Erondegemse Pijl
2ª tappa Tour of Norway (Mysen > Mysen)
Classifica generale Tour of Norway
1ª tappa Belgium Tour (Moorslede > Moorslede)
  • 2017 (Team Sunweb, una vittoria)
Omloop Het Nieuwsblad

Altri successi[modifica | modifica wikitesto]

Berkelse Wielerdag (criterium)
  • 2014 (Rabo-Liv Women Cycling Team)
Paardenmarktronde van Alblasserdam (derny)
2ª tappa Belgium Tour (Blaugies > Warquignies, cronosquadre)
  • 2015 (Rabo-Liv Women Cycling Team)
Women World Cup Vargarda TTT (cronosquadre)
Classifica a punti Holland Tour
Campionati del mondo, Cronosquadre
1ª tappa Giro d'Italia (Verbania > Verbania, cronosquadre)
Prologo Tour of Norway (Aremark > Fortezza di Fredriksten, cronosquadre)
1ª tappa Madrid Challenge by La Vuelta (Boadilla del Monte > Boadilla del Monte, cronosquadre)
Classifica scalatrici Holland Tour
Classifica a punti Madrid Challenge by La Vuelta
Campionati del mondo, Staffetta mista

Ciclocross[modifica | modifica wikitesto]

Cyclo-Cross Bakel (Bakel)
Kerstveldrit (Reusel)
Nacht van Woerden (Woerden)
Zilvermeercross (Mol)
Waaslandcross (Sint-Niklaas)
Campionati olandesi, gara Elite
Cyklokros Tábor (Tábor, 4ª prova Coppa del mondo)
Druivencross (Overijse)
Cyclo-cross de la Citadelle (Namur, 6ª prova Coppa del mondo)
Azencross (Loenhout, 5ª prova IJsboerke Ladies Trophy)
Versluys Cyclocross (Bredene)
Campionati olandesi, gara Elite
Grote Prijs Adrie van der Poel (Hoogerheide, 9ª prova Coppa del mondo)
  • 2019-2020 (Team Sunweb/Trek-Segafredo, cinque vittorie)
Jaarmarktcross (Niel)
Urban Cross (Kortrijk, 3ª prova DVV Verzekeringen Trofee)
Cyclo-cross de la Citadelle (Namur, 6ª prova Coppa del mondo)
Grote Prijs Eric De Vlaeminck (Heusden-Zolder, 7ª prova Coppa del mondo)
Grote Prijs Adrie van der Poel (Hoogerheide, 9ª prova Coppa del mondo)

Piazzamenti[modifica | modifica wikitesto]

Grandi Giri[modifica | modifica wikitesto]

2010: 35ª
2011: 15ª
2012: 21ª
2013: 32ª
2014: 22ª
2015: 14ª
2016: 62ª
2017: 7ª
2018: 4ª
2019: 6ª

Competizioni mondiali[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e (NL) Lucinda Brand, su Raboliv.com. URL consultato il 3 settembre 2015 (archiviato dall'url originale il 24 settembre 2015).
  2. ^ a b c (EN) Lucinda Brand, su Weraceshimano.com. URL consultato il 3 settembre 2015 (archiviato dall'url originale il 4 marzo 2016).
  3. ^ (EN) Brand leads Rabo-Liv Giant sweep of Dutch championship, in Cyclingnews.com, 22 giugno 2013. URL consultato il 3 settembre 2015.
  4. ^ Podio tutto Rabo Liv al GP de Plouay. Lucinda Brand precede Vos e Ferrand-Prévot. Ratto 4a, Longo Borghini 7a, in Cicloweb.it, 30 agosto 2014. URL consultato il 3 settembre 2015 (archiviato dall'url originale il 23 settembre 2015).
  5. ^ Il Giro Rosa nel Mantovano, trionfo dell'olandese Lucinda Brand, in Gazzettadimantova.it, 6 luglio 2015. URL consultato il 3 settembre 2015.
  6. ^ Giro Rosa, Brand concede il bis a Loano, in Gazzetta.it, 10 luglio 2015. URL consultato il 3 settembre 2015.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]