Ceylin del Carmen Alvarado

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Ceylin del Carmen Alvarado
2020 Brussel Cyclocross Alvarado2.jpg
Ceylin del Carmen Alvarado al Brussels Universities Cyclocross 2020
Nazionalità Paesi Bassi Paesi Bassi
Ciclismo Cycling (road) pictogram.svg
Specialità Ciclocross, strada
Squadra Alpecin-Fenix
Ciclismo Mundial
Carriera
Squadre di club
2016-2017Kleur Op Matcross
2018-2019Corendon-Circuscross
2019Restore Cycling Teamstrada
2020-Alpecin-Fenixcross
2020-Ciclismo Mundialstrada
Palmarès
Gnome-emblem-web.svg Mondiali di ciclocross
Argento Valkenburg 2018 Under-23
Bronzo Bogense 2019 Under-23
Oro Dübendorf 2020 Elite
Wikiproject Europe (small).svg Europei di ciclocross
Oro 's-Hertogenbosch 2018 Under-23
Oro Silvelle 2019 Under-23
Oro 's-Hertogenbosch 2020 Elite
Statistiche aggiornate al novembre 2020

Ceylin del Carmen Alvarado (Cabrera, 6 agosto 1998) è una ciclocrossista e ciclista su strada olandese di origine dominicana. Specialista del ciclocross, gareggia per la squadra belga Alpecin-Fenix.

Cenni biografici[modifica | modifica wikitesto]

Nata a Cabrera, nella Repubblica Dominicana, si trasferisce nei Paesi Bassi all'età di cinque anni[1] insieme a sua madre e al fratello minore Salvador, raggiungendo il padre, già stabilitosi in Europa.

Anche il fratello Salvador (nato nel 2002), è attivo nel ciclocross.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Gli esordi[modifica | modifica wikitesto]

Alvarado inizia a praticare ciclismo, su suggerimento del padre, tra le file della società Rotterdam Cycling Combination AHOY.[2]

Nel gennaio 2016 conquista l'argento ai campionati olandesi junior di Sint-Michielsgestel, battuta solo da Fleur Nagengast.[3] Nel settembre dello stesso anno entra a far parte del team ciclocrossistico belga Kleur Op Maat;[4] vince anche la sua prima gara tra le Elite, a Fengtai in Cina. Nel gennaio 2017, al termine della prima stagione tra le Under-23, è settima nella gara di categoria ai campionati del mondo di Bieles, a poco più di due minuti dalla vincitrice Annemarie Worst.[5]

Il 24 ottobre 2017 coglie il primo podio Elite nella Nacht van Woerden, chiudendo terza.[6] A fine 2017 lascia la Kleu Op Mat per firmare un contratto triennale con la più quotata Beobank-Corendon, la formazione di Sanne Cant e Mathieu van der Poel.[7] Ai successivi campionati del mondo 2018 sul Cauberg a Valkenburg vince l'argento nella gara Under-23, battuta da Evie Richards.[8]

Dal 2018: l'affermazione e il titolo mondiale[modifica | modifica wikitesto]

Alvarado in azione al Cyclo-cross de la Citadelle 2019

Nella stagione 2018-2019 si impone come una delle migliori crossiste a livello mondiale. Il 4 novembre vince il titolo europeo Under-23 a 's-Hertogenbosch, precedendo le connazionali Inge van der Heijden e Fleur Nagengast.[9] Il 6 gennaio 2019 vince la prima edizione del Brussels Universities Cyclocross[10], valido per il Sack Zelfbouw Ladies Trophy: è questo il suo primo successo in una prova di uno dei tre principali circuiti del cross (Coppa del mondo, Superprestige, Sack Zelfbouw Ladies Trophy). Sette giorni dopo conquista il titolo nazionale Under-23 a Huijbergen, battendo ancora Nagengast e Van der Heijden.[11] Grande favorita al campionati del mondo Under-23 del 3 febbraio a Bogense, è debilitata da un malanno nei giorni precedenti, e, non al meglio della forma, deve accontentarsi del terzo posto dietro alle connazionali Van der Heijden e Nagengast.[12]

Nella stagione 2019-2020, Alvarado si afferma definitivamente. A novembre a Silvelle diventa campionessa europea Under-23 per il secondo anno consecutivo.[13] Nel corso dell'annata, inoltre, conquista il Sack Zelfbouw Ladies Trophy, vincendo cinque delle otto prove in programma, vale a dire l'Hotondcross di Ronse, l'Azencross di Loenhout, il Grote Prijs Sven Nys di Baal, il Brussels Universities Cyclocross di Bruxelles e il Krawatencross di Lille; conquista anche il Superprestige, facendo sue tre delle sette prove disputate, a Gieten, Ruddervoorde e Middelkerke. In Coppa del mondo, pur trionfando nel Duinencross di Koksijde, conclude invece seconda in classifica generale. In testa alla classifica di Coppa prima dell'ultima prova, il Grote Prijs Adrie van der Poel di Hoogerheide, poco prima del traguardo finale della gara è vittima di una caduta, dovendo chiudere al sesto posto; la rivale Annemarie Worst, che le doveva recuperare appena cinque punti, riesce a superarla e con il secondo posto di giornata, si aggiudica la Coppa del mondo. Il 12 gennaio 2020 Alvarado si laurea anche campionessa nazionale Elite, in quel di Rucphen, vincendo la gara in solitaria davanti a Worst e Brand, e a fine mese prolunga il contratto con il suo team, divenuto Alpecin-Fenix[14], fino a febbraio 2024. Il 1º febbraio seguente prende parte alla prova Elite dei campionati del mondo di Dübendorf, conquistando il suo primo titolo iridato allo sprint davanti a Worst.

Inizia la stagione 2020-2021 con i successi a Gieten e Ruddervoorde (gare del Superprestige); il 7 novembre 2020 a 's-Hertogenbosch si aggiudica quindi il suo primo titolo europeo Elite precedendo al traguardo le connazionali Annemarie Worst e Lucinda Brand.

Palmares[modifica | modifica wikitesto]

Stagione Coppa del mondo Superprestige Soudal Ladies Trophy Mondiali Europei Campionati nazionali Altri cross Vittorie Elite
2015-2016 28ª (U23) - (U23) 0
2016-2017 (U23) DNF (U23) (U23) Fengtai 1
2017-2018 (U23) (U23) DNF (U23) 0
2018-2019 Bruxelles (U23) Vincitrice (U23) Vincitrice (U23) 1
2019-2020 Koksijde Gieten, Ruddervoorde, Middelkerke, Classifica finale Ronse, Loenhout, Baal, Bruxelles, Lille, Classifica finale Vincitrice (Elite) Vincitrice (U23) Vincitrice (Elite) Meulebeke, Neerpelt, Gullegem, Hulst 15
totale 1 3 6 1 0 1 5 17

Note[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]