Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui

Commissario Basettoni

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Adamo Basettoni)
Commissario Adamo Basettoni
UniversoDisney
Nome orig.Chief Seamus O'Hara
Lingua orig.Inglese
AutoreFloyd Gottfredson
EditoreThe Walt Disney Company
1ª app.20 maggio 1939
Voci orig.
Voce italianaMauro Bosco (DuckTales - Avventure di paperi, Mickey Mouse Works, House of Mouse - Il Topoclub)
SessoMaschio
Data di nascita29 febbraio

Adamo Basettoni (Chief Seamus O'Hara), meglio noto come il commissario Basettoni, è un personaggio dei fumetti della Disney[1]. Ideato da Floyd Gottfredson, esordisce nel 1939 sulle strisce giornaliere di Topolino, nella storia Topolino e il mistero di Macchia Nera[1][2] mentre sui comic book esordisce nella collana Four Color nel novembre 1947 nella storia Topolino nell'isola di Spettro di Bill Wright. È apparso come protagonista o comprimario in migliaia di storie a fumetti realizzate in vari paesi del mondo[3].

Biografia del personaggio[modifica | modifica wikitesto]

Commissario della polizia di Topolinia di origini irlandesi, come suggerisce il nome O' Hara (come spesso si usava negli anni trenta per caratterizzare i poliziotti)[1]; è sempre stato uno dei migliori poliziotti della città ma contro criminali come Macchia Nera gli è utile la collaborazione con Topolino che negli anni si è fatta sempre più stretta[1]; la loro amicizia è stata però messa in discussione durante la storia Topolino contro Topolino, del 1953, quando un sosia di Topolino ne ha preso il posto in una avvincente storia di genere noir scritta da Bill Walsh. Sposato con Petulia.[1]

Personaggio molto importante nell'evoluzione di Topolino verso una dimensione da detective, viene rappresentato sempre in divisa e raramente in abiti civili, senza capelli ma con delle folte basette; alle sue dipendenze l'ispettore Manetta, caratterizzato all'inizio da una grande diffidenza nei confronti di Topolino come aiutante della polizia e l'ispettore Rock Sassi.

Storia editoriale[modifica | modifica wikitesto]

Autori[modifica | modifica wikitesto]

Tra gli autori che più hanno contribuito a modellarne il personaggio, a parte Walsh e Gottfredson, sono da citare soprattutto gli autori dei comic book: da Jack Bradbury a Frank McSavage, passando anche per Tony Strobl e Jack Manning, oltre a Kay Wright, l'autore che ha maggiormente influenzato lo stile dei cartoonist successivi è sicuramente Paul Murry. Le storie degli artisti statunitensi sono spesso ambientate in una non meglio definita città nella quale, diversamente dalla scuola Disney italiana dove dagli anni sessanta alla Paperopoli creata da Barks si era aggiunta presto la città di Topolinia, negli Stati Uniti fino agli anni ottanta non c'era ancora questa netta distinzione e questo porterà a una serie di storie in cui Basettoni si ritrova a indagare sulle rapine che i Bassotti compiono al deposito di Paperone o ad affrontare Gambadilegno mentre fugge a bordo della 313 di Paperino. In questo contesto sono decisamente una spanna sulle altre le storie di Murry, non solo per lo stile del disegnatore, ma anche per l'ambientazione, che ne ha caratterizzato per decenni lo spirito del Topolino avventuroso.[senza fonte] Questa tradizione, rappresentata in Italia soprattutto da Giorgio Cavazzano, è stata invece soppiantata a favore di quella di Gottfredson da Romano Scarpa, che lo ha caratterizzato in decine di storie, soprattutto in quelle degli esordi come in Topolino e la collana Chirikawa. Sul finire dei novanta Scarpa ne ha definito il nome proprio in Basettoni e la dieta da fame, scritta da Giorgio Pezzin, è Scarpa stesso a suggerire il nome Adamo per il personaggio, in quanto Basettoni rappresenta il numero uno nel dipartimento di polizia di Topolinia, colui al quale ispirarsi e da cui tutto è iniziato. Sempre nella stessa storia fa il suo esordio la moglie Petulia. Basettoni ha anche vestito i panni del Supercommissario nelle storie di produzione brasiliana dedicate al Club dei supereroi.

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Il commissario Basettoni appare nelle serie animate DuckTales - Avventure di paperi, Mickey Mouse Works e House of Mouse - Il Topoclub, e a differenza dei fumetti qui il suo volto è coperto da una pelliccia marrone.

Traduzioni estere[modifica | modifica wikitesto]

  • Germania : Kommissar Hunter
  • Inghilterra : Chief Seamus O'Hara
  • Brasile : Coronel Cintra
  • Colombia : Jefe Cejas
  • Danimarca : Politimester Striks
  • Spagna: Jefe O'Hara
  • Finlandia : Simo Sisu
  • Francia : Commissaire Finot
  • Grecia : Επιθεωρητής Ο'Χάρα
  • Indonesia : Pak O'Hara
  • Islanda : Bjargfastur
  • Giappone : オハラ警部, オハラ署長, フンター警部, 署長, 銀行のハンターさん, 長考
  • Messico : Jefe Cejas
  • Norvegia : Politimester Fiks
  • Paesi Bassi : Commissaris O'Hara, Commissaris Hunter
  • Polonia : Komisarz O'Hara
  • Quebec : Chef O'Hara

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e Topolino, su www.topolino.it. URL consultato il 13 aprile 2017.
  2. ^ (EN) Chief O'Hara, su coa.inducks.org. URL consultato il 13 aprile 2017.
  3. ^ (EN) Chief O'Hara - statistica, su coa.inducks.org. URL consultato il 13 aprile 2017.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]