4º Corpo d'armata alpino

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
4º Corpo d'armata alpino
4°Corpod'ArmataAlpino.jpg
Stemma del 4º Corpo d'armata alpino
Descrizione generale
Attiva 1945-1997
Nazione Italia Italia
Tipo fanteria, trasmissioni, genio, artiglieria, cavalleria, aviazione dell'Esercito e carabinieri
Ruolo Comando del Corpo truppe alpine
Dimensione 5 brigate alpine più i supporti tattici
Guarnigione/QG Bolzano
Parte di
Brigate
Comandanti

[senza fonte]

Voci su unità militari presenti su Wikipedia

Il 4º Corpo d'armata alpino fu una grande unità militare dell'Esercito italiano, con il quartier generale a Bolzano nel Palazzo Alti Comandi e i suoi reparti schierati in Trentino Alto Adige, Veneto, Friuli Venezia Giulia, Piemonte e Valle d'Aosta. Il Comando era retto da un generale di corpo d'armata. Attivo dal 1945 al 1997 e forte di cinque brigate alpine più vari supporti tattici, il compito che gli era stato affidato istituzionalmente era quello di contribuire durante il periodo della guerra fredda, con i reparti alle sue dipendenze ed il supporto del III Corpo d'armata di Milano e il V Corpo d'armata di Vittorio Veneto, alla difesa del nord Italia contro un'ipotetica invasione ad est da parte del Patto di Varsavia.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Nasce il 25 marzo 1860, denominato 4º Grande comando militare con sede a Bologna, sotto la sua giurisdizione si trova il territorio tra i fiumi Panaro e Taullo, nel 1867 viene soppresso e le divisioni di appartenenza diventano autonome.

Il 15 agosto 1870 per la campagna di Roma, viene costituito il 4º Corpo d'Esercito sciolto il 9 ottobre, nel gennaio 1871, nel 1873 inizia l'attività il 4º Comando generale ridenominato il 22 gennaio 1877 in 4º Corpo d'armata e tale rimane fino all'8 settembre 1943.

Tra il 1939-1940 le divisione alpine sono inquadrate nel Corpo d'armata alpino, le quali operano sul fronte greco, sul fronte russo con l'8ª Armata (dei 57.000 alpini partiti per la Russia, ne ritornano solo 11.000) che viene sciolto il 1º marzo 1943. Il 1º maggio 1945, s'insedia a Bolzano, il 4º Comando militare territoriale che si trasforma in 4º Corpo d'armata il 1º gennaio 1973 successivamente in 4º Corpo d'armata alpino e con la ristrutturazione dell'Esercito del 1975 in Comando 4º Corpo d'armata alpino.

Dal 1º ottobre 1997 in attuazione del nuovo modello di difesa varia compiti e organico e diventa Comando truppe alpine, mantenendo alle dipendenze le Brigate Alpine, il 4º Reggimento alpini paracadutisti, il 6º Reggimento alpini e il Centro addestramento alpini.

I reparti dal 1975[modifica | modifica wikitesto]

Supporti tattici
  • Compagnia alpini paracadutisti a Bolzano
  • 7º Battaglione Carabinieri corazzato "M.O. Petruccelli" a Laives
  • 3º Gruppo squadroni corazzato "Savoia Cavalleria" a Merano
  • 4º Gruppo artiglieria pesante campale "Pusteria" a Trento
  • 10º Gruppo artiglieria pesante campale Semovente "Avisio" a Trento
  • 184º Gruppo artiglieria pesante campale "Filottrano" a Trento
  • 4º Gruppo specialisti di artiglieria "Bondone" a Trento
  • 4º Raggruppamento ALE "Altair" a Bolzano-San Giacomo
  • 24º Gruppo squadroni ALE "Orione" a Bolzano-San Giacomo
  • 54º Gruppo squadroni EM "Cefeo" a Bolzano-San Giacomo
  • 44º Gruppo squadroni ERI "Fenice" a Bolzano-San Giacomo
  • Comando artiglieria e difesa N.B.C. a Trento
  • 2º Battaglione genio guastatori "Iseo" a Bolzano
  • 4º Battaglione genio pionieri "Orta" a Trento
  • 4º Battaglione trasmissioni "Gardena" a Bolzano, successivamente 2º Reggimento trasmissioni
  • 7ª Compagnia trasmissioni a Bassano
  • 4º Battaglione logistico di manovra "Dolomiti" a Bolzano
Non dipendevano dal 4º Corpo d'armata alpino ma dallo Stato Maggiore Esercito
  • Scuola Militare Alpina:
  • Comando SMALP ad Aosta presso il Castello "Cantore";
  • Battaglione AUC e Reparto corsi ad Aosta, Caserma "Battisti";
  • Battaglione supporto tattico-logistico "Aosta" ad Aosta, Caserma "Testafochi";
  • Compagnia alpieri a Courmayeur, Caserma "Perenni";
  • Sezione sci-alpinistica a La Thuile, Caserma "Monte Bianco".

Il nuovo modello di difesa[modifica | modifica wikitesto]

Con il nuovo modello di difesa del 1991 la Brigata alpina "Orobica" venne soppressa il 27 luglio 1991, mentre nel 1997 nell'ambito dei provvedimenti connessi con l'attuazione del Nuovo modello di difesa adottato in quell'anno venne sciolta la Brigata alpina "Cadore". Nello stesso anno il 4º Corpo d'armata alpino viene riconfigurato in Comando truppe alpine.

Un ulteriore riordinamento riduttivo delle unità ha portato, alla fine del 2002, alla soppressione del Comando Brigata "Tridentina" il cui nome è passato al Comando Divisione "Tridentina" di nuova costituzione.Il Comando Divisione alpina "Tridentina" è un Comando di proiezione senza forze assegnate in tempo di pace, che all'esigenza può essere ridislocato anche al di fuori del territorio nazionale nel quadro di operazioni internazionali.

Comandanti[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Cronotassi dei comandanti delle truppe alpine.