Valle del Piave

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Valle del Piave
ValPiave1.jpg
L'Alta Val Piave da Domegge di Cadore
Stati Italia Italia
Regioni Veneto Veneto
Province Belluno Belluno
Treviso Treviso
Venezia Venezia

La Valle del Piave è la valle del Veneto formata dal fiume omonimo. Si estende dal Cadore in provincia di Belluno alla laguna di Jesolo nella città metropolitana di Venezia.

Geografia[modifica | modifica wikitesto]

La Valle del Piave può essere suddivisa in tre distinti segmenti.

Alta Valle del Piave[modifica | modifica wikitesto]

Dalle sorgenti del fiume, poste sul monte Peralba, vetta delle Alpi Carniche, a 2.037 m s.l.m., in comune di Sappada (BL), il Piave scende verso sud attraverso la val Visdende e, seguendo un aspro paesaggio dolomitico lungo il Cadore, raggiunge la zona del Longaronese dove si apre in una valle più ampia.

In questo primo tratto si aprono scorci sulle Dolomiti di Sappada, sulle Tre Terze, sulle Marmarole, sull'Antelao e sulle Dolomiti d'Oltrepiave, in particolare sul Cridola, sugli Spalti di Toro e sul gruppo Cima dei Preti-Duranno. A Ponte nelle Alpi il corso del Piave svolta deciso in direzione sud ovest, verso la città di Belluno.

Media Valle del Piave, o "Val Belluna"[modifica | modifica wikitesto]

Da Belluno la valle si mostra ampia, luminosa e regolare; ha origine glaciale e scende tra colline ricoperte di macchia prealpina per oltre 30 km fino alla città di Feltre e ai comuni di Seren del Grappa e di Fonzaso. La zona è popolosa e punteggiata di numerosi insediamenti abitativi e produttivi. Si susseguono con rapidità i comuni di Sedico, Santa Giustina, Cesiomaggiore, Feltre, Alano di Piave sulla riva destra, e quelli di Limana, Trichiana, Mel, Lentiai, Segusino e Valdobbiadene sulla riva sinistra; Quero Vas, ultimo comune bellunese prima del confine con il Trevigiano, si estende su entrambe le rive. Dall'età contemporanea la media valle del Piave è chiamata anche "Valbelluna".

Bassa Valle del Piave[modifica | modifica wikitesto]

La Bassa Valle del Piave, si confonde con la pianura veneto-friulana essendone parte integrante. Da Alano di Piave il fiume svolta nuovamente verso sud est attraversando un territorio dapprima prealpino e di mezza collina, nei pressi del Montello, e diventando poi decisamente pianuroso. Qui incontra i centri di Sernaglia della Battaglia, di Vidor e di Nervesa della Battaglia, Ponte della Priula, Maserada e Cimadolmo, San Polo di Piave, Ponte di Piave, Salgareda, Zenson di Piave, Noventa di Piave, Fossalta di Piave, San Donà di Piave e Musile di Piave, per poi terminare tra Jesolo ed Eraclea sulla riva adriatica.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Galleria d'immagini[modifica | modifica wikitesto]