Fonzaso

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Fonzaso
comune
Fonzaso – Stemma
Localizzazione
Stato Italia Italia
Regione Veneto-Stemma.png Veneto
Provincia Provincia di Belluno-Stemma.png Belluno
Amministrazione
Sindaco Giorgio Slongo (vicesindaco) dal 31-12-2016
Territorio
Coordinate 46°01′N 11°48′E / 46.016667°N 11.8°E46.016667; 11.8 (Fonzaso)Coordinate: 46°01′N 11°48′E / 46.016667°N 11.8°E46.016667; 11.8 (Fonzaso)
Altitudine 329 m s.l.m.
Superficie 27,62 km²
Abitanti 3 228[2] (31-12-2015)
Densità 116,87 ab./km²
Frazioni Agana, Arten, Frassenè, Giaroni Località: Calderal, Case Balzan, Pederoncon[1]
Comuni confinanti Arsiè, Feltre, Lamon, Pedavena, Seren del Grappa, Sovramonte
Altre informazioni
Cod. postale 32030
Prefisso 0439
Fuso orario UTC+1
Codice ISTAT 025022
Cod. catastale D686
Targa BL
Cl. sismica zona 2 (sismicità media)
Nome abitanti fonzasini
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Fonzaso
Fonzaso
Fonzaso – Mappa
Posizione del comune di Fonzaso nella provincia di Belluno
Sito istituzionale

Fonzaso (Fondaso in veneto[3]) è un comune italiano di 3 228 abitanti della provincia di Belluno in Veneto.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Le origini di Fonzaso dovrebbero essere collocate in epoca romana. La località giovò della vicinanza a Feltria, a quel tempo municipio, e al transito della via Paolina, diramazione della più nota via Claudia Augusta Altinate.

Risale al periodo delle invasioni barbariche l'erezione di due castelli, l'uno localizzato presso la sella di Arten, l'altro nei pressi del covolo di San Michele e proprietà della famiglia ghibellina dei Fonzasia.

Per il resto, il paese ha seguito le sorti della vicina Feltre, sede di una contea vescovile e per tutto il medioevo coinvolta nelle lotte tra l'Impero, la Repubblica di Venezia e le signorie locali. Il territorio divenne definitivamente veneziano nel 1404.

Dopo la parentesi della guerra della Lega di Cambrai, che devastò particolarmente il Feltrino, iniziò un periodo di stabilità che portò Fonzaso a rinascere economicamente. Localizzato in posizione strategica verso il Trentino, godette della fertilità delle sue campagne e della presenza del Cismon, utilizzato per la fluitazione del legname, anche se non mancarono momenti di difficoltà causati da incendi e alluvioni. Il Settecento fu forse il periodo di massimo splendore, come dimostra la costruzione di alcune ville venete.

Nel corso dell'Ottocento la zona conobbe una nuova crisi, tanto che verso la fine del secolo iniziò il fenomeno dell'emigrazione che si esaurì solo nella seconda metà del Novecento.

La Grande Guerra portò nuove devastazioni. Dopo la rotta di Caporetto Fonzaso fu invasa dalle truppe austro-ungariche, mentre sul sovrastante monte Grappa infuriavano i combattimenti. Durante il periodo dell'occupazione la popolazione subì fame e patimenti e infuriò la spagnola, con oltre trecento morti. Al termine del conflitto, il comune fu insignito della Croce al merito di guerra.

Un periodo altrettanto tragico fu quello della seconda guerra mondiale, con le rappresaglie attuate dagli occupanti tedeschi. Dall'8 settembre 1943 al maggio 1945 la lotta di Resistenza al nazifascismo vide operare i partigiani del battaglione "Angelo Giuseppe Zancanaro", affiliato alla brigata "Antonio Gramsci"[4].

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[5]

Persone legate a Fonzaso[modifica | modifica wikitesto]

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Periodo Primo cittadino Partito Carica Note
26 maggio 2014 31 dicembre 2016 Ennio Pellizzari lista civica Bene comune sindaco [6]
31 dicembre 2016 in carica Giorgio Slongo lista civica Bene comune vicesindaco

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Comune di Fonzaso - Statuto
  2. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 31 dicembre 2015.
  3. ^ Creiamo l'associazione “EL CASEL DE FONDASO”?, Il Forum di www.fonzaso.com. URL consultato il 25 novembre 2011.
  4. ^ Cenni Storici, Comune di Fonzaso. URL consultato il 26 dicembre 2016.
  5. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.
  6. ^ Deceduto

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN132775577