2º Reggimento genio guastatori alpino

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search


2º Reggimento Genio Guastatori
CoA mil ITA rgt genio 02.png
Stemma 2º Reggimento genio guastatori
Descrizione generale
Attiva1860 - oggi
NazioneItalia Italia
Italia Italia
ServizioFlag of Italy (1860).svg Regio esercito
Coat of arms of the Esercito Italiano.svg Esercito Italiano
TipoGenio guastatori
RuoloTruppe da montagna
Guarnigione/QGCaserma "Cesare Battisti" Trento
PatronoSanta Barbara
Motto"Per omnia asperrima"

"Attraverso qualsiasi difficoltà"

Anniversari4 dicembre Santa Barbara Patrona del Genio
Parte di
Reparti dipendenti
  • Comando di Reggimento
    • Compagnia Comando e Supporto Logistico
  • XXXI Battaglione Guastatori "Iseo"
  • Alimentato da volontari in servizio permanente e ferma prefissata VFP4 e VFP1
Comandanti
Comandante attualeColonnello Quarto Michele
Voci su unità militari presenti su Wikipedia

Il 2º Reggimento genio guastatori è un reparto guastatori dell'Esercito Italiano con sede a Trento; dipende dalla Brigata alpina "Julia". Con il 32º Reggimento genio guastatori è uno dei due reggimenti guastatori alpini.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La storia dell'unità d'Italia si riallaccia al 2º Reggimento Zappatori del 1860 e si dipana attraverso la storia d'Italia nelle campagne per l'unità del 1860-61, contro il Brigantaggio (1860-70), la 3ª Guerra d'Indipendenza (1866) e la presa di Roma (1870), l'Eritrea (1895-96), la Libia (1911-12), la Grande Guerra (1915-18), la spedizione del Mediterraneo orientale, Anatolia nel 1919-20 e quindi nella 2ª Guerra Mondiale alla frontiera francese nel 1940, nei Balcani nel 1941 e nel 1942 ed in Russia nel 1942-43.

Nel giugno del 2010 il 2º Reggimento festeggiava il 150º anno dalla costituzione risultando il reggimento del genio da combattimento più "vecchio" d'Italia. In tale ricorrenza riceveva dal Comune di Trento il " Vigilio d'oro"( https://www.giornaletrentino.it/cronaca/trento/trento-il-san-vigilio-d-oro-a-demattèdemozzi-e-al-genio-guastatori-1.801147) . Inoltre veniva realizzato, su input del Comandante di Rgt. e con la partecipazione volontaria di alcuni ufficiali , il finanziamento concesso dalla Provincia di Trento, un Libro sulla storia del Reggimento.( https://www.ladigetto.it/permalink/2191.html)

Dopoguerra[modifica | modifica wikitesto]

Ricostituito in Bolzano il 20 aprile 1954 come 2º battaglione Minatori, il reparto segue l'evoluzione delle unità del Corpo d'Armata alpino.

Impegnato nel 1976 nelle emergenze a seguito del terremoto del Friuli e nel disastro della Val di Stava (1985). Il Reggimento appartiene alla specialità Guastatori dal 1986 quando il preesistente 2º battaglione Minatori viene convertito al nuovo impiego, con la Compagnia Genio Pionieri che diviene Compagnia Genio Guastatori, e denominato 2º Battaglione genio guastatori “Iseo”, inquadrato nel IV Corpo d'armata alpino.

È intervenuto in Valtellina (1987), e divenuto reggimento nel 1992, dal 1993 concorse con personale e mezzi alle operazioni in Albania (Pellicano), Somalia (Ibis) e Mozambico (Albatros).

Dal 1995 la sede è a Trento nella caserma "Cesare Battisti". Nel 1997 il reggimento passa alle dipendenze della Brigata alpina "Julia".

Nell'estate del 2000 un plotone di genieri alpini inquadrati nel 2º reggimento alpini partecipano all'operazione Joint Forge (24 aprile 1998 - 1º dicembre 2004), inquadrati nella forza multinazionale della NATO dispiegata in Bosnia ed Erzegovina Stabilisation Force (SFOR). Questo è stato il primo impiego di VFA (volontari a ferma annuale) in un contesto di missioni internazionali.

Da Ottobre 2010 ad Aprile 2011 il 2* Rgt. si rischierava ad Herat in Afghanistan. Per la prima volta la Bandiera di guerra e il Comandante di Reggimento uscivano dal territorio nazionale per partecipare ad una missione oltremare unitamente alla Brigata Alpina Julia. Il 2° è stato il primo reggimento del Genio Guastatori in Afghanistan in un momento particolarmente cruento e tormentato. La missione è stata portata a termine con successo.

Il 22 ottobre 2020, dopo tre anni di comando, il Colonnello Gaetano Celestre ha consegnato il comando del Reggimento al Colonnello Michele Quarto.

Soccorso alla popolazione[modifica | modifica wikitesto]

  • Febbraio 2012: aliquote di personale e mezzi del 2º Rgt. genio guastatori sono mobilitati per l'emergenza maltempo e sono intervenuti per ripristinare la viabilità nelle provincia di Forlì - Cesena e Ancona nelle località di Fabriano e Sassoferrato.[1][2]
  • Febbraio 2010: Haiti (mar dei Caraibi) con solo 37 ore di preavviso un piccolo contingente su base XXXI Btg si recava a portare soccorso post- terremoto ad HAITI. La missione è stata caratterizzata per la risposta "corale" del personale del Reggimento che in pochissime ore riuscire a mettere in grado una aliquota di operatori di macchine stradali, meccanici di partire, su nave CAVOUR, per una missione umanitaria che rimarrà nella memoria. Anche in questo caso è stato realizzato, su progetto del Cte di reggimento e dell'Assessore alla cooperazione internazionale della provincia di Trento un libro https://www.ladigetto.it/permalink/14366.html

Comandanti[modifica | modifica wikitesto]

  • Colonnello Di Donato Giuseppe (1995 - 1996)
  • Colonnello Antonelli Luigi (1996 - 2000)
  • Colonnello Franci Roberto (2000 - 2001)
  • Colonnello Musso Giovanni (2000 - 2004)
  • Colonnello Settanni Francesco (2004 - 2006)
  • Colonnello Fanni Maurizio (2006 - 2009)
  • Colonnello Scaratti Pier Luigi (2009 - 2011)[3]
  • Colonnello Fanigliulo Roberto (2011 - 2012)
  • Colonnello Fioretto Giovanni (2012 - 2014)
  • Colonnello Musti Luigi (2014 - 2017)
  • Colonnello Celestre Gaetano (2017 - 2020)
  • Colonnello Quarto Michele (2020 - in carica)[4]

Simboli[modifica | modifica wikitesto]

Scudo[modifica | modifica wikitesto]

Inquartato, nel primo d'azzurro al tridente bizantino d'Ucraina; nel secondo di Gaeta, nel secondo e terzo d'argento al capo rosso, nel quarto di Belluno d'azzurro alla croce d'oro.

Ornamenti[modifica | modifica wikitesto]

Sullo scudo corona tinta d'oro, accompagnata sotto da cinque nastri, annodati nella corona scendenti e svolazzanti in sbarra e in banda ai lati dello scudo, di cui uno d'azzurro filettato d'argento, tre d'azzurro ed uno d'azzurro e bronzo ed uno tricolore. Sotto su lista bifida d'oro, svolazzante, concavità rivolta verso l'alto, il motto "Per omnia asperrima"

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Nella sua storia il 2º Reggimento genio guastatori alpino ha meritato le seguenti onorificenze alla bandiera:[5]

Alla bandiera[modifica | modifica wikitesto]

Medaglia d'argento al valor militare - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia d'argento al valor militare
Medaglia di bronzo al valor militare - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia di bronzo al valor militare
Medaglia di bronzo al valor militare - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia di bronzo al valor militare
Medaglia di bronzo al valore dell'esercito - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia di bronzo al valore dell'esercito
Medaglia d'argento al valor civile - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia d'argento al valor civile

Note[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]