6º Reggimento genio pionieri

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
6º Reggimento Genio Pionieri
CoA mil ITA rgt genio 06.png
Stemma araldico 6º Reggimento genio pionieri
Descrizione generale
Attiva- oggi
NazioneItalia Italia
Italia Italia
ServizioFlag of Italy (1860).svg Regio esercito
Coat of arms of the Esercito Italiano.svg Esercito Italiano
TipoGenio
EquipaggiamentoLand Rover AR 90, Carro Pioniere "Pionierpanzer", Carro Gittaponte "Biber" , FD/175 - Apripista cingolato FL/175 - Caricatore cingolato JCB/426 - Caricatore ruotato FE/20 - Escavatore cingolato JCB 1CX/3CX - Terna ruotata
PatronoSanta Barbara
Motto""Per aspra via ad aspra meta""
Anniversari24 giugno, battaglia del Piave del 1918
4 dicembre, Santa Barbara Patrona del Genio
DecorazioniMedaglia di bronzo al Valor Civile
Parte di
Reparti dipendenti
  • Comando di reggimento
  • 1 compagnia di comando e supporto logistico
  • 2 battaglioni con 3 compagnie speculari tra loro
  • Alimentato da volontari in ferma prefissata e da volontari in servizio permanente
Simboli
Fregio metallico Genio PionieriFre gen base.jpg
Voci su unità militari presenti su Wikipedia

Il 6º Reggimento genio pionieri è un reparto dell'Esercito Italiano con sede a Roma; dipende dal Comando Genio.

Il 6º Reggimento Genio Pionieri ha una duplice discendenza. Esso, infatti, ha ereditato le tradizioni del 6º Reggimento Genio e della 54ª Compagnia Artieri, poi Battaglione Genio Pionieri della Divisione di fanteria “Granatieri di Sardegna”.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il 6º Reggimento Genio fu costituito in Bologna nel 1926 e, durante la seconda guerra mondiale, funzionò come Deposito. Infatti addestrò e mobilitò numerosi Reparti che dettero prova del loro valore sui vari fronti (in particolare merita menzione il XVII Battaglione Misto Genio della 17ª Divisione fanteria "Pavia" che combatté gloriosamente in Africa Settentrionale meritandosi la Medaglia di Bronzo al Valor Militare). I Genieri della 54ª Compagnia Artieri operarono, invece, con la Divisione di fanteria “Granatieri di Sardegna” sacrificandosi in una estenuante lotta contro i guerriglieri in Slovenia e in Croazia. Sia il 6° Genio che la 54ª Compagnia Artieri vennero sciolti in conseguenza degli avvenimenti determinati dall'armistizio del settembre 1943.

Dopoguerra[modifica | modifica wikitesto]

Nel dopoguerra, nel quadro della ricostruzione della Divisione “Granatieri di Sardegna” (1947) fu assegnata a tale Grande Unità, l'8ª Compagnia Artieri (allora alle dipendenze del Comando Militare Lazio, Umbria e Abruzzo), che mutò nel 1950 la propria denominazione in “Compagnia Genio Artieri per Divisione Granatieri di Sardegna”. Il 1º maggio 1952 la Compagnia Artieri, sempre inquadrata nella Divisione “Granatieri di Sardegna”, fu elevata al rango di Battaglione Pionieri divisionale e così operò fino alla successiva ristrutturazione della Forza Armata quando, il 1º gennaio 1976, fu sancita la trasformazione del reparto in Battaglione di supporto di Regione Militare e fu assegnata al Battaglione la denominazione di “6º Battaglione Genio Pionieri Trasimeno” che ereditò quindi Bandiera di guerra e tradizioni dal 6º Reggimento Genio. Il 4 settembre 1993 il 6º Battaglione Genio Pionieri viene elevato al rango di Reggimento ed assume l'attuale denominazione di “6º Reggimento Genio Pionieri”. Il 1º dicembre 1997 il 6º Reggimento Genio Pionieri, in seguito all'ultima ristrutturazione subita dalla Forza Armata, è passato alle dipendenze del Comando Brigata Genio delle Forze Operative Terrestri di Udine. Il Reggimento inquadra il Battaglione “Trasimeno” e, dal 24 gennaio 2005, il Battaglione “Nemi”. Il 6º Reggimento Genio Pionieri è stato il primo reparto del Genio ad essere alimentato con personale di truppa volontario ed è stato assegnato, quale reggimento, alla 8ª Force Engineer Brigade di supporto del Comando delle Forze di Reazione Rapida (ARRC); ha partecipato a tutte le operazioni di pace che l'Esercito Italiano ha condotto fuori dai confini nazionali dal 1995 ad oggi (Bosnia, Albania, Kosovo). Inoltre i genieri del 6º Reggimento hanno effettuato diversi interventi di emergenza in soccorso alla popolazione nazionale in caso di pubbliche calamità: terremoto in Friuli, Irpinia, Campania, Lazio, Umbria – Marche, alluvione in Piemonte e nelle province di Salerno, Caserta e Benevento.

Fregio dell'Arma del genio dell'Esercito Italiano

Dipendenza[modifica | modifica wikitesto]

Il 6º Reggimento genio pionieri fa parte del Comando genio, che a sua volta dipende gerarchicamente dal "Comando delle forze operative terrestri di supporto" o COMFOTER Supporto.

Struttura[modifica | modifica wikitesto]

  • Comando di Reggimento
  • Battaglione "Trasimeno"
  • Battaglione "Nemi"
  • Compagnia comando e supporto logistico

Il reggimento è alimentato da volontari e ha sede presso la caserma "Francesco Bazzani".

Soccorso alla popolazione[modifica | modifica wikitesto]

  • Febbraio 2012: aliquote di personale e mezzi del 6º Rgt. genio pionieri sono mobilitati per l'emergenza maltempo e sono intervenuti per ripristinare la viabilità con pale caricatrici di grande capacità nei comuni di Campagnano, Rocca Canterano, Sora, Mazzano Romano, Rieti, Riano, Vicovaro, Olevano, Cerveteri, Rocca Santo Stefano, Carpineto e Bellegra, in località Sobiaco/Campo dell'Osso e a Roma sulla via Cassia, sulla via Trionfale e sulla via Settevene Palo ed ha trasportato sale da Rosignano Solvay (LI) a Roma, Rieti e Frosinone.[1][2]

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Nella sua storia il 6º Reggimento genio pionieri ha meritato le seguenti onorificenze alla bandiera:

Alla bandiera[modifica | modifica wikitesto]

Medaglia di bronzo al valor civile - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia di bronzo al valor civile

Simbolo[modifica | modifica wikitesto]

Scudo[modifica | modifica wikitesto]

Ornamenti[modifica | modifica wikitesto]

Armi e mezzi in dotazione[modifica | modifica wikitesto]

AR 90
Carro pioniere "Pionierpanzer"
Carro gittaponte "Biber"

Armamento[modifica | modifica wikitesto]

Mezzi[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]