Medaglia al valore dell'esercito

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Medaglia al valore dell'esercito
Italia
Repubblica Italiana
Tipologia Medaglia
Status attivo
Capo Sergio Mattarella
Istituzione Roma, 26 luglio 1974
Primo capo Giovanni Leone
Valor dell'esercito gold medal BAR.svg
Valor dell'esercito silver medal BAR.svg
Valor dell'esercito bronze medal BAR.svg
Nastri della medaglia

La medaglia al valore dell'Esercito è una decorazione di merito della Repubblica Italiana.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La medaglia venne istituita con D. P. R. 26 luglio 1974 n. 300 con l'intento di premiare quanti, militari, si fossero particolarmente distinti a favore dell'Esercito Italiano o avessero compiuto uno o più atti meritori e commendevoli in sommo grado. Nelle prime due classi (oro, argento) la medaglia viene concessa quando l'azione compiuta ha comportato gravi o gravissimi pericoli di vita, mentre la medaglia di bronzo è concessa per atti o imprese di particolare coraggio e perizia, compiuti però senza manifesto pericolo di morte.

Insegne[modifica | modifica wikitesto]

La medaglia è costituita da un tondo d'oro, argento o bronzo a seconda della classe, riportante sul diritto un trofeo militare attorniato dalla scritta "Al Valore dell'Esercito". Il retro della medaglia raffigura due rami d'alloro intrecciati a corona.

Il nastro è blu attorniato da due strisce gialle per parte e con al centro una stella di materiale differente a seconda del grado (oro, argento o bronzo).