Ulassai

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Ulassai
comune
(IT) Ulàssai
(SC) Ulassa
Ulassai – Stemma
Ulassai
Ulassai
Localizzazione
Stato Italia Italia
Regione Sardegna-Stemma.svg Sardegna
Provincia Provincia dell'Ogliastra-Stemma.png Ogliastra
Amministrazione
Sindaco Franco Cugusi (lista civica) dal 16/05/2011
Territorio
Coordinate 39°49′00″N 9°30′00″E / 39.816667°N 9.5°E39.816667; 9.5Coordinate: 39°49′00″N 9°30′00″E / 39.816667°N 9.5°E39.816667; 9.5
Altitudine 775 m s.l.m.
Superficie 122,11 km²
Abitanti 1 550[1] (31-12-2010)
Densità 12,69 ab./km²
Comuni confinanti Esterzili (CA), Gairo, Jerzu, Osini, Perdasdefogu, Seui, Tertenia, Ussassai, Villagrande Strisaili, Villaputzu (CA)
Altre informazioni
Cod. postale 08040
Prefisso 0782
Fuso orario UTC+1
Codice ISTAT 105020
Cod. catastale L489
Targa OG
Cl. sismica zona 4 (sismicità molto bassa)
Cl. climatica zona D, 2 068 GG[2]
Nome abitanti ulassesi
Patrono sant'Antioco
Giorno festivo 15 giorni dopo Pasqua
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Ulassai
Posizione del comune di Ulassai nella provincia dell'Ogliastra
Posizione del comune di Ulassai nella provincia dell'Ogliastra
Sito istituzionale

Ulàssai (Ulassa in sardo) è un comune di 1.550 abitanti[1] della provincia dell'Ogliastra.

Geografia fisica[modifica | modifica sorgente]

Ulassai visto dal Monte Tricoli
Ulassai nel periodo invernale
Cascate di Lequarci viste durante le piene invernali.

Territorio[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi su Marmuri, cascate di Lequarci e Monte Tisiddu.

Ulassai è situata nel cuore dell'Ogliastra, tra le sue rocce ad 775 metri sul livello del mare. Il suo territorio comunale si estende per 122 km², dal paese fino al confine con la Provincia di Cagliari. Il centro abitato appare incassato fra il grande complesso del Tacco di Ulassai a nord e l'imponente Monte Tisiddu a sud: alle pendici del Tacco di Ulassai vi si trova un complesso sistema di grotte, la più famosa delle quali, la Grotta di Su Marmuri con i suoi 800 metri di lunghezza e le sue concrezioni interne, è la principale meta turistica dell'intera Vallata del Pardu; da queste grotte in periodi di intensa piovosità fuoriescono da un versante più a valle le imponenti Cascate di Lecorci. Nelle foreste sempreverdi dei Tacchi vive una ricca fauna, protetta dalla recente istituzione dell'Oasi faunistica di Girisairi. A sud, il paese è dominato dagli altissimi dirupi del Monte Tisiddu e della sua cima più alta, il Bruncu Matzeu, dalla cui cima, a 957 metri di altezza, nei giorni di bel tempo si può vedere il Massiccio del Gennargentu. A est, la valle del Rio Pardu è coltivata a uliveti; ad ovest, una strada segue il lato sud del Tacco di Ulassai, proseguendo ai piedi del grande Tacco di Su Àccara, con la sua punta "Seccu" di 1000 metri, la più alta del territorio comunale, giungendo in località Santa Barbara, ove sorge una chiesa campestre del 1600, e le loggette ai fianchi "is cumbessias", località conosciuta soprattutto per le grandi cascate di Lequarci che durante la stagione delle piogge riversano a valle le acque dell'intero Taccu soprastante.

Il territorio comunale poi si snoda verso sud, attraversando diverse vallate, tra le quali quella del Flumineddu e del Rio Su Luda, patria dei pastori ulassesi in un ambiente stepposo dominato dal cisto, si scorge Monte Codi che in inverno è pericoloso per via delle abbondanti nevicate, talvolta interrotto dai rimboschimenti di pini nelle quote più elevate; la lunga fascia in comune di Ulassai si interpone poi fra i comuni di Jerzu e di Perdasdefogu, allargandosi infine nello sconfinato e disabitato altopiano di Quirra.

Storia[modifica | modifica sorgente]

Lavatoio Comunale visto dall'alto
Anziano ultranovantenne di Ulassai vestito in abito tradizionale, foto degli anni 50
Nuraghe s'Ulimu di Ulassai

Il primo documento del paese risale al 1217 dove il paese stesso veniva chiamato Ulazzai, un centinaio di anni dopo si chiamava Ulusai e poi Ulassa. L'origine del nome secondo alcuni studiosi antichi tra i quali lo Spanu ritengono che derivi dal fenicio alaz che significa luogo caldo, secondo altri dal latino gula-assa cioè gola tra le rocce. La storia di Ulassai però parte da molto prima, ci sono ancora presenti nel vasto territorio comunale diversi assediamenti nuragici alcuni distrutti altri ancora in buono stato, come il caso dei nuraghi di S'Ulimu, Seddurrulu, e le tombe dei giganti di Bau e Tuvulu appartenenti al nono secolo a.C. Nel territorio poi è compreso un complesso nuragico ormai distrutto "Lessei" nel quale sino al 1350 era ancora abitato, infatti è registrato che nel 1328 pagava i diritti feudali alla Barbagia di Seulo. Durante il periodo medievale Ulassai faceva parte del Giudicato di Calaris, in un secondo momento con la tripartizione del giudicato il paese divenne parte del Giudicato di Gallura, siamo nel 1258. Dopo 30 anni divenne un possedimento della Repubblica di Pisa. Nel 1325 passò agli aragonesi che loro stessi concessero insieme a tutti i paesi ogliastrini attuali al conte Berengario Carroz di Quirra. In questo momento delicato della storia sarda a causa di una violenta guerra civile tra gli arboresi e il Regno di Sardegna Ulassai passò agli arboresi, siamo nel 1409. Tornò ai Carroz nel 1502, e dopo circa 80 anni da quella data i Sindaci dell'Ogliastra, riuniti in parlamento a Tortolì chiesero l'intervento dei suddetti Conti per colmare gli scontri violentissimi tra pastori ulassesi ed esterzilesi per le terre di Pauli, i Conti restituirono i salti agli ulassesi ma gli scontri si ripeterono sino alla fine dell'Ottocento, provocando centinaia di vittime. L'ultima erede Violante concesse il villaggio ai Centelles che nel 1604 divennero marchesi di Quirra. Nel 1674 la famiglia Centelles si estinse e Quirra passò ai Borgia. Nel 1726 Quirrà passò ai Catalani fino al 1840 per esser riscattato nuovamente come curatoria d'Ogliastra. La storia di Ulassai nonostante tutti i vari passaggi è stata una semplice storia di pastori, il paese sino alla fine dell'Ottocento non era collegato da nessuna strada verso l'esterno della zona d'Ogliastra, solo nel 1893 attraverso il tracciato ferroviario si poteva avere collegamenti con Cagliari. Per via dell'isolamento la storia del paese e di quelli limitrofi è stata caratterizzata quasi esclusivamente da fenomeni di banditismo. Tracce di documentazione significativa della storia del paese sono presenti negli studi di autorevoli studiosi, esploratori, come il Max Leopold Wagner, Giovanni Spano, Vittorio Angius Casalis, Alberto La Marmora.

Banditismo ad Ulassai[modifica | modifica sorgente]

Antonio Cannas noto "Trappanti" bandito efferato della prima metà dell'Ottocento, commise diversi reati e 11 omicidi, ucciso insieme al fratello Luigi nella faida del 1827 contro i fratelli Puddu noti "Billeddu"

Famiglia Puddu "Billeddu", composta da: Liberato Puddu, Giovanni Puddu, Valentino Puddu e Antonio Puddu, erano banditi efferati coinvolti in ben 5 omicidi e svariati furti, arrestati e condannati a morte vennero impiccati e smembrati nella pubblica piazza di Barigau nel febbraio del 1828.

Agostino Tolu, omonimo del bandito Agostino Tolu sempre di Ulassai che venne condannato a morte nel 1829 a Lanusei. Nato a Ulassai nei primi dell'Ottocento, datosi alla macchia per l'assassinio di Giuseppe Sirigu e altre grassazioni, arrestato il 1º ottobre del 1851 dopo due tentativi mal riusciti che causarono la morte di Camillo Tolu suo fratello, e Raffaele Lai suo complice.

Francesco Usai bandito efferato della seconda metà dell'Ottocento, si dà alla macchia nel 1862 per la bardana di Jerzu, nella latitanza commette ogni sorta di reati, diventando uno dei banditi più pericolosi del circondario. Sulla sua testa viene posta una taglia di 200 lire. Viene catturato il 19 agosto dell'anno successivo a S'abba Cannas, e condannato a morte a lanusei nel 1875.

In località "su Eremuli", nell'ovile di capre ora dismesso, in un luogo privo di strade, habitat ideale di latitanti, venne ucciso, nel lontano 1928, il bandito Samuele Stochino di Arzana: "la Tigre d'Ogliastra". Trasportato in località "s'Orgiola e sa perda" sempre in agro di Ulassai (esattamente nell'altopiano di Taccu), venne prelevato il suo cadavere dai carabinieri e portato al cimitero di Ulassai, dove gli fu fatta l'autopsia e il successivo trasferimento alla città di Cagliari. Tale luogo è rimasto così come allora, accanto al suddetto ovile c'è ancora la grotta dove il bandito si rifugiava sino alla sua uccisione. Tutti gli ulassesi che fecero parte del complotto vennero tragicamente uccisi negli anni a seguire.

Antonio Pilia noto "Caffeu" nato a Ulassai agli inizi del Novecento, datosi alla macchia dopo l'uccisione di Samuele Stochino nel 1928, alcuni presumono fosse suo complice, venne trovato morto, trucidato in località Gertassu agro di Ulassai nel 1952.

Monumenti e luoghi di interesse[modifica | modifica sorgente]

Fontane[modifica | modifica sorgente]

Le fontane sono state di fondamentale importanza nel paese, è proprio da esse che è nato il paese stesso. Nel centro abitato se ne contano diverse: la più importante è sa "Funtana e s'era" fontana dell'edera, conosciuta anche come "Funtana e susu", sorge in una parete del lavatoio comunale, divenuta fulcro dell'intero impianto compositivo dell'opera di Luigi Veronesi., "Fontana della Sorgente". Al ricordo d'uomo e di tante generazioni, tale fontana è perenne, non si è mai seccata, anticamente era importante per la suddivisione dell'irrigazione degl'orti di Comidalecca, is Molinusu e Surderas. Di rilievo c'è sa "Funtana e Coccori", utilizzata maggiormente nei tempi passati come abbeveratoio di mucche e cavalli, abbellita ultimamente dall'opera scultorea in omaggio allo scautismo. Importante è anche sa "Funtana e serì", la cui acqua era usata anticamente per la panificazione. Dentro l'abitato vero e proprio c'è sa Funtana e Aledda, la quale è presente in diverse scene di alcuni film e documentari regionali. Sopra il vicinato di Bidda e meri c'è Funtana e Marcu. Le fontane scomparse dentro l'abitato sono: Funtana e Ferreli e Funtana e su Laureru.

Monumenti ed edifici storici[modifica | modifica sorgente]

  • Palazzo Comunale (Ulassai)
  • Casa Cannas, antico mulino 1900.
  • Archi antichi di Barigau e Biddemeri.
  • Chiesa di San Sebastiano del 1600.
  • Complesso bizantino di Santa Barbara.
  • Cimitero antico 1885 circa.
  • Casa del Fascio, 1930 circa, ora asilo e sala convegni polifunzionale, centro di aggregazione sociale.

Siti archeologici[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Nuraghe, Domus de janas, Tomba dei giganti e Dolmen.
Nuraghe Pranu di Ulassai

Luoghi di interesse naturalistico[modifica | modifica sorgente]

  • Parco Naturale Regionale dei Tacchi

Società[modifica | modifica sorgente]

Evoluzione demografica[modifica | modifica sorgente]

Abitanti censiti[3]

Lingue e dialetti[modifica | modifica sorgente]

La parlata del paese di Ulassai non si discosta dalle caratteristiche della parlata ogliastrina in generale, è essendo un paese molto conservativo viene storicizzata come lingua che affonda le origini al campidanese arcaico, in più custodisce diverse terminologie barbaricine e autoctone ogliastrine, diversi termini e modi di dire, sono riscontrabili solo all'interno della parlata del paese stesso

Cultura[modifica | modifica sorgente]

Il Paese da sempre ha dato molta importanza allo studio, buona parte delle famiglie del paese vantano un elevato numero di laureati inoltre Ulassai ha dato i natali a diversi personaggi illustri di importanza Nazionale ed Internazionale e già da tempo ha creato diversi siti d'interesse riconosciuti a livello Nazionale.

Festa in onore di Santa Barbara[modifica | modifica sorgente]

La festa campestre cade la 3ª domenica di maggio. Santa Barbara è la festa più sentita dagli Ulassesi.

Storia[modifica | modifica sorgente]

Intorno al 1600 si è avviata una fase di indipendenza degli obrieri, questa loro indipendenza è stata agevolata dalla formazione di una vera e propria associazione, con tanto di statuto. Tale associazione prese il nome di Opera Santa Barbara. L'Opera in quei tempi fungeva da banca di credito, infatti disponeva di ingenti quantità di denaro e ingenti quantità materiali tale grano, bestiame, terreni ecc. Il compito dell'Opera era quello di prestare alle persone del paese una porzione dei suoi beni per poi essere restituiti negli anni a seguire ad un bassissimo tasso di interesse (5 mousu de trigu po 60 chi pigada) ogni singolo "prestito" veniva registrato nei rispettivi registri che sono ancora integri e conservati gelosamente dai comitati biennali dell'Opera.

Locazione[modifica | modifica sorgente]

La chiesa campestre è ubicata a circa 7 km da Ulassai, intorno alla chiesa troviamo una sorta di portico edificato in tarda epoca romana, "Is Cumbessias" che servivano da alloggi per i pastori e le persone venute del paese per partecipare alle festività che duravano una settimana circa. Nella parte più a sud del complesso è ancora presente l'antico recinto murario dove venivano munte le pecore e le capre della santa, si chiama ancora oggi "sa Corte e sa Santa". Oggi le festività durano dal venerdì della terza settimana di maggio fino alla domenica che segue. Il venerdì oltre ai balli in piazza si ha una gara poetica dialettale sarda; Il sabato dopo la SS. Messa segue la processione per le vie del paese, accompagnata dalle launeddas e dai gruppi folk, poi si parte con il Santo Simulacro per Santa Barbara, verso sera si procede con la degustazione dei prodotti tipici e della carne arrosto;durante la serata si esibiscono i gruppi folk in piazza e il gruppo musicale. La domenica Santa Messa a Santa Barbara, pranzo al sacco all'interno de "is cumbessias", seguono i balli in piazza e giochi per bambini.

Rientro ad Ulassai[modifica | modifica sorgente]

Anticamente le famiglie erano solite fermarsi a metà strada per ballare e riposarsi dal viaggio nella località "su Monte e is Baddadoris". Oggi la festa si conclude con gli effetti pirotecnici dei fuochi d'artificio. Poiché il paese giace a ridosso delle imponenti e vertiginose pareti calcaree dei Tacchi, i fuochi in onore della santa restituiscono stupore, meraviglia e rimbombi unici che non possono riproporsi in altri luoghi vicini. Da circa 15 anni i fuochi in onore a Santa Barbara sono diventati un'attrattiva peculiare e decisiva per il paese di Ulassai.

Curiosità[modifica | modifica sorgente]

Fino al 1881, presso la chiesa di Santa Barbara, si svolgevano due feste: quella della Beata Vergine delle Grazie che si svolgeva la terza domenica di maggio, e quella di Santa Barbara l'11 di agosto. Ma con l'andare del tempo, due feste dovettero sembrare troppo dispendiose. Si decise allora (nel 1882) di fare di due feste una, conservando quella di maggio, evidentemente la più frequentata, ma trasferendo in essa il culto di Santa Barbara (in quanto santa taumaturgica).

Questua de "is Animas"[modifica | modifica sorgente]

Anche a Ulassai il giorno di Ognissanti si svolgono le celebrazioni che hanno strette similitudini con la tipica festa di Halloween d'oltreoceano. La mattina del primo di novembre i bambini bussano di porta in porta con il classico sacco di stoffa nelle spalle chiedendo doni e dolci per "is Animas". Ai bambini viene donato il pane o i dolci preparati in casa come le pabassinas a cui vengono aggiunti poi altri doni come le melagrane, le castagne, la frutta secca e dolci commerciali. Un tempo era tradizione anche preparare le "Concar de mortu"(le teste dei morti), ovvero zucche intagliate a forma di teschio, illuminate da una candela. Come tradizione era l'unica occasione dell'anno nella quale si preparavano i tipici "culurgionis". Anticamente, oltre alla questua de "is animas" erano presenti altre questue denominate: "is Istrinas" per Natale, "su Maideu" per il primo dell'anno e "su Maimulu" per Carnevale.

Su Ballu 'e Ulassa[modifica | modifica sorgente]

Su ballu 'e Ulassa (ballo di Ulassai) si fonda sui ritmi del ballo Ogliastrino, è costituito sostanzialmente da tre tempi diversi detti: Picchiadasa "su primu pè, su de dus peisi, e sa serrada", i primi due sono uguali, il terzo scandisce la chiusura, l'unione di questi tre tempi forma la cosiddetta "noda". Su Ballu Ulassa ha come base il componimento del passu trese, il ballerino parte nel primo tempo con il piede sinistro, inserendo dei passi intermedi che portano un'evoluzione al ballo stesso chiamata (passu sesi). Nel ballo si procede avanti nel primo tempo, si punta nel secondo e si retrocede nel terzo, e poi si rinizia. Tale ballo viene esibito sia in coppia con la donna che tra uomini, può essere serio ma anche molto ritmato.

Altre festività ed eventi[modifica | modifica sorgente]

  • 20 gennaio: Fuoco in onore di San Sebastiano;
  • Febbraio: Carnevale, su Maimulu;
  • Martedì Grasso: sa di e Martisberri;
  • Riti della Settimana Santa: escono i giovani con le "Matraccas" e "Tombus";
  • 3ª domenica di maggio: Festa campestre Santa Barbara., con Sagra dell'arrosto di capra e degustazione prodotti tipici locali;
  • Primi di luglio: Sagra dei prodotti tipici Folk e Sapori;
  • 15 agosto: festa dell'Assunta;
  • 8 settembre: festa della Vergine di Monserrato Santa Maria. Particolare per l'antico gioco agropastorale de "sa pesa e sa craba" e dei vari giochi antichi in piazza Barigau;
  • 1 novembre: giorno dei morti, questua de is Animas.

Il carnevale su Maimulu[modifica | modifica sorgente]

Sino ad ora, uno dei più autentici carnevali ogliastrini con le maschere tipiche, si trova a Ulassai, ha inizio la notte di San Sebastiano e termina il martedì grasso. Il carnevale viene denominato "su Maimulu" che è anche la maschera tipica più rappresentativa. Costituita da una grossa pelle e diversi campanacci sulla schiena è seguita dalle altre maschere quali: sa Ingrastula, sa Martinicca, il fantoccio "su Martisberri", s'ursu e un numeroso gruppo di Assogadoris. In questi giorni le maschere escono per questuare nelle case. Termina il giorno di martedì grasso "Martisberri" con la condanna del fantoccio e la sua aspersione nel grande fuoco. Le dinamiche del carnevale in questione erano fortemente sentite e praticate sino agli anni quaranta, successivamente rimasero in uso solo figure come sa Ingrastula, l'utilizzo dell'asinello da trasporto, e in alcune annate, gli uomini provvisti di lazzi is Assogadoris.

Museo di Arte Contemporanea Fondazione Stazione dell'arte (Maria Lai)

Musei[modifica | modifica sorgente]

Musei e collezioni pubbliche[modifica | modifica sorgente]

  • Stazione dell'arte (Museo di Arte Contemporanea, sito, ex stazione ferroviaria).
  • Collezione fotografica Virgilio Lai, costituita da oltre 7000 fotografie che documentano la vita agropastorale del paese di Ulassai, dei paesi limitrofi e di tutto l'operato e il percorso creativo del fotografo, costodita presso il Comune di Ulassai.
  • Collezione fotografica Sa perda e su entu, oltre un centinaio di fotografie del paese di Ulassai degli inizi del Novecento custodite presso la Biblioteca comunale di Ulassai.

Museo a cielo aperto di Ulassai[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Museo all'aperto Maria Lai e Lavatoio Comunale di Ulassai.

Il Museo a cielo aperto nasce dopo l'importante operazione sul territorio detta anche Opera Comunitaria di Legarsi alla Montagna di Maria Lai nel 1981.

Telaio del meriggio, Maria Lai 1970, l'opera è una delle tante appartenenti al ciclo dei Telai, e opera della collezione della Stazione dell'arte
L'Onorevole Giovanni Demurtas
L'artista Maria Lai

Manifestazioni culturali[modifica | modifica sorgente]

  • Concorso regionale di Poesia Sarda, "Istillas de Lentore" il primo e unico in Ogliastra, organizzato dall'associazione culturale ulassese Sa Perda e su entu
  • Festival dei Tacchi: prima settimana di agosto si svolge l'importante festival teatrale a valenza nazionale sia alla Stazione dell'arte che negli spazi del Centro di Aggregazione Barigau, organizzati dal Cada Die Teatro di Cagliari
  • UFF: Ulassai Film Fest, Festival Internazionale del Documentario, organizzato dall'Associazione Culturale Visionaria di Siena
  • NurarcheoFestival, festival teatrale di settembre, si svolge presso gli spazi della Stazione dell'arte, organizzata dalla compagnia Il Crogiuolo di Cagliari

Importanti performance artistiche a Ulassai[modifica | modifica sorgente]

Persone legate a Ulassai[modifica | modifica sorgente]

Geografia antropica[modifica | modifica sorgente]

Rioni del paese[modifica | modifica sorgente]

  • Su cungiau
  • S'ortu 'e sa sala
  • Bire ossu
  • Bire susu
  • S'arcu 'e sa serra
  • Mesu idda
  • Su muntonargiu
  • Barigau
  • Bidda 'e meri
  • S'americana
  • Sa mandara
  • Funtana 'e Marcu
  • Sa Pira 'e s'erriu
  • Coccoreddu
  • S'iligi 'e Coccu
  • Perdedu
  • Su muru 'e porcu
  • Funtana 'e serì

Economia[modifica | modifica sorgente]

Ulassai visto dal Bruncu Matzeu, la cima più alta del Monte Tisiddu.
Pastorizia e agricoltura[modifica | modifica sorgente]

La maggior fonte di sostentamento ad Ulassai in passato era la pastorizia, e il paese era abitato prevalentemente da pastori o allevatori di capre, pecore, vacche e cavalli. Si è arrivati ad avere ben oltre 35000 capi di bestiame. I pastori nei periodi invernali effettuavano la transumanza, "tramuda" verso i paesi del Campidano, alle volte anche in estate " a sa stula e fai" in "lampadas" cioè al maggese delle fave a giugno, e " a sa stula e trigu" e al maggese del grano in "orgiolasa" cioè il luglio. Oltre alla pastorizia era molto radicata anche l'agricoltura: si vantavano, intorno agli anni quaranta, ben 450 giuoghi di buoi. Oggi Ulassai gode di una trentina di aziende agropastorali di buon livello.

Radar e parco eolico[modifica | modifica sorgente]

Di rilievo ci sono diverse attività nel territorio connesse alla tecnologia in stretto contatto con l'ambiente e la cultura locale come la postazione radar Monte Codi, l'imponente Parco Eolico di Larensu, gestito dal gruppo Saras e dalla Sardeolica. La postazione radar nasce alla metà degli anni sessanta ed è in stretto collegamento con il Poligono Sperimentale Interforze di Perdasdefogu, l'energia eolica ha dato 40 posti di lavoro, ha migliorato il territorio agropastorale con l'apertura di nuove strade e l'aratura nelle diverse aree, paga come affitto annuale al Comune di Ulassai oltre 1 milione e mezzo di Euro, la potenza massima erogata è pari a 96 MW. Con l'installazione di 48 aerogeneratori e due trasformatori di corrente è considerato tra i più grandi parchi eolici a livello nazionale.

Oasi faunistica e Parco dei Tacchi[modifica | modifica sorgente]
Branco di Cervi nel Tacco di Ulassai

Intorno al 1985 nascono i cantieri forestali, dove fin dall'inizio lavorano circa 125 famiglie ulassesi, i cantieri sono due e si suddividono in quello di Taccu e in quello di Semida-Frasara, l'oasi faunistica nasce invece nel 2007 grazie ai cacciatori di Ulassai ed è gestita dall'Ente Foreste, permette la tutela dei numerosi branchi di cervi e vanta una superficie di circa 1200 ettari, è situata nel cuore della foresta sempreverde del Taccu di Ulassai. Il paese da alcuni anni sta puntando sulla chiave turistica attraverso una buona ma ancora giovane rete di alberghi e bed and breakfast.

Prodotti della tradizione[modifica | modifica sorgente]

Lavorazione del pane tradizionale di Ulassai
Donna di Ulassai al telaio orizzontale

Il paese di Ulassai è un paese molto tradizionale, è molto conosciuto e apprezzato per il lavoro antichissimo del telaio orizzontale, tra i pochi in Ogliastra. Tante donne del paese ancora oggi custodiscono i telai in casa, anticamente si lavorava con una tecnica chiamata "a preale", oggi soprattutto con quella a "pibionis" più semplice e meno vincolata nelle forme e nelle dimensioni, la tradizione è stata migliorata e valorizzata dal momento in cui diverse donne del paese, intorno agli anni settanta, si sono riunite in una cooperativa di tessitrici, e fondendo tradizione con arte locale hanno favorito il commercio dei prodotti tipici del paese. Molto apprezzata è anche la lavorazione delle bisacce "taschittas", dei "Taglieris" e delle "Stiariccas" di alcuni artigiani del paese. Per quanto riguarda la panificazione, ci sono diversi tipi di pane, il paese custodisce i segreti del "pane pintau" o "pane e coia", il cosiddetto pane bianco per i matrimoni, dalle arcaiche forme come "s'appintau a mossiu", "su caboniscu" ecc. Su "pane e gida" il pane della settimana, che consumano tuttora i pastori quando sono in campagna, e anche la gente comune, da cui si ricava su "pane incasau" e su "pane frittu", mentre "su pane 'e inu cottu", detto anche "panini cottu" unico e particolare è realizzato più come un dolce per occasioni di festa e di matrimoni; seguono gli altri più comuni come "su civargiu" o "moddissosu" e su Pistoccu a sfoglie rettangolari. In ogni casa del paese c'è il forno a legna e da esso si sfornano anche i dolci tipici quali: is pabassinasa, is pardulasa, di importazione is amarettusu e su gattò "gatheau". Ottimi sono i vini Cannonau della Valle del Pardu sottostante e della zona di Pauli e Gertassu, i quali servono soprattutto per la Cantina Sociale di Jerzu, il miele amaro di corbezzolo, e l'olio d'oliva. Diversi pastori ancora oggi producono il loro formaggio pecorino soprattutto di capra, producono "su cagliu", su "casu agedu" e su "fiscidu" o "casu 'e merca". Tipici del paese, ma anche dell'intera zona ogliastrina sono i culurgiones a "ispighitta", di menta e patata, e quelli di forma quadrata "culurgiones a tenda", si cucinano in diversi modi, sia al sugo che in bianco con un po' di olio d'oliva e formaggio grattugiato, oppure fatti all'antica, cioè cotti nella cenere del camino, bagnati da un po' di olio d'oliva "ogliu ermanu", e degustati senza piatto e forchetta, poi seguono "ir marracconir de ungula", "sa coccoi prena" di patate e menta, e "sa coccoi e corcoriga" tipiche della zona ogliastrina. Gli arrosti sono allo spiedo, di capra, di pecora, di manzo e infine di maialetto "pessa 'e coppiu", con l'arcaica tecnica de "su furria furria". IL paese è molto apprezzato anche per la produzione del prosciutti e salami casarecci, e per un particolare tipo di acquavite " s'Imbestussu" o "Abbardente cun meli". Anticamente come i paesi vicini della Valle del Pardu si produceva il Pane di ghiande, Pani e landi, usato sino agli inizi del Novecento e poi lentamente abbandonato per il pane odierno.

Amministrazione[modifica | modifica sorgente]

Amministrazioni precedenti dal 1944

Italia Repubblica Italiana

Periodo Primo cittadino Partito Carica Note
1944 1946 Ponziano Salis Sindaco
7 giugno 1946 ottobre 1948 Cesare Pilia Sindaco
1948 1949 Erasmo Caruso Comm. pref.
1949 Antonio Salis Comm. pref.
25 maggio 1952 20 gennaio 1953 Cesare Puddu Sindaco
20 gennaio 1953 Emilio Cannas Sindaco
3 settembre 1953 1954 Vittorio Serra Sindaco
1954 1955 Gigino Coni Sindaco
1955 1956 Emilio Cannas Sindaco
1956 1957 Gigino Coni Sindaco
1957 1957 Giovanni Chillotti Sindaco
1957 1960 Mario Cannas Sindaco
1961 1964 Giovanni Deidda Liori Sindaco
1964 1970 Cesare Chillotti Sindaco
7 giugno 1970 Silvio Cannas Sindaco
7 giugno 1973 1974 Antonio Corgiolu Sindaco
1974 1977 Raffaele Chillotti Sindaco
1977 1978 Emilio Puddu Sindaco
1978 1983 Antioco Podda Sindaco
1983 1988 Antioco Podda Sindaco
maggio 1988 1993 Giovanni Soru Sindaco
1993 1997 Giovanni Soru Sindaco
27 aprile 1997 Elio Deidda Sindaco
13 maggio 2001 Giovanni Soru Sindaco
28 maggio 2006 Giovanni Soru Sindaco
15 maggio 2011 in carica Franco Cugusi Sindaco

Raccolta differenziata[modifica | modifica sorgente]

Recycling symbol.svg 2005 2006 2007 2008 2009 2010 2011 2012
Ulassai[4] 0.1% 44.8% 66.6% 63.1% 60.4% 56.8% 61.2% 64.4%

Sport[modifica | modifica sorgente]

Calcio[modifica | modifica sorgente]

Il campo sportivo ulassese si chiama "Gedili", uno degli impianti sportivi più alti d'Ogliastra assieme a quelli di Seui ed Arzana. Ulassai ha diverse associazioni calcistiche nelle diverse categorie:

  • L'Associazione Polisportiva Ulassai 1966 nata nel 1966 milita nel girone C sardo di 2ª Categoria, la quale gestisce oltre alla categoria appena indicata, anche le relative categorie connesse ai gironi per bambini e per ragazzi;
  • I "Radio Amatori Ulassai".

Motocross[modifica | modifica sorgente]

Il motocross ed enduro ulassese affonda le sue origini a circa un decennio[in che anno/decennio?] a questa parte, le montagne impervie dei Tacchi soprastanti il paese, consentono un luogo ideale per praticare questo tipo di sport, attraverso questo e la recente associazione anche Ulassai è diventata tappa per tutti gli appassionati con la Motocavalcata dei Tacchi.

  • "Associazione Moto Club Ulassai"

Free climbing[modifica | modifica sorgente]

Il paese di Ulassai possiede un vero e proprio tesoro rappresentato dalle pareti di roccia che circondano i Tacchi. Esse infatti sono meta ambita dei Free Climbers provenienti sia dall'Italia che dall'estero. Uno dei più importanti Free Climbers venuto a chiodare le montagne ulassesi è Maurizio Zanolla. Sulle pareti, che raggiungono i 100 m di altezza, si contano oltre 350 vie di arrampicata sportiva[5] attrezzate da importanti scalatori nazionali. L'alpinismo ulassese è presente nel suo territorio da oltre 25 anni. Alcune vie chiodate hanno preso il nome di opere significative dell'artista Maria Lai. Data la quota sul mare dei Tacchi, la presenza degli scalatori va da inizio primavera sino ad autunno inoltrato.

Sport antichi[modifica | modifica sorgente]

Gli sport antichi del paese di Ulassai erano s'Istrumpa, e sa Murra, il primo è poco praticato al giorno d'oggi, mentre il secondo è ancora forte e vivo soprattutto nei giovani.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b Dato Istat - Popolazione residente al 31 dicembre 2010.
  2. ^ Tabella dei gradi/giorno dei Comuni italiani raggruppati per Regione e Provincia (PDF) in Legge 26 agosto 1993, n. 412, allegato A, Ente per le Nuove Tecnologie, l'Energia e l'Ambiente, 1 marzo 2011, p. 151. URL consultato il 25 aprile 2012.
  3. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.
  4. ^ Dati rifiuti sardegnaambiente.it
  5. ^ http://www.falesiaonline.it/falesie/i-tacchi-di-jerzu-ulassai-e-osini.html Le vie di arrampicata sul sito del progetto FalesiaOnLine

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Sardegna Portale Sardegna: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Sardegna