Cardedu

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Cardedu
comune
Cardedu – Stemma
Dati amministrativi
Stato Italia Italia
Regione Sardegna-Stemma.svg Sardegna
Provincia Provincia dell'Ogliastra-Stemma.png Ogliastra
Sindaco Giambeppe Boi (lista civica) dal 16/05/2011
Territorio
Coordinate 39°48′00″N 9°38′00″E / 39.8°N 9.633333°E39.8; 9.633333 (Cardedu)Coordinate: 39°48′00″N 9°38′00″E / 39.8°N 9.633333°E39.8; 9.633333 (Cardedu)
Altitudine 49 m s.l.m.
Superficie 32,33 km²
Abitanti 1 711[1] (31-12-2010)
Densità 52,92 ab./km²
Comuni confinanti Bari Sardo, Gairo, Jerzu, Lanusei, Osini, Tertenia.
Altre informazioni
Cod. postale 08040
Prefisso 0782
Fuso orario UTC+1
Codice ISTAT 105004
Cod. catastale M285
Targa OG
Cl. sismica zona 4 (sismicità molto bassa)
Nome abitanti Cardedesi
Localizzazione
Mappa di localizzazione: Italia
Cardedu
Posizione del comune di Cardedu nella provincia dell'Ogliastra
Posizione del comune di Cardedu nella provincia dell'Ogliastra
Sito istituzionale

Cardedu (Cardedu in sardo) è un comune italiano di 1.711 abitanti della provincia dell'Ogliastra in Sardegna.

Storia[modifica | modifica sorgente]

Cardedu è un centro di recente costituzione, aggregazione di una serie di interventi costruttivi nati da eventi calamitosi: dopo l'alluvione del 1951 un certo numero di abitanti del comune di Gairo è costretto ad abbandonare le proprie case e a trasferirsi nella piana vicino al mare. Nel 1966, per venire incontro alle esigenze di alcune famiglie che preferiscono stabilirsi in una zona più a monte nasce il Borgo di Cardedu, costituito inizialmente dalla chiesa, la scuola elementare, la caserma dei Carabinieri e gli uffici del Consorzio di bonifica del Pelau-Buoncammino. Attorno a questo primo insediamento, chiamato la borgata vengono in seguito costruite delle abitazioni che una volta finite sono occupate da famiglie provenienti da Gairo. E di Gairo Cardedu diviene frazione, sino a che, nel 1984 diventa comune autonomo, come testimonia il numero romano nel capo dello stemma comunale.

Monumenti e luoghi di interesse[modifica | modifica sorgente]

A causa della sua recente costituzione, non esistono edifici di rilevanza storica, tuttavia nel territorio di Cardedu è possibile ammirare diversi siti archeologici, quali nuraghi di Perda e pera, le domus de janas nella località Cucuddadas, e infine un imponente pozzo sacro denominato Su Presoneddu. Quest'ultimo ancora integro è completamente abbandonato, non essendo mai considerato motivo di pregio da parte delle amministrazioni locali, nonostante l'importanza archeologica, ora rischia di esser costantemente rovinato dall'incuria del tempo e dei vandali. Di notevole pregio artistico è la Via Crucis donata di recente dall'artista di Ulassai, Maria Lai, per la chiesa patronale del paese.

Evoluzione demografica[modifica | modifica sorgente]

Abitanti censiti[2]


Popolazione straniera[modifica | modifica sorgente]

Al 31 dicembre 2010 risultano residenti 41 cittadini stranieri così divisi:

Dati ISTAT

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 31 dicembre 2010.
  2. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]


Sardegna Portale Sardegna: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Sardegna