Michael Phelps

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando l'omonimo cestista, vedi Michael Phelps (cestista).
Michael Fred Phelps II
Phelps Santa Clara 2009.jpg
Dati biografici
Nazionalità Stati Uniti Stati Uniti
Altezza 193 cm
Peso 88 kg
Nuoto Swimming pictogram.svg
Dati agonistici
Specialità 100 m sl, 200 m sl, 200 m dorso, 100 m farfalla, 200 m farfalla, 200 m misti, 400 m misti, 4x100 m sl, 4x200 m sl, 4x100 m misti
Squadra North Baltimore Aquatic Club
Ritirato 4 agosto 2012
Palmarès
Giochi olimpici 18 2 2
Mondiali di nuoto 26 6 1
Mondiali in vasca corta 1 0 0
Giochi PanPacifici 16 3 0
Per maggiori dettagli vedi qui
Statistiche aggiornate al 4 agosto 2012
Missouri 2008
« Mangiare, dormire e nuotare, è tutto quello che so fare.[1] »
(Michael Phelps)

Michael Fred Phelps II (Towson, 30 giugno 1985) è un nuotatore statunitense.


Considerato il più grande nuotatore di tutti i tempi, ai Giochi di Londra 2012 è diventato l'atleta più titolato nella storia delle Olimpiadi moderne: con 22 medaglie complessive ha superato il primato di medaglie detenuto dalla ginnasta sovietica Larisa Latynina (1956-1964) (18 medaglie olimpiche complessive).

Con 18 ori è inoltre l'atleta che ha vinto il maggior numero di medaglie d'oro, avendo battuto il primato di 9 ori detenuto in precedenza dalla stessa Latynina, da Mark Spitz (nuoto, dal 1968 al 1972) e Carl Lewis (atletica, dal 1984 al 1996), e dalla leggenda dell'atletica finlandese, il fondista Paavo Nurmi (1920-1928).

Infine, è il detentore del record di vittorie in una sola edizione dei Giochi olimpici, avendo raggiunto quota 8 ori ai Giochi di Pechino 2008; ha superato il primato di Mark Spitz che, con 7 ori, lo deteneva da Monaco 1972: quattro anni prima, ad Atene 2004, Phelps aveva solo sfiorato questo record fermandosi a 6 ori e 2 bronzi.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Vittorie mondiali[modifica | modifica wikitesto]

Campionati mondiali di Fukuoka 2001[modifica | modifica wikitesto]

Michael Phelps, soprannominato "il kid (ragazzo) di Baltimora", "il cannibale di Baltimora" o "lo squalo di Baltimora",[2] fece la sua comparsa in campo internazionale alle Olimpiadi di Sydney del 2000, dove a soli 15 anni fu il più giovane nuotatore statunitense a prendere parte ai Giochi Olimpici fin dal 1932. Anche se in quell'occasione non vinse nessuna medaglia (solo 5° nella finale dei 200 farfalla), iniziò subito dopo a raccogliere successi in ambito internazionale. Cinque mesi dopo ai campionati statunitensi di Fort Lauderdale Phelps batté il record del mondo dei 200 m farfalla con 1'54"92, e lo migliorò ulteriormente nel 2001 ai Campionati mondiali di Fukuoka (Giappone) (1'54"58). Ai campionati nazionali statunitensi del 2002 di Fort Lauderdale, Phelps ottenne il record del mondo nei 400 m misti (4'11"09) e quello nazionale nei 100 m farfalla e nei 200 m misti.

Campionati mondiali di Barcellona 2003[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2003 Phelps migliorò il proprio record sui 400 m misti e nel mese di giugno ottenne anche quello dei 200 m misti (1'57"94). Ai campionati del mondo di Barcellona Phelps migliorò ancora il primato dei 400 m misti con 4'09"09, mentre nei 200 m misti ottenne il record prima in semifinale (1'57"52) e poi in finale con 1'56"04. Nei 100 m delfino stabilì con 51"47 il record del mondo in semifinale ma in finale fu sconfitto da Crocker che si impadronì del record. Nei 200 m delfino migliorò il tempo di Fukuoka in semifinale con 1'53"93 e poi in finale si confermò campione del mondo. Vinse inoltre l'argento nella 4x200 m stile libero. Subito dopo i campionati, nel Maryland, ottenne il primato nazionale nei 200 m sl (1'45"99) e nei 400 m sl. Nei 200 m misti scese sotto l'1'56 con 1'55"94. Il 7 luglio 2004 Phelps ritoccò nuovamente il suo record sui 400 m misti (4'08"41) durante le selezioni olimpiche americane per Atene 2004. Detiene anche il record mondiale delle 200 yards, ottenuto il 4 marzo 2005 ad Austin con il tempo di 1'32"08.

Campionati mondiali di Montréal 2005[modifica | modifica wikitesto]

Ai campionati mondiali del 2005, a Montréal (Québec, Canada) vinse altri 4 titoli: due individuali (200 m stile libero e 200 m misti) e due grazie alle staffette di stile libero (100 m e 200 m). Arrivò invece solo settimo con 48"99 nei 100 m sl. Nei 200 sl vinse in 1'45"20 migliorando per la quarta volta il record nazionale, nella 4x200 m sl gli U.S.A. vinsero in 7'06"58 e nella 4x100 m sl ottennero il record dei campionati con 3'13"77. Nei 100 m delfino Phelps nuotò un non eccezionale 51"65 arrivando secondo dietro Crocker.

Ai PanPacifici del 2006 a Victoria, Phelps vinse i 400 m misti, i 200 m delfino con record del mondo portato a 1'53"80 e i 200 m misti con 1'55"84(record del mondo). Nelle staffette ottenne ottimi tempi: nella 4x200 m sl gli Stati Uniti arrivarono vicini al record del mondo vincendo in 7'05"28, nella 4x100 m sl invece ottennero il primato con 3'12"46.

Campionati mondiali di Melbourne 2007[modifica | modifica wikitesto]

Ai mondiali di nuoto di Melbourne del 2007 Phelps stabilisce cinque primati mondiali in una settimana di gare: nuota i 200 m stile libero in 1'43"86, demolendo il precedente primato stabilito da Ian Thorpe, i 200 m farfalla in 1'52"09, i 200 m misti in 1'54"98, la 4x200 m stile libero in 7'03"24 con 1'45"36 in prima frazione e i 400 m misti in 4'06"22. Altre due medaglie d'oro giungono dai 100 m farfalla nuotati in 50"77 e dalla staffetta 4x100 m stile libero (nuotati in 3'12"72, nuovo record dei campionati con 48"42 in prima frazione) per un numero complessivo di sette medaglie d'oro conquistate. L'obiettivo dichiarato delle otto medaglie d'oro sfuma a causa della squalifica della staffetta americana nella 4x100 m misti, avvenuta nella batteria di qualificazione per una partenza anticipata di Ian Crocker.

Campionati mondiali di Roma 2009[modifica | modifica wikitesto]

Ai campionati mondiali del 2009, a Roma (Italia) conquista 5 ori e un argento. Vince la 4x100 stile libero in 3'09"21 nuotando 47"78 in prima frazione, la 4x200 in 6'58"55 (un centesimo meglio di Pechino) con 1'44"49 in prima frazione la 4x100 mista in 3'27"38 (record del mondo) facendo il vuoto a delfino. Nei 200 stile Phelps dopo 4 anni viene sconfitto da Paul Biedermann, che vince in 1'42"00 e sottrae il record a Phelps, che arriva secondo con 1'43"22. Si riscatta nei 200 m farfalla migliorando il già suo precedente record del mondo nuotando in 1'51"51, mentre nei 100 m farfalla si ripropone la sfida contro Čavić, già vista alle Olimpiadi di Pechino 2008, che vede nuovamente vincitore Phelps dopo una memorabile rimonta fermando il tempo al nuovo primato mondiale in 49"82.

Campionati mondiali di Shanghai 2011[modifica | modifica wikitesto]

Ai campionati mondiali di Shanghai 2011, partecipa a 7 discipline, vincendone 4, più due argenti e un bronzo. La staffetta 4x100 stile libero statunitense chiude solo terza dietro all'Australia e alla Francia con 3'11"96, due giorni dopo Phelps vince l'argento sui 200 metri stile libero con il tempo di 1'44"79, 35 centesimi in più del connazionale Ryan Lochte, mentre sui 200 m delfino vince l'oro con 1'53"34. Sui 200 m misti chiude in 1'54"16, tempo a soli 6 centesimi dal primato mondiale prima dei campionati, ma ancora una volta viene battuto da Lochte che con 1'54"00 realizza il nuovo record del mondo. Arrivano altri tre ori nei giorni seguenti nella staffetta 4x200 stile libero (7'02"67), i 100 m delfino (50"71) e la staffetta 4x100 misti (3'32"06).

Giochi olimpici[modifica | modifica wikitesto]

Atene 2004[modifica | modifica wikitesto]

Lo strapotere di Phelps portò a paragoni con un altro grande nuotatore statunitense, Mark Spitz, che vinse sette medaglie d'oro alle Olimpiadi di Monaco di Baviera 1972, un record che Phelps supererà nel 2008. Phelps ebbe l'occasione di infrangere quel record grazie anche all'apporto della forte squadra statunitense nelle staffette, gareggiando in otto specialità ad Atene 2004: 200 m stile libero, 100 m e 200 m farfalla, 200 m e 400 m misti, e nelle staffette 4x100 m stile libero, 4x200 m stile libero e 4x100 m misti. Avendo vinto 6 medaglie d'oro, ma avendo ottenuto solo un bronzo nei 200 m stile libero e nella 4x100 m stile libero, è andato molto vicino al record di Spitz. Con un totale di otto medaglie in una sola Olimpiade ha comunque eguagliato il record ottenuto dal ginnasta russo Aleksandr Ditjatin nelle Olimpiadi di Mosca 1980.

Solo pochi giorni prima dell'inizio delle gare di nuoto di Atene 2004, Gary Hall Jr., che puntava a un posto nella finale della staffetta 4x100 m stile libero statunitense, criticò la possibilità di far nuotare Phelps in quella gara, dal momento che non aveva partecipato alla gara dei 100 m sl ai Trials statunitensi. Tale episodio rese ancor più chiaro che la partecipazione di Phelps nelle tre staffette dipese solo dai risultati conseguiti nelle gare individuali, infatti durante l'anno riuscì a battere addirittura il campione statunitense Jason Lezak.

Il 14 agosto 2004 Phelps vinse la sua prima medaglia d'oro nei 400 m misti, con tanto di nuovo record del mondo (4'08"26). I giorni seguenti il record di Spitz sfumò, poiché Phelps nella 4x100 m sl vinse il bronzo con 48"74 lanciato, mentre nei 200 m sl venne sconfitto da Hoogenband e Thorpe, nuotando comunque un ottimo 1'45"32 (record americano). Successivamente arrivarono le vittorie nei 200 m farfalla in 1'54"04 e nei 200 m misti in 1'57"14, entrambi record olimpici. Inoltre gli Stati Uniti dopo 6 anni sconfissero l'Australia con 7'07"33 (Phelps nuotò 1'46"49 in prima frazione).

Il 20 agosto nella finale dei 100 m farfalla Phelps sconfisse il compagno di squadra Crocker per soli quattro centesimi di secondo (51"25 contro 51"29). Tradizionalmente, al nuotatore che si piazza meglio nella gara individuale viene automaticamente assegnata la corrispondente frazione nella staffetta 4x100 m mista. Ciò diede a Phelps un posto nella staffetta mista, ma essendo esausto per le molte gare cui aveva preso parte nella settimana precedente, cedette la frazione a farfalla a Crocker. La squadra statunitense vinse la gara stabilendo il record del mondo, ma poiché aveva partecipato alle gare di qualificazione per la finale della staffetta mista, Phelps si vide assegnare la medaglia d'oro assieme ai compagni che avevano disputato la finale.

Pechino 2008[modifica | modifica wikitesto]

Michael Phelps con l'ex presidente degli Stati Uniti George Bush.

Ai Trials statunitensi per le Olimpiadi Phelps migliora il record dei 400 m misti con 4'05"25 e dei 200 m misti con 1'54"80. Nuota i 100 m farfalla in 50"58, i 200 m farfalla in 1'52"20, i 200 m in 1'44"10 e i 100 m in 47"92.

Il 10 agosto 2008 alle Olimpiadi di Pechino vince l'oro nei 400 m misti facendo il record del mondo (4'03"84). Si ripete il giorno dopo con la vittoria e il record del mondo nella staffetta 4x100 m stile libero (3‘08"24, con 47"51 in prima frazione che è record americano). Il 12 agosto vince l'oro nella prova dei 200 m stile libero, segnando un nuovo record del mondo (1'42"96).

È oro anche il 13 sia nei 200 m farfalla (1‘52"03) che nella staffetta 4x200 m stile libero (6'58"56) ed entrambe le vittorie sono impreziosite da due nuovi record del mondo. Il 15 agosto domina la finale dei 200 m misti conquistando anche in questa gara oro e primato del mondo (1'54"23). Il 16 agosto giunge primo (per la prima volta in questi Giochi senza record del mondo) nei 100 m farfalla anticipando di un solo centesimo (50"59 contro 50"58) il serbo Čavić, che aveva dominato la gara, sorpassandolo proprio sul traguardo. Il 17 agosto fissa il nuovo record vincendo con gli Stati Uniti la finale della 4x100 m misti con 3'29"34, nuotando 50"15 a delfino, anche questa con primato del mondo.

Con gli otto ori conquistati a Pechino Phelps è diventato l'atleta ad aver vinto più medaglie d'oro in una singola Olimpiade. È anche diventato l'uomo ad aver vinto più medaglie olimpiche in carriera (16), superando il ginnasta sovietico Nikolay Andrionov, 15 volte a medaglia (7 ori, 5 argenti e 3 bronzi).

Phelps ha anche eguagliato nuovamente il record di medaglie conquistato in una singola edizione dei Giochi: 8 medaglie riuscì a metterle insieme anche il sovietico Aleksandr Dityatin, che a Mosca '80 vinse 3 ori, 4 argenti e 1 bronzo nella ginnastica. All'inizio dell'Olimpiade di Pechino la promessa del nuoto sosteneva delle medaglie di volerne 8. Al termine dell'Olimpiade il suo sogno si è trasformato in realtà.[3]

Londra 2012[modifica | modifica wikitesto]

In vista delle Olimpiadi di Londra, Phelps ha dichiarato di non puntare più alle otto medaglie d'oro come a Pechino 2008, escludendo i 200 stile libero dal suo programma. Il 28 luglio 2012 i suoi giochi non sono iniziati nel migliore dei modi: nella finale dei 400 metri misti, a cui si era qualificato soltanto con l'ottavo tempo, viene sconfitto dal suo compagno di nazionale Ryan Lochte, dal brasiliano Thiago Pereira e dal giapponese Kosuke Hagino, classificandosi quarto. Si tratta della prima volta che Phelps fallisce una medaglia in un evento olimpico dal 2000. Il giorno successivo vince una medaglia d'argento come membro della staffetta 4x100 metri stile libero. Nella 200 metri farfalla vince un'altra medaglia d'argento, subendo il sorpasso in volata del sudafricano Chad le Clos. È la prima sconfitta nella specialità dalla finale ai Giochi di Sydney 2000 in cui arrivò 5°. Pochi minuti dopo partecipa come ultimo frazionista alla staffetta 4x200 metri stile libero, portando gli Stati Uniti all'oro e diventando così l'atleta con più medaglie nella storia delle olimpiadi moderne, superando il record della ginnasta sovietica Larissa Latynina, 18 volte sul podio olimpico (9 ori, 5 argenti e 4 bronzi). Il 2 agosto arriva l'oro nei 200 misti sopravanzando il connazionale Lochte e l'ungherese Cseh e diventando il primo nuotatore a vincere tre medaglie d'oro nella stessa disciplina in tre edizioni dei Giochi consecutivi, record che ripeterà il 3 agosto vincendo per la terza volta consecutiva i 100 metri farfalla, precedendo lo stesso le Clos. Il 4 agosto, nell'ultima gara della sua carriera, vince la 4x100 misti a squadre (ultima sua gara olimpica) davanti a Giappone e Australia portando così il suo medagliere olimpico a 22 medaglie. Nello stesso giorno gli viene conferito un premio alla carriera che lo celebra "Miglior atleta olimpico di tutti i tempi".[4]


Possibile ritorno alle olimpiadi Brasiliane

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Atene 2004: oro nei 100 m e 200 m farfalla, 200 m e 400 m misti e nelle staffette 4x200 m sl e 4x100 m misti; bronzo nei 200 m sl e nella staffetta 4x100 m sl.
Pechino 2008: oro nei 200 m sl, 100 m e 200 m farfalla, 200 m e 400 m misti e nelle staffette 4x100 m sl, 4x200 m sl e 4x100 m misti.
Londra 2012: oro nei 200 m misti, nei 100 m farfalla, nella staffetta 4x200 m sl e nella staffetta 4x100 m misti; argento nella staffetta 4x100 m sl e nei 200 m farfalla.
2001 - Fukuoka: oro nei 200 m farfalla.
2003 - Barcellona: oro nei 200 m farfalla, 200 m e 400 m misti e nella staffetta 4x100 m misti, argento nei 100 m farfalla e nella staffetta 4x200 m sl.
2005 - Montréal: oro nei 200 m sl, 200 m misti e nelle staffette 4x100 m sl, 4x200 m sl e 4x100 m misti, argento nei 100 m farfalla.
2007 - Melbourne: oro nei 200 m sl, 100 m e 200 m farfalla, 200 m e 400 m misti e nelle staffette 4x100 m sl, 4x200 m sl
2009 - Roma: oro nei 100 m e 200 m farfalla e nelle staffette 4x100 m sl, 4x200 m sl e 4x100 m misti, argento nei 200 m sl.
2011 - Shanghai: oro nei 100 m e 200 m farfalla, nella staffetta 4x200 sl e nella staffetta 4x100 misti, argento nei 200 m sl e nei 200 m misti, bronzo nella staffetta 4x100 metri stile libero.
2004 - Indianapolis: oro nei 200 m sl.
2002 - Yokohama: oro nei 200 m e 400 m misti e nella staffetta 4x100 m misti, argento nei 200 m farfalla e nella staffetta 4x200 m sl.
2006 - Victoria: oro nei 200 m farfalla, 200 m misti, 400 m misti e nelle staffette 4x100 m sl e 4x200 m sl, argento nei 200 m dorso.
2010 - Irvine: oro nei 100 m e 200 m delfino e nelle staffette 4x100 m sl, 4x200 m sl e 4x100 m misti.
2014- Gold Coast: oro nei 100 m farfalla e nelle staffette 4x200 m sl e 4x100 m mista

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ PECHINO - OLIMPIADI 2008 - Repubblica.it
  2. ^ Nuoto - Phelps, lo SQUALO torna a far PAURA Yahoo.com
  3. ^ Pezzo della Repubblica su Phelps
  4. ^ (EN) http://espn.go.com, Michael Phelps, U.S. win medley relay, 5 agosto 2012. URL consultato il 14 agosto 2012.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 35558355 LCCN: n2004111640