Marcaria

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Marcaria
comune
Marcaria – Stemma Marcaria – Bandiera
Marcaria – Veduta
Localizzazione
Stato Italia Italia
Regione Regione-Lombardia-Stemma.svg Lombardia
Provincia Provincia di Mantova-Stemma.png Mantova
Amministrazione
Sindaco Carlo Orlandini (lista civica) dal 30/05/2006
Territorio
Coordinate 45°07′00″N 10°32′00″E / 45.116667°N 10.533333°E45.116667; 10.533333 (Marcaria)Coordinate: 45°07′00″N 10°32′00″E / 45.116667°N 10.533333°E45.116667; 10.533333 (Marcaria)
Altitudine 25 m s.l.m.
Superficie 89 km²
Abitanti 7 027[2] (31-12-2010)
Densità 78,96 ab./km²
Frazioni Campitello, Canicossa, Casatico, Cesole, Gabbiana, Ospitaletto, San Michele in Bosco[1]
Comuni confinanti Acquanegra sul Chiese, Borgo Virgilio, Bozzolo, Castellucchio, Curtatone, Gazoldo degli Ippoliti, Gazzuolo, Redondesco, San Martino dall'Argine, Viadana
Altre informazioni
Cod. postale 46010
Prefisso 0376
Fuso orario UTC+1
Codice ISTAT 020031
Cod. catastale E922
Targa MN
Cl. sismica zona 4 (sismicità molto bassa)
Cl. climatica zona E, 2 388 GG[3]
Nome abitanti marcariesi
Patrono san Giovanni Battista
Giorno festivo 24 giugno
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Marcaria
Posizione del comune di Marcaria nella provincia di Mantova
Posizione del comune di Marcaria nella provincia di Mantova
Sito istituzionale

Marcarìa (Marcaria in dialetto mantovano[4]) è un comune di 6.965 abitanti della provincia di Mantova.

Geografia fisica[modifica | modifica sorgente]

Storia[modifica | modifica sorgente]

Asilo comunale
Chiesa di S. Mariano a Canicossa

Il suo territorio, adagiato nel bassopiano a sinistra del corso del fiume Oglio, che lo lambisce ad occidente e a meridione, è solcato per ampi tratti da corsi d'acqua minori d'origine naturale, legati all'idrografia postwurmiana qui instauratasi dopo l'ultima fase glaciale. La sua estensione trova giustificazione storica nell'avvenuta aggregazione tra i secoli XIV e XV di due entità territoriali in precedenza distinte, le curtes medioevali di Marcaria e di Campitello.

Esigenze di carattere amministrativo e strategico militare infatti, in età signorile indussero i Dominanti di Mantova ad aggregare Campitello al Vicariato di Marcaria. Il castello di Marcaria[5] per secoli vigilò il confine col Cremonese ed il Bresciano; Campitello dopo l'età comunale divenne un fortilizio di retroguardia a seguito delle novelle acquisizioni territoriali in destra Oglio, che ampliarono via via fino al Po i confini dello stato mantovano. L'abbondanza delle acque, di dossi emergenti dalle piane di divagazione dell'Oglio a sud e la quota elevata a monte della piana fluvioglaciale e fluviale terrazzata, corrispondente al cosiddetto ‘livello fondamentale di pianura', furono determinanti per l'antropizzazione della zona in età neolitica. Certamente l'elemento caratterizzante del territorio fu fin dall'epoca protostorica il fiume Oglio, che col suo andamento meandriforme ne lambiva, via via mutandoli, i limiti sud occidentali. Ne sono ancora testimonianze sicure la presenza fisica sul territorio di paleoalvei e altre documentali, più incerte ma significative, che trovano giustificazione solo in un ultimo spostamento in età storica del fiume verso nord nell'alveo attuale. Ai primi del Duecento una quantità di terreni imprecisati in Gazzuolo, perciò in destra Oglio, paiono risultare ancora parte integrante del territorio campitellese, mentre la parrocchia di Marcaria ha continuato ad estendersi oltre l'Oglio in territorio di San Martino dall'Argine alle propaggini (scolo Cavata) di quell'abitato fino al 1987. Il fiume fu anche via di comunicazione e certo la più antica, percorsa sicuramente già in epoca etrusca e poi romana in entrambi i sensi.

I romani qui vi aggiunsero strade e razionalizzarono la suddivisione dei terreni coltivati con la centuriazione ancora oggi riscontrabile. Dopo la caduta dell'Impero romano d'Occidente, solo in epoca longobarda le campagne ormai incolte andarono lentamente ripopolandosi e rinnovandosi sotto la spinta delle bonifiche e dei disboscamenti. Nascono nuovi piccoli aggregati abitativi, preludio di realtà abitative più complesse, che nel X secolo andranno incontro al fenomeno dell'incastellamento quale difesa dalle scorrerie degli Ungari. Il territorio situato sul limes sud occidentale del circuito mantovano già dall'età romana, sotto i longobardi subisce un'infiltrazione economica bresciana (il ducato bresciano si estendeva prima del mille sulla destra Oglio fino a Suzzara e oltre). Privati bresciani sono documentati nell'area di Campitello ancora ai primi del secolo X, come del resto già dal IX secolo il monastero di San Faustino e quello ben più importante di Santa Giulia, che deteneva cospicue proprietà anche in Marcaria (secolo X).

Alla fine del X secolo in Italia vanno affermandosi le grandi famiglie feudali: Marcaria intorno al mille risulta in mano agli Obertenghi, da cui discenderanno ragguardevoli dinastie fra i quali basti citare gli Estensi e i Pallavicini, mentre Campitello entrerà nell'orbita dei Canossa, che già con Tedaldo erano divenuti anche titolari sul mantovano del potere comitale. Mutate le condizioni politiche, Adalberto Obertengo nel 1033 dona il castello di Marcaria e il suo territorio al neo-edificato monastero di Castiglione di Parma (oggi Castione de' Marchesi), che ne deterrà nominalmente la proprietà fino al XVIII secolo, concedendone nel frattempo l'investitura ai dominanti del momento. Campitello, dopo le acquisizioni in loco dalla Chiesa mantovana di Bonifacio di Canossa, alla morte di Matilde (1115), per volontà della gran contessa diventa possesso del vescovo di Mantova, che sarà posto di fronte all'ostilità degli antichi vassalli canossani, i cosiddetti dòmini di Campitello. Lo scemare della dinastia canossana coincide con la disgregazione del mondo feudale, e nel mantovano vanno affermandosi nuove realtà quali il comune cittadino e ai margini estremi del territorio, le grandi famiglie e le consorterie nobiliari legate al passato. L'assenza nel mantovano del legittimo e pubblico potere rappresentato dal conte (l'imperatore dopo la morte di Matilde non nominerà in Mantova alcun suo successore nella carica comitale), spingerà costoro alla ricerca di nuovi motivi di affermazione. Intorno al XII secolo in Marcaria compaiono dei conti locali legati ai conti di Sabbioneta e agli Ugonidi di stirpe bresciana: i conti di Marcaria, che competeranno con le nascenti realtà comunali di Mantova, Brescia, Cremona nel tentativo di acquisire il potere cittadino, senza tuttavia contrastarne l'affermazione.

Un episodio è la proditoria presa del castello di Marcaria (1251) da parte dei ghibellini cremonesi alleati di Ezzelino da Romano e favorita dal conte di Marcaria Ratbolo, dal parente Percivalle conte di San Martino Gusnago e Ubaldino dei dòmini di Campitello. Marcaria verrà prontamente ripresa dai mantovani di città che uccideranno il conte Ratbolo, costringeranno alla fuga e all'esilio Ubaldino e Princivalle coi loro alleati. Conseguenza immediata fu la distruzione del castello di Campitello, che verrà bruciato per ritorsione da Ezzelino. L'episodio, allora definito il fatto di Marcaria, ebbe al tempo vasta risonanza, tanto da essere immortalato con una pittura infamante (G.Milani, Pittura infamante etc.), sulla parete d'ingresso del Palazzo della Ragione di Mantova, allora novella sede del palazzo comunale (sono ancora riscontrabili i nomi di alcuni congiurati quali Ubaldino e Mozolino di Campitello, il conte Guiscardo di Redondesco, Aldrigo Calorosi, Ottolino).

Negli anni successivi i da Marcaria ancora si distingueranno col conte Federico, che dapprima alleato di Pinamonte Bonacolsi nella presa del potere cittadino (1272), sarà poi proprio da quello bandito con tutta la famiglia. L'acquisizione del potere da parte dei Bonacolsi, coinciso col rafforzamento dei confini occidentali e l'espansione definitiva verso sud del circuito mantovano, fu proprio la circostanza che creò le premesse che determinarono successivamente l'annessione di Campitello all'odierno capoluogo di cui già s'è accennato. Da questo momento Marcaria sarà unicamente luogo di funzionari e militari. La nobiltà mantovana legata alla stabilità del possesso della terra sarà qui praticamente assente anche per la presenza dei Castiglioni, che a seguito della rinuncia dei Gonzaga all'investitura in Casatico dai monaci di Castiglione di Parma, erano entrati in possesso praticamente dell'intero territorio (1445).

L'antica corte di Campitello, fatta salva la zona di San Michele, in cui fino in tempi relativamente recenti permarrà cospicua la proprietà della Mensa vescovile, sarà pressoché colonizzato dalla nuova nobiltà mantovana, spesso nata e cresciuta alla Corte dei Gonzaga, che per rinuncia stessa dei Signori beneficerà delle antiche concessioni vescovili (Valenti e Strozzi a Campitello; Conegrani e poi Luzzara a Canicossa, Torchio e Bianchi a Cesole). La caduta dei Dominanti prima, l'età delle riforme col Catasto Teresiano poi, seguite dal periodo Napoleonico ridimensioneranno i possessi di tutti, clero compreso, specie nella zona sud, ridistribuendo la proprietà terriera, che per il 50% passerà all'emergente classe borghese. In loco si distingueranno funzionari e addetti alle varie magistrature, ma compariranno anche nomi nuovi (Norsa, Forti, Fano, etc,) legati spesso all'acquisizione di capitali, che in taluni casi già aveva contraddistinto le famiglie d'origine ebraica.

Società[modifica | modifica sorgente]

Evoluzione demografica[modifica | modifica sorgente]

Abitanti censiti[6]

Tradizioni e folclore[modifica | modifica sorgente]

Cultura[modifica | modifica sorgente]

Persone legate a Marcaria[modifica | modifica sorgente]

Monumenti e luoghi di interesse[modifica | modifica sorgente]

Architetture religiose[modifica | modifica sorgente]

  • Chiesa cimiteriale di S.Giovanni Battista .Trattasi di edificio in stile gotico riedificato nel 1493 su una preesistente cappella citata già nel 1033. Al suo interno conserva interessanti affreschi votivi (fine sec. XV - inizi secolo XVI)
  • Chiesa parrocchiale di Cesole(metà del XV secolo). dedicata a S. Benedetto, fu eretta in stile gotico lombardo dal facoltoso e nobile mantovano Bonaventurino de Torcoli dopo il 1444, allorché acquisì quale unico proprietario la Curia Cesularum da Ludovico Gonzaga. Dell'edificio originale, praticamente ricostruito agli inizi del Novecento in stile neogotico su disegno dell'architetto Provasoli Ghirardini, si è salvata unicamente la torre campanaria, danneggiata nella sua sommità dal recente terremoto (maggio 2012). L'interno, in cui si conserva un vaso battesimale in alabastro che reca lo stemma del fondatore e le lettere iniziale e finale del suo nome, si caratterizza per l'aria di raccoglimento e la piacevolezza dell'ornato a fresco in gotico moderno. Vi si conservano due belle tele settecentesche.

Architetture civili[modifica | modifica sorgente]

  • Corte Castiglioni (Casatico). Complesso monumentale, già dimora di campagna della famiglia Castiglioni, in cui il 6 dicembre 1478 nacque il famoso Baldassarre Castiglione, autore del Cortegiano. L'impianto della corte è quattrocentesco e vi si accede tramite una porta a merlature chiuse, un tempo provvista di ponte levatoio. Una seconda porta difensiva precede il grande cortile erboso su cui si affacciano gli edifici interni, barchesse, stalle, magazzini e il palazzo vero proprio, cui si accosta sul lato meridionale l'emblematica torre a pianta stellare. Il primo nucleo abitativo risale al 1445, cui seguirono nello stesso secolo ulteriori interventi forse operati col concorso e la genialità di Luca Fancelli. Il porticato quattrocentesco con stemmi gentilizi dipinti chiude a Nord la grande corte, che fra il 1546 e il 1548 il conte Camillo, avvalendosi di disegni di Giulio Romano, sviluppò aggiungendovi anche la singolarissima torre stellata. Nella seconda metà del Cinquecento lavorarono qui alcuni epigoni di Giulio Romano quali Ippolito Andreasi detto l'Andreasino, Giulio Rubone (gran sala dell'antica loggia), Giangiacomo da Mantova (nella torre). Gli ultimi lavori di rilievo sono da ascrivere alla metà del Settecento, cui, a fine secolo inizi del successivo, seguirono le decorazioni del pittore mantovano Giacomo Gatti.
  • Villa Aurelia già Pasetti (San Michele in Bosco), edificata nel XVII secolo e restaurata nel 1945 è un bell'esempio di dimora gentilizia barocca con parco, un tempo con serre e scuderie. L'edificio sorto sulla millenaria proprietà vescovile, in S. Michele nella curtis Campitellese è citato la prima volta in un catasto vescovile del 1690 (Vescovo Vialardi). Gli interventi operati tra il 1838 e il 1841 aggiunsero al primitivo corpo centrale i due corpi laterali. Ceduto nel 1940 alla famiglia Pasetti, il fabbricato nel 1945 fu da questa radicalmente restaurato e abitato fino al 1974, anno in cui fu ceduto alla Curia bolognese. Trasformato in pensionato per anziani, oggi è divenuta Residenza Sanitaria Assistenziale. Vi soggiornò spesso Papa Sarto (anni 1884 - 1893), assurto poi agli onori degli altari come San Pio X.
  • Corte Picciona (San Michele in Bosco), seconda metà del XV secolo. Esempio di corte padronale quattrocentesca, ancora denuncia l'impronta fancelliana nelle merlature finte che coronano il palazzo e le costruzioni di servizio. Espressione del principe o di dignitari di corte trova paragoni più illustri in palazzo Pastore a San Martino Gusnago, nella Corte Ghirardina di Motteggiana, nella Corte Castiglioni a Casatico, nella Facchina di Nosedole. Su lato meridionale in fregio alla Comunale un tempo le costruzioni più basse assolvevano alle funzioni rurali ma anche difensive. Tracce residue di affresco negli spazi interposti tra i merli evocano ancora l'antico splendore. Ai marchesi Ippoliti di Gazoldo (Seicento) nel secolo XVIII succedono nella proprietà i conti Piccioni di Bozzolo (da cui il nome), che ad inizio Ottocento la cedono ai Paltrinieri, funzionari della magistratura napoleonica e austriaca. Costoro ristrutturarono pesantemente il palazzo padronale, iniziando anche lo smembramento della corte, purtroppo continuato in tempi recenti.
  • Il Palazzone, (Campitello), dimora nobiliare di inizi Seicento di Alessandro Gonzaga (il suo nome ancora compare con la data 1611 sull'architrave d'ingresso) è caratterizzato dal sopralzo a timpano (oggi sulla retrofacciata) e dal pomposo portale d'ingresso alla corte. Nel Catasto Teresiano (1775) è proprietà della Duchessa di Modena e Massa e nel 1840 viene ceduto ai Chizzolini, esponenti della borghesia locale. Destinato nel 1927 a divenire ospedale per i poveri del paese per volontà testamentaria della vedova Olimpia Muzzani, torna negli anni cinquanta all'erede legittima, perché vengono disattese le volontà della testatrice.
  • Villa Luzzara (Canicossa) (seconda metà XVII secolo - metà XVIII secolo). La maestosa villa dei marchesi Luzzara costruita in stile barocco venne iniziata nella seconda metà del Seicento ma fu completata molta lentamente (nel 1767 ancora rimaneva da terminare l'ala verso le scuderie e la sistemazione del giardino). La pianta è caratterizzata dal grande salone centrale, spazio pressoché cubico, che al centro si innalza a tutta altezza, verso cui convergono tutti gli ambienti sia al piano terreno che a quello superiore. Con l'estinzione dei Luzzara la villa rapidamente decadde con perdita degli stucchi e l'addossamento sul lato sinistro di barchesse e rustici. Passata in mano a vari proprietari, fu restaurata dai Viterbi che la condussero allo stato attuale. Fu abitata anche da Giuseppe Finzi, una delle figure più importanti del Risorgimento, sepolto nel cimitero locale.
  • Villa Bianchi oggi Negri (Cesole). Documentata già nel 1538 come la corte di Cesole, nel 1575 è proprietà di Ferdinando Gonzaga, signore di Guastalla, che nel 1594 la cede a Ercole Gonzaga. Passata al Duca Vincenzo signore di Mantova, costui la cedette a Gerolamo Bianchi, i cui discendenti (marchesi) la vendettero a loro volta ai fratelli Fano, che ristrutturarono il palazzo padronale in forme neoclassiche. La splendida villa, oggetto di recenti restauri, è parte di un complesso abitativo che comprende magazzini, scuderie, chiesa padronale e un ampio parco secolare con giardino all'italiana caratterizzato al centro da un'emblematica costruzione a torre (Colombaia), affrescata nella sua parte inferiore. La villa connotata all'interno dall'ampio androne a cassettoni (Salone centrale) che l'attraversa, presenta tra l'altro la sala denominata del Fornaretto con le grottesche attribuite appunto al pittore detto il Fornaretto Mantovano.

Geografia antropica[modifica | modifica sorgente]

Economia[modifica | modifica sorgente]

Sport[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Comune di Marcaria - Statuto.
  2. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 31 dicembre 2010.
  3. ^ Tabella dei gradi/giorno dei Comuni italiani raggruppati per Regione e Provincia (PDF) in Legge 26 agosto 1993, n. 412, allegato A, Ente per le Nuove Tecnologie, l'Energia e l'Ambiente, 1 marzo 2011, p. 151. URL consultato il 25 aprile 2012.
  4. ^ Pierino Pelati, Acque, terre e borghi del territorio mantovano. Saggio di toponomastica, Asola, 1996.
  5. ^ Enzo Boriani, Castelli e torri dei Gonzaga nel territorio mantovano, Brescia, 1969.
  6. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Cesare Chizzoni, Marcaria, frammenti di Storia Medievale, Cremona, 1987
  • Ricciardo Campagnari e Alberto Ferrari, Quattrocento e cinquecento in una residenza signorile LA CORTE CASTIGLIONI A CASATICO, in Corti e dimore del contado mantovano, Firenze, 1969.
  • Cesare Chizzoni, Restauri a Corte Castiglioni. Primi interventi: la stanza natale di Baldassarre Castiglioni, Mantova, 2012.
  • Cesare Chizzoni, Villa Aurelia (già Villa Pasetti) pp. 10-81 in Villa Aurelia la villeggiatura dei vescovi di Mantova - da palazzo vescovile a Residenza sanitaria assistenziale a cura di Luca Cremonesi, Marcaria - RSA Villa Aurelia, stampa 2009.
  • Enzo Boriani, Castelli e torri dei Gonzaga nel territorio mantovano, Brescia, 1969.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Lombardia Portale Lombardia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Lombardia