Hansi Müller

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Hansi Müller
Hansi Muller.jpg
Müller all'Inter nella stagione 1982-1983
Dati biografici
Nome Hans-Peter Müller
Nazionalità bandiera Germania Ovest
Altezza 180 cm
Peso 75 kg
Calcio Football pictogram.svg
Dati agonistici
Ruolo Centrocampista
Carriera
Squadre di club1
1975-1982 Stoccarda Stoccarda 186 (65)
1982-1984 Inter Inter 48 (9)
1984-1985 Como Como 17 (1)
1985-1986 SSW Innsbruck SSW Innsbruck 33 (16)
1986-1990 Swarovski Tirol Swarovski Tirol 70 (19)
Nazionale
1978-1982 Germania Ovest Germania Ovest 42 (5)
Palmarès
Coppa mondiale.svg Mondiali di calcio
Argento Spagna 1982
UEFA European Cup.svg Europei di calcio
Oro Italia 1980
1 Dati relativi al solo campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
 

Hansi Müller, all'anagrafe Hans-Peter Müller (Stoccarda, 27 luglio 1957), è un ex calciatore tedesco.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Cominciò la sua carriera da professionista nel 1977 con la maglia dello Stoccarda: vi rimase per cinque anni, segnando 65 reti in 168 incontri.

Müller al Como nel 1984-1985, assieme allo svedese Corneliusson.

L'ottima esperienza in patria gli valse l'attenzione dell'Inter, che lo acquistò nel 1982: al debutto nel campionato italiano segnò un gol, su calcio di punizione, contro il Verona al Bentegodi (l'Inter vinse per 2-1). La permanenza a Milano fu però resa difficile soprattutto dal suo rapporto con Evaristo Beccalossi, il "fantasista" della squadra. A tal proposito si cita una frase proprio di Beccalossi: «è meglio giocare con una sedia che con Hansi Muller, perché con la sedia quando gli tiri la palla addosso ti torna indietro». Nel 1984, dopo 13 reti in 68 presenze, lasciò il club del nuovo presidente Ernesto Pellegrini per passare al Como: nell'unica stagione coi lariani (1984-1985) centrò la salvezza in Serie A.

Lasciata l'Italia Müller passò al club austriaco dell'Innsbruck, rimanendovi un solo anno, e in seguito giocò nello Swarovski Tirol: in tale squadra vinse gli unici trofei della sua carriera di club, conquistando due titoli nazionali (1989 e 1990) e una Coppa d'Austria (1989). Chiuse la sua carriera nel 1990, dopo aver vinto il secondo scudetto di fila.

Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Esordì con la Germania Ovest nel 1978, e due anni dopo fece parte della squadra che si laureò Campione d'Europa. Fu convocato anche per il campionato del mondo 1982 in cui i tedeschi si arresero all'Italia in finale. L'anno seguente giocò per l'ultima volta in Nazionale: il suo bottino è di 5 reti in 42 incontri.

Nel 1981 fu tra i convocati della Selezione Europea per un'amichevole contro l'Italia, disputata a Roma il 25 febbraio: la gara fu organizzata per raccogliere fondi a favore delle vittime del terremoto in Irpinia. Müller giocò per tutti i 90 minuti dell'incontro, vinto 3-0 dalla Selezione[1].

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Competizioni nazionali[modifica | modifica wikitesto]

Tirol Innsbruck: 1988-1989, 1989-1990
Tirol Innsbruck: 1988-1989
Stoccarda: 1976-1977

Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Italia 1980

Individuale[modifica | modifica wikitesto]

Stoccarda: 1980

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Cavaliere dell'Ordine al Merito dello Stato di Baden-Wuerttemberg - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine al Merito dello Stato di Baden-Wuerttemberg
— 28 aprile 2007

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Almanacco illustrato del calcio 1984, Edizioni Panini Modena, pagina 464

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  • (DE) Hansi Müller in FussballDaten.de, Fussballdaten Verlags GmbH.

Controllo di autorità VIAF: 172057548