Giancarlo Marocchi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Giancarlo Marocchi
Giancarlo marocchi.jpg
Dati biografici
Nazionalità Italia Italia
Altezza 179 cm
Peso 76 kg
Calcio Football pictogram.svg
Dati agonistici
Ruolo Centrocampista
Ritirato 2000 - giocatore
Carriera
Giovanili
Bologna Bologna
Squadre di club1
1982-1988 Bologna Bologna 171 (13)
1988-1996 Juventus Juventus 213 (15)
1996-2000 Bologna Bologna 116 (5)
Nazionale
1988-1991 Italia Italia 11 (0)
Palmarès
W.Cup.svg  Mondiali di calcio
Bronzo Italia 1990
1 Dati relativi al solo campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 14 dicembre 2008

Giancarlo Marocchi (Imola, 4 luglio 1965) è un dirigente sportivo ed ex calciatore italiano, di ruolo centrocampista.

Carriera[modifica | modifica sorgente]

Club[modifica | modifica sorgente]

Marocchi (in piedi, primo da sinistra) alla Juventus nella stagione 1989-1990.

Muove i suoi primi passi nel Bologna, squadra che lo preleva dalle giovanili dell'Imola, sua città di origine, con il quale esordisce, non ancora diciassettenne, in Serie B nel campionato 1982-1983. Dopo la retrocessione dei felsinei in Serie C1 diventa titolare, riconquista la promozione fra i cadetti e disputa altre quattro stagioni in rossoblu, diventando uno dei punti di forza del centrocampo bolognese[1].

Nel 1987-1988 è una delle guide della squadra verso la promozione in Serie A che mancava alla società da sei anni. In seguito passa alla Juventus per 4,5 miliardi di lire,[2] nella quale diventa subito titolare senza saltare alcuna partita di campionato.

Alla Juventus conquista lo scudetto nel 1994-1995, la Coppa Italia 1989-1990 e 1994-1995 e la Coppa UEFA nel 1990 e nel 1993. Vince anche la Champions League 1995-1996, e in quell'anno disputa 8 partite di campionato e 7 di coppa, segnando anche una rete nel girone di primo turno; non prende tuttavia parte alla finale di Roma[1].

Tornato al Bologna nell'estate 1996, disputando altri quattro campionati in maglia rossoblu prima di chiudere definitivamente la carriera, all'età di 35 anni nel 2000. Nella semifinale di ritorno di Coppa UEFA 1998-1999 fra Bologna e Olympique Marsiglia riceve un'espulsione rimediando quattro turni di squalifica.[3][4]

In diciotto stagioni da professionista ha disputato 500 partite in campionato con 33 reti; 287 con il Bologna (18 reti) e 213 con la Juventus (con 15 reti). Le presenze in Serie A sono 329 (213 con la Juventus e 116 con il Bologna) con 20 reti.

Nazionale[modifica | modifica sorgente]

Il 22 dicembre 1988 è convocato in Nazionale dal commissario tecnico Azeglio Vicini, esordendo subito da titolare nella gara vinta per 2-0 contro la Scozia.

Disputa fra il 1988 e il 1991 soltanto 11 partite in azzurro, senza scendere mai in campo a Italia '90, chiuso da rivali preferitogli da Vicini, quali Giuseppe Giannini, Nicola Berti e da un Carlo Ancelotti che, ancorché non più giovanissimo, con le convincenti prove fornite con la maglia del Milan, soprattutto in campo internazionale, si era riconquistato la maglia azzurra. Esce definitivamente dal giro della Nazionale dopo che a Vicini subentra Arrigo Sacchi. La sua ultima partita in Nazionale è il 13 febbraio 1991 contro il Belgio (0-0) a Terni.

Dopo il ritiro[modifica | modifica sorgente]

Terminata l'attività agonistica, in un primo tempo abbandona il mondo del calcio per poi comunque tornarvi all'interno del Bologna dove ha rivestito più ruoli: osservatore, team manager, direttore generale e, dal 2006 fino a maggio 2010[5], responsabile tecnico del settore giovanile.

È commentatore di Sky per il calcio.[senza fonte]

Statistiche[modifica | modifica sorgente]

Presenze e reti nei club[modifica | modifica sorgente]

1982-83 Bologna               B     8     -
1983-84 Bologna              C1    25     1
1984-85 Bologna               B    35     6
1985-86 Bologna               B    32     -
1986-87 Bologna               B    34     1
1987-88 Bologna               B    37     5
1988-89 Juventus              A    34     1
1989-90 Juventus              A    32     5
1990-91 Juventus              A    31     3
1991-92 Juventus              A    31     1
1992-93 Juventus              A    23     1
1993-94 Juventus              A    28     2
1994-95 Juventus              A    26     2
1995-96 Juventus              A     8     -
1996-97 Bologna               A    33     4
1997-98 Bologna               A    31     1
1998-99 Bologna               A    29     -
1999-00 Bologna               A

Cronologia presenze e reti in Nazionale[modifica | modifica sorgente]

Palmarès[modifica | modifica sorgente]

Club[modifica | modifica sorgente]

Competizioni Nazionali[modifica | modifica sorgente]

Bologna: 1987-1988
Juventus: 1994-1995
Juventus: 1989-1990, 1994-1995
Juventus: 1995

Competizioni Internazionali[modifica | modifica sorgente]

Juventus: 1989-1990, 1992-1993
Juventus: 1995-1996
Bologna: 1998

Nazionale[modifica | modifica sorgente]

Onorificenze[modifica | modifica sorgente]

Cavaliere Ordine al merito della Repubblica Italiana - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere Ordine al merito della Repubblica Italiana
— Roma, 30 settembre 1991. Di iniziativa del Presidente della Repubblica.[6]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b Il pallone racconta: Giancarlo MAROCCHI
  2. ^ Calciatori ‒ La raccolta completa Panini 1961-2012, Vol. 5 (1988-1989), Panini, 4 giugno 2012, p. 10.
  3. ^ Bologna, prima la beffa e poi la rissa archiviostorico.corriere.it
  4. ^ Bologna-Marsiglia. Per la rissa squalificati 5 giocatori La stangata dell'Uefa ricerca.gelocal.it
  5. ^ Rassegna stampa - Bologna - TUTTO MERCATO WEB
  6. ^ Cavaliere Ordine al merito della Repubblica Italiana Sig. Giancarlo Marocchi. URL consultato il 6 aprile 2011.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]