Ephedra

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Efedra
Illustration Ephedra distachya0.jpg
Illustrazione di Ephedra distachya
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Plantae
Divisione Gnetophyta
Classe Gnetopsida
Ordine Ephedrales
Famiglia Ephedraceae
Genere Ephedra
Specie

vedi testo

Ephedra è un genere di piante arbustive appartenente alla divisione Gnetophyta; è l'unico rappresentante della famiglia Ephedraceae e dell'ordine Ephedrales.

Morfologia[modifica | modifica wikitesto]

Le specie di Èfedra (da 40 a 60, secondo gli autori) sono piante cespugliose (o, in alcune specie, rampicanti) di altezza è molto variabile, dai 30 cm ai 2 m. I rami sono simili alle fronde di equiseto, sottili e nodosi, di un colore verde opaco presentano dei solchi verticali. La radice è molto sviluppata. Le foglie sono squamose di colore verde grigiastro, inserite nei nodi a gruppi di tre o quattro. Essendo una Gimnosperma non ha i fiori come li intendiamo abitualmente, ma degli strobili, che possono essere maschili o femminili. Solitamente gli strobili si trovano sulla stessa pianta, possono essere sia separati che uniti in infiorescenze ermafrodite. I fiori maschili e femminili, simili tra loro, sono formati da un'asse nel quale si inseriscono le brattee opposte. Il frutto è un falso frutto, formato dalle brattee, che può però diventare carnoso e colorato di rosso.

Distribuzione e habitat[modifica | modifica wikitesto]

Sono presenti nelle aree asciutte delle regioni temperate e tropicali in Nord America, Sud America (dall'Ecuador alla Patagonia), Europa, Asia Nord Africa (comprese le Canarie).

Tassonomia[modifica | modifica wikitesto]

Comprende da 40 a 60 specie, fra cui le seguenti:

  • Ephedra alata
  • Ephedra altissima
  • Ephedra antisyphilitica
  • Ephedra aspera
  • Ephedra californica
  • Ephedra coryi
  • Ephedra cutleri
  • Ephedra distachya
    • Ephedra distachya ssp. helvetica
  • Ephedra equisetina
  • Ephedra fasciculata
  • Ephedra fedtschenkoae
  • Ephedra fragilis
    • Ephedra fragilis ssp. campylopoda
  • Ephedra frustillata
  • Ephedra funerea
  • Ephedra gerardiana
  • Ephedra intermedia
  • Ephedra lepidosperma
  • Ephedra likiangensis
  • Ephedra macedonica
  • Ephedra major
    • Ephedra major ssp. procera
  • Ephedra minuta
  • Ephedra monosperma
  • Ephedra nebrodensis
  • Ephedra nevadensis
  • Ephedra pedunculata
  • Ephedra przewalskii
    • Ephedra przewalskii var. kaschgarica
  • Ephedra regeliana
  • Ephedra saxatilis
  • Ephedra sinica
  • Ephedra torreyana
  • Ephedra trifurca
  • Ephedra viridis
  • Ephedra vulgaris

Usi[modifica | modifica wikitesto]

Avvertenza
Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico: leggi le avvertenze.

Le piante del genere Èfedra contengono gli alcaloidi efedrina (50-90%) e pseudoefedrina. È un composto stupefacente poiché l'efederina può essere trasformata in methcathinone e metanfetamina. Sono state usate tradizionalmente dai popoli indigeni per scopi medicinali come antiasmatici, diuretici e sudoriferi. La droga è costituita dai rami frantumati, è inodore e amara. L'efederina ha inoltre potere vasocostrittore e broncodilatatore, per questo viene usata nella cura delle affezioni del tratto respiratorio.

Il consumo di efedra negli integratori dietetici è stato molto diffuso negli Stati Uniti, dove fra il 1996 e il 1997 sono stati riportati diversi casi di decessi improvvisi e infarti del miocardio ricollegabili all'utilizzo della pianta. Nel 2000 uno studio riportato dal New England Journal of Medicine scatenò un vero e proprio caso nazionale: nello studio si analizzavano le segnalazioni di reazioni avverse alla pianta effettuate tra il 1999 e il 1997, col risultato che più della metà dei casi erano riconducibili al suo utilizzo. Le principali reazioni avverse segnalate erano sia di tipo cardiovascolare, con ipertensione e tachicardia; che di tipo nervoso, con ictus e convulsioni.[1] Nel 2001 la American Association of Poison Control si confermò lo studio riportando che il 64% delle RAF da fitoterapici negli Stati Uniti erano riconducibili all'efedra (1178 casi).[2] Nonostante la battaglia legale intentata dai produttori gli integratori alimentari a base di efedrina, la sostanza venne ritirata definitivamente dal commercio negli Stati Uniti nel 2004.[3][4]

Secondo alcuni autori l'Èfedra potrebbe essere la pianta del soma della religione indo-iraniana [5].

Galleria[modifica | modifica wikitesto]

Semi[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Christine A. Haller, M.D. e Neal L. Benowitz, M.D., Adverse Cardiovascular and Central Nervous System Events Associated with Dietary Supplements Containing Ephedra Alkaloids in The New England Journal of medicine, 343:1833-1838, 21 dicembre 2000, DOI:10.1056/NEJM200012213432502.
  2. ^ Stephen Bent, Thomas N. Tiedt e Michelle C. Odden, The relative safety of ephedra compared with other herbal products in Annals of Internal Medicine, vol. 138, nº 6, Mar 18, 2003, pp. 468-471. URL consultato il 2015-04-15.
  3. ^ Doctors Say Ephedra Use Is Unsafe in The New York Times, 2003-02-04. URL consultato il 2015-04-15.
  4. ^ FDA Acts to Remove Ephedra-Containing Dietary Supplements From Market su www.fda.gov. URL consultato il 2015-04-15.
  5. ^ Mahdihassan S, Identifying Soma as Ephedra in The Pakistan Journal of Forestry 1963; 13(4): 370-371.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]