CP 47,497

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Avvertenza
Alcuni dei contenuti riportati potrebbero generare situazioni di pericolo o danni. Le informazioni hanno solo fine illustrativo, non esortativo né didattico. L'uso di Wikipedia è a proprio rischio: leggi le avvertenze.
CP 47,497
CP-47,497.svg
Nome IUPAC
2-[(1R,3S)-3-hydroxycyclohexyl]- 5-(2-methyloctan-2-yl)phenol
Caratteristiche generali
Massa molecolare (u) 318.492 g/mol
Numero CAS [70434821073 numero CAS non valido]
Codice ATC N02AA01
PubChem ?
DrugBank ?
Proprietà chimico-fisiche
Solubilità in acqua no.
Dati farmacologici
Modalità di
somministrazione
orale, fumato, vaporizzato.
Indicazioni di sicurezza

CP 47,497 è un cannabinoide sintetico sviluppato dalla Pfizer negli anni '80.[1]. Ha un effetto analgesico e si comporta come agonista totale sui recettori CB1, per questa suo azione farmacologica è stato ed è tuttora uno tra i principi attivi più utilizzati insieme al suo omologo il CP 47,4978, nei cosiddetti herbal blend[2], delle smart drug usate come sostituti della cannabis in vendita dal 2006 negli Smart shop di tutto il mondo, nonostante alcune limitazioni createsi negli anni a venire, dopo che il fenomeno stava iniziando a manifestare il suo impatto sociale.

Stato legale[modifica | modifica wikitesto]

In Italia pur essendo sotto osservazione del Dipartimento per le Politiche Antidroga[3] non è ancora una sostanza vietata, come invece accade in Francia[4].

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Weissman A, Milne GM, Melvin LS Jr. Cannabimimetic activity from CP-47,497, a derivative of 3-phenylcyclohexanol. Journal of Pharmacology and Experimental Therapeutics. 1982 Nov;223(2):516-23. PMID 6290642
  2. ^ Volker Auwärter - Sebastian Dresen - Nerea Ferreirós - Michael Müller - Michael Pütz - Wolfgang Weinmann ,“Spice and other herbal blends: harmless incense or cannabinoid designer drugs?”, JMS - 2009
  3. ^ : Governo Italiano :. Pagina interna atta alla stampa
  4. ^ Fac-similé JO du 27/02/2009, texte 48 | Legifrance