Rudi Garcia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Rudi Garcia
Rudi Garcia (Flickr, 2011).jpg
Garcia sulla panchina del Lilla nel 2011
Nazionalità Francia Francia
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Allenatore (ex centrocampista)
Ritirato 1992 - giocatore
Carriera
Giovanili
1982-1983 Lilla
Squadre di club1
1983-1988 Lilla 68 (4)
1988-1991 Caen 57 (1)
1991-1992 Martigues 13 (0)
Carriera da allenatore
1994-1998 600px Verde e Bianco (Strisce Orizzontali)2.png Corbeil-Essonnes
1999-2000 Saint-Étienne Vice
2001-2002 Saint-Étienne
2002-2007 Digione
2007-2008 Le Mans
2008-2013 Lilla
2013-2016 Roma
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 13 gennaio 2016

Rudi Garcia (Nemours, 20 febbraio 1964) è un allenatore di calcio ed ex calciatore francese, di ruolo centrocampista.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Figlio d'arte (il padre José Garcia fu un calciatore), è stato chiamato Rudi in onore del ciclista tedesco Rudi Altig.[1] È di origini spagnole, e precisamente andaluse.[2] È laureato in Scienze motorie.[1] Si è separato da Véronique dalla quale ha avuto tre figlie: Carla, Eva e Léna.[3][4]

Nel febbraio 2014 pubblica in Francia la sua autobiografia, scritta in collaborazione con Denis Chaumier, dal titolo "Tous les chemins mènent à Rome" (in italiano: Tutte le strade portano a Roma).

Il 18 settembre 2014 posta una foto sul suo profilo Twitter per rendere pubblica la sua relazione con la presentatrice di Roma TV, la modella Francesca Brienza.[5] Nel novembre 2014 si è aggiudicato il premio "Tor Vergata - Etica nello sport" organizzato dall'Università degli Studi di Roma "Tor Vergata" e assegnato ogni anno a personalità sportive che si sono contraddistinte per lealtà, correttezza, impegno sociale e lotta al doping.[6]

Caratteristiche tecniche[modifica | modifica wikitesto]

Allenatore[modifica | modifica wikitesto]

Garcia schiera le sue squadre con il 4-2-3-1 o il 4-3-3.[2][7] Il suo gioco, prettamente offensivo, prevede possesso palla e fraseggio corto.[7] Vuole che i suoi giocatori effettuino un pressing alto, per recuperare rapidamente il pallone, per poi verticalizzarlo.[8] La sua difesa ideale è composta da un centrale fisicamente prestante e un altro che sia bravo ad impostare il gioco, mentre i suoi terzini devono garantire un certo contributo in fase d'attacco.[1] Nel suo 4-2-3-1, i due giocatori davanti alla difesa seguono il modello dei centrali, con lo schieramento di un interditore e un regista.[1] Per la fase offensiva, Garcia cerca un centravanti che partecipi alla manovra, con i trequartisti che riescono a compensare l'eventuale mancanza di reti dell'attaccante.[1]

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Giocatore[modifica | modifica wikitesto]

Ha giocato a calcio tra gli anni '80 e '90 in diverse squadre francesi. Si è ritirato a 28 anni per via dei continui problemi alla schiena, che ne pregiudicavano le prestazioni.[2]

Allenatore[modifica | modifica wikitesto]

Inizi e Saint-Étienne[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1995 torna al Corbeil-Essonnes, squadra dilettantistica di Division d'honneur con cui ha giocato da giovane. Inizialmente è allenatore-giocatore, successivamente solo allenatore fino al 1998, quando viene chiamato al Saint-Étienne.[9]

Esordisce come preparatore atletico nel Saint-Étienne, ruolo che ricopre per due stagioni prima di diventare il tattico della squadra, ossia colui che studia le strategie degli avversari. Nel 2000 è viceallenatore, mentre dal gennaio successivo assume l'incarico di allenatore in coppia con Jean-Guy Wallemme. A fine stagione nel 2002 lascia l'Etienne.[9]

Digione e Le Mans[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2002 subentra sulla panchina del Digione. Sotto la sua guida la squadra raggiunge la promozione nella Ligue 2 al secondo tentativo, divisione in cui riesce ad assestarsi nei tre anni successivi.[1] Nel 2007 allena il Le Mans, con cui chiude al nono posto in Ligue 1 e arriva alle semifinali della Coppa di lega.

Lilla[modifica | modifica wikitesto]

Garcia in conferenza stampa nella Supercoppa di Francia 2011

L'anno dopo (2008) rescinde il contratto con il Le Mans per sedere sulla panchina del Lille, prendendo il posto di Claude Puel. Dopo aver conquistato la qualificazione in Europa League, il 2 giugno 2009 decide di lasciare il club per divergenze con il direttore sportivo Xavier Thuilot. Nel giro di due settimane però, il presidente del club Michel Seydoux lo convince a ritornare al suo posto. Nel 2011 conquista il suo primo titolo, battendo in finale di Coppa di Francia con il punteggio di 1-0 il Paris Saint-Germain. Poco tempo dopo arriva anche la vittoria della Ligue 1, centrando così il double. Al termine della stagione 2010-2011 viene nominato migliore allenatore della Ligue 1 e viene inserito al settimo posto dei migliori allenatori del mondo dell'anno 2011.[10]

L'anno successivo porta la sua squadra al terzo posto in campionato, conquistando per la seconda volta l'accesso alla Champions League. In nessuna delle due occasioni però la squadra riesce a superare la fase a gironi della manifestazione. Il Lille chiude al sesto posto il campionato 2012-2013, rimanendo esclusa dalle coppe europee.

Roma[modifica | modifica wikitesto]

Garcia dirige un allenamento della Roma nell'estate del 2014

Il 12 giugno 2013 firma un contratto biennale con la Roma, divenendo il nuovo allenatore della squadra.[11] In campionato infila una striscia iniziale di dieci vittorie consecutive, che porta i capitolini al comando del torneo.[12] La sconfitta per 3-0 con la Juventus, issatasi in vetta, costringe i giallorossi al secondo posto al termine del girone di andata.[13] Durante il resto del campionato, la Roma colleziona altri risultati positivi ma le speranze per lo scudetto si esauriscono nelle ultime giornate a causa di tre k.o. consecutivi.[14] Con 85 punti all'attivo, viene stabilito il record capitolino in massima serie.[15] Concluso il campionato, rinnova l'accordo con la società sino al 30 giugno 2018.[16][17]

Nella stagione successiva raggiunge ancora il secondo posto, stavolta superando in volata i rivali cittadini della Lazio.[18] Il 13 gennaio 2016, Garcia viene ufficialmente sollevato dall'incarico di allenatore della Roma dopo una serie di risultati deludenti;[19] conclude la sua esperienza in giallorosso con il bilancio di 61 vittorie, 35 pareggi e 22 sconfitte in 118 panchine.

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

Allenatore[modifica | modifica wikitesto]

Statistiche aggiornate al 10 gennaio 2016.

Stagione Squadra Campionato Coppe nazionali Coppe continentali Altre coppe Totale Vittorie % Piazzamento
Comp G V N P Comp G V N P Comp G V N P Comp G V N P G V N P %
2001-2002 Francia Saint-Étienne L2 15 2 4 9 - - - - - - - - - - - - - - 15 2 4 9 13,33 13°
2002-2003 Francia Digione CN 38 17 10 11 - - - - - - - - - - - - - - 38 17 10 11 44,74
2003-2004 CN 38 19 7 12 - - - - - - - - - - - - - - - 38 19 7 12 50,00
2004-2005 L2 38 14 15 9 - - - - - - - - - - - - - - 38 14 15 9 36,84
2005-2006 L2 38 16 12 10 - - - - - - - - - - - - - - 38 16 12 10 42,11
2006-2007 L2 38 14 12 12 - - - - - - - - - - - - - - 38 14 12 12 36,84
Totale Digione 190 80 56 54 - - - - - - - - - - - 190 80 56 54 42,11
2007-2008 Francia Le Mans L1 44 18 11 15 - - - - - - - - - - - - - - 44 18 11 15 40,91
2008-2009 Francia Lille L1 38 17 13 8 CF+CdL 4+1 3+0 0 1+1 - - - - - - - - - 43 20 13 10 46,51
2009-2010 L1 38 21 7 10 CF+CdL 1+2 0+1 0 1+1 UEL 14[20] 9[20] 0+2 3 - - - - 55 31 9 15 56,36
2010-2011 L1 38 21 13 4 CF+CdL 6+2 6+1 0 0+1 UEL 10[21] 3[22] 4[22] 3 - - - - 56 31 16 9 55,36
2011-2012 L1 38 21 11 6 CF+CdL 3+2 2+1 0 1+1 UCL 6 1 3 2 SF 1 0 0 50 25 14 11 50,00
2012-2013 L1 38 16 14 8 CF+CdL 3+3 2+2 0 1+1 UCL 8[21] 2[22] 0 6[22] - - - - 52 22 14 16 42,31
Totale Lille 190 96 58 36 27 18 0 9 38 15 9 14 1 0 0 256 129 67 60 50,39
2013-2014 Italia Roma A 38 26 7 5 CI 4 3 0 1 - - - - - - - - - 42 29 7 6 69,05
2014-2015 A 38 19 13 6 CI 2 1 0 1 UCL+UEL 6+4 1+1 2+2 3+1 - - - - 50 22 17 11 44,00
2015-2016 A 19 9 7 3 CI 1 0 1 0 UCL 6 1 3 2 - - - - 26 10 11 5 38,46 Esonerato
Totale Roma 95 53 25 14 7 4 1 2 16 3 7 6 - - - 118 61 35 22 51,69
Totale Carriera 523 244 152 128 34 22 1 11 54 18 16 20 1 0 0 612 283 171 157 46,24

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Allenatore[modifica | modifica wikitesto]

Individuale[modifica | modifica wikitesto]

Miglior allenatore della Ligue 1: 2011

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e f Federico Casotti, Profilo - Calcio offensivo, attenzione per i giovani e 'saggi' nello spogliatoio: Roma, tutto su Garcia, goal.com, 11 giugno 2013. URL consultato il 4 gennaio 2014.
  2. ^ a b c Rudi Garcia - Chi è il nuovo allenatore della Roma? Tattica e "segreti" del mister, ilsussidiario.net, 13 giugno 2013. URL consultato il 4 gennaio 2014.
  3. ^ dall'autobiografia "Tous les chemins mènent à Rome", Hugo Sport editore, febbraio 2014.
  4. ^ ilmessaggero.it, http://www.ilmessaggero.it/ROMA/CRONACA/anche_rudi_garcia_sceglie_casalpalocco_e_prende_casa_nel_centro_del_quartiere/notizie/325966.shtml .
  5. ^ L'allenatore della Roma Rudi Garcia twitta una foto con la fidanzata al Colosseo, Ansa.it, 18 settembre 2014. URL consultato il 18 settembre 2014.
  6. ^ Premio "Etica nello sport" a Rudi Garcia, a Tor Vergata i cori degli studenti - 1 di 1 - Roma - Repubblica.it
  7. ^ a b Andrea Tabacco, Calciomercato - Ecco chi è Rudi Garcia: il nuovo tecnico della Roma, eurosport.yahoo.com, 10 giugno 2013. URL consultato il 4 gennaio 2014.
  8. ^ Fabrizio Angeli, Roma, Rudi Garcia, "Special One" francese: ecco come il “Sergente” è visto in patria, ilmessaggero.it, 13 giugno 2013. URL consultato il 4 gennaio 2014.
  9. ^ a b Scheda di Rudi Garcia, uefa.com. URL consultato il 4 gennaio 2014.
  10. ^ Scheda di Rudi Garcia, romagiallorossa.it. URL consultato il 4 gennaio 2014.
  11. ^ Matteo Pinci, Roma, Garcia nuovo allenatore: "È un vincente", la Repubblica, 12 giugno 2013.
  12. ^ Andrea Pugliese, Roma-Chievo 1-0, gol di Borriello: 10 vittorie consecutive, record per Garcia, Gazzetta.it, 31 ottobre 2013.
  13. ^ Andrea Pugliese, Roma-Genova 4-0, gol di Florenzi, Totti, Maicon e Benatia, Gazzetta.it, 12 gennaio 2014.
  14. ^ Verdone contro la Roma: "Potevano essere più seri, tre sconfitte di fila...", La Gazzetta dello Sport, 19 maggio 2014.
  15. ^ Marco Calabresi, Roma, quanti record: 85 punti, porta imbattuta e vittorie consecutive, La Gazzetta dello Sport, 26 aprile 2014.
  16. ^ Davide Stoppini, Roma, Garcia rinnova il contratto fino al 2018: 2,5 milioni a stagione, La Gazzetta dello Sport, 30 maggio 2014.
  17. ^ Matteo Pinci, Roma, Garcia rinnova: in panchina fino al 2018, la Repubblica, 30 maggio 2014.
  18. ^ Alessandro Pasini, Serie A, via alla volata Champions per Roma, Lazio, Samp, Napoli e Fiorentina, la Repubblica, 2 aprile 2015.
  19. ^ Garcia sollevato dall’incarico di responsabile tecnico della Prima Squadra, in asroma.com, 13 gennaio 2016. URL consultato il 13 gennaio 2016.
  20. ^ a b 4 Nei play-off.
  21. ^ a b 2 Nei play-off.
  22. ^ a b c d 1 Nei play-off.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  • (ENESFR) Rudi Garcia, su FootballDatabase.eu.
  • (DEENIT) Rudi Garcia, su Transfermarkt.it, Transfermarkt GmbH & Co. KG.
Controllo di autorità VIAF: (EN308700766 · BNF: (FRcb16772049g (data)