Publio Erennio Dessippo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Publio Erennio Dexippo)

Publio Erennio Dessippo (in latino: Publius Herennius Dexippus; Atene, 210 circa – 273) è stato uno storico, politico e militare romano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Apparteneva ad un'antica famiglia del demo attico di Ermo, sacerdote ereditario dei misteri eleusini della famiglia dei Cerici, che tenne gli uffici di archon basileus e eponimo di Atene.

Quando gli Eruli invasero la Grecia e assediarono Atene nel 269, Dessippo mostrò grande coraggio personale, mostrando un patriottismo degno dei suoi antenati; venne eretta una statua in suo onore, la cui iscrizione è stata preservata, anche se non cita i suoi risultati militari[1].

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Fozio menziona tre lavori storici di Dessippo,[2] dei quali rimangono frammenti considerevoli [3].

Inizialmente, una epitome di un lavoro di Arriano, intitolata Storia dei Diadochi, seguita da una Cronaca che copriva dalle origini fino al 269/270 (questo lavoro venne proseguito da Eunapio fino al 404[4].

Più monografica e legata alle vicende dell'autore era l'opera Skythikà, in almeno 3 libri, riguardo alle invasioni germaniche del 238-270[5], dalla quale proviene, tra l'altro un'ampia lettera dell'imperatore Decio, esemplificativa dello stile retorico e ampliato tipico della storiografia classica adottato da Dessippo[6].

Fozio, sempre nello stesso codice, parla molto bene dello stile di Dessippo, che pone allo stesso livello di Tucidide.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Corpus Inscriptionum Atticarum, III, 716.
  2. ^ Fozio, Biblioteca, cod. 82.
  3. ^ FGrHist 100.
  4. ^ Cfr. R.C. Blockley, Dexippus of Athens and Eunapius of Sardis, in "Latomus", n. 30 (1971).
  5. ^ T 5 Jacoby.
  6. ^ Cfr. C. Davenport-C. Mallan, Dexippus' letter of Decius: context and interpretation, in "Museum Helveticum", n. 70 (2013).

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • F. Jacoby, FGrHist, A. Universalgeschichte und Hellenika ("Storia universale e Hellenikà") [nn. 64-105], Berlin, Weidmann, 1926, n. 100 (edizione critica).
  • F. Jacoby, FGrHist, C. Kommentar zu Nr. 64 - 105 ("Commento ai nn. 64 - 105"). Berlin, Weidmann, 1926.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN22521079 · ISNI: (EN0000 0000 5266 8994 · LCCN: (ENnr2006009268 · GND: (DE102132976 · BNF: (FRcb10467388v (data)