Arconte eponimo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

L'arconte eponimo (in greco antico: ἐπώνυμος ἄρχων, epónymos árchon; ἐπώνυμος è composto da ἐπί, "sopra", e ὄνομα, "nome", quindi si può tradurre come "che dà il nome") era uno dei nove arconti eletti annualmente nell'antica Atene.

Arconte (ἄρχων, pl. ἄρχοντες, arcontes) significa "governante" o "signore", è usato frequentemente come titolo di una specifica carica pubblica[1], mentre "eponimo" significa che dava il suo nome all'anno in cui occupava la carica, in modo simile alla datazione dei Romani per anni consolari.

Nell'Antica Atene, un sistema di nove arconti contemporanei si evolse, conducendo a tre diverse giurisdizioni sugli affari civici, militari e religiosi dello stato: i tre incaricati erano noti, rispettivamente, come arconte eponimo, arconte polemarco (in greco antico: πολέμαρχος, "comandante") e arconte re (in greco antico: ἄρχων βασιλεύς, "arconte re")[2][3]. Gli altri sei erano i tesmoteti (in greco antico: θεσμοτέται), ufficiali giudiziari.

In origine queste cariche erano occupate dalla classe ricca con elezioni ogni dieci anni. Durante questo periodo l'arconte eponimo era il magistrato in capo, il polemarco era il comandante delle forze armate e l'arconte re era responsabile di alcune disposizioni religiose cittadine e della supervisione di alcuni importanti processi nelle corti di giustizia. Dopo il 683 a.C. le cariche furono mantenute per un solo anno, che prese il nome dall'arconte eponimo.

Contesto storico[modifica | modifica wikitesto]

L'arconte era il magistrato più importante in molte città greche, ma ad Atene c'era un concilio di arconti che esercitava una forma di potere esecutivo. Dal tardo VIII secolo a.C. ci furono tre arconti: l'arconte eponimo, il polemarco (sostituito nel 501 a.C. da dieci strateghi) e l'arconte re (le vestigia cerimoniali della monarchia ateniese)[4]. Queste posizioni erano occupate dall'aristocrazia (gli Eupatridi) per elezione ogni dieci anni. Durante questo periodo l'arconte eponimo era il magistrato in capo, il polemarco il comandante delle forze armate, l'arconte re il responsabile delle disposizioni religiose cittadine.

Dopo il 508 a.C. le cariche furono mantenute per un solo anno, che prese il nome dall'arconte eponimo. L'anno andava da luglio al giugno successivo[5]. L'arconte eponimo era l'arconte più importante e presiedeva alle riunioni della Boulé e dell'Ecclesia, le assemblee dell'antica Atene. L'arconte eponimo restò il capo dello stato anche con la democrazia, nonostante con un'importanza politica molto ridotta. Sotto la riforma di Solone, egli stesso arconte eponimo nel 594 a.C., ci fu un breve periodo in cui il numero degli arconti salì a dieci. Dopo il 457 a.C. gli ex-arconti furono automaticamente nominati membri a vita dell'Areopago, nonostante quest'assemblea non fosse più molto importante politicamente.

Dal 487 a.C. uno degli arconti sorvegliò la procedura dell'ostracismo[6]. Un processo a un arconte era a carico degli epikleroi[7]. Altri diritti degli arconti includevano la supervisione dei Giochi panatenaici e delle Dionisie[8]

Elenco degli arconti di Atene[modifica | modifica wikitesto]

Nella seguente lista degli arconti, gli anni in cui il nome dell'arconte è ignoto sono segnalati come tali. Gli anni indicati come "anarchia" vogliono intendere letteralmente che non ci furono arconti. Ci sono varie ricostruzioni contrastanti di elenchi; le fonti di questa lista sono indicate alla fine. Notare che la carica di un arconte ricopriva due anni, cominciando in primavera o estate e continuando fino alla seguente primavera o estate. Il polemarco o gli strateghi, il basileus e i tesmoteti (i sei vice degli arconti) sono altresì indicati, quando conosciuti.

Periodo arcaico[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Grecia arcaica.
Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Medioevo ellenico e Antica Grecia.

Arconti a vita[modifica | modifica wikitesto]

La più antica tradizione ateniese varia sull'esatta posizione di questo confine; esercitavano l'arcontato a vita, alcune volte indicato come "arcontato perpetuo" ed esercitavano i poteri sacrali della monarchia, come poi fece l'arconte re. La storicità di ognuno di questi elenchi antichi può essere ragionevolmente messa in dubbio da un principiante e idonea a differenti interpretazione, ma in cui non ci siano dubbi in quanto ai documenti storici. Aristotele indica che Medontete e Acasto potrebbero aver governato come re piuttosto che come arconti[9].

Anno Arconte Altre informazioni rilevanti
10681048 a.C. Medonte (Μέδων)[10] Primo governante dell'Attica dopo il Medioevo ellenico.
10481012 a.C. Acasto (Ἄκαστος)[11][12] Troia VIIb2 è distrutta (ca. 1120 a.C.).
1012993 a.C. Archippo[13]
993952 a.C. Tersippo[14][15]
952922 a.C. Forba (Φόρβας) Troia VIIb3 è abbandonata (ca. 950 a.C.)
922892 a.C. Megacle (Μεγακλῆς)
892864 a.C. Diogneto
864845 a.C. Pericle[16] Omero compone l'Iliade[17] e l'Odissea. (c. 850 a.C.)[18]
845825 a.C. Arifrone
824797 a.C. Tespieo (Θεσπιεύς)
796778 a.C. Agamestore[19]
778755 a.C. Eschilo (Αἰσχύλος) Primi Giochi olimpici[20][21] (776 a.C.)
755753 a.C. Alcmeone (Ἀλκμαίων) Fondazione di Roma


Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Re di Atene e Chronicon (Girolamo).

Arconti decennali[modifica | modifica wikitesto]

Nel 753 a.C. l'arcontato perpetuo da parte degli Eupatridi[22] (essenzialmente tiranni) fu limitato a 10 anni (gli "arconti decennali")[23].

Anno Arconte Altre informazioni rilevanti
753743 a.C. Carope[24][25] A Roma, Romolo, il primo monarca della città, prende il potere[26].
743733 a.C. Esimide[27] In Messenia comincia la prima guerra messenica.
733723 a.C. Clidico[28][29] Il diaulo è inserito tra le discipline olimpiche (724 a.C.)
723713 a.C. Ippomene[30]
713703 a.C. Leocrate
703693 a.C. Apsandro[31] Esiodo scrive la Teogonia (c. 700 a.C.).
693683 a.C. Erisia Il pugilato è aggiunto alle discipline olimpiche. (688 a.C.)[32] È fondata la colonia di Calcedonia (685 a.C.).

Arconti annuali[modifica | modifica wikitesto]

Dopo il 683 a.C. l'arcontato fu limitato a un anno. Gli arconti erano scelti dall'Areopago e risiedevano nel Pritaneo.

Anno Arconte eponimo[33] Altri eventi ufficiali o correlati
682 a.C.681 a.C. Creonte Creonte è considerato dalle fonti antiche e dalle più moderne autorità il primo arconte annuale[34].
681680 a.C. Lisiade Menzionato nel Marmor Parium.
680679 a.C. Tlesia Pausania il Periegeta (IV.15.1) fa risalire l'inizio della seconda guerra messenica al suo arcontato.
679671 a.C. Sconosciuto
671670 a.C. Leostrato
670669 a.C. Sconosciuto
669668 a.C. Pisistrato Pausania (II.24.7) data la prima Battaglia di Hysiae al suo arcontato.
668667 a.C. Autostene Pausania (IV.23.4) data la cattura di Eira e la fine della seconda guerra messenica al suo arcontato.
667664 a.C. Sconosciuto
664663 a.C. Milziade[35]
663659 a.C. Sconosciuto
659658 a.C. Milziade[35]
658645 a.C. Sconosciuto Pausania (VIII.39.3) data la cattura di Figaleia dagli Spartani a questo arcontato.
645644 a.C. Dropide Il Marmor Parium associa Dropide con il prosperare di Terpandro il Lesbo, che sviluppò la musica della lira.
644639 a.C. Sconosciuto
639638 a.C. Damasia Nacque Talete
638634 a.C. Sconosciuto
634633 a.C. Epeneto (?)[36]
633632 a.C. Sconosciuto
632631 a.C. Megacle Cilone cerca di diventare tiranno
631624 a.C. Sconosciuto
624623 a.C. Aristechmo Secondo la Costituzione degli Ateniesi, Dracone riformò le leggi di Atene durante l'arcontato di Aristechmo.
623621 a.C. Sconosciuto

Riorganizzati[modifica | modifica wikitesto]

Anno Arconte eponimo Altri eventi ufficiali o associati
621615 a.C. Sconosciuto
615614 a.C. Eniochide
614605 a.C. Sconosciuto
605604 a.C. Aristocle Il Marmor Parium associa l'arcontato di Aristocle con l'inizio del regno di Aliatte II in Lidia.
604600 a.C. Sconosciuto
600599 a.C. Crizia Il Marmor Parium data la fuga di Saffo da Lesbo alla Sicilia all'arcontato di Crizia.
599597 a.C. Sconosciuto
597596 a.C. Cipselo[37]
596595 a.C. Telecle[37]
595594 a.C. Filombroto[37] Comincia la prima guerra sacra.
594593 a.C. Solone Riforma di Solone
593592 a.C. Dropide
592591 a.C. Eucrate
591590 a.C. Simone
590589 a.C. anarchia
589588 a.C. Formione
588587 a.C. Filippo
587586 a.C. Sconosciuto
586585 a.C. anarchia
585582 a.C. Sconosciuto I Giochi pitici sono riorganizzati a Delfi.
582581 a.C. Damasia Secondo la Costituzione degli Ateniesi, Damasia ricoprì l'arcontato per due anni e nove mesi prima di essere espulso.
581580 a.C. Damasia Demetrio Falereo sostiene che fu durante l'arcontato di Damasia che "Talete fu per la prima volta chiamato saggio".
580579 a.C. anarchia Un gruppo di dieci uomini ricopre congiuntamente la carica di arconti.[38]
579578 a.C. anarchia
578577 a.C. Sconosciuto
577576 a.C. Archestratida
576570 a.C. Sconosciuto
570569 a.C. Aristomene
569566 a.C. Sconosciuto
566565 a.C. Ippocleide
565561 a.C. Sconosciuto
561560 a.C. Comea La Costituzione degli Ateniesi data l'usurpazione di Pisistrato come tiranno di Atene all'arcontato di Comea.
560559 a.C. Egestrato Fania di Ereso data la morte di Solone all'arcontato di Egestrato.
559556 a.C. Sconosciuto
556555 a.C. Egesia La Costituzione degli Ateniesi data la prima espulsione di Pisistrato all'arcontato di Egesia.
555554 a.C. Eutidemo
554548 a.C. Sconosciuto
548547 a.C. Ersicleide Pausania il Periegeta (X.5.13) data la distruzione con un incendio del quarto Tempio di Delfi al suo arcontato.
547546 a.C. Tespio[37] Pisistrato ritorna tiranno
546545 a.C. Formione[37]
545536 a.C. Sconosciuto
536 - 535 a.C. [...]naio Il Marmor Parium data la prima esibizione di Tespi al mandato di questo arconte, il cui nome è danneggiato.
535533 a.C. Sconosciuto
533532 a.C. Tericle
532528 a.C. Sconosciuto
528527 a.C. Filoneo Ippia[39] e Ipparco succedono a Pisistrato come tiranni.
527526 a.C. Onetore
526525 a.C. Ippia
525524 a.C. Clistene[40] Riforma della democrazia di Clistene[41]
524523 a.C. Milziade
523522 a.C. Calliade
522521 a.C. Pisistrato
521518 a.C. Sconosciuto
518517 a.C. Ebrone (?)[42]
517511 a.C. Sconosciuto
511510 a.C. Arpactide Il Marmor Parium data l'assassinio di Ipparco e l'espulsione dei Pisistratidi da Atene all'arcontato di Arpactide.
510509 a.C. Scamandrio
509508 a.C. Lisagora
508507 a.C. Isagora Clistene si contende l'arcontato con Isagora, ma è espulso da Cleomene I di Sparta.
507506 a.C. Alcmeone
506504 a.C. Sconosciuto
504503 a.C. Acestoride
503501 a.C. Sconosciuto
501500 a.C. Ermocreone
500499 a.C. Smiro (?)[43]
499497 a.C. Sconosciuto
497496 a.C. Archia[44]
496495 a.C. Ipparco
495494 a.C. Filippo
494493 a.C. Pitocrito
493492 a.C. Temistocle
492491 a.C. Diogneto
491490 a.C. Ibrilide
490489 a.C. Fenippo Il Marmor Parium, Plutarco e la Costituzione degli Ateniesi datano concordemente la Battaglia di Maratona all'arcontato di Fenippo.
489488 a.C. Aristide il Giusto
488487 a.C. Anchise
487486 a.C. Telesino[45] La Costituzione degli Ateniesi data l'ostracismo di Megacle all'arcontato di Telesino.
486485 a.C. Sconosciuto
485484 a.C. Filocrate
484483 a.C. Leostrato
483482 a.C. Nicodemo
482481 a.C. Sconosciuto
481480 a.C. Ipsichide È proibita ai reietti la creazione di cleruchie sul Geristo e il Scilleo[46][47] Serse I di Persia invade.[46]

Periodo classico[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Grecia classica.
Anno Arconte eponimo Altri eventi ufficiali o rilevanti
480479 a.C. Calliade[48] Comincia la seconda guerra persiana; Battaglia di Salamina; Aristide e Temistocle sono strateghi.
479478 a.C. Santippo Battaglia di Platea; Aristide è stratego.
478477 a.C. Timostene È fondata la Lega di Delo.
477476 a.C. Adimanto
476475 a.C. Fedone
475474 a.C. Dromoclide
474473 a.C. Acestoride
473472 a.C. Menone
472471 a.C. Carete
471470 a.C. Prasiergo
470469 a.C. Demotione
469468 a.C. Apsefione
468467 a.C. Tegenide
467466 a.C. Lisistrato
466465 a.C. Lisania
465464 a.C. Lisiteo Sofane è uno stratego.
464463 a.C. Archedemide
463462 a.C. Tlepolemo Cimone è uno stratego.
462461 a.C. Conone Secondo la Costituzione degli Ateniesi (cap. 25), Efiale riforma l'Areopago ed è assassinato.
461460 a.C. Eutippo Scritto anche come Euippo.[49]
460459 a.C. Frasicle
459458 a.C. Filocle Frinico, Diceogene e Ippodama sono strateghi.
458457 a.C. Abrone Così riporta Diodoro Siculo (11.79); altre autorità sostengono che l'arconte eponimo per quest'anno fosse Bione.[50]
457456 a.C. Mnesiteide
456455 a.C. Callia
455454 a.C. Sosistrato
454453 a.C. Aristone
453452 a.C. Lisicrate
452451 a.C. Cerefane
451450 a.C. Antidoto Anassicrate e Cimone sono strateghi
450449 a.C. Eutidemo
449448 a.C. Pedieo Comincia la seconda guerra sacra.
448447 a.C. Filisco Pericle, Tolmide ed Epitele sono strategji; La pace di Callia pone fine alle guerre persiane.
447446 a.C. Timarchide Comincia la costruzione del Partenone.
446445 a.C. Callimaco
445444 a.C. Lisimachide Pace tra Atene e Sparta. Comincia l'Età di Pericle.
444443 a.C. Prassitele Pericle è uno stratego.
443442 a.C. Lisania Pericle è uno stratego.
442441 a.C. Difilo Pericle è uno stratego.
441440 a.C. Timocle Pericle e Glaucone sono strateghi[51][52].
440439 a.C. Morichide Pericle è uno stratego.
439438 a.C. Glauchino Scritto anche Glauchido. Pericle è uno stratego.
438437 a.C. Teodoro Pericle è uno stratego.
437436 a.C. Eutimene Pericle è uno stratego. Comincia la costruzione dei Propilei.
436435 a.C. Lisimaco Così riporta Diodoro Siculo (12.33); altre autorità sostengono che l'arconte eponimo per quest'anno fosse Nausimaco[53]. Pericle è uno stratego.
435434 a.C. Antiochide Scritto anche come Antilochido. Pericle è uno stratego.
434433 a.C. Crate Scritto anche come Chare. Pericle è uno stratego.
433432 a.C. Apseude Pericle, Lacedemone, Diotimo e Protea sono strateghi.
432431 a.C. Pitodoro Pericle e Callia sono strateghi.
431430 a.C. Eutidemo Scritto anche Euthydemos. Pericle è uno stratego.
430429 a.C. Apollodoro Pericle muore; Senofonte, Estiodoro, Calliade, Melesandro e Fanomaco sono strateghi.
429428 a.C. Epaminone Formio è uno stratego.
428427 a.C. Diotimo Demostene, Asopio, Pache, Clidippe e Lisicle sono strateghi.
427426 a.C. Eucle Scritto anche Eucleide. Nicia, Caroiade e Procle sono strateghi.
426425 a.C. Eutino Anche scritto Eutidemo. Lachete di Melanopo e Ippocrate sono strateghi.
425424 a.C. Stratocle Nicia, Eurimedone, Pitodoro e Sofocle sono strateghi.
424423 a.C. Isarco Demostene, Cleone, Tucidide e Ippocrate sono strateghi.
423422 a.C. Aminia Anche scritto Ameinia. Cleone è stratego.
422421 a.C. Alceo Cleone è stratego.
421420 a.C. Aristione Comincia la costruzione dell'Eretteo.
420419 a.C. Astifilo Alcibiade è stratego.
419418 a.C. Archia
418417 a.C. Antifonte Lachete e Nicostrato sono strateghi[54].
417416 a.C. Eufemo
416415 a.C. Arimnesto Nicia, Alcibiade e Lamaco sono strateghi.
415414 a.C. Caria Anche scritto Chabria. Alcibiade è uno stratego.
414413 a.C. Tisandro Lamaco è uno stratego.
413412 a.C. Cleocrito Eurimedonte, Demostene e Nicia sono strateghi.
412411 a.C. Callia Scambonide
411410 a.C. Mnasiloco (morto); Teopompo Simicho e Aristarco sono strateghi.
410409 a.C. Glaucippo
409408 a.C. Diocle Anito è uno stratego.
408407 a.C. Euctemone
407406 a.C. Antigene Alcibiade, Adimanto e Aristocrate sono strateghi.
406405 a.C. Callia Angelide Archestrato, Trasillo, Pericle, Lisia, Diomedonte, Aristocrate, Erasinide, Protomaco e Aristogene sono strateghi.
405404 a.C. Alesia Adimanto, Eucrate, Filocle, Menandro, Tideo e Cefisodoto sono strateghi.
404403 a.C. Pitodoro Sparta dà origine all'oligarchia dei Trenta tiranni; Pitodoro non è riconosciuto come arconte eponimo.
403402 a.C. Eucleide[55] I Trenta tiranni sono espulsi, è ristabilita la democrazia. È ufficialmente abolito il vecchio alfabeto attico in favore dell'alfabeto ionico di ventiquattro lettere.
402401 a.C. Micone Scritto anche Michione.
401400 a.C. Senineto Scritto anche Esineto.
400399 a.C. Lachete
399398 a.C. Aristocrate
398397 a.C. Euthicle Scritto anche Iticle.
397396 a.C. Suniade
396395 a.C. Formione
395394 a.C. Diofando
394393 a.C. Ebulide
393392 a.C. Demostrato Adimanto è uno stratego.
392391 a.C. Filocle
391390 a.C. Nicotele
390389 a.C. Demostrato Trasibulo ed Ergocle sono strateghi.
389388 a.C. Antipatro Agirrio e Panfilo sono strateghi.
388387 a.C. Pirgione Trasibulo e Dionisio sono strateghi.
387386 a.C. Teodoto
386385 a.C. Mistichide
385384 a.C. Desiteo
384383 a.C. Dieitrefe Scritto anche Diotrefe
383382 a.C. Fanostrato
382381 a.C. Euandro
381380 a.C. Demofilo
380379 a.C. Pitea
379378 a.C. Nicone
378377 a.C. Nausinico
377376 a.C. Callea Scritto anche Callia.
376375 a.C. Carisandro Cedone è uno stratego.
375374 a.C. Ippodama
374373 a.C. Socratide
373372 a.C. Asteio Ificrate, Callistrato, Cabria e Timoteo sono strateghi.
372371 a.C. Alcistene
371370 a.C. Frasicleide
370369 a.C. Discinito
369368 a.C. Lisistrato
368367 a.C. Nausigene
367366 a.C. Polizelo
366365 a.C. Cifisodoro Cabria è uno stratego.
365364 a.C. Chione Ificrate è uno stratego.
364363 a.C. Timocrate
363362 a.C. Caricleide Ergofilo e Callistene sono strateghi.
362361 a.C. Molone Leostene e Autocle sono strateghi.
361360 a.C. Nicofemo Timomaco è uno stratego.
360359 a.C. Callimide Menone, Timoteo e Cefisodoto sono strateghi.
359358 a.C. Eucaristo
358357 a.C. Cifisodoto
357356 a.C. Agatocle Cabria è uno stratego.
356355 a.C. Elpine Ificrate, Timoteo e Menesteo sono strateghi.
355354 a.C. Callistrato
354353 a.C. Diotemo
353352 a.C. Tudemo
352351 a.C. Aristodemo
351350 a.C. Teello Teogene è Basileus (probabilmente)
350349 a.C. Apollodoro
349348 a.C. Callimaco Egesileo è uno stratego.
348347 a.C. Teofilo
347346 a.C. Temistocle[56] Prosseno è uno stratego.
346345 a.C. Archia
345344 a.C. Ebulo
344343 a.C. Licisco Focione è uno stratego.
343342 a.C. Pitodoto
342341 a.C. Sosigene
341340 a.C. Nicomaco
340339 a.C. Teofrasto Focione è uno stratego.
339338 a.C. Lisimachide Focione è uno stratego ed è sconfitto da Filippo II di Macedonia
338337 a.C. Cheronda Lisicle è uno stratego.
337336 a.C. Frinico
336 - 335 a.C. Pitodelo Scritto anche Pitodoro.
335334 a.C. Euaineto
334333 a.C. Ctisicle
333332 a.C. Nicocrate
332331 a.C. Nichete Scritto anche Nicherato
331330 a.C. Aristofane
330329 a.C. Aristofonte
329328 a.C. Cefisofonte
328327 a.C. Euticrito
327326 a.C. Egemone
326325 a.C. Creme
325324 a.C. Anticle Filocle è uno stratego.
324323 a.C. Egesia Scritto anche Agesia.
323322 a.C. Cefisodoro Scritto anche Cefisofonte. Focione e Leostene sono strateghi.
322321 a.C. Filocle
321320 a.C. Archippo
320319 a.C. Neecmo
319318 a.C. Apollodoro
318317 a.C. Archippo
317316 a.C. Demogene Demetrio Falereo è nominato Governatore dal reggente di Macedonia Cassandro I.
316315 a.C. Democleide
315314 a.C. Prassibulo
314313 a.C. Nicodoro
313312 a.C. Teofrasto Così riporta Diodoro Siculo (19.73); altre fonti autorevoli sostengono che l'arconte eponimo per quest'anno fosse Teodoro[57].
312311 a.C. Polemone Nasce l'Impero seleucide.
311310 a.C. Simonide
310309 a.C. Ieromnemone
309308 a.C. Demetrio
308307 a.C. Cairimo Scritto anche Carino.
307306 a.C. Anassicrate Demetrio Falereo è espulso quando Demetrio I Poliorcete cattura la città da Cassandro.
306305 a.C. Coroebo Ha inizio la Dinastia antigonide.
305304 a.C. Eusenippo
304303 a.C. Pericle
303302 a.C. Leostrato

Periodo ellenistico[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Ellenismo.
Anno Arconte eponimo Altri eventi ufficiali o rilevanti
302301 a.C. Nicocle[56]
301 - 300 a.C. Clearco
300 - 299 a.C. Egemaco[58]
299 - 298 a.C. Euctemone
298 - 297 a.C. Mnesidemo
297 - 296 a.C. Antifate
296 - 295 a.C. Nicia
295 - 294 a.C. Nicostrato
294 - 293 a.C. Olimpiodoro
293 - 292 a.C. Olimpiodoro
292 - 291 a.C. Filippo
291 - 290 a.C. Carino (?)[59]
290 - 289 a.C. Ambrosio (?)[59]
289 - 288 a.C. Aristone (?)[59]
288 - 287 a.C. Cimone
287 - 286 a.C. Senofonte
286 - 285 a.C. Diocle
285 - 284 a.C. Diotimo
284 - 283 a.C. Iseo
283 - 282 a.C. Eutio
282 - 281 a.C. Nicia Ha inizio la dinastia attalide.
281 - 280 a.C. Ouria
280 - 279 a.C. Telekles[60]
279 - 278 a.C. Anassicrate
278 - 277 a.C. Democle
277 - 276 a.C. Aristonymo
276 - 275 a.C. Philocrate
275 - 274 a.C. Olbio
274 - 273 a.C. Eubulo
273 - 272 a.C. Glauchippo
272 - 271 a.C. Lisiteide
271 - 270 a.C. Pitarato[61]
270 - 269 a.C. Sosistrato
269 - 268 a.C. Peitidemo Inizio della guerra cremonidea; Atene dichiara guerra al regno di Macedonia, governato da Antigono Gonata.
268 - 267 a.C. Diogeitone
267 - 266 a.C. Menecle
266 - 265 a.C. Nicia (Otrineo)
265 - 264 a.C. Eubulo
264 - 263 a.C. Diogneto
263 - 262 a.C. Antipatro Atene si arrende ad Antigono Gonata durante l'arcontato di Antipatro[62].
262 - 261 a.C. Arreneide Antigono Gonata impone un nuovo regime ad Atene.[62]
261 - 260 a.C. [...]sino[63]
260 - 259 a.C. Filostrato
259 - 258 a.C. Filino
258 - 257 a.C. Antifon
257 - 256 a.C. Timocare
256 - 255 a.C. Antimaco
255 - 254 a.C. Cleomaco
254 - 253 a.C. Fanostrato
253 - 252 a.C. Feidostrato
252 - 251 a.C. Callimede
251 - 250 a.C. Tersiloco
250 - 249 a.C. Polieucto
249 - 248 a.C. Ierone
248 - 247 a.C. Diomedone
247 - 246 a.C. Teofemo
246 - 245 a.C. Filoneo
245 - 244 a.C. Cidenore
244 - 243 a.C. Lisiade
243 - 242 a.C. Euricleide
242 - 241 a.C. Fanomaco
241 - 240 a.C. Liceo
240 - 239 a.C. Polistrato
239 - 238 a.C. Atendoro
238 - 237 a.C. Lisia
237 - 236 a.C. Aldibiade
236 - 235 a.C. Cimone
235 - 234 a.C. Ecfanto
234 - 233 a.C. Lisania
233 - 232 a.C. Sconosciuto
232 - 231 a.C. Mneseide (?)
231 - 230 a.C. Giasone (?)
230 - 228 a.C. Sconosciuto
228 - 227 a.C. Eliodoro
227 - 226 a.C. Leocare[64]
226 - 225 a.C. Teofilo
225 - 224 a.C. Ergocare
224 - 223 a.C. Nicete
223 - 222 a.C. Antifilo[65]
222 - 221 a.C. Eusseno
221 - 220 a.C. Sconosciuto
220 - 219 a.C. Trasifone[66]
219 - 218 a.C. Menecrate
218 - 217 a.C. Cerefone
217 - 216 a.C. Callimaco
216 - 215 a.C. Sconosciuto
215 - 214 a.C. Agna
214 - 213 a.C. Diocle Comincia la prima guerra macedonica (214 a.C.).
213 - 212 a.C. Eufileto
212 - 211 a.C. Eracleito
211 - 210 a.C. Archelao
210 - 209 a.C. Escrone[67]
209 - 208 a.C. Sconosciuto[68]
208 - 207 a.C. Sconosciuto
207 - 206 a.C. Callistrato
206 - 205 a.C. Pantiade
205 - 204 a.C. Diodoto
204 - 203 a.C. Apollodoro
203 - 202 a.C. Prossenide
202 - 201 a.C. Dionisio
201 - 200 a.C. Isocrate[69]
200 - 199 a.C. Nicofone
199 - 198 a.C. [...]ppo
198 - 197 a.C. Sconosciuto
197 - 196 a.C. Ancilo
196 - 195 a.C. Plistaino[70]
195 - 194 a.C. Sconosciuto
194 - 193 a.C. Dionisio
193 - 192 a.C. Panarchide
192 - 191 a.C. Diodoto
191 - 190 a.C. Timoco
190 - 189 a.C. Demetrio
189 - 188 a.C. Euticrito
188 - 187 a.C. Simmaco
187 - 186 a.C. Teosseno
186 - 185 a.C. Zopiro
185 - 184 a.C. Eupolemo
184 - 183 a.C. Caricle[70]
183 - 182 a.C. Ermogene
182 - 181 a.C. Timesianas
181 - 180 a.C. Ippia
180 - 179 a.C. Dionisio
179 - 178 a.C. Menedemo
178 - 177 a.C. Filone
177 - 176 a.C. [...]ppo
176 - 175 a.C. Ippaco
175 - 174 a.C. Sonico
174 - 173 a.C. Aleddandro
173 - 172 a.C. Alessi
172 - 171 a.C. Sosigene
171 - 170 a.C. Antigene
170 - 169 a.C. Afrodisio
169 - 168 a.C. Eunico
168 - 167 a.C. Senocle
167 - 166 a.C. Nicostene
166 - 165 a.C. Acheo (?)[71]
165 - 164 a.C. Pelope
164 - 163 a.C. Euergete
163 - 162 a.C. Erasto
162 - 161 a.C. Poseidonio
161 - 160 a.C. Aristola
160 - 159 a.C. Ticandro
159 - 158 a.C. Aristaimo[72]
158 - 157 a.C. Aristecmo
157 - 156 a.C. Antesterio
156 - 155 a.C. Callistrato
155 - 154 a.C. Mnesteo
154 - 153 a.C. Sconosciuto
153 - 152 a.C. Fedria
152 - 151 a.C. Andrea (?)[73]
151 - 150 a.C. Zeleuco (?)[73]
150 - 149 a.C. Speusippo (?)[73] Comincia la quarta guerra macedonica (150 a.C.).
149 - 148 a.C. Lisiade (?)[73]
148 - 147 a.C. Archon
147 - 146 a.C. Epicrate La Repubblica romana prende il controllo della Grecia.

Periodo romano[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Grecia romana.
Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Storia romana.
Anno Arconte eponimo Altri eventi ufficiali o notevoli
146 - 145 a.C. Aristofanto (?)[72][73]
145 - 144 a.C. Metrofane (?)[73]
144 - 143 a.C. Teiteto
143 - 142 a.C. Aristofone
142 - 141 a.C. Micione (?)[73]
141 - 140 a.C. Dionisio
140 - 139 a.C. Agnoteo
139 - 138 a.C. Diocle[74]
138 - 137 a.C. Timarco
137 - 136 a.C. Eracleito
136 - 135 a.C. Timarchide
135 - 134 a.C. Dionisio
134 - 133 a.C. Nicomaco
133 - 132 a.C. Senone
132 - 131 a.C. Ergocle
131 - 130 a.C. Epicle
130 - 129 a.C. Demostrato
129 - 128 a.C. Licisco
128 - 127 a.C. Dionisio
127 - 126 a.C. Teodoride
126 - 125 a.C. Diotimo
125 - 124 a.C. Giasone
124 - 123 a.C. Nicia (morto); Isigene
123 - 122 a.C. Demetrio
122 - 121 a.C. Nicodemo
121 - 120 a.C. Focione (?)
120 - 119 a.C. Eumaco
119 - 118 a.C. Ipparco
118 - 117 a.C. Leneo
117 - 116 a.C. Menoite
116 - 115 a.C. Sarapione
115 - 114 a.C. Nausia
114 - 113 a.C. [...]ratone
113 - 112 a.C. Paramono
112 - 111 a.C. Dionisio
111 - 110 a.C. Sosicrate
110 - 109 a.C. Policlito
109 - 108 a.C. Giasone
108 - 107 a.C. Democare
107 - 106 a.C. Aristarco
106 - 105 a.C. Agatocle
105 - 104 a.C. Andronide (?)
104 - 103 a.C. Eracleide
103 - 102 a.C. Teocle
102 - 101 a.C. Echecrate
101 - 100 a.C. Medeio
100 - 99 a.C. Teodosio
99 - 98 a.C. Procle
98 - 97 a.C. Argeio
97 - 96 a.C. Eraclito
96 - 95 a.C. [...]cratone
95 - 94 a.C. Teodoto
94 - 93 a.C. Callia
93 - 92 a.C. Critone
92 - 91 a.C. Menedemo
91 - 90 a.C. Medeio
90 - 89 a.C. Medeio
89 - 88 a.C. Medeio
88 - 87 a.C. anarchia
87 - 86 a.C. Filante La Repubblica romana si annette Atene.
86 - 85 a.C. Ierofante
85 - 84 a.C. Pitocrito
84 - 83 a.C. Niceta Atene è catturata dalle truppe romane di Lucio Cornelio Silla.
83 - 82 a.C. Pammene
82 - 81 a.C. Demetrio
81 - 80 a.C. Ar[...]
80 - 79 a.C. Apollodoro
79 - 78 a.C. Sconosciuto
78 - 77 a.C. Aiscraio
77 - 76 a.C. Seleuco
76 - 75 a.C. Eracleodoro
75 - 74 a.C. Eschine
74 - 73 a.C. Sconosciuto
73 - 72 a.C. Nicete (?)
72 - 71 a.C. Sconosciuto
71 - 70 a.C. Aristossenus (?)
70 - 69 a.C. Critone (?)
69 - 67 a.C. Sconosciuto
67 - 66 a.C. Teosseno (?)
66 - 65 a.C. Medeio (?)
65 - 64 a.C. Sconosciuto
64 - 63 a.C. Oinofilo
63 - 62 a.C. [...]io
62 - 61 a.C. Aristeio
61 - 60 a.C. Teofemo
60 - 59 a.C. Erode
59 - 58 a.C. Leucio
58 - 57 a.C. Callifone
57 - 56 a.C. Diocle
56 - 55 a.C. Cointo
55 - 54 a.C. Aristosseno
54 - 53 a.C. Zenone
53 - 52 a.C. Diodoro
52 - 51 a.C. Lisandro
51 - 50 a.C. Lisiade
50 - 49 a.C. Demetrio
49 - 48 a.C. Democare
48 - 47 a.C. Filocrate
47 - 46 a.C. Diocle[75]
46 - 45 a.C. Apolessi
45 - 44 a.C. Eucle (?)
44 - 43 a.C. Policarmo
43 - 42 a.C. Diocle
42 - 41 a.C. Eutidomo
41 - 40 a.C. Nicandro
40 - 39 a.C. Filostrato
39 - 38 a.C. Diocle (?)
38 - 37 a.C. Menandro
37 - 36 a.C. Callicratides (?)
36 - 35 a.C. Teopite (?)
35 - 34 a.C. Sconosciuto
34 - 33 a.C. Apollogene (?)
33 - 32 a.C. Sconosciuto
32 - 31 a.C. Clidamo (?)
31 - 30 a.C. Sconosciuto
30 - 29 a.C. Architemo
29 - 26 a.C. Sconosciuto
26 - 25 a.C. Diotimo
25 - 21 a.C. Sconosciuto
21 a.C. - 20 a.C. Apolessi
20 - 19 a.C. Demea
19 - 17 a.C. Sconosciuto
17 - 16 a.C. E[...]
16 - 15 a.C. Pitagora
15 - 14 a.C. Antiocho
14 - 13 a.C. Polieno
13 - 12 a.C. Zenone
12 - 11 a.C. Leonida
11 - 10 a.C. Teofilo
10 - 9 a.C. Nicia
9 - 8 a.C. Senone
8 - 7 a.C. Apolessi di Oiso
7 - 6 a.C. Sconosciuto
6 - 5 a.C. Nicostrato
5 - 4 a.C. Coti
4 - 3 a.C. Anassagora
3 - 2 a.C. Democare
2 - 1 a.C. Policarmo
1 a.C.1 Lacone
1 - 2 Democrate
2 - 3 [...] Sunieo
3 - 4 [...] Sfettio
4 - 5 [...]one
5 - 23 Sconosciuto
23 - 24 M[...]
24 - 25 Carm[...]
25 - 26 Callicr[...]
26 - 27 Panfilo Ha inizio la dinastia giulio-claudia.
27 - 28 Temistocle
28 - 29 Oinofilo
29 - 30 Boeto
30 - 31 [...]tro
31 - 36 Sconosciuto
36 - 37 Basileus Remetalce Ne(otero) Più tardi re del Regno degli Odrisi.
37 - 38 Arist[...] (?)
38 - 39 Policrito (?)
39 - 40 Zen[one] (?)
40 - 41 [...]uio Leo[...][76]
41 - 45 Sconosciuto
45 - 46 Antipatro
46 - 49 Sconosciuto
49 - 50 Deinofilo
50 - 54 Sconosciuto
53 - 54 Dionisodoro
54 - 56 Sconosciuto
56 - 57 Conone
57 - 61 Sconosciuto
61 - 62 Trasillo
62 - 65 Sconosciuto
64 - 65 C. Carrino Gaio Filio Secondo
65 - 66 Demostrato
66 - 74 Sconosciuto
74 - 75 Gaio Giulio Antioco Epifane Filoppapo (?) Nipote dell'ultimo re del Regno di Commagene
75 - 79 Sconosciuto
c. 80 Lucio
81 - 83 Sconosciuto
83 - 84 anarchia
84 - 85 Sconosciuto
85 - 86 Tito Flavio Domiziano Anche Imperatore Romano
86 - 92 Sconosciuto
92 - 93 Q. Trebellio Rufo Anche alto sacerdote del culto imperiale per la Gallia Narbonense secondo quanto riporta un'iscrizione trovata a Tolosa[77].
93 - 96 Sconosciuto
96 - 97 Filopappo e Laiciano
97 - 112 Sconosciuto
112 - 113 Publio Elio Traiano Adriano In seguito Imperatore Romano
113 - 114 Octaio Teo
114 - 115 Octaio Proclo
115 - 116 Pantaino
116 - 117 Flauio Macreino
117 - 118 T. Coponio
118 - 119 Lucio Vibullio Ipparco
119 - 120 Flaiuio Stratolao
120 - 121 Cl. Demofilo
121 - 122 Flaiuio Sofocle
122 - 123 T. Fl. Alcibiade
123 - 124 Casio Diogene
124 - 125 Fl. Eufane
125 - 126 G. Iulio Casio
126 - 127 Claudio Erode Maratonio Cognato di Vibullio Ipparco, arconte nel 118/9.
127 - 128 Memmio [...]ro
128 - 131 Sconosciuto
131 - 132 Cl. Filogene
132 - 138 Sconosciuto
138 - 139 Prassagora
139 - 140 Fl. Alcibiade
140 - 141 Tib. Cl. Attalo
141 - 142 Po. Ail. Filea
142 - 143 Po. Ail Alessandro
143 - 144 Publio Elio Vibullio Rufo Nipote di Erode Attico, arconte nel 126/7.
144 - 145 Sconosciuto
145 - 146 Flavio Arriano Paianieo
146 - 147 Ti. [...]
147 - 148 Silla
148 - 149 Sconosciuto
150 - 151 Ail. Ardi
151 - 154 Sconosciuto
154 - 155 Prassagora
155 - 156 Popillio Teotimo
156 - 157 Ail. Callicrate
157 - 158 Sconosciuto
158 - 159 Ti. Aur. Filemone Filade
159 - 160 Ail. Alessandro
160 - 161 P. Ailio Ellene e Pl[...]
161 - 162 Memmios Epi Bomo
162 - 163 Ail. Gelo
163 - 164 Filisteide
164 - 165 Sconosciuto
165 - 166 Sesto
166 - 167 Marco Valerio Mamertino Maratonio[78]
167 - 168 anarchia
168 - 169 Tineio Pontico Besaieo
169 - 170 anarchia
170 - 171 Tiberio Memmio Flacco Maratonio
171 - 172 anarchia
172 - 173 Lucio Gellio Senagora
173 - 174 Biesio Peisone
174 - 175 Flavio Arpaliano
175 - 176 Ar. EpaFrodito
176 - 177 Claudio Eracleide
177 - 178 Eschine (?)[79]
178 - 179 Egia (?)[80]
179 - 180 Atenodoro Agrippa Iteaio (?)[81]
180 - 181 Claudio Demostrato
181 - 182 Sconosciuto
182 - 183 Marco Munazio Massimiano Ouopisco
183 - 184 Domizio Aristaio Paionide
184 - 185 Tito Flavio Sosigene Palleneo
185 - 186 Filoteimo Arcesidemo Eleusio
186 - 187 Gaio Fabio Tisbiano Maratonio
187 - 188 Tiberio Claudio Bradua Attico Figlio di Erode Attico, arconte nel 126/7.
188 - 189 Lucio Elio Aurelio Commodo Antonino Anche Imperatore Romano
189 - 190 Menogene[82]
190 - 191 Gaio Peinario Proclo Agnusio
191 - 192 Tib. Claudio Bradua Attico
192 - 193 Gaio Elvidio Secondo
193 - 194 Claudio Daduco
194 - 195 Aur. Filisteide
195 - 196 Coint[...]
196 - 197 Flavio Stratone
197 - 198 Senocle (?)[83]
198 - 199 T. Fl. Sosigene Palleneo (?)
199 - 200 Dionisodoro Eucarpone (?)
200 - 201 Fl. Eiaccagogo Agruleo (?)
201 - 202 Agatocle (?)
202 - 203 [...]mo
203 - 204 Aurolio Dem[...] (?)
204 - 205 Domizio Aristeo Paionide (?)
205 - 206 Gaio Quinto Imerto Maratonio
206 - 207 Anarchia
207 - 208 Gaio Castio Apollonio Streirco
208 - 209 Fav. Daduco Maratonio
209 - 210 Flavio Diogene Maratonio
210 - 211 Pompeio Alessandro (?)[84]
211 - 212 Claudio Foca Maratonio (?)[84]
212 - 213 Aurelio Dionisio Acarneo
213 - 220 Sconosciuto
220 - 221 Filino
221 - 222 Domezio Arabiano Maratonio
222 - 223 Gaio Quinto Cleone Maratonio
223 - 224 Iereo An[...]
224 - 225 Tiberio Claudio Patroclo
225 - 226 Le. Dionisodoro
226 - 227 Munazio Temisone
227 - 228 G. Pinario Basso
228 - 229 [Marato]nio Ne(otero)
229 - 230 M. Ulpio Eubiota Leuro
230 -231 Mar. Aur. Callifrone e Pronteino
231 - 232 Casiano
232 - 233 Sconosciuto
233 - 234 Cl. Tere
234 - 235 Epicteto
235 - 238 Sconosciuto
238 - 239 Casiano Ieroceris
239 - 240 Fl. Asclepiade
240 - 241 Cassiano Filippo Steirieo
241 - 244 Sconosciuto
244 - 245 Aur. Laudiciano
245 - 249 Sconosciuto
249 - 250 Publio Erennio Desippo Anche arconte re?
251 - 252 Corneliano
252 - 262 Sconosciuto
262 - 263 L. Fla. Filostrato
263 - 264 Sconosciuto
264 - 265[85] Publio Licinio Egnazio Gallieno Anche Imperatore Romano
c. 275 Tit. Fl. Mondone
Tra il 300
e il 350
Egeia
Fine del IV secolo Fedro
386 - 387 Ermogene
Tra il 425
e il 450
Teagene
484 - 485 Nicagora

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ All'inizio il governatore di una città era solo un sacerdote. "L'incarico dei pubblici sacrifici della città è assegnato secondo le usanze religiose, non a sacerdoti speciali, ma a quegli uomini che derivano la loro dignità dalla terra e che sono chiamati re, altrove Pritanei e anche arconti." (Aristotele, Politica, VIII.5)
  2. ^ Michael Rostovzteff, Greece, Oxford University Press, 1963.
  3. ^ Gustave Ducoudray, pg 129 History of ancient civilization: a handbook, 1889.
    «Gli arconti ateniesi, quando entravano in carica, salivano all'acropoli indossando corone di mirto e offrivano un sacrificio al titolare, divinità della città. Era anche costume per loro indossare corone di foglie quando esercitavano le proprie funzioni. È inoltre certo che tale corona, che divenne e rimane ancora oggi l'emblema del potere, fosse solo un simbolo religioso, un segno esteriore, che accompagnava preghiera e sacrificio. Tra i nove arconti, il secondo arconte, quello chiamato il Re, era il rappresentante delle alte funzioni sacerdotali degli antichi re, ma ognuno dei suoi colleghi aveva alcuni compiti religiosi da svolgere, alcuni sacrifici da offrire agli dei».
  4. ^ Emmet John Sweeney, Gods, Heroes and Tyrants: Greek Chronology in Chaos.
  5. ^ Peter Green, Diodorus Siculus on the Third Sacred War, in John Marincola (a cura di), A Companion to Greek and Roman Historiography, Blackwell Companions to the Ancient World, II, Oxford, United Kingdom, John Wiley & Sons, 2009, p. 364, ISBN 978-0-470-76628-6.
  6. ^ Fox, The Classical World, p. 122.
  7. ^ Lacey, The Family in Ancient Greece, pp. 139 - 145.
  8. ^ Adkins, Handbook to Life in Ancient Greece, pp. 35-36.
  9. ^ Aristotele, 3, in Costituzione di Atene.
  10. ^ Figlio di Codro, era zoppo e per questo suo fratello Neileo non voleva lasciarlo governare, ma l'Oracolo di Delfi conferì il regno a Medonte. Per saperne di più, vedere Pausania il Periegeta, Descrizione della Grecia, VII, 2, 1.
  11. ^ Aristotele, Costituzione di Atene, p. 70.
  12. ^ John Blair, Blair's Chronological and Historical Tables: From the Creation to the Present Time, with Additions and Corrections from the Most Authentic Writers, Including the Computation of St. Paul, as Connecting the Period from the Exode to the Temple, London: Longman, Brown, Green and Longmans, 1844, p. 27.
  13. ^ John Lemprière, Un dizionario classico, p. 183.
  14. ^ Pausania, Descrizione della Grecia, III, p. 64.
    «I successori di Codro furono Medonte (figlio di Codro), Acasto (figlio di Medonte), Archippo (figlio di Acasto), Tersoppo (figlio di Archippo), Forba (figlio di Tersippo), Megacle (figlio di Forba), Diogneto (figlio di Megacle), Pericle (figlio di Diogneto), Arifrone (figlio di Pericle), Tespieo (figlio di Arifrone), Agamestore (figlio di Tespieo), Eschilo (figlio di Agamestore), Alcmeone. Tutti costoro, secondo la comune tradizione, ricoprirono l'arcontato a vita. Dopo Alcmeone il mandato della carica fu reso decennale. Il primo arconte decennale fu Carope, il secondo fu Esimide e il terzo fu Clidico».
  15. ^ Eusebio, Chronicon, I, Schone, pp. 185-190.
  16. ^ Michael Russell, A Connection of Sacred and Profane History, p. 355.
  17. ^ Vedi Storicità dell'Iliade.
  18. ^ Erodoto, Storie, II, 53.
  19. ^ George Crabb, Universal Historical Dictionary, p. 91.
  20. ^ Secondo quanto riportato da Diodoro Siculo (del I secolo a.C.).
  21. ^ Blair, Chronological and Historical Tables, p. 30.
  22. ^ Erodoto, George Rawlinson, Sir Henry Creswicke Rawlinson, Sir John Gardner Wilkinson, The History of Herodotus: A New English Version, Ed. with Copious Notes and Appendices, Illustrating the History and Geography of Herodotus, from the Most Recent Sources of Information; and Embodying the Chief Results, Historical and Ethnographical, which Have Been Obtained in the Progress of Cuneiform and Hieroglyphical Discovery, III, Appleton, 1882, p. 316.
  23. ^ Evelyn Abbott, A Skeleton Outline of Greek History: Chronologically Arranged, p. 27.
  24. ^ Dionigi di Alicarnasso, Antichità romane, I, p. 162.
  25. ^ John Frost, History of Ancient and Modern Greece, p. 35.
  26. ^ Secondo quanto riportato da Dionigi di Alicarnasso
  27. ^ Pausania il Periegeta, Descrizione della Grecia, III, p. 64.
  28. ^ Henry-Fines Clinton, Fasti Hellenici, the Civil and Literary Chronology of Greece, from the Earliest Accounts to the Death of Augustus, University Press, 1834, p. 241.
  29. ^ Henry-Fines Clinton, Fasti Hellenici, the Civil and Literary Chronology of Greece, from the Earliest Accounts to the Death of Augustus, University Press, 1834, p. 166.
  30. ^ Nicolas Lenglet Dufresnoy, Chronological Tables of Universal History: Sacred and Profane, Ecclesiastical and Civil; from the Creation of the World, to the Year One Thousand Seven Hundred and Forty-three. With a Preliminary Discourse on the Short Method of Studying History; and a Catalogue of Books Necessary for that Purpose; with Some Remarks on Them, I, Andrew Millar, 1762, p. 124.
  31. ^ John Blair, Blair's Chronological and Historical Tables: From the Creation to the Present Time, with Additions and Corrections from the Most Authentic Writers, Including the Computation of St. Paul, as Connecting the Period from the Exode to the Temple, Londra (Paternoster Row), Longman, Brown, Green and Longmans, 1844, p. 38.
  32. ^ John Blair, Blair's Chronological and Historical Tables, p. 39.
  33. ^ Qualora non diversamente indicato, i nomi e le date degli arconti dal 481/0 a.C. sono presi da T. J. Cadoux, The Athenian arcontes from Kreon to Hypsichides, in Journal of Hellenic Studies, nº 68, 1948, pp. 70-123.
  34. ^ Cadoux, Athenian arcontes, p. 88.
  35. ^ a b Cadoux, Arconti ateniesi, p. 90.
    «Non possiamo essere sicuri que sia lo stesso uomo che ricoprì il secondo arcontato, né, se assumiamo che sia accaduto, sappiamo niente riguardo alle circostanze in cui ciò accadde. Né, ancora, sappiamo se questo uomo o uomini appartenessero alla famiglia Filaide».
  36. ^ Cadoux nota che questa voce è basata su un oscuro passaggio sopravvissuto di Hippys di Regio; Hippys afferma che un Epineto fu re di Atene al tempo della 36ª Olimpiade. Nonostante ciò, tale affermazione è piena di errori che rendono Cadoux sospettoso su questo passaggio. ( Cadoux, Arconti ateniesi, p. 91.)
  37. ^ a b c d e Come da un frammento sopravvissuto della lista di arconti ateniesi ( Donald W. Bradeen, The Fifth-Century Archon List, in Hesperia, nº 32, 1963, pp. 187-208.)
  38. ^ Cadoux, Athenian arcontes, p. 103.
  39. ^ From Polis to Empire: The Ancient World, C. 800 B.c. – A.d. 500., Andrew G. Traver, p. 197.
  40. ^ Questa identificazione è stata messa in dubbio da Matthew P. J. Dillon, Was Kleisthenes of Pleisthenes Archon at Athens in 525 BC?, in Zeitschrift für Papyrologie und Epigraphik, nº 155, 2006, pp. 91-107.
  41. ^ Erodoto, Storie, V-VI, p. 10.
  42. ^ Alan Samuel è dubbioso sull'esistenza di tale arconte, sostenendo che sia basato su un'errata comprensione da parte di Eustachio della sua fonte, che forniva la data in cui Pindaro morì e non quella in cui nacque ( Alan Samuel, Greek and Roman Chronology, Muenchen: Beck'sche, 1972, p. 204.)
  43. ^ Cadoux sospetta che questa sia un'alterazione del vero nome dell'arconte. Cadoux, Athenian arcontes, p. 116.
  44. ^ Aggiunto da Samuel ( Alan Samuel, Greek and Roman Chronology, p. 205.)
  45. ^ Nove arconti erano eletti per sorteggio dalle tribù tra 500 persone scelte dai demi e questo fu il metodo usato nell'arcontato di Telesino. Vedi anche la costituzione areopagita.
  46. ^ a b Records of Civilization, Sources and Studies, Issue 1, Columbia University Press, 1920, p. 160..
  47. ^ L'area Geristo-Scillea era il confine della'Attica e probabilmente marcava anche il limite dell'influenza ateniese. Per più informazioni, vedi History of the Hellenic world, II, Pennsylvania State University Press, 1975, p. 350..
  48. ^ Qualora non diversamente specificato, gli arconti dal 480/79 a.C. al 348/7 a.C. sono riportati da Alan E. Samuel, Greek and Roman Chronology, Muenchen: Beck'sche, 1972, pp. 206-210.
  49. ^ Le grafie alternative sono prese da Alan Samuel, Greek and Roman Chronology, pp. 206-210.
  50. ^ Alan Samuel, Greek and Roman Chronology, p. 207.
  51. ^ Classical Philology, p. 53.
  52. ^ Senofonte, The Works of Senofonte: & II and Anabasis. 1890, p. 98.
  53. ^ Samuel, Greek and Roman Chronology, p. 207.
  54. ^ Tucidide, La guerra del Peloponneso, III (cont'd.)-VI, p. 208.
  55. ^ Sofocle, Edipo a Colono, a cura di Sir Richard Claverhouse Jebb, 3ª ed., 1900, p. 4.
    «Micone era [l'arconte] del 402 a.C., Callia [l'arconte] del 406 a.C. Tra loro venne Alesia (405), Pitodoro (404, l'Anarchia) ed Eucleide (403).».
  56. ^ a b Qualora non diversamente indicato, gli arconti dal 347/6 al 301/0 a.C. sono tratti da Benjamin D. Meritt, Athenian arcontes 347/6]] - 48/7 B.C.", in Historia: Zeitschrift für Alte Geschichte, nº 26, 1977, pp. 161]] - 191.
  57. ^ Alan Samuel, Greek and Roman Chronology, p. 210.
  58. ^ Qualora non diversamente indicato, gli arconti dal 300/299 a.C. al 228/7 a.C. sono tratti da Michael J. Osborne, a.C. The Archons of Athens 300/299 - 228/7 a.C., in Zeitschrift für Papyrologie und Epigraphik, 171 a.C., 2009 a.C., pp. 83 - 99.
  59. ^ a b c L'ordine in cui questi tre arconti occuparono la carica non è ancora molto chiaro. ( Osborne, Archons of Athens, nº 14, p. 85.)
  60. ^ This year is commonly attributed to "Gorgias" based on Plutarch (X Orat. 847D); however, this name may be a corruption of the very rare name "Ourias" arconte in 281/0 a.C.]]; Gorgias is thus a ghost. (Osborne, "arcontes of Atene", p. 87 n. 21)
  61. ^ Archons of Athens", nº 26, p. 88.
    «è uno dei pochi arconti del terzo secolo dopo gli anni 290 a essere datato con sicurezza sulla base delle Olimpiadi e di testimoni letterati».
  62. ^ a b Osborne, Archons of Athens", nº 29, p. 90.
  63. ^ Voula Bardani e Stephen Tracy, A New List of Athenian Ephebes and a New Archon of Athens", in Zeitschrift für Papyrologie und Epigraphik, nº 163, 2007, pp. 75 - 80.
  64. ^ Qualora non diversamente indicato, gli arconti dal 227/6 al 211/0 a.C. sono tratti da Michael Osborne, The Date of the Athenian Archons Thrasyphon, in Zeitschrift für Papyrologie und Epigraphik, nº 164, 2008, pp. 85-88.
  65. ^ Aleshire ha posto Oflone in quest'anno, essendoci una lacuna; nonostante ciò, l'ultima revisione di Osborne dell'elenco di Arconti ha rimosso tale lacuna. Per maggiori informazioni, vedi Aleshire, The Athenian Archon Hoplon, in Hesperia, nº 57, 1988, pp. 253-255.
  66. ^ Trasifone è comunemente datato al 221/0 a.C. basandosi su un'iscrizione che permetterebbe di datare il suo arcontato al quarto anno della 139ª Olimpiade; Osborne afferma che la correlazione non è poi tanto esatta e che l'arcontato dovrebbe cadere nel primo anno della 140ª Olimpiade. ( Osborne, The Date, pp. 85-88.)
  67. ^ Merrit dissente, inserendo qui Sostrato e fornendo una fonte primaria; Osborne non fornisce alcuna prova a supporto di Escrone ( Merritt, Athenian arcontes, p. 178.
  68. ^ Qualora non diversamente indicato, gli arconti dal 209/8 al 201/0 a.C. sono tratti da John S. Traill, A Revision of Hesperia, XLIII, 1974, 'A New Ephebic Inscription from the Athenian Agora', in Hesperia, nº 45, 1976, pp. 296-303.
  69. ^ Qualora non diversamente indicato, gli arconti dal 201/0 al 160/59 a.C. sono tratti da Osborne, Archons of Athens.
  70. ^ a b Secondo l'opinione di John S. Traill, The Athenian Archon Pleistainos, in Zeitschrift für Papyrologie und Epigraphik, nº 103, 1994, pp. 109-114.
  71. ^ Christian Habicht sostiene che, il prosperare delle incisioni di lettere nelle iscrizioni non superò il 185 a.C., l'arcontato di Acheo avvenne prima e inserisce Epineto in quest'anno. ( Habicht, The Eponymous Archons, p. 245.)
  72. ^ a b Qualora non diversamente indicato, gli arconti dal 159/8 al 141/0 a.C. sono tratti da Christian Habicht, The Eponymous Archons of Athens from 159/8 to 141/0 B. C., in Hesperia, nº 57, 1988, pp. 237-247.
  73. ^ a b c d e f g Habicht esprime una certa incertezza riguardo alla datazione di questi sette arconti. ( Habicht, The Eponymous arcontes, p. 246.)
  74. ^ Qualora non diversamente indicato, gli arconti dal 139/8 al 48/7 a.C. sono tratti da Merrit, Athenian Archons.
  75. ^ Qualora non diversamente indicato, gli arconti dal 48/7 a.C. al 165/6 sono tratti da Samuel, Greek and Roman Chronology, pp. 223-237.
  76. ^ O arconte eponimo nel 41/2.
  77. ^ James H. Oliver, Greek Inscriptions, in Hesperia: The American Excavations in the Athenian Agora: Twenty-First Report, nº 11, 1942, p. 80.
  78. ^ Qualora non diversamente indicato, gli arconti dal 166/7 al 188/9 sono tratti da Susan I. Rotoff, An Athenian Archona List of the Late Second Century after Christ, in Hesperia, nº 44, 1975, p. 402-8.
  79. ^ Oppure Eschine potrebbe essere arconte per il 178/9 ( Rotoff, Athenian Archons List, p. 407.).
  80. ^ Oppure Egia potrebbe essere arconte per il 177/8 o il 179/80 ( Rotoff, Athenian Archons List, p. 407.).
  81. ^ Oppure Atendoro potrebbe essere arconte per il 181/2 ( Rotoff, Athenian Archons List, p. 407.).
  82. ^ Qualora non diversamente indicato, gli arconti dal 189/90 al 484/5 sono tratti da Samuel, Greek and Roman Chronology, pp. 234-7.
  83. ^ Secondo l'ordinamento dal 197/8 al 204/5 offerto da James A. Notopoulos, Studies in the Chronology of Atene under the Empire, in Hesperia, 1949, p. 21f. Le principali differenze tra Notopoulos e Samuels qui sono che Samuels indica il 197/8 come sconosciuto, inserisce i tre successivi arconti nell'ordine Dionisodoro - T. F. Sosigene - Senocles, poi omette [...]mo scrive gli altri quattro arconti che Notopoulos distribuisce dal 200/1 al 202/3 e li comprime negli anni 201/2 e 202/3. Dato che Notopoulos considera [...]mo l'unico arconte in questo periodo la cui datazione sia certa, mentre Samuels non fornisce una motivazione per rimuoverlo, qui è stato seguito Notopoulos.
  84. ^ a b Notopulos è incerto sull'ordine di questi due arconti durante questi due anni ( Notopoulos, Studies in the Chronology, pp. 35-36.), mentre Samuels pende in favore dell'ordine inverso ( Samuels, Greek and Roman Chronology, p. 235.)
  85. ^ Dopo il 265, la documentazione è talmente frammentaria che "Sconosciuto" non è indicato oltre questo punto.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Adkins, Lesley and Roy A. Handbook to Life in Ancient Greece New York: Oxford University Press 1997 ISBN 0-19-512491-X
  • Costituzione degli Ateniesi di Aristotele
  • Develin, Robert Athenian officials, 684-321 B.C.. Cambridge: University Press, 2003. ISBN 9780521328807
  • Dinsmoor, William Bell The Archons of Athens in the Hellenistic Age. Cambridge, 1931 (1966 reprint)
  • Dinsmoor, William Bell The Athenian Archon List in the Light of Recent Discoveries. Columbia University Press, 1939 (1974 reprint, ISBN 0-8371-4735-2)
  • Fox, Robin Lane The Classical World: An Epic History from Homer to Hadrian New York: Basic Books 2006 ISBN 0-465-02496-3
  • Hamel, Debra Athenian Generals: Military Authority in the Classical Period. Koninklijke Brill NV, 1998.
  • Lacey, W. K. The Family in Classical Greece Ithaca, NY: Cornell University Press 1968
  • Owens, Ron Justice and the Political Reforms of Solon, Eponymous Archon at Athens, 594–593 a.C.. Australian National University, 2000.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]