Megacle (Ippocrate)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Ostrakon col nome di Megacle, figlio di Ippocrate

Megacle, figlio di Ippocrate (in greco antico: Μεγακλῆς, Megaklès; Atene, VI secolo a.C. – dopo il 487/486 a.C.), è stato un politico ateniese, membro della famiglia degli Alcmeonidi.

Megacle, in quanto figlio di Ippocrate, era nipote di Clistene, e, in quanto fratello di Agariste, era zio di Pericle.[1]. Fu ostracizzato nel 487/486 a.C. e sono stati ritrovati vari ostraka recanti il suo nome e, in alcuni casi, anche commenti sulla sua esibizione di ricchezza e sul suo amore per il lusso.[2]

Generò Megacle, detto V per distinguerlo dal padre. Megacle V fu a sua volta padre di Dinomaca, madre di Alcibiade.[3]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Erodoto, Erato, in Storie, Libro IV, 131.
  2. ^ Sara Forsdyke, Exile, ostracism, and democracy: the politics of expulsion in ancient Greece, Princeton University Press, 2005, p. 155.
  3. ^ Domenico Musti, Storia Greca - Linee di sviluppo dall'età micenea all'età romana, Editori Laterza, 2006, p. 239.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Fonti primarie