Demarco

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi Demarco (disambigua).

Il demarco (in greco antico: δήμαρχος) nell'antica Atene era il magistrato a capo dei demi, che ai tempi della riforma di Clistene erano 139; teneva anche il registro dei cittadini maggiorenni[1] e di quello concernente le proprietà immobiliari, usato a fini fiscali.

Il suo potere è stato paragonato a quello di un capo-villaggio o, con terminologia moderna, quello del sindaco[2].

I singoli demi avevano anche competenze in tema di culti religiosi: nei demi rurali i demarchi avevano il compito di organizzare le piccole Dionisie, con funzioni analoghe a quelle che per l'intera polis erano esercitate dall'arconte, sia pur con poteri minori.

Nel mondo romano svolgeva una funzione simile il tribuno della plebe[3][4].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Claude Mossé, Il cittadino nella Grecia antica, Armando Editore, 1998
  2. ^ Giovanni Caselli, Giuseppe M. Della Fina, Le grandi civiltà del mondo antico, ed. Giunti, Firenze, 1999, p. 116.
  3. ^ Nicola Corcia, Storia delle due Sicilie dall'antichità più remota al 1789, Volume 2 Tip. Virgilio, 1845.
  4. ^ Francesco Sansovino, Del governo de regni et delle republiche antiche e moderne - libri XXI, 1566, Biblioteca Pubblica Bavarese, 2009.
Antica Grecia Portale Antica Grecia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di antica Grecia