Pinocchio di Guillermo del Toro

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Pinocchio di Guillermo del Toro
PinocchioToro2022.png
Pinocchio e Geppetto in una scena del film
Titolo originaleGuillermo del Toro's Pinocchio
Lingua originaleinglese
Paese di produzioneStati Uniti d'America, Messico
Anno2022
Durata121 min
Genereanimazione, fantastico
RegiaGuillermo del Toro, Mark Gustafson
Soggettodal romanzo di Carlo Collodi
SceneggiaturaGuillermo del Toro, Patrick McHale
ProduttoreGuillermo del Toro, Lisa Henson, Alexander Bulkley, Corey Campodonico, Gary Ungar
Casa di produzioneNetflix Animation, Jim Henson Productions, Pathé, ShadowMachine, Double Dare You Productions, Necropia Entertainment
Distribuzione in italianoNetflix
FotografiaFrank Passingham
MontaggioKen Schretzmann
MusicheAlexandre Desplat
Doppiatori originali
Doppiatori italiani

Pinocchio di Guillermo del Toro (Guillermo del Toro's Pinocchio), noto semplicemente come Pinocchio, è un film d'animazione del 2022 diretto da Guillermo del Toro e Mark Gustafson.

Realizzato con la tecnica della stop-motion, è basato sul romanzo di Carlo Collodi Le avventure di Pinocchio. Storia di un burattino, ambientato però al tempo del fascismo.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Geppetto, un vedovo falegname un tempo noto per il suo perfezionismo che vive nella grigia Italia fascista, ancora soffre per la perdita del figlio Carlo a seguito di un bombardamento durante la Grande Guerra. Una sera, ubriaco, Geppetto abbatte il pino vicino alla tomba del figlio che piantò in sua memoria, con l'intenzione di riportarlo in vita tramite una creazione lignea e crea (ancora sbronzo) una marionetta dagli imperfetti lineamenti e il lungo naso, poi crolla terra dalla stanchezza. Poco dopo, uno Spirito del bosco si accinge a donar vita alla marionetta, quando interviene Sebastian, il grillo che abitava da poco nel tronco ora ridotto a marionetta, domandando di smetterla di rovinare la sua abitazione, per cui, lo spirito lo nomina guida e guardiano della marionetta con la promessa di esprimergli un qualsiasi desiderio. Lo spirito conclude il suo incantesimo, nominando la marionetta Pinocchio e chiedendogli di portare gioia e pace all'animo affranto del falegname.

Il giorno dopo, Geppetto si spaventa nello scoprire che la sua creazione si muove e parla e che ha un insetto parlante nelle cavità. Dopo un'iniziale spavento, Geppetto chiude Pinocchio nello sgabuzzino poi va alla messa, seguito poco dopo dalla marionetta, la quale ignora i consigli di Sebastian. In chiesa, tutti sono spaventati dalla presenza di un giocattolo vivente, definendolo opera del Diavolo. Quella sera, giungono a casa di Geppetto il Podestà, suo figlio Lucignolo e il prete Don. Il primo mostra un certo disgusto nell'indisciplina di Pinocchio, specie dopo che questi domanda capricciosamente del cibo dal padre e si brucia i piedi nel camino senza capirne la gravità del pericolo, imponendogli di mandarlo a scuola per educarlo.

Il giorno dopo, Geppetto accompagna Pinocchio a scuola, dove vengono intravisti da Spazzatura, una scimmia di proprietà di Conte Volpe, il direttore di un decadente circo che si fa l'idea di tornare alla ribalta con la marionetta vivente. Pinocchio intanto è messo al corrente di Carlo e, capendo che per Geppetto significa ancora molto, decide di fare del suo meglio per dimostrarsi bravo quanto lui. Sfortunatamente, come è ad un passo dall'entrare a scuola, Pinocchio è intercettato da Conte Volpe e Spazzatura che, sbarazzatisi di Sebastian, convincono Pinocchio a entrare nel loro circo. Quella sera, Geppetto è informato dal Podestà che Pinocchio non si è presentato a scuola, cercandolo, Geppetto ode una canzone che cantava a Carlo al circo e lì trova Pinocchio.

Geppetto, furibondo, sgrida Pinocchio per avergli disobbedito e per avergli mentito spudoratamente, come dimostra il suo naso allungato. Durante un'accesa discussione tra Volpe e Geppetto, Pinocchio cade in strada ed è investito dall'auto di Podestà, morendo all'impatto. Nell'aldilà, Pinocchio ancora reagisce e i becchini lo conducono dalla Morte, la sorella dello Spirito del bosco, che gli rivela inoltre che questa è la sua seconda visita nel regno dei morti, avendo con sé l'anima di Carlo che lo Spirito gli ha passato, ma non essendo appieno un essere vivente la sua permanenza nell'aldilà è temporanea: ogni volta sarà rimandato indietro dopo un periodo di attesa che si farà lungo ogni volta che "muore".

Pinocchio si risveglia all'ospedale, dove però la gioia di Geppetto è breve: Volpe, con cui ha firmato un contratto, pretende una grossa somma di denaro se non riavrà indietro la sua star, e Podestà vuole usufruire della sua immortalità per farne un super soldato, reclutandolo come da legge. Geppetto è disperato e, tornando a casa, se la prende con Pinocchio per "non essere come Carlo" ed essergli un peso. Dispiaciuto, quella notte Pinocchio ha un piano: per scappare all'obbligo dell'arruolamento, andrà con Volpe e guadagnerà soldi da mandare al padre con cui poi ripagare il debito per l'annullamento del contratto. Sebastian tenta di fermarlo ma è rinchiuso in un barattolo da Pinocchio.

Il giorno dopo, Sebastian avverte Geppetto e i due scoprono che Volpe ha già tolto i battenti. Geppetto e Sebastian, seguendo le tappe del manifesto, seguono il circo fino in Catania, dove Volpe ha intenzione di esibirsi di fronte al Duce. Spazzatura, intanto, geloso dell'attenzione che Volpe rivolge a Pinocchio, lo convince tramite le marionette che Volpe lo sta ingannando e non lo sta pagando adeguatamente. Pinocchio non gli crede, ma Volpe lo sente e lo punisce a bastonate. Pinocchio difende Spazzatura e domanda la verità a Volpe, il quale mostra la sua vera natura Intanto Geppetto, per raggiungere la Sicilia, acquista una barca, venendo messo in guardia dai pescatori del terribile mostro che si aggira in mare, il Pesce-Cane, dal quale viene poi divorato assieme a Sebastian.

Allo spettacolo, Pinocchio combutta con Spazzatura, e si esibisce in un'imbarazzante canzone che umilia il Duce. Indignato, Mussolino ordina che Pinocchio venga fucilato e il circo bruciato. Nell'aldilà, Pinocchio ha un altro incontro con Morte, che gli spiega che per quanto immortale, questo provoca per Pinocchio la mancanza di potersi godere la vita appieno come un normale vivente. Pinocchio inizia a capirlo dopo che Morte gli spiega che, differentemente da lui, i suoi amici e cari non hanno la stessa fortuna di vivere in eterno come lui.

Pinocchio si risveglia e si ritrova su un furgone con Podestà (presente allo spettacolo), Lucignolo e gli altri bambini del paese, diretti ad un campo di addestramento giovanile per prepararli all'esercito. Nonostante conscio di come il padre ne pensa della guerra, Pinocchio tenta di dimostrarsi forte, rincuorando anche l'amico Lucignolo di non prendersela se mai il padre dovesse pensare male di lui. Il giorno dopo, i ragazzi sono divisi in squadre per una partita a paintball a cattura la bandiera. Le due squadre, capitanate da Pinocchio e Lucignolo, finiscono in pareggio, considerandolo più come un gioco. Deluso, Podestà, ordina al figlio di sparare al capitano avversario e "prendersi tutta la gloria". Lucignolo rifiuta e, assieme all'amico, combatte il padre fino a farlo impigliare in delle corde, dove poco dopo viene centrato da una bomba dagli aerei nemici.

L'esplosione sbalza via Pinocchio dal campo militare, dritto dritto nelle grinfie di Volpe, che intende bruciarlo per la figuraccia fatta. Spazzatura però si ribella e lo scontro fa cadere tutti e tre giù da una scogliera, dove Volpe trova la morte, mentre gli altri due finiscono alla deriva in mare, dove sono poi inghiottiti dal Pesce-Cane. Nello stomaco, padre e figlio finalmente sono riuniti, ma Geppetto teme non ci sarà speranza di uscire poiché la bestia presto andrà in letargo per un decade. Proprio allora, Sebastian nota lo sfiatatoio della bestia e chiede a Pinocchio di mentire, allungando il naso e creando una passerella con cui raggiungere l'orifizio. Staccatosi il naso, anche Pinocchio sale. Il mostro starnutisce con il naso di legno che lo punzecchia e tutti sono scaraventati fuori. Vicino ad un cimitero delle navi pieno zeppo di mine galleggianti. Il Pesce-Cane, ripartito all'attacco si appresta a divorarli di nuovo, ma Pinocchio gli fa inghiottire una mina che poi attiva manualmente dentro la sua bocca.

Pinocchio ri-finisce nell'aldilà, ma ci vorrà molto tempo prima che ritorni e c'è il rischio che non riuscirà a raggiungere il padre prima che affoghi. Pinocchio prega Morte di fare uno strappo alla regola, ma ella lo avverte che, così facendo, ciò lo renderebbe mortale e la prossima visita all'aldilà sarà permanente. Pinocchio non ci pensa due volte. Con molta fatica (essendo privo di due arti dall'esplosione), Pinocchio porta Geppetto a riva, dove ritrova Spazzatura e Sebastian, ma il burattino poi non si muove più. Lo Spirito del bosco riappare e Geppetto le prega di ridonare vita a Pinocchio, ma ella risponde che oramai Pinocchio è diventato un "bambino vero" e non può più tornare. Sebastian allora ricorda del suo desiderio e chiede di riportarlo in vita. Pinocchio ritorna in vita, Geppetto si scusa per avergli messo sulle spalle il peso di volerlo come Carlo e tutti quanti fanno ritorno a casa.

Col passare del tempo, sia il padre che i suoi amici morirono di vecchiaia, mentre Pinocchio non invecchiando mai, fu grazie a tali esperienze e amicizie che imparò a vivere veramente.

Personaggi[modifica | modifica wikitesto]

  • Pinocchio: una marionetta di Geppetto che ha preso vita e che tenta di essere degna del suo affetto. Doppiato da Gregory Mann.
  • Sebastian il Grillo: un grillo girovago la cui dimora era il tronco da cui è stato ricavato Pinocchio. Ora lo segue come sua guida. Doppiato da Ewan McGregor.
  • Geppetto: un melanconico falegname vedovo e che ha perso il figlio Carlo, perdita che ancora lo affligge. Doppiato da David Bradley.
  • Carlo: il figlio di Geppetto che perse in un bombardamento nella prima guerra. La sua anima troverà luogo in Pinocchio. Il suo nome è un allusione all'autore della storia originale. Doppiato da Gregory Mann.
  • Spirito del bosco: una mistica creatura della foresta, che dona vita a Pinocchio. Doppiata da Tilda Swinton.
  • Morte: la sorella dello Spirito del bosco e sovrana dell'oltretomba, simile ad una Chimera. Doppiata da Tilda Swinton
  • Conte Volpe: un malvagio decaduto nobile che ora gestisce un circo di fenomeni. Doppiato da Christoph Waltz.
  • Spazzatura: la maltrattata scimmia di Conte Volpe, che farà amicizia con Pinocchio dopo che prende le sue difese. Doppiato da Cate Blanchett.
  • Lucignolo: un ragazzino con cui Pinocchio fa amicizia. Doppiato da Finn Wolfhard.
  • Podestà: il padre di Lucignolo e un ufficiale fascista che vuole fare di suo figlio e Pinocchio dei soldati, similmente a come l'Omino di burro voleva fare di loro degli asini. Doppiato da Ron Perlman.
  • Don: un prete cliente di Geppetto. Doppiato da Burn Gorman.
  • Conigli neri: i servitori di Morte. Doppiati da Tim Blake Nelson.
  • Dottore: il medico del paese. Doppiato da John Turturro
  • Benito Mussolini: il duce d'Italia. Doppiato da Tom Kenny

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

Sviluppo[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2008 Guillermo del Toro ha annunciato l'intenzione di realizzare un nuovo adattamento di Pinocchio.[1][2] Nei nove anni successivi il progetto ha subito notevoli rallentamenti, anche a causa dell'alto budget che la tecnica passo uno voluta dal regista avrebbe richiesto. Dopo aver abbandonato il progetto nel 2017, nel 2018 Netflix ha acquistato i diritti del film, annunciato il 22 ottobre dello stesso anno.[3][4]

Il 31 gennaio 2020 è stato annunciato che Ron Perlman, Tilda Swinton, Ewan McGregor, Christoph Waltz e David Bradley avrebbero fatto part del cast, a cui si sono uniti nell'agosto dello stesso anno anche Gregory Mann, Cate Blanchett, Tim Blake Nelson, Finn Wolfhard, John Turturro e Burn Gorman.[5]

Riprese[modifica | modifica wikitesto]

Le riprese principali si sono svolte tra Guadalajara e Portland tra il gennaio e il giugno 2020.[6]

Promozione[modifica | modifica wikitesto]

Il primo teaser trailer del film è stato distribuito il 24 gennaio 2022.

Il trailer principale esce invece il 27 luglio dello stesso anno. Il secondo trailer e stato distribuito su YouTube il 9 novembre dello stesso anno.[7]

Distribuzione[modifica | modifica wikitesto]

Il film è stato presentato al BFI London Film Festival il 15 ottobre 2022.[8]

Inizialmente prevista per il 2021, la distribuzione del film è stata posticipata al 9 dicembre 2022 su Netflix,[7][9] ma verrà distribuito in alcuni cinema a partire dal 4 dicembre.[10]

Accoglienza[modifica | modifica wikitesto]

Critica[modifica | modifica wikitesto]

Sull'aggregatore Rotten Tomatoes il film riceve il 97% delle recensioni professionali positive con un voto medio di 8,8 su 10 basato su 16 critiche,[11] mentre su Metacritic ottiene un punteggio di 93 su 100 basato su 11 critiche.[12]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Liliia Lytvyn, Long-awaited ‘Pinocchio’ by Guillermo del Toro will finally become a movie at Netflix, su Arthive, 31 ottobre 2018. URL consultato il 24 gennaio 2022.
  2. ^ (EN) Mike Fleming Jr, Mike Fleming Jr, Guillermo Del Toro Starting Stop-Motion 'Pinocchio' Feature With Henson And Pathe, su Deadline, 17 febbraio 2011. URL consultato il 24 gennaio 2022.
  3. ^ (EN) Guillermo del Toro's Pinocchio Movie Canceled, su ScreenRant, 9 novembre 2017. URL consultato il 24 gennaio 2022.
  4. ^ (EN) Brent Lang, Brent Lang, Guillermo del Toro Directing ‘Pinocchio’ for Netflix, su Variety, 22 ottobre 2018. URL consultato il 24 gennaio 2022.
  5. ^ (EN) Anthony D'Alessandro, Anthony D'Alessandro, Cate Blanchett, Ewan McGregor, Tilda Swinton & More Round Out Cast For Guillermo del Toro Netflix ‘Pinocchio’ Movie, su Deadline, 19 agosto 2020. URL consultato il 24 gennaio 2022.
  6. ^ (PL) David Bradley: Nie chciałem być znany jedynie jako facet z Harry'ego Pottera [WYWIAD], su naEKRANIE.pl. URL consultato il 24 gennaio 2022.
  7. ^ a b (EN) Zack Sharf, Zack Sharf, Guillermo del Toro’s ‘Pinocchio’ Debuts First Stop-Motion Footage, Netflix Sets December Release, su Variety, 24 gennaio 2022. URL consultato il 24 gennaio 2022.
  8. ^ (EN) Il Pinocchio di Del Toro mostrato in anteprima al festival di Londra, su The Hollywood Reporter.
  9. ^ (EN) Guillermo del Toro's Pinocchio Release Date Set by Netflix, su Collider, 6 novembre 2018. URL consultato il 24 gennaio 2022.
  10. ^ Netflix Italia, Trailer ufficiale, su YouTube, 9 novembre 2022.
  11. ^ (EN) Guillermo del Toro's Pinocchio - Rotten Tomatoes, su rottentomatoes.com.
  12. ^ (EN) Guillermo Del Toro's Pinocchio - Metacritic, su metacritic.com.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]