Il compagno Pinocchio

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Il compagno Pinocchio
Titolo originaleЗолотой ключик, или Приключения Буратино
Russia stamp 1992 No 15.jpg
AutoreAleksej Nikolaevič Tolstoj
1ª ed. originale1936
1ª ed. italiana1984
Genereracconto
Lingua originalerusso
ProtagonistiPinocchio

Il compagno Pinocchio (o Buratino e la chiavetta magica, Zolotoj ključik, ili Priključenija Buratino - Золотой ключик, или Приключения Буратиноè) è un racconto lungo di Aleksej Nikolaevič Tolstoj ispirato dal Pinocchio di Collodi.

Il soggetto di partenza è lo stesso del Pinocchio di Collodi, ma le sue avventure descrivono la lotta contro Carabas Barabas, il padrone del teatro dei burattini. Per forza della popolarità di questo libro, l'espressione "lavorare come papà Carlo" (la controparte di Geppetto) è diventata proverbiale in russo e indica un lavoro continuo senza alcun riposo.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Un potente mago animò un albero per far uscire da esso delle personcine di legno, di cui si prese cura come figli. Un giorno però un malvagio zingaro catturò tutte le personcine di legno e uccise il mago, che trasferì nell'albero la sua magia. Solo una bambina di legno fuggì: Malvina.

Tempo dopo, un falegname di nome mastro Giuseppe, entra in possesso del legno dell'albero magico e scopre che parla e, spaventato, lo regala al caro amico e vicino di casa padre Carlo. Carlo è un povero e solitario anziano suonatore di organetto (ormai rotto) e crea una marionetta a che chiama Burattino (o Pinocchio in alcune versioni italiane), allo scopo di utilizzarlo per potersi guadagnare da vivere. Mentre lo costruisce, Carlo scopre che Burattino è animato, e decide perciò di trattarlo come un figlio. Questi presto però scappa e, a seguito di una discussione fra i due, Carlo finisce in prigione perché i gendarmi pensano che avesse maltrattato ingiustamente il burattino.

Rimasto solo in casa, Burattino incontra il Grillo che abita con Carlo; il Grillo ride della sua goffaggine e Burattino gli lancia indispettito il martello, mancandolo. Nel cercarsi da mangiare, Burattino controlla la pentola nel caminetto, ma avvicinandosi scopre che è solo una scena dipinta su tela, bucandola con il suo lungo naso. Poco dopo, Burattino combatte contro un ratto di nome Sciusciara. Carlo, ritornato dalla prigione, scaccia il ratto. Burattino, vista la bontà del genitore, decide di aiutarlo e di andare a scuola per studiare. Dopo avergli fatto un vestito, Carlo vende la propria giacca per comprare i libri di scuola per Burattino.

La marionetta si dirige a scuola ma per la via incappa in un teatrino ambulante e, vendendo i libri per comprare il biglietto, entra a vedere lo spettacolo. Durante lo spettacolo dei burattini, le marionette Pierrot, Arlecchino e gli altri lo invitano a salire sul palco, riconoscendolo come loro simile, ma il burattinaio Carbas Barabas, un omone che inciampa sempre sulla sua lunga barba nera, lo accusa di aver rovinato lo spettacolo e lo rinchiude nel carrozzone.

Nella notte, Carabas decise di bruciare Burattino per riscaldarsi la cena nel camino, ma Burattino lo supplica di non farlo, raccontando che il suo naso aveva già rovinato il caminetto dipinto del padre. Sorpreso dalla storia del camino, Carabas decise di non bruciarlo, a detta sua, per non dar dispiacere a suo padre e gli dona cinque monete d'oro come rimborso e lo ospita nel carrozzone per la notte.

Tornando a casa, Burattino incontra l'indomani il gatto Basilio e la volpe Alice, che lo informano che papà Carlo è ammalato a causa del freddo; Burattino si vanta allora di potergli comprargli una giacca, con i soldi che ha. Basilio e Alice allora raccontano a Burattino di un campo nel Paese degli Sciocchi, dove, se avesse piantato le monete, un albero germoglierà con molte più monete al posto dei frutti. Burattino, un po' insicuro, decide di seguirli.

I tre si rifocillano all'Osteria dei tre ghiozzi e si riposano per la notte. Svegliato dall'oste, Burattino paga il conto e scopre che i suoi amici lo hanno preceduto. Passando per il bosco, Burattino s'imbatte in due briganti, che altri non sono che Basilio e Alice travestiti. I due lo inseguono, ma Burattino si nasconde in bocca le monete e i due lo legarono a testa in giù così che, quando si sarebbe stancato di rimanere con la bocca chiusa, avrebbe fatto cadere le monete. Ciò avvenne nei pressi della dimora di Malvina.

La ragazza trova, l'indomani mattina, la marionetta appesa e lo slega con l'aiuto del suo barboncino Artemone e di altri amici animali. Burattino si dimostra riconoscente nei confronti di Malvina, ma questa si arrabbia con lui per i suoi metodi non educati e lo punisce continuamente.

Con l'aiuto di un pipistrello, Burattino lascia Malvina e si dirige al Paese degli Sciocchi, dove lo aspettavano Alice e Basilio. Mentre la marionetta seppellisce le monete e compie il rito descrittogli, Alice e Basilio convincono il capo della polizia che Burattino è un criminale che sta gettando su di lui un malocchio, e il gendarme lo fa buttare dal ponte, mentre i due lestofanti rubano le monete interrate.

Essendo di legno, Burattino sopravvive e incontra l'anziana delle tartarughe, zia Tortilla, che gli dà una chiave caduta a Carabas, l'unico che può sapere a che serve. Dirigendosi alla carovana di Carabas, Burattino s'imbatte in Poirrot, che gli spiega che aveva scoperto che Carabas e il suo amico venditore di sanguisughe, Duremar, volevano ad ogni costo la chiavetta e che Burattino aveva qualcosa a che fare con la chiave. Dopo essere stato scoperto, Poirrot fuggì.

Dopo essere andati a prendere Malvina, che si scusa per essere stata troppo dura, e Artemone, Burattino si scontra con Carabas e riusce a neutralizzarlo, facendogli attorcigliare la barba lunghissima ad un albero. Carabas e Duremar si dirigono "Dai tre ghiozzi" a riprendersi e rifocillarsi.

Con l'aiuto di un gallo, Burattino si nasconde in un'anfora e aspetta che Carabas si ubriachi; poi, fingendosi uno spirito, gli chiede a che serve la chiavetta. Lo zingaro risponde che apre un tesoro che si dovrebbe trovare dietro il camino dipinto di Carlo. Proprio allora, Basilio e Alice entrarono nella locanda e, avendo corrotto il gallo, costringono Burattino a uscire dal vaso e consegnarsi a Carabas, la marionetta fugge a cavallo del gallo dai suoi amici, ma vengono circondati da Carabas, Duremar, Alice e Basilio.

In loro aiuto sopraggiunge Carlo, che stende i malfattori prendendoli alle spalle e porta a casa Burattino e i suoi amici. Mentre i cinque scoprono che dietro la cucina dipinta di Carlo c'è una porta su cui è raffigurato Burattino, Carabas sopraggiunge con le guardie del sindaco, a cui ha raccontato una storia fasulla per ottenere la sua assistenza. I cinque, però, si chiudono in tempo dietro la porta, scampando all'ira del burattinaio.

Dentro, Burattino è aggredito nuovamente da Sciusciara, ma venne salvato da Artemone. Infine, i nostri eroi trovano un fantastico palco chiamato "Il teatro del Fulmine", sorvegliato dal centenario Grillo Parlante. Il Grillo spiega che il Teatro è quasi completamente automatizzato e che fu costruito per il popolo di legno dal mago che li creò. Detto questo, il Grillo si dilegua.

Burattino e i suoi amici mettono in scena uno spettacolo per le strade della città , diventando famosi e assumendo come attori le marionette di Carabas e lo stesso Duremar, mentre Carlo mette a nuovo il suo organetto e diventa il musicista del teatro, mentre Alice, Basilio e Carabas rimangono a bocca asciutta sotto la pioggia fredda.

Origini[modifica | modifica wikitesto]

In gioventù, Tolstoj lesse Le avventure di Pinocchio e lo raccontava ai suoi compagni di giochi, ma quando perse il libro, cominciò a raccontare diversamente la storia. Da lì venne l'idea per creare questa storia.[1]

Edizioni in italiano[modifica | modifica wikitesto]

  • Aleksej Nikolaevič Tolstoj, Il compagno Pinocchio: la piccola chiave d'oro o le avventure di Burattino, Stampa alternativa, Viterbo 1981
  • Aleksej Nikolaevič Tolstoj, Il compagno Pinocchio: la piccola chiave d'oro o le avventure di Burattino, illustrazioni di A. Kanewskj; traduzione di Luigi Garzone, Stampa alternativa, Roma 1984

Trasposizioni cinematografiche[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Aleksei Tolstoj, Il compagno Pinocchio, in Fiabesca, Stampa Altenativa nuovi equilibri 6/1992.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Letteratura Portale Letteratura: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di letteratura