Grillo Parlante (Disney)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Grillo Parlante
Jiminy Cricket.png
Il Grillo Parlante in una scena di Pinocchio
Nome orig.Jiminy Cricket
Lingua orig.Inglese
AutoreWalt Disney, dal personaggio di Carlo Collodi
1ª app.1940
Voci orig.
Voci italiane
Speciegrillo antropomorfo
SessoMaschio

Il Grillo Parlante (Jiminy Cricket), nei fumetti chiamato Grillo saggio, è un personaggio immaginario del Classico Disney Pinocchio: il grillo parla con il burattino e lo ammonisce, impersonando la voce della coscienza che cerca di orientare Pinocchio verso le scelte giuste. Il personaggio è tratto dal Grillo Parlante ideato da Carlo Collodi per il romanzo de Le avventure di Pinocchio - Storia di un burattino.

Film originale[modifica | modifica wikitesto]

Nel film, Grillo apre il film cantando When You Wish Upon a Star, quindi racconta di come, quando ancora era un malvestito vagabondo, trovò casa dal falegname Geppetto, osservandolo creare la marionetta Pinocchio. Quella notte, su desiderio di Geppetto, la Fata Azzurra dona vita a Pinocchio, dicendogli che per diventare in carne e ossa, dovrà dimostrarsi bravo, coraggioso e disinteressato. Grillo assiste alla scena e poi si intromette nel loro discorso quando Pinocchio chiede cosa sia la coscienza e lui tenta di spiegarlo. La Fata, quindi, nomina il Grillo come coscienza della marionetta, donandogli un vestito migliore e promettendogli una spilla dorata a missione compiuta.

Il giorno dopo, Pinocchio si incammina verso scuola e il Grillo si sveglia tardi, tuttavia incrocia il suo protetto, in compagnia del Gatto e della Volpe, che lo stanno portando al teatro di Mangiafuoco. Grillo tenta di dirgli di rifiutare l'offerta (quasi venendo schiacciato dal martello di Gatto), ma Pinocchio non lo ascolta. Grillo lo segue e assiste allo spettacolo di Mangiafuoco e Pinocchio e, non potendo negarne il successo, decide di andarsene sostenendo che "gli attori non hanno bisogno di una coscienza".

Tuttavia, quando nota la carovana di Mangiafuoco partire, Grillo decide almeno di augurargli buona fortuna, scoprendo Pinocchio in una gabbietta dove il burattinaio l'aveva rinchiuso, non volendo lasciarselo sfuggire. Dopo aver tentato di forzare la serratura, inutilmente, giunge in loro soccorso la Fata Azzurra che li libera e i due corrono a casa di Geppetto. Dopo aver fatto promettere a Pinocchio di comportarsi bene, Grillo lo sfida a chi arriva primo a casa. Nell'attimo che il Grillo lo distanzia, Pinocchio incappa di nuovo nel Gatto e la Volpe che lo conducono alla carrozza dell'Isola dei Balocchi.

Grillo si accorge della sua assenza e lo insegue. Dopo molte ore, Grillo ritrova Pinocchio nell'ormai deserto Paese dei Balocchi, in compagnia di un ragazzaccio di nome Lucignolo, che si prende gioco del grillo. Quando però Pinocchio prende le difese del ragazzo, Grillo si offende e torna al molo dell'isola, scoprendo del suo oscuro segreto: i bambini diventano asini e sono venduti al mercato nero. Grillo torna da Pinocchio e Lucignolo, che hanno iniziato a trasformarsi e, non potendo più fare nulla per il primo, Grillo e Pinocchio tentano la fuga dalla scogliera e tornano a casa.

La casa è però vuota: Geppetto non c'è. Tramite un messaggio della Fata Azzurra, i due capiscono che il falegname, nel cercare Pinocchio, è stato divorato da una feroce e gigantesca Balena. Pinocchio corre in mare a cercare la Balena, seguito dal Grillo (che inspiegabilmente riesce a respirare sott'acqua, forse grazie alla magia della Fata). Quando però trovano la Balena, Grillo rimane fuori dalla bocca del mostro, all'interno di una bottiglia e in balia dei gabbiani.

Quando la Balena apre finalmente la bocca per starnutire, Grillo riesce finalmente a entrare, solo per poi uscire di nuovo notando che Pinocchio e Geppetto stanno tentando la fuga. Grillo viene poi ignorato durante lo scontro contro la Balena, finendo arenato sulla spiaggia dove è il primo a rinvenire il corpo inerme di Pinocchio. Tuttavia, essendosi dimostrato buono, coraggioso e disinteressato, Pinocchio diventa umano e il Grillo viene premiato con la promessa spilletta.

Nella versione originale è doppiato da Cliff Edwards, in quella italiana da Carlo Romano e Riccardo Billi.

Altre apparizioni[modifica | modifica wikitesto]

  • A partire dal film Pinocchio, entra a far parte della Banda Disney.
  • È il narratore-spettatore nel film Bongo e i tre avventurieri.
  • Inoltre appare in alcune storie a fumetti, apparse su Topolino.
    • In una storia di Romano Scarpa si innamora di Grimilde e cerca di portarla nella buona strada o nella storia 60 anni insieme è il presentatore e il narratore principale.
    • Ne L'inferno di Topolino, Grillo rappresenta la redenzione, guidando i peccatori della violenza a non seguire la tentazione (rappresentate da Gatto e Volpe) e di seguire "Biancaneve" (ossia la Fata nei panni di Beatrice).
    • Il fratellastro di Paperone, Gedeone, dirige uno dei giornali di Paperopoli chiamato "Il Grillo Parlante", il cui personaggio fa da mascotte.
    • È anche il protagonista narratore in da tutti noi a tutti voi, Buon Natale dal Grillo Parlante, Le meravigliose favole del Grillo Parlante e La storia di Paperino.
  • Veste i panni dello Spirito del Natale Passato in Canto di Natale di Topolino. Qui usa il suo ombrello per viaggiare nel tempo con Scrooge (Paperone).
    • Un simile Grillo-Spirito del Natale Passato, ricompare in DuckTales, ma non si tratta del Grillo Parlante originale.
  • Nella serie televisiva House of Mouse - Il Topoclub è un ospite generoso.
  • In C'era una volta, Grillo era un tempo un umano di nome Jiminy, figlio di due truffatori (Martin e Myrna, correlativi del Gatto e la Volpe) da lui odiati che, nel tentativo di punirli con una pozione magica di Tremotino, ha finito con il maledire per sbaglio i genitori del piccolo Geppetto (che gli aveva donato un ombrello), trasformandoli in marionette inanimate. Per farsi perdonare, Grillo chiede alla Fata Turchina un modo per lasciare i genitori e guidare il giovane Geppetto, diventando il Grillo Parlante. In forma Grillo, comunica con uno speciale microfono che traduce i suoi frinii in lingua umana, aiutando non solo Geppetto e Pinocchio, ma anche altri personaggi quali Biancaneve e il Principe James. Sotto l'effetto del Sortilegio, Jiminy torna umano ed è lo psicologo di Storybrooke e il padrone di Pongo.
  • Ricompare, animato in CGI, nel remake Pinocchio, in cui fa amicizia con una gabbiana di nome Sofia che, in un primo momento, ha tentato di mangiarlo. È doppiato in inglese da Joseph Gordon-Levitt e in italiano da Edoardo Stoppacciaro.

Videogiochi[modifica | modifica wikitesto]

  • Nel videogioco basato sul film, Grillo compare in un unico livello, in cui si apposta sul lampione per vedere lo spettacolo di Mangiafuoco, scacciando via le falene.
  • Appare anche nel videogioco La rivincita dei Cattivi dove aiuta il protagonista nel fermare gli antagonisti di un libro di fiabe da lui strappato nel trionfare contro i protagonisti.
  • In Kingdom Hearts, Grillo è originario del mondo del Paese dei Balocchi, in cui era stato nominato coscienza di Pinocchio. A seguito della distruzione del suo mondo, finisce al Castello Disney e in seguito diventerà cronista dei viaggi delle avventure di Sora, Pippo e Paperino. Nei giochi ha il ruolo marginale di cronista, apparendo solo quando la trama si svolge attorno ai suoi Grillari (i suoi diari di bordo) o ha a che vedere con Pinocchio. Nel manga, tuttavia, appare più frequentemente, finendo pure con lo sconfiggere uno dei membri dell'Organizzazione XIII.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN157144782719582880843 · LCCN (ENnb2015019863 · J9U (ENHE987007542241205171 · WorldCat Identities (ENlccn-nb2015019863