Le nuove avventure di Pinocchio

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Le nuove avventure di Pinocchio
樫の木モック
(Kashi no Ki Mokku)
Le nuove avventure di Pinocchio.JPG
Sigla dell'Anime
Generedrammatico, fantasy
Serie TV anime
AutoreTatsuo Yoshida
RegiaIppei Kuri
MusicheNobuyoshi Koshibe
StudioTatsunoko
ReteFuji TV
1ª TV4 gennaio – 26 dicembre 1972
Episodi52 (completa)
Durata ep.30 min
Rete it.Rai 1
1ª TV it.1980
Episodi it.52 (completa)
Durata ep. it.22 min

Le nuove avventure di Pinocchio (樫の木モック Kashi no Ki Mokku?) è un anime giapponese del 1972, della Tatsunoko di 52 episodi, liberamente tratta dal romanzo Le avventure di Pinocchio. Storia di un burattino di Carlo Collodi. Il titolo originale significa Mokku della quercia.

Nel 1976 la Nippon Animation ha prodotto un'altra serie animata ispirata ai personaggi del romanzo di Collodi, conosciuta in Italia col titolo "Bambino Pinocchio". In Italia la progressione delle due versioni è invertita temporalmente, per prima è stata mandata in onda la serie della Nippon Animation, solo in seguito quella prodotta precedentemente dalla Tatsunoko. Le due serie si differenziano nettamente per l'ambientazione: quella della Nippon Animation presenta un'ambientazione leggera, mentre quella della Tatsunoko presenta un'ambientazione cupa, inquietante e paurosa.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

La storia è quella classica del romanzo di Collodi, che narra del burattino di legno reso vivo da una fatina benevola per la gioia del suo "costruttore". L'eroe principale è un ingenuo e molto fiducioso giocattolo/pupazzo di legno animato dalla magia della Fata: egli ha molte carenze e lacune da dover superare e vincere, prima che gli possa venir permesso di diventar un uomo vero.

La storia inizia quando Geppetto, un anziano falegname che vive da solo, desidera avere un nipotino che possa tenergli compagnia, inizia così a scolpire un ceppo di legno proveniente da un albero magico. La fata dai capelli turchini dona la vita al burattino e promette che se si rivelerà esser una brava persona dimostrando d'aver un buon cuore in futuro potrà anche esser trasformato in un esser umano.

Per aiutarlo gli fa conoscere il Grillo parlante, che agisce come la coscienza o "Angelo custode" di Pinocchio (è morto dopo che Pinocchio gli ha gettato accidentalmente un martello in testa, quindi, con l'aiuto della Fata, è divenuto un fantasmino visibile soltanto agli occhi di Pinocchio); tuttavia il burattino lo ascolta raramente, e ciò finisce per causargli le peggiori conseguenze. Pinocchio è estremamente ingenuo, quindi facilmente influenzabile dalle cattive compagnie e, in un modo o nell'altro, riesce sempre a soffrire della pericolosità del mondo che lo circonda. Un privilegio donatogli dalla Fata è quello di saper comprendere anche il linguaggio degli animali (in particolare interagisce spesso con il Gatto e la Volpe e con il Topolino che vive nella casa di Geppetto) e anche dei vegetali (che comunicano con lui mediante una sorta di messaggi telepatici e questo gli torna a favore quando si comporta correttamente con essi e a sfavore in caso di qualche mancanza di rispetto). Riesce persino a leggere i pensieri dei burattini e altri giocattoli inanimati, in quanto suoi simili.

La vita di Pinocchio diventa sul serio terribile quando viene preso con sé dal padrone di un circo, interessato a tutto ciò che potrebbe attrarre l'attenzione in futuro del suo pubblico. Cerca così di schiavizzare e imprigionare Pinocchio per i suoi fini, la creazione di un nuovo spettacolo del suo circo itinerante. Il tutto richiama a una spiccata drammaticità, comune all'opera di Collodi, talvolta ai limiti dello spaventoso, sottolineando la sofferenza occorsa al burattino di legno. Caratteristica della serie difatti è che il protagonista soffre di continui abusi fisici e psicologici a causa anche dei suoi limiti legati al suo essere burattino di legno. In questa storia inoltre, ogni elemento naturale ha un suo spettro o spirito che lo rappresenta, per esempio in una puntata, il protagonista si ritroverà ad affrontare il Signore del Sonno, chiamato anche Spettro degli Incubi, che sarà cagione degli stessi (Pinocchio vedrà in un sogno suo nonno Geppetto trasformarsi in un mostro, mentre il "vero" Geppetto, divenuto un nanerottolo, viene ingoiato da quest'ultimo, mentre in un altro sogno il burattino verrà crocifisso e bruciato); grazie al coraggio e alla determinazione di Pinocchio, questi spettri e spiriti verranno però affrontati di volta in volta.

Alla fine della storia, Pinocchio, dopo aver salvato la sua amichetta Tina e gli altri bambini del paese da una brutta epidemia, grazie ad un'erba medica che è riuscito a procurarsi con le sue forze, otterrà come dono di Natale quello di diventare un bambino in carne ed ossa e la Fata lo saluterà per l'ultima volta, dicendogli che ora sarà in grado di cavarsela da solo.

Caratteristiche peculiari dell'anime[modifica | modifica wikitesto]

Per quanto simile a diversi particolari al romanzo italiano, questa storia è ben lungi da essere una fedele trasposizione della storia di Collodi, per quanto avente un simile messaggio e alcune scene basate dal romanzo (un esempio è l'episodio in cui un compagno di Pinocchio muore durante una rissa tra il burattino e i bulli, evidentemente tratto dal capitolo XXVII; o l'episodio in cui Pinocchio è divorato da una gigantesca rana pescatrice è paragonabile ai capitoli in cui Pinocchio è divorato dal Pesce-cane).

Pinocchio/Mokku si caratterizza per i suoi molti difetti di carattere ch'egli deve imparare a superare per risultare degno che gli venga concessa l'umanità: alcuni di queste manchevolezze di carattere includono l'egoismo, la maleducazione, l'insensibilità, la pigrizia e l'ostinazione, ma anche la disubbidienza e la compulsiva menzogna, l'arroganza, l'avidità e la viltà e, infine, l'incapacità di imparare dagli errori commessi.

Pinocchio viene com'è naturale severamente punito dalla fata blu per questi atti d'egoismo. Durante l'intera serie, in parte a causa della sua delinquenza e ostinata disubbidienza, vien sottoposto a tutta una serie di dolorose prove esistenziali in cui viene continuamente tormentato, perseguitato, maltrattato, umiliato, ingannato e deriso, emarginato e picchiato, per finir sottoposto al trattamento più degradante ed inumano. La sua crescita avviene in un mondo decisamente pericoloso.

Nell'ultimo episodio la "fata blu della quercia" soddisfa il desiderio di Pinocchio di diventare un bambino: avvenuta la trasformazione può così finalmente chiamarla Mamma.

Lo sfondo culturale degli episodi sembra suggerire come ambientazione della storia una regione alpina nella seconda metà del XIX secolo, col tema mitico aggiuntivo comprendente creature quali vampiri, fate, streghe e sirene; tutti esseri che si alternano a malvagi o benevoli a seconda delle situazioni, e che hanno invaso la vita dello sventurato burattino, così come gli animali parlanti.

Edizione italiana[modifica | modifica wikitesto]

Nella versione italiana, come in altre in occidente, si è preferito ripristinare i nomi originali, infatti la principale differenza è il nome giapponese del protagonista che si chiama Mokku (モック?), mentre Geppetto in originale viene chiamato semplicemente Ojiisan (お爺さん?) ossia "Nonno" come difatti viene chiamato da Pinocchio (Nonnetto) anche nell'edizione italiana.

Il Grillo-Parlante si chiama Koorogi (コオロギ?) che significa semplicemente Grillo in giapponese, mentre il personaggio che corrisponde al Gatto non è in realtà un gatto in originale bensì una donnola da come si può intuire dalla sua fisionomia. Tale differenza viene rafforzata dalla presenza della gatta Nora molto diversa, specialmente per le orecchie appuntite, che differiscono da quelle rotonde della donnola; oltre a questo, va aggiunta la presenza delle ghiandole odorifere (utilizzate anche in un episodio) tipiche di molti mustelidi e del tutto assenti nei felini in generale. Nella versione americana il Gatto e la Volpe sono chiamati rispettivamente Willy la Donnola e Ferdy la Volpe. Mangiafuoco in originale si chiama Barbarossa (赤ひげ Akahige?) ed è malvagio come il personaggio visto nel film della Disney.

Il nome Mokku deriva da moku che in giapponese significa legno.

La sigla italiana, Pinocchio perché no?, è stata incisa da Luigi Lopez.

Doppiaggio[modifica | modifica wikitesto]

Personaggio Doppiatore originale Doppiatore italiano
Pinocchio (Mokku) Yūko Maruyama Fabio Boccanera
Geppetto (Nonno) Minoru Yada Aldo Barberito
Grillo Kaneta Kimotsuki Willy Moser
Mangiafuoco (Barbarossa) Kazuya Tatekabe Diego Michelotti
Vittorio Di Prima
Fatina Masako Ikeda Mariù Safier
Volpe Enzo Consoli
Gino Pagnani
Massimo Dapporto
Franco Latini
Roberto Del Giudice
Gatto (Donnola) Leo Valeriano
Bruno Cattaneo
Franco Masako Nozawa
Keiko Yamamoto (ep. 5)
Marco Baroni
Tina Keiko Tomochika Beatrice Margiotti
Topino Armando Bandini
Nino Scardina
Voce narrante Akira Kamiya Sergio Fiorentini

Episodi[modifica | modifica wikitesto]

Le nuove avventure di Pinocchio è composto da due stagioni televisive per un totale di 52 episodi. Di seguito la lista degli episodi.

Titolo italiano
GiapponeseKanji」 - Rōmaji
In onda
Giapponese
1Arriva Pinocchio
「ぼくは悲しい木の人形」
4 gennaio 1972

Durante una tempesta, un ramo di una vecchia quercia finisce nelle mani del povere falegname Geppetto. Geppetto da quel ramo ricava un burattino di nome Pinocchio, che vorrebbe vedere come un nipote. La fata che abita nella quercia esaudisce il desiderio di Geppetto e rende vivente e senziente Pinocchio. Pinocchio si rivela impacciato e sciocco e viene guidato dal fantasma del Grillo Parlante, che abitava nel ramo prima che fosse intagliato. Geppetto fa conoscere il nipote ai bambini del paese e vende la sua giacca per donare a lui un abbecedario per la scuola ma il bullo della sua classe, Franco, lo vende ad uno spietato burattinaio: Mangiafuoco.

2Pinocchio ha un'idea
「人形なんてもういやだ」
11 gennaio 1972

Temendo Mangiafuoco, Pinocchio si mette a ballare e a cantare per il suo circo, ma solo se verrà pagato. Mangiafuoco accetta, ma in realtà non gli dà un bel niente. Offeso, Pinocchio decide di scappare con i soldi e i suoi amici burattini (con cui può comunicare telepaticamente) ma viene scoperto e, durante la fuga, Mangiafuoco casca in un lago ghiacciato. Tornando a casa a mani vuote, Pinocchio incontra la Fata alla quale chiede di diventare un bambino per non essere più usato e ingannato dagli altri. La Fata gli promette di realizzare il suo desiderio se si comporterà bene. Detto ciò Pinocchio torna a casa dal nonno.

3Il topolino invidioso
「お願いぼくを信じて」
18 gennaio 1972

Geppetto viveva con un topolino a cui venivano rivolte tutte le attenzioni, finché Pinocchio non arrivò. Stufo del burattino, Topino si allea con il Gatto e la Volpe per liberarsi di Pinocchio.

4Il burattino coraggioso
「人形だって勇気があるんだ」
25 gennaio 1972

Ogni tentativo di Gatto, Volpe e Topino risulta invano. Anche quando portano Pinocchio in una baita abbandonata per bruciarlo.

5Pinocchio Stregato
「人間はなんてすばらしい!」
1º febbraio 1972

Un amico di Pinocchio, Gino, viene spesso rimproverato dai genitori e, arrabbiato con tutti e con la voglia di morire, Gino dà un calcio ad un micio. La madre del gattino, Nora, decide di vendicarsi e approfittando della depressione di Gino e della voglia di Pinocchio di diventare un bambino, dice al burattino di strappare il cuore di Gino, realizzando il desiderio di Gino di morire e quello di Pinocchio di diventare un bambino vero. Pinocchio però fallisce e Gino diventa più saggio nelle sue azioni e i suoi pensieri.

6Una lezione per Pinocchio
「ぼくの心にすむ悪魔(前)」
8 febbraio 1972

Una volta all'anno, si dice che una strega e una vampira passino per il villaggio per rapire bambini per schiavizzarli e mangiarli. Pinocchio si inoltra nella foresta e le incontra. Essendo di legno, Pinocchio non viene mangiato, ma viene messo sotto il controllo della vampira che gli ordina dei portare a lei le sue amiche.

7Pinocchio nella foresta
「ぼくの心にすむ悪魔(後)」
15 febbraio 1972

Pinocchio porta le sue amiche dalle megere. Geppetto, preoccupato per la sua assenza, parte a cercare Pinocchio armato di una croce e una carabina. Geppetto ritrova il nipote e con la croce la libera dall'influsso della vampira e insieme ammazzano strega e vampira e liberano tutti i bambini catturati.

8Pinocchio ancora stregato
「悪い妖精が呼んでいる」
22 febbraio 1972

Tornando da scuola, Pinocchio incontra una simpatica ragazzina che si chiama Clarissa, che lo porta nel Paese dei Balocchi. Là, Pinocchio e il nuovo amico Lucignolo si divertono da pazzi, ma all'improvviso i due si ritrovano in un vero inferno e Clarissa rivela di essere la Strega dei Papaveri, la nemesi della Fata della Quercia, la quale appare e porta via Pinocchio prima che Clarissa possa catturare la sua vitalità. La Fata esce vittoriosa dalla battaglia e con Pinocchio ritornano a casa.

9I tre compari
「ぼくは哀れな悪魔人間」
29 febbraio 1972

Pinocchio viene di nuovo giocato da Topino, Gatto, Volpe e Nora che lo convincono a eseguire un rito per diventare in carne e ossa: stare appeso ad una croce per tre giorni senza bere o mangiare.

10Pinocchio e gli zingari
「ぼくの鼻がのびる時」
7 marzo 1972

Pinocchio incontra una carovana di zingari, questi gli offrono un pasto e gli chiedono come è la sua vita. Pinocchio dice che è solo un pezzo di legno vivente ma non può sentire o provare nulla come un bambino. In cambio di Geppetto e del suo talento nel costruire pupazzi viventi, il capo degli zingari gli offre di provare dolore e sensazioni come un essere umano. Pinocchio accetta, ma presto si accorgerà del suo errore.

11Pinocchio bugiardo
「母の愛が知りたいの」
14 marzo 1972

Pinocchio si diverte a raccontare balle a tutto il paese, ma dopo aver rischiato di essere linciato dai paesani e dopo esser stato punito con un naso lunghissimo, Pinocchio si promette di essere più sincero.

12Un burattino solo
「ぼくはもうだまされない」
21 marzo 1972

Durante la solita rissa scolastica, uno dei compagni, Alessandro, muore. La madre incolpa Pinocchio dell'accaduto e il burattino, per farsi perdonare, decide di sostituire Alessandro, ma non sarà lo stesso.

13Pinocchio sogna
「ぼくにだって夢がある」
28 marzo 1972

Vendendo col nonno qualche cosa a Firenze, la gente pensa che Pinocchio sia in vendita. Geppetto quindi gli compra un buon vestito per farlo sembrare più umano. Giocando con delle farfalle, Pinocchio incontra una ragazza aristocratica di nome Melody che si innamora di lui, non capendo che è di legno o delle sue umili origini. Il Grillo e la Fata insistono affinché Pinocchio dica la verità, specialmente dopo che Geppetto l'avrebbe "messo in imbarazzo" per i suoi metodi rustici. Purtroppo Melody scopre la verità prima che Pinocchio possa dirglielo ma il burattino si ripromette di trovarla una volta ritornato in carne e ossa.

14Gambe di legno
「ぼくの樫の木はのこった」
4 aprile 1972

Gatto e Volpe, erroneamente, passano le termiti a Pinocchio, costringendolo ad andare in stampella. Pinocchio non è affatto felice della sua nuova forma, ma dovrà sacrificare altri arti per ricomporre la diga anch'essa divorata dalle termiti.

15Il gatto e la volpe
「木の脚だって生きている」
11 aprile 1972

Pinocchio incontra uno scimpanzé domestico di alto rango e gli chiede se può insegnargli come fare a comportarsi da umano. Dato che Pinocchio può avvicinarsi alla cantina, Gatto e Volpe lo costringono a prendete qualcosa per loro, ma chi sarà a rimetterci?

16Pinocchio spera
「教えてよ、サル先生」
18 aprile 1972

Pinocchio trova un uovo di cicogna e appena si schiude il piccolo crede Pinocchio suo fratello. I due passano dei bei momenti ma il piccolo si scopre essere il Principe della sua specie. Pinocchio però rifiuta che suo fratello parta, ma dovrà cambiare parere quando si ferirà a causa di un cacciatore.

17La quercia
「ぼくの希望が飛んでゆく」
25 aprile 1972

Il padre di Franco decide di costruire un Luna Park, ma ciò significherebbe abbattere la quercia dove abita la Fata. Non potendo sopportare che le venga fatto del male, Pinocchio e Geppetto si oppongono al progetto assieme agli elementi della natura.

18Il fiero Pinocchio
「人形だって偉いんだ」
2 maggio 1972

Pinocchio incontra il Signore della Regione che non ha alcun figlio e propone a Pinocchio di essere il suo erede ma dovrà rinunciare alle sue origini. Pinocchio accetta ma...

19Il violino magico!
「負けるな!魔法のバイオリン(前)」
9 maggio 1972

Per riparare il violino di una sua amica, Pinocchio ricava il legno da un anziano albero che aveva sempre ascoltato la musica. Dal suo legno esce un violino che può esaudire i buoni desideri. Anche il Re del Paese chiede a Pinocchio di usare il violino per far ridere la sua figlia sempre triste, riuscendoci.

20Pinocchio violinista
「負けるな!魔法のバイオリン(後)」
16 maggio 1972

Il generale del regno insiste che il violino di Pinocchio possa essere usato per spodestare il Re. Questi quindi getta Pinocchio e Geppetto in prigione. Approfittando del momento propizio, il ministro attacca il castello e spodesta il Re. Pinocchio si libera grazie alla principessa e con le ultime note del violino scaccia il generale.

21Il tesoro
「ぼくがさがした宝物」
23 maggio 1972

con i compagni di scuola, Pinocchio parte alla ricerca di un tesoro protetto da mostro marino, un gigantesco Pesce Rana, che lo mangia. Pinocchio ne esce con il tesoro: i resti del più grande pirata del paese.

22Il dottor Corvo
「カナシミ博士さようなら」
30 maggio 1972

Un ciarlatano benefattore passa in città: è il Dottor Corvo che, con una miscela di sciroppo, fa ridere la gente. Purtroppo, mentre ricrea la pozione, la foresta e i suoi animali si ammalano a causa degli scarti. Pinocchio, Gatto e Volpe cercheranno di aiutare Corvo, ma senza un buon esito.

23L'albero dei sogni
「お金のなる木をさがせ」
6 giugno 1972

Volpe dice a Pinocchio che esiste un campo in cui i soldi diventano un albero. Inizialmente era una truffa, come nel libro, ma l'albero cresce per davvero e tutti i paesani si accaparrano dei rami finché uno di loro abbatte l'albero trasformando le monete in foglie.

24La sirena
「人魚とともに消えた夢(前)」
13 giugno 1972

Al circo, Pinocchio incontra una sirena e la libera. Come ricompensa, chiede alla sirenetta di trasformarlo in umano. La sirena accetta, purché l'accompagni alla sua casa, ma arrivati a destinazione Pinocchio scopre che le sirene non hanno tale potere.

25Pinocchio pirata
「人魚とともに消えた夢(後)」
20 giugno 1972

Pinocchio offeso con la sirenetta si allea con i suoi nemici: i pirati. Ma il mostro marino venerato dalle sirene attacca tutti i nemici, meno Pinocchio, che era stato tradito di per sé dalla sirena, perdonata dal burattino che ritorna a casa.

26Il serpente a tre teste
「おじいちゃん死なないで」
27 giugno 1972

Geppetto sta male, l'unica cura è un'erba in cima ad un monte protetto da un serpente con tre teste. Pinocchio decide di andare. Anche Topino con Gatto e Volpe, per ingraziarsi il falegname partono. Pinocchio riesce a battere infine il serpente mettendo zizzania tra le sue teste e porta l'erba curativa a Geppetto.

27Il sogno di Pinocchio
「心の翼をありがとう」
27 giugno 1972

Pinocchio salva un piccolo corvo da una trappola ed esso gli permette di chiedere al suo re, un tengu, di esaudire un suo desiderio. Pinocchio desidera di volare e il dio acconsente affinché sia giusto e corretto. Pinocchio non rispetta i patti e il re dei corvi riversa la sua furia sull'amica del burattino Lena.

28Il lago misterioso
「ぼくの脚に根がはえた!」
11 luglio 1972

Pinocchio scopre da un amico del nonno, il signor Panama, che esiste un lago che può far crescere tutti gli esseri viventi. Pinocchio ci va, poiché stufo di essere basso, ma a crescere è il legno, non il corpo.

29I banditi
「山賊どもの前にたて!」
18 luglio 1972

Pinocchio e Franco sono costretti a lavorare per i banditi del pericolosissimo Diablo. Stufi di essere usati e di uccidere, i due organizzano un agguato a Diablo al loro villaggio e il bandito muore. Felice Pinocchio scorrazza per la valle con il cavallo di Diablo, ma finisce nelle mani di Mangiafuoco.

30Il Clown
「ぼくはピエロじゃない!」
25 luglio 1972

Mangiafuoco ha catturato Pinocchio, Gatto e Volpe e li costringe a venire con lui e il suo cane Doro ad arricchirsi. Il loro lavoro viene proprio bene, ma Pinocchio è triste per la lontananza dal nonno, che assieme a Topino lo sta cercando per tutta la città.

31La fuga
「自由に向って逃げるんだ」
1º agosto 1972

Pinocchio, Gatto e Volpe organizzano una fuga dalle isterie di Mangiafuoco, mentre sono a Roma, ma purtroppo fanno un buco nell'acqua quanto Geppetto nell'avvicinarsi di più al nipote.

32La valle dei diamanti
「別れの船は暗黒大陸へ」
8 agosto 1972

A Napoli, un collega di Mangiafuoco gli dà una buona dritta per arricchirsi: andare in Africa, nella Giungla Nera, e trovare la Valle dei Diamanti. Mangiafuoco parte subito, seguito da Geppetto che ha finalmente scoperto dove si trova Pinocchio. Intanto il burattino prega alla sua fata di fermare la nave di Mangiafuoco e in tutta risposta un gigantesco tricheco la affonda.

33Un tesoro ritrovato
「オモチャだっておこるさ」
15 agosto 1972

Pinocchio si risveglia con un braccio rotto in Egitto. L'unico giocattolaio del paese è ubriaco a causa del suo fallimento, e il figlio, per rialzare gli affari, decide di bruciare tutti i giocattoli della città. La cosa non va di genio né a Pinocchio né alla natura, che cerca di punire i monelli che stavano per distruggere i giocattoli di legno. Pinocchio però li difende ottenendo per loro la grazia. Riparati giocattoli, il braccio, e gli affari del giocattolaio, Pinocchio va alla ricerca di Gatto e Volpe ma si imbatte in Mangiafuoco.

34Il tesoro degli dei
「ぼくは神の子モックだ!」
22 agosto 1972

Mangiafuoco, con Topino in ostaggio, cattura Pinocchio e parte alla ricerca della Valle. Geppetto li trova, ma una stramba comunità religiosa li attacca credendo Pinocchio un demone. Ma il sacerdote lo considera una divinità e come tale va adorata. Mangiafuoco ne approfitta per defilarsi e Geppetto viene chiuso in cella. Topino e Pinocchio scoprono che il sacerdote usa i doni che la gente fa al burattino per cercare una cura per la figlia cieca. Pinocchio riesce a curarla con l'intervento della Fata, e quando va ad abbracciare Geppetto ora libero, finisce di nuovo nelle grinfie di Mangiafuoco.

35La tomba degli dei
「墓守怪獣いつまでも」
29 agosto 1972

Mangiafuoco e Pinocchio vengono ghermiti da un ciclone che li costringe a rifugiarsi in una piramide piena di ricchezze. Mangiafuoco cerca di prenderne più che può ma viene catturato dai guardiani della piramide: degli alieni che proteggono il sonno del faraone. Il figlio dei guardiani terrà Pinocchio prigioniero ma lo libererà se gli mostrerà il mondo esterno. Pinocchio, l'alieno e Mangiafuoco (liberato per pietà) escono dalla piramide ma Mangiafuoco chiama i suoi carovanieri e li obbliga ad attaccare i guardiani che con le loro forze scacciano via tutti quanti. Pinocchio prosegue libero per la sua strada fino a raggiungere la giungla.

36Il principe del Dragone
「ぼくの魔法は勇気と知恵だ」
5 settembre 1972

Nella giungla Pinocchio trova animali parlanti che gli spiegano che erano umani tramutati così dal Principe Dragone, un mago che tiene la loro principessa in ostaggio. Pinocchio va dal mago come portavoce dei paesani maledetti, ma il Dragone lo scambia per un mago, e lo sfida. Grazie allo studio seguito a scuola e ai consigli della fata, Pinocchio fa credere di poter far sparire la luna (con un'eclissi) e di poter sciogliere le montagne ghiacciate; nel mentre, Pinocchio sottrae al mago la sfera che gli dava i poteri e questi muore dal freddo. Liberata la principessa e restituita ai paesani la forma umana, Pinocchio viene ricompensato con un sacchetto di diamanti.

37La vera ricchezza
「悪い夢は砂漠にすてろ!」
12 settembre 1972

Pinocchio torna verso la civiltà e con i suoi diamanti si da alla pazza gioia. La ricchezza però gli da un po' troppo alla testa, tanto da sfrattare un orfanotrofio per farne la sua villa e scacciare i mendicanti che chiedono un po' di elemosina (tra cui Geppetto). Un pulcino di condor in cattività decide di fargli da maestro alla ricchezza in cambiò della libertà. Mangiafuoco scopre dei diamanti, deruba Pinocchio e scappa causando un incendio nella villa. Pinocchio si salva, ma non il condor, il cui padre (furioso per l'egoismo di Pinocchio) lo afferra e lo scaglia giù per una scogliera.

38La stella del circo
「サーカス一座はもういやだ」
19 settembre 1972

Pinocchio viene salvato da uno scimpanzé, che vuole in cambio che gli dia un aiuto per entrare nella compagnia di Mangiafuoco e diventare una star. Nonostante Pinocchio glielo sconsigli, lo scimpanzé insiste e Pinocchio si limita ad accompagnarlo (non visto) fino alla carovana di Mangiafuoco, intento a tornare in Italia. Intanto, Geppetto e Topino, convinti che Pinocchio sia ritornato a casa, chiedono un passaggio a Mangiafuoco in qualità di responsabili degli animali. Lo scimpanzé, dopo essere stato assunto, si accorge del suo errore e Pinocchio lo libera, ma scopre subito dopo che a bordo della nave di Mangiafuoco c'era anche Geppetto (e a sua volta, Topino si accorto che Pinocchio era ancora in porto).

39Viaggio in mongolfiera
「飛べ!気球 ふるさとへ」
26 settembre 1972

Pinocchio trova un passaggio per l'Italia in mongolfiera da un ragazzo proprietario di un vecchio cane e un bisbetico pappagallo. Dopo aver superato una tempesta, il pappagallo buca il pallone, rischiando di rendere impossibile il raggiungimento della costa senza che venga mollata ulteriore zavorra. Il cane si offre volontario di scendere su un pezzo di legno in mare e di essere trascinato con una corda, ma quando capisce che così continua a rallentarli, il cane si sacrifica e morde via la corda, permettendo a Pinocchio e al ragazzo di raggiungere la costa Italiana.

40Abbasso il tiranno
「火食い親方をやっつけろ」
3 ottobre 1972

A Firenze, Mangiafuoco ha insediato il suo nuovo e migliorato circo, ma dopo settimane di attesa, Geppetto si licenzia e torna a casa con Topino, chiedendo a Gatto e Volpe (rifiniti nelle grinfie del burattinaio) di riferire a Pinocchio che è tornato a casa, quando lo vedranno. Subito dopo, Pinocchio raggiunge il circo, ma mentre Volpe sta per dire a Pinocchio dov'è suo nonno, Doro lo interrompe e porta Pinocchio da Mangiafuoco, che gli propone di diventare suo socio e di mettere da parte tutte le loro incomprensioni passate. Pinocchio accetta, ma solo per aiutare i maltrattati e malati animali per cui un carabiniere ha minacciato Mangiafuoco di chiudere il suo circo. Saputo di ciò, Pinocchio, aiutato dagli animali, distrugge il circo e Mangiafuoco viene arrestato per aver messo in pericolo gli spettatori e gli animali sono riportati a casa. Gatto, Volpe e Pinocchio, invece, tornano a casa da Geppetto.

41Sei solo un burattino di legno
「立ちあがれ大木魔神」
10 ottobre 1972

Pinocchio torna a casa, ma scopre da Nora che Geppetto è ripartito per cercarlo. Scendendo in paese, Pinocchio scopre dai soldati italiani che devono abbattere gli alberi della foresta per poter fabbricare armi per un'eventuale guerra. La foresta implora Pinocchio di aiutarli (in quanto non vogliono morire per creare oggetti di morte), Pinocchio è reclutante, in quanto vuole riabbracciare il nonno, ma il sonnolento e decrepito albero protettore della foresta lo minaccia di riempirlo di termiti se non gli aiuterà. Pinocchio acconsente e decide di risvegliare il protettore portando a lui l'acqua con l'aiuto di Gatto e Volpe. L'albero si desta e spaventa i soldi che, nel tentativo di abbatterlo, bruciano la foresta, felice di non dover diventare armi. Nonostante il buon proposito di Pinocchio, quest'atto è considerato dai soldati un rito satanico e Pinocchio viene accusato di stregoneria e Geppetto viene catturato e viene ordinato che sia esiliato sull'Isola Infernale.

42Il signore del sonno
「悪い夢の精よさようなら」
17 ottobre 1972

Pinocchio cerca di raggiungere Geppetto, ma ogni qualvolta si addormenta o si trova nell'ombra è attaccato dal Signore degli Incubi, che vuole schiacciare la sua speranza, non solo dandogli incubi mostruosi, ma anche mettendogli sulla strada un padre di una gentile ragazza che ha protetto Pinocchio dai soldati in pericolo, ma se perde tempo a salvare l'uomo, perderà l'occasione di liberare Geppetto. Pinocchio decide di aiutare la ragazza ma, furioso di aver perso l'occasione di poter liberare il nonno, calcia il Signore degli Incubi in un'area illuminata dal sole, uccidendolo.

43Blud il mercante
「死の砦を打ちやぶれ」
24 ottobre 1972

Pinocchio trova un'altra situazione simile all'episodio precedente, dove è costretto a salvare il mercante Blud, padre di Mario che aveva nascosto Pinocchio ai soldati. Tuttavia, Pinocchio viene raggiunto dal Gatto, la Volpe e il Topino, che decidono di aiutarlo a salvare il falegname.

44Legna da ardere
「ぼくを燃やして!」
31 ottobre 1972

I soldati che scortano Geppetto stanno attraversando gli Appennini, costringendo il quartetto a procedere per la fredda montagna. A causa di una bufera, Pinocchio è separato dagli altri ma incappa in un villaggio dove diversi bambini invitano Pinocchio a sciare con loro. Pinocchio rifiuta, ma il carattere irascibile di una bambina lo obbliga a restare a divertirsi invece che a salvare suo nonno e i suoi amici. A causa di una valanga, i ragazzi si ritrovano rinchiusi in una baita desolata e abbandonata. Pinocchio, non soffrendo il freddo, aiuta gli altri accendendo un fuoco. Tutti i ragazzi evitano di morire assiderati, ma la bambina dal pessimo carattere no. Per poter alimentare le fiamme, Pinocchio decide di sacrificarsi, nonostante il suo comportamento di prima, ma proprio come si butta nel fuoco, i genitori dei ragazzi aprono la porta e, mentre Pinocchio riprende il suo cammino, la ragazzina lo ringrazia.

45Le due gemelle
「雪女よ静かに眠れ」
7 novembre 1972

Geppetto scopre che da ora non farà più il viaggio all'Isola Infernale da solo: ad accompagnarlo c'è una coppia di genitori la cui nascita delle loro gemelle ha causato (coincidentalmente) una marea di disastri naturali. Mentre Pinocchio, Topino, Gatto e Volpe si avvicinano al villaggio in cui i soldati hanno fatto tappa, sono attaccati da una ninfa delle montagne accompagnata da due bambine gemelle (le stesse della coppia, che la fata ha strappato dalla folla inferocita). Pinocchio scopre però che la ninfa ha intenzione di creare una valanga che possa uccidere chiunque nel villaggio per punirli della loro superstizione. Capendo che così sarebbe stata la fine anche per Geppetto, Pinocchio si mette di mezzo e il coraggio del burattino fa sì non solo che la ninfa annulli i suoi piani, ma permette alle bambine di tornare dai proprio genitori, che vengono scagionati dato che il ritorno delle bambine ha "fermato per miracolo" la valanga, ma Geppetto riprende il suo viaggio.

46Il cacciatore di taglie
「賞金かせぎを追っぱらえ」
14 novembre 1972

Una volta tanto, Pinocchio e gli altri riescono a superare i soldati e cercano di tendere un agguato, ma sono ostacolati da un cacciatori di taglie, che però viene ferito assieme a loro da una piccola valanga. Un medico riesce a recuperare tutti e, per fortuna di Pinocchio, il cacciatore è ferito. Arrivati a casa del medico, Pinocchio scopre che sua figlia è affetta da una grave malattia e decide di scalare la montagna a prendere una pianta che potrà curarla. Notando la gentilezza di Pinocchio, il cacciatore non solo decide di non dargli più la caccia, ma gli da una mappa per il luogo dove Geppetto dovrà imbarcarsi per l'Isola Infernale.

47Gli amici di legno
「木はみんなぼくの仲間」
21 novembre 1972

Arrivati al villaggio portuale dove Geppetto sarà condotto alla nave per l'Isola Infernale, Pinocchio viene aggredito dai soldati, ma Pinocchio, non intenzionato a scappare in quanto nel giusto, viene aiutato dalla natura per le sue buone azioni precedenti, impedendo a Pinocchio di essere arrestato, ma impedendo a Pinocchio di salvare in tempo il padre prima dell'imbarco.

48Il signore del mare
「海魔王の怒りにいどめ」
28 novembre 1972

Pinocchio, Topino, Gatto e Volpe salgono sulla nave di nascosto e Pinocchio riesce finalmente a liberare Geppetto, aiutato da una triste ragazzina di nome Gina, ma la nave ha già preso il largo. Durante il tragitto, Pinocchio scopre che per raggiungere l'Isola bisogna offrire un sacrificio al Mago del Mare, nel loro caso Gina. Pinocchio si oppone e non appena il mago, dalle sembianze di un kraken, attacca la nave, Pinocchio (aiutato dalla Fata) si tuffa ad angelo sul mago che, vedendo in Pinocchio una croce, muore. La nave affonda e Pinocchio riesce a salvare Geppetto e Gina ed è costretto ad approdare alla vicina Isola Infernale.

49Acqua
「地獄島は死んでいる」
5 dicembre 1972

Arrivato sull'Isola Infernale, Pinocchio scopre il motivo del nome: l'isola è deserta, c'è un vulcano attivo e la natura è priva di vita. Trovato rifugio in una caverna per il nonno e la sua nuova amica, che Geppetto decide di adottare come nipote, Pinocchio esplora l'isola alla ricerca di acqua e cibo, ma trova solo, sulla cima del vulcano, il Dio del fuoco che deciderà di risparmiare tutti loro se supererà almeno una notte sull'Isola. Pinocchio riesce miracolosamente a trovare dell'acqua con cui dissetare Geppetto e Gina, ma ai due viene subito un febbrone da cavallo.

50L'isola fiorisce
「よみがえれ地獄島」
12 dicembre 1972

Capito che non potranno sopravvivere a questo cocente caldo lavico, Pinocchio decide di sacrificarsi al dio purché lasci in pace la sua famiglia. Il Dio, ammirando il suo coraggio, decide di risparmiare entrambi e di lasciare l'Isola permettendo non solo a Gina e a Geppetto di sopravvivere, ma anche a Pinocchio di costruire una zattera con cui tornare a terra. Una volta preso il largo, Pinocchio ritrova il Gatto, la Volpe e Topino, scampati da dei pirati cannibali.

51La rivolta dei bambini
「悲しいイブの鐘がなる」
19 dicembre 1972

Pinocchio, Gina, Geppetto, Gatto, Volpe e Topino tornano a terra la Vigilia di Natale, ma scoprono che Pinocchio è ancora ricercato e, dopo essere scampati da un soldato, il capitano ordina di stanare Pinocchio dal buco un cui è nascosto bruciando tutti i giocattoli. Per poter sfamare il nonno e la sorella, Pinocchio (aiutato da Gatto e Volpe) decide di prendere parte al corteo della messa di Natale, dove potrà ottenere cibo e soldi per curare la sorella dal raffreddore. Per mascherarsi e non essere riconosciuto, però, Pinocchio ha bisogno di uno dei veli dei bambini della messa e ne prende uno in prestito da una ragazza paraplegica adottata dal prete, con la promessa di riportargliela in quanto unico ricordo della madre assieme alla sua collezione di bambole. Pinocchio ottiene ciò che gli serve e da il cibo a Gatto e Volpe da portare dal nonno, mentre lui tornerà dopo aver preso le medicine e aver restituito il velo, ma giunge proprio quando il capitano e i soldati stanno requisendo con la forza i giocattoli della ragazza. Pinocchio allora entra, restituisce il velo e si costituisce per impedire che altri suoi simili e bambini paghino per i suoi danni. Non volendo permettere a Pinocchio di andare, la ragazza non solo supplica pietà al capitano ma si mette pure a camminare. Nonostante il miracolo, il capitano è deciso a giustiziare Pinocchio, ma i bambini della città, furiosi per i loro giocattoli bruciati, attaccano i soldati e il capitano permettendo a Pinocchio di fuggire, perdendo però i soldi per le cure di Gina.

52Buon Natale Pinocchio
「ぼくの夢は輝く星に」
26 dicembre 1972

Non volendo tornare a manu vuote da Gina, Pinocchio cerca di chiedere pietà al farmacista, scoprendo che molti altri bambini soffrono la febbre e che il farmacista si rifiuta di cedere le sue cure a gratis. Pinocchio, in un primo momento è intenzionato a derubarlo, ma capisce che non sarebbe comunque giusto. Sulla via, Pinocchio rincontra Gino e altri amici di casa, i quali sono anche loro giunti per le medicine, ma sanno che l'erba che costituisce la cura si trova in cima al monte. Pinocchio si mette a scalarlo e dopo essersi autocombustionato per evitare di congelare, Pinocchio raccoglie l'erba e cura tutti quanti. Pinocchio festeggia assieme a i suoi parenti e amici il Natale, ma i soldati sopraggiungono non solo armati ma pure preparati a giustiziarlo e gli sparano al collo, uccidendo effettivamente Pinocchio. La Fata scaccia via i soldati e, come suo regalo di Natale, trasforma Pinocchio in un bambino vero. La sua trasformazione però gli toglie la possibilità di vedere il Grillo Parlante, di parlare con gli animali e di vedere la Fata, che sparisce augurandogli una felice vita, mentre Pinocchio la saluta un'ultima e triste volta, chiamandola "mamma".

Buon Natale Pinocchio - Il film[modifica | modifica wikitesto]

È stato pubblicato anche un film dalla durata di 45 minuti intitolato Buon Natale Pinocchio - Il film[1] diretto da Ippei Kuri e distribuito in Italia da Mondo Home Entertainment in più di un'occasione. Questo lungometraggio è in realtà un collage degli ultimi due episodi della serie, il 51 La rivolta dei bambini e il 52 Buon Natale Pinocchio.

Note[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]