Partito Laburista (Israele)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Partito Laburista Israeliano
מפלגת העבודה הישראלית, Miflèghet ha-'Avodà ha-Yisraelit
המשמרת הצעירה של מפלגת העבודה בהפגנה.jpg
Leader Isaac Herzog
Stato Israele Israele
Fondazione 1968
Ideologia Socialdemocrazia
Sionismo socialista
Terza via
[senza fonte]
Collocazione Centro-sinistra
Partito europeo Partito del Socialismo Europeo (osservatore)
Affiliazione internazionale Internazionale Socialista
Alleanza Progressista
Seggi Knesset
15 / 120
Sito web http://www.havoda.org.il/Web/Default.aspx

Il Partito Laburista Israeliano (in ebraico: מִפְלֶגֶת הָעֲבוֹדָה הַיִּשְׂרְאֵלִית, Miflèghet Ha-'Avoda Ha-Yisraelit[?·info], comunemente העבודה, Ha'Avodà) è un partito politico israeliano di sinistra, fondato il 23 gennaio 1968. Ha una ideologia riformista ed è un partito sionista. I Laburisti fanno parte dell'Internazionale Socialista ed è membro osservatore del Partito Socialista Europeo. L'attuale leader è l'avvocato ed ex-ministro Isaac Herzog.

Storia[modifica | modifica sorgente]

Il partito ha conosciuto diverse denominazioni nel corso della sua esistenza:

  1. Mapai dal 1930 al 1970;
  2. HaMaarach (fusione tra Mapai et Mapam);
  3. HaAvoda, denominazione attualmente in vigore;
  4. Israele Unita (in associazione con Gesher e Meimad dal 1999 al 2001).

Il partito discende dal Mapai (Mifleget Poalei Eretz Yisrael, Partito dei Lavoratori della Terra d'Israele), il partito del sionismo socialista e principale forza politica del movimento sionista, e come tale padre dello Stato di Israele, che era entrato in crisi nel 1965.

Dal 1969 al 1991 il partito ebbe un'alleanza elettorale (Maarakh, Allineamento) con il Mapam (Mifleget Poalei ha-Meuchedet, Partito Unito dei Lavoratori), nato poco prima dell'indipendenza come partito sionista marxista e a lungo secondo partito israeliano: il 7 ottobre 1991, in vista delle elezioni del 1992 Mapam si sciolse per entrare nel Partito Laburista. Fu il partito, anche tramite i suoi predecessori, di tutti i maggiori leader politici israeliani fino agli anni '90 come David Ben Gurion, Moshe Dayan, Golda Meir, Shimon Peres (attualmente in Kadima) e Yitzhak Rabin, il promotore degli accordi di Oslo con i palestinesi. Il partito sostiene decisamente, assieme al più cauto Kadima, la soluzione dei due stati per risolvere il conflitto israeliano-palestinese, contrapponendosi al Likud e a Israel Beytenu che sostengono l'intoccabilità degli insediamenti israeliani, pur sostenendo anch'essi la stessa soluzione.

Con la denominazione Partito laburista ha vinto le elezioni del giugno 1992 e del maggio 1999. Dal 1992 al 2009 ha però registrato una continua perdita di voti e di seggi.

È stato al governo sia con l'esecutivo Olmert che con quello Netanyahu: scelte che richiamano una vocazione all'interesse nazionale nonostante siano lesive sul piano della popolarità, in quanto non in grado di incidere sulla linea politica marcatamente conservatrice dei governi a guida Likud e moderata di quelli Kadima. Il suo storico leader, Ehud Barak, già primo ministro e ministro della Difesa ha lasciato il partito per fondare il Partito dell'Indipendenza. Gli attuali esponenti di primo piano sono il sindacalista Amir Peretz e il segretario Shelly Yachimovitch. Il partito è ora all'opposizione.

Bandiera della Formazione Giovanile del Partito Laburista

Leader[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]