Ehud Barak

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Ehud Barak
אֵהוּד בָּרָק
Ehud Barak official.jpg

Primo ministro di Israele
Durata mandato 6 luglio 1999 –
7 marzo 2001
Presidente Ezer Weizman
Moshe Katsav
Predecessore Benjamin Netanyahu
Successore Ariel Sharon

Ministro della difesa di Israele
Durata mandato 18 giugno 2007 –
18 marzo 2013
Capo del governo Ehud Olmert
Benjamin Netanyahu
Predecessore Amir Peretz
Successore Moshe Ya'alon

Durata mandato 6 luglio 1999 –
7 marzo 2001
Predecessore Moshe Arens
Successore Binyamin Ben-Eliezer

Ministro degli affari esteri di Israele
Durata mandato 22 novembre 1995 –
18 giugno 1996
Capo del governo Shimon Peres
Predecessore Shimon Peres
Successore David Levy

Dati generali
Partito politico Partito Laburista Israeliano
(fino al 2011)
Indipendenza
(2011-2012)
Indipendente
(2012-2019)
Partito Democratico Israeliano
(dal 2019)
Università Università di Gerusalemme
Stanford University
Firma Firma di Ehud Barak אֵהוּד בָּרָק
Ehud Barak
Ehud Barak military.jpg
Ehud Barak in uniforme
NascitaMishmar HaSharon, 12 febbraio 1942
Dati militari
Paese servitoIsraele Israele
Forza armataFlag of the Israel Defense Forces.svg Forze di difesa israeliane
UnitàSayeret Matkal
Anni di servizio1959 - 1995
GradoTenente generale
GuerreGuerra dei sei giorni
Guerra del Kippur
BattaglieOperazione Entebbe
Comandante diCapo di stato maggiore generale delle Forze di difesa israeliane
Vice-capo di stato maggiore generale delle Forze di difesa israeliane
Comando centrale
Aman
Sayeret Matkal
Altre carichepolitico
"fonti nel corpo del testo"
voci di militari presenti su Wikipedia

Ehud Barak (in ebraico אֵהוּד בָּרָק ascolta[?·info]; Mishmar HaSharon, 12 febbraio 1942) è un politico e generale israeliano ed è stato Primo ministro di Israele dal 17 maggio 1999 al 7 marzo 2001[1].

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Dopo essersi laureato in Fisica e Matematica all'Università di Gerusalemme nel 1976, ha ottenuto un master sui sistemi economici nel 1978 alla Stanford University in California.

Carriera militare[modifica | modifica wikitesto]

Entrato nell'esercito nel 1959, per gran parte della sua carriera militare ha servito nelle unità Sayeret e Mistaravim, corpi d'élite delle Forze di difesa israeliane, portando a termine con successo varie operazioni di commando, la più famosa delle quali l'operazione Entebbe. Ha preso parte alla guerra arabo-israeliana del 1967 e a quella del 1973. Dal 1983 al 1985 ha guidato l'intelligence militare, l'Aman.

È stato il militare più decorato della storia di Israele, raggiungendo il grado di Tenente generale. Al culmine della sua carriera militare ha assunto la carica di capo di stato maggiore dal 1991 al 1995.

Carriera politica[modifica | modifica wikitesto]

Dopo l'assassinio del premier Rabin nel 1995 ha guidato il ministero degli esteri nel governo di Shimon Peres. Alle elezioni del 1996, dove il Partito Laburista viene sconfitto dal Likud di Netanyahu, Barak è eletto deputato e ha guidato l'opposizione parlamentare al governo conservatore. Nel 1999, con la vittoria laburista, egli è stato eletto primo ministro, carica che ha conservato sino al 2001, detenendo anche la delega di Ministro della difesa.

Nel 1999, Barak aveva promesso di porre fine entro un anno all'occupazione israeliana del Libano meridionale, in corso da 22 anni. Il 24 maggio 2000, Israele si ritirò dal Libano meridionale. Il 7 ottobre dello stesso anno, tre soldati israeliani furono uccisi in un raid di frontiera da Hezbollah. Le salme, trattenute dai miliziani (assieme a Elhanan Tenenbaum, un imprenditore di Tel Aviv, vivo) furono riconsegnate ad Israele in cambio della liberazione di prigionieri libanesi nel 2004.

Il governo Barak riprese i negoziati di pace con l'OLP, affermando: "Ogni tentativo [da parte dello stato di Israele] di mantenere il controllo di questa regione [Gaza e West Bank] come entità politica unitaria condurrà inevitabilmente o ad uno stato non-democratico o ad uno stato non-ebraico. Infatti, se i Palestinesi voteranno, sarà uno stato binazionale; se non voteranno, sarà uno stato segregazionista".[2]. Nell'ambito di questi negoziati, Barak prese parte al summit di Camp David del 2000, tenuto con l'obiettivo di risolvere definitivamente la questione israelo-palestinese. Ehud Barak, in seguito alle pressioni del presidente Bill Clinton, offrì a Yāsser ʿArafāt uno Stato palestinese nella Cisgiordania e nella Striscia di Gaza con capitale Gerusalemme est, il ritorno di un limitato numero di profughi e un indennizzo per gli altri. Con una mossa estremamente criticata, ʿArafāt rifiutò l'offerta di Barak senza peraltro presentare delle controproposte. Il summit, quindi, non ebbe successo.

Barak si candidò nuovamente alla presidenza nel 2001, ma venne sconfitto da Ariel Sharon. Dopo la sconfitta elettorale, si ritirò a vita privata.

Nel 2005 ritornò sulla scena politica, dapprima tentando di candidarsi alla guida del Partito Laburista. Tuttavia, resosi conto di non disporre di un seguito sufficiente ad essere eletto, decise alla fine di sostenere la candidatura di Shimon Peres, sconfitto da Amir Peretz. Nonostante i rapporti non buoni con il neoeletto presidente del partito, Barak decise di rimanere nel Partito Laburista. Il 13 giugno 2007 Barak vinse le primarie del Partito Laburista, tornando così a esserne presidente. La sua vittoria lo ha visto imporsi con uno stretto margine di vantaggio sull'ex direttore dello Shabak (noto anche come Shin Bet), Ami Ayalon.

Due giorni dopo, il 15 giugno 2007, il primo ministro Ehud Olmert lo fece succedere ad Amir Peretz alla carica di ministro della Difesa. Verso la fine del 2008 il governo di Gaza guidato da Hamas decise di rompere la tregua riprendendo su larga scala gli attacchi missilistici contro le città meridionali di Israele. Pertanto dal mese di dicembre del 2008 al gennaio del 2009 Ehud Barak, in qualità di ministro della Difesa, guidò l'operazione contro Gaza passata alla storia come Operazione Piombo Fuso.

Nonostante il largo consenso che l'operazione suscitò nell'opinione pubblica, le elezioni del 2009 registrarono un pessimo risultato per i laburisti che vennero sorpassati sia dal Likud che dal partito nazionalista guidato da Lieberman. Per la prima volta nella loro storia i laburisti si dovettero accontentare del quarto posto. Nella nuova Knesset i centristi di Kadima furono ancora il gruppo parlamentare di maggioranza relativa ma non riuscirono a dar vita ad una coalizione di governo e furono costretti a passare all'opposizione.

L'incarico di formare il nuovo governo venne quindi conferito a Netanyahu, leader della seconda forza politica israeliana, il quale chiese ai laburisti di Barak di abbandonare l'alleanza con Kadima e di entrare a far parte del nuovo governo di centro destra guidato dal Likud. Tra mille polemiche Barak accettò la proposta di Netanyahu e conservò la carica di Ministro della difesa.

La decisione di Barak non venne condivisa da parte del suo partito che nel mese di gennaio del 2011 deliberò a maggioranza di passare all'opposizione e di ricostruire l'alleanza con i centristi di Kadima. Per non essere costretto ad abbandonare la coalizione di governo e a dimettersi da ministro della Difesa, il 17 gennaio 2011 Ehud Barak fondò il Partito dell'Indipendenza, una nuova formazione politica nelle cui file confluirono cinque parlamentari fuoriusciti dal gruppo parlamentare laburista, che aderì alla maggioranza parlamentare di centro destra.

Restò fino al 18 marzo 2013 ministro della difesa e quindi si ritirò dalla politica.

Nell'aprile 2015 Barak investì un milione di dollari nell'azienda Reporty Homeland Security, un'azienda attiva nell'ambito della sicurezza e dei servizi di emergenza.[3]

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Comandante della Legion of Merit (USA) - nastrino per uniforme ordinaria Comandante della Legion of Merit (USA)
— 14 gennaio 1993

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Enrico Franceschini, Israele, Barak è premier, su repubblica.it, 18 maggio 1999.
  2. ^ Don't Give Up on Middle East Peace, su nytimes.com, New York Times, 12 aprile 2012. URL consultato l'8 giugno 2014.
  3. ^ (EN) Roy Goldenberg, The "smart cities" company streamlines communications between citizens and official bodies., su Globes, 14 aprile 2015. URL consultato il 15 aprile 2015.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Primo ministro di Israele Successore Flag of Israel.svg
Benjamin Netanyahu 17 maggio 1999 - 7 marzo 2001 Ariel Sharon
Controllo di autoritàVIAF (EN149149294073580520052 · ISNI (EN0000 0000 8168 8134 · LCCN (ENn98096884 · GND (DE122143442 · BNF (FRcb135114736 (data) · J9U (ENHE987007258286705171 (topic) · WorldCat Identities (ENlccn-n98096884