La Casa Ebraica

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
La Casa Ebraica
HaBayit HaYehudi
הבית היהודי
Habajit Hajehudi.png
LeaderNaftali Bennett
StatoIsraele Israele
SedeGerusalemme Israele Israele
Fondazione1999
IdeologiaGrande Israele[1][2]
Neosionismo
Sionismo religioso
Nazionalismo religioso[1]
Conservatorismo
Soluzione di uno stato unico
Protezione degli interessi degli ebrei ortodossi moderni
Interessi degli insediamenti israeliani
Liberalismo economico
CollocazioneDestra/Estrema destra[3][4][5][6]
Seggi Knesset
8 / 120
Iscritti28 112 (1º gennaio 2017)
Sito webwww.baityehudi.org

La Casa Ebraica (eb: הבית היהודי, HaBayit HaYehudi) è un partito politico sionista religioso in Israele, erede del partito nazionalista Mafdal. Nonostante si classifichi come partito di destra, alcuni mezzi di comunicazione occidentali e israeliani lo hanno descritto come "partito di estrema destra".

È stato originariamente creato dalla fusione di due partiti nazionalisti religiosi, Moledet e Tkuma, nel novembre 2008. Tuttavia, in seguito Moledet si staccò dal partito e creò una lista comune con Hatikva chiamato Unione Nazionale. Tkuma in seguito si ricongiunse con l'Unione Nazionale, mentre il partito Ahi ha aderito al Likud. Per le elezioni del 19° Knesset, La Casa Ebraica candidò il leader Naftali Bennett; La Casa Ebraica strinse poi un'alleanza con il Likud Beytenu (federazione tra Likud e Israel Beytenu), facendo al 2015 parte del governo guidato da Benjamin Netanyahu.

Naftali Bennett, il leader del partito, viene accusato da delle organizzazioni LGBT di fare Pinkwashing.[7]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Campaigns struggle to impress as Israeli elections loom, BBC, 16 gennaio 2013. URL consultato il 19 gennaio 2013.
  2. ^ Paul Owen, Peace process dead if Netanyahu wins Israeli election, academics warn, in The Guardian, 15 gennaio 2013. URL consultato il 21 gennaio 2013.
  3. ^ 21 Knesset seats still up for grabs, Ynet, 13 gennaio 2013. URL consultato il 19 gennaio 2013.
  4. ^ Ruth Pollard, Far right spells danger for Netanyahu, in The Age, 10 gennaio 2013. URL consultato il 19 gennaio 2013.
  5. ^ Brent E Sasley, A Centrist Government in Israel?, The Daily Beast, 18 gennaio 2013. URL consultato il 19 gennaio 2013.
  6. ^ Nick Meo, Israel's new political star Naftali Bennett's Jewish Home party determined to stop Palestinian state, in The Daily Telegraph, 19 gennaio 2013. URL consultato il 19 gennaio 2013.
  7. ^ (EN) Italian gay rights group rejects anti-Israel ‘pinkwashing’ accusation. URL consultato il 10 maggio 2018.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN131680606 · LCCN (ENno2001054565 · WorldCat Identities (ENlccn-no2001054565