Nello Mascia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Aniello Mascia detto Nello (Sala Consilina, 28 dicembre 1946) è un attore e regista italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Teatro[modifica | modifica wikitesto]

Comincia l'attività di attore in compagnie dirette da Mico Galdieri al fianco di grandi attori come Ugo D'Alessio, Pupella Maggio, Giustino Durano.

Approda successivamente nella compagnia di Eduardo De Filippo, per un breve ma intenso apprendistato artistico (Il sindaco del rione Sanità, Gli esami non finiscono mai, Uomo e galantuomo).

Nel 1972 fonda la Cooperativa Teatrale "Gli Ipocriti", che dirige e di cui è l'animatore principale per circa 25 anni. Nel 1980 interpreta il personaggio del sagrestano Pacebbene in Uscita di emergenza di Manlio Santanelli, in coppia prima con Bruno Cirino, poi, alla morte di questi, con Sergio Fantoni.

Nel 1983-84 è al Piccolo Teatro dove interpreta Trinculo nell'allestimento de La Tempesta di William Shakespeare curato da Giorgio Strehler, che inaugura il Teatro D'Europa all'Odeon di Parigi.

Dal 1986 dà il via ad un ambizioso progetto artistico incentrato sulla divulgazione e sulla valorizzazione dell'opera di Raffaele Viviani. Dell'autore napoletano allestisce una serie di spettacoli: L'ultimo scugnizzo con regia di Ugo Gregoretti (premio “Biglietto d'Oro” AGIS 1988), Fatto di Cronaca con regia di Maurizio Scaparro (premio “Biglietto d'Oro” AGIS 1990), Guappo di Cartone con regia di Armando Pugliese (premio “Biglietto d'Oro” AGIS 1992), Musica dei Ciechi con regia di Antonio Calenda.

Nel 2001 porta in scena e quindi in televisione Fango, scritto da Mario Gelardi, racconto toccante delle tragiche frane di Sarno nel 1998, che provocarono la morte di 160 persone.

Nel 2002 è coprotagonista a fianco di Carlo Giuffrè in Miseria e nobiltà, interpretazione che gli vale le candidature al Premio Olimpico per il Teatro e al Premio Ubu.[senza fonte]

Nel 2006 entra nell'organico artistico del Teatro Stabile di Palermo diretto da Pietro Carriglio, di cui diviente attore di riferimento per un settennato.

Nel 2007 è protagonista-mattatore di Il re muore di Eugene Ionesco per la regia di Pietro Carriglio, spettacolo candidato al Premio Olimpico per il Teatro.[senza fonte]

Sensibile alle tematiche sociali, riduce per la scena il saggio di Tommaso Sodano e Nello Trocchia "La peste".

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

In televisione nel 1979 è l'operaio Marco, protagonista dello sceneggiato in 4 puntate Tre operai, dal romanzo di Carlo Bernari per la regia di Francesco Maselli.

Nel 1983 è protagonista del Carmagnola, libero adattamento di Ugo Gregoretti dalla tragedia di Alessandro Manzoni.

Nel 1997 è il crudele Ferdinand nel Conto Montecristo, singolare versione di Ugo Gregoretti dal romanzo di Alessandro Dumas padre.

Nel 2006 è fra i protagonisti della serie TV "Capri", interpretando il personaggio di Domenico Scapece.

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Nel cinema è fra gli interpreti di Morte di un matematico napoletano di Mario Martone.

Successivamente è protagonista di un episodio del film di Nanni Loy Pacco, doppio pacco e contropaccotto.

Ancora significativa è la sua partecipazione nel film di Carlo Verdone Sono pazzo di Iris Blond.

Nel 1998 è tra i protagonisti de La cena di Ettore Scola, film che gli procura il "Nastro d'Argento" come Migliore attore non protagonista.

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Teatro[modifica | modifica wikitesto]

  • Ricorda con rabbia di John Osborne - regia di Lorenzo Salveti
  • Le furberie di Scapino di Molière - regia di Lucio Beffi
  • Il matrimonio di Figaro di August Caron de Beaumarchais - regia di Ugo Gregoretti
  • Uscita di emergenza di Manlio Santanelli - regia di Bruno Cirino (1980)
  • La tempesta di William Shakespeare regia di Giorgio Strehler (1983-84)
  • L'isola di Sancho di Manlio Santanelli - regia di Gianfranco De Bosio (1984)
  • Uno nessuno centomila di Luigi Pirandello - regia di Lorenzo Salveti (1985)
  • 1799 di Manlio Santanelli - regia e interpretazione
  • L'ultimo scugnizzo regia di Ugo Gregoretti (1988)
  • Fatto di cronaca regia di Maurizio Scaparro (1990)
  • Guappo di cartone regia di Armando Pugliese (1992)
  • La bottega del caffè di Carlo Goldoni regia di Mario Missiroli (1993)
  • Musica dei ciechi regia di Antonio Calenda
  • Prometeo di Eschilo - regia di Antonio Calenda
  • Il naso di famiglia di Manlio Santanelli - regia e interpretazione
  • L'uomo, la bestia e la virtù di Luigi Pirandello - regia interpretazipne
  • Uomo e galantuomo di Eduardo de Filippo - Regia di Ugo Gregoretti
  • Il guardiano di Harold Pinter - regia e interpretazione
  • L'isola purpurea di Mikail Bulgakov - Spoleto 1997 - regia di Marco Lucchese
  • Putiferio interpretazione e regia (1998)
  • Fuori l'autore! interpretazione e regia (2000)
  • Le false confidenze di Pierre de Marivaux - regia di Toni Servillo
  • I dieci comandamenti regia di Mario Martone (2000)
  • Miseria e nobiltà di Eduardo Scarpetta (2002)
  • Miles gloriosus di Plauto - Teatro Stabile d'Abruzzo (2002)
  • Se questo è un uomo di Primo Levi (2005)
  • Le vespe di Aristofane - regia di Renato Giordano (2006)
  • Il re muore di Eugene Ionesco regia di Pietro Carriglio (2006)
  • Festa di Piedigrotta di Raffaele Viviani - regia (2007)
  • Un eccesso di zelo di Manlio Santanelli - interpretazione e regia (2007)
  • Amleto di William Shakespeare (2008)
  • La locandiera di Carlo Goldoni (2009)
  • Le sedie regia di Pietro Carriglio (2010)
  • La peste interpretazione e regia (2011)
  • Zio Vanja di Anton Checov (2011)
  • La Mandragola di Niccolò Machiavelli (2011)
  • Natale in casa Cupiello di Eduardo de Filippo, regia ed interpretazione (2011)
  • Terra di nessuno di Harold Pinter, regia di Cesare Lievi (2012)
  • Filumena Marturano di Eduardo De Filippo, regia ed interpretazione (2015)

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

(EN) Nello Mascia, in Internet Movie Database, IMDb.com. Modifica su Wikidata

Controllo di autorità VIAF: (EN44128230 · LCCN: (ENno2008177980 · SBN: IT\ICCU\NAPV\078781 · ISNI: (EN0000 0000 4657 2064