Mariano Lamberti

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Mariano Lamberti (Pompei, 1967) è un regista, sceneggiatore, poeta e scrittore italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Laureato in Filosofia all'Università Orientale di Napoli, si è poi diplomato nel 1992 presso il Centro Sperimentale di Cinematografia di Roma e nel 1996 presso la New York Film Academy[1].

Nel 1997 ha realizzato in collaborazione con Roberta Calandra il documentario "Una storia d'amore in quattro capitoli e mezzo" sulla vita dello scrittore ebreo Brett Shapiro, che ha vinto il Premio "Libero Bizzarri" Sezione Storia[2] ed è stato distribuito dal quotidiano L'Unità[1]. Del 1998 è il suo primo lungometraggio Non con un bang che viene presentato alla 56ª Mostra internazionale d'arte cinematografica di Venezia nella sezione "Nuovi Territori" e distribuito nelle sale nel 2001 dalla Thule Film[3]. Il film ha ricevuto una nomination per l'"International Fantasy Film Award" al Festival internazionale del cinema di Porto del 2000.

Nel 2006 è uscita la sua prima raccolta poetica dal titolo Dopo il dolore.

Nel 2007 ha curato la regia della serie TV Colpi di sole andata in onda su Rai Tre[4] Nel 2010 ha diretto un episodio del film documentario Napoli 24. Nel 2012 è uscito nelle sale il suo secondo film: Good As You - Tutti i colori dell'amore, basato sull'omonima pièce teatrale di Roberto Biondi del 2003.

Nel 2012 lavora per Mediaset dirigendo due episodi dello sceneggiato Il peccato e la vergogna 2.

Nel 2015 pubblica la silloge poetica La supplica di Brahma.

Nel 2016 esce il suo primo romanzo Una coppia perfetta. L'amore ai tempi di Grindr, tradotto anche in francese. Il libro ha generato un'appassionata discussione all’interno della comunità omosessuale che si è propagata come un tam tam nei vari social network[5], tanto da trasformarsi in un piccolo caso mediatico ed essere consigliato da Repubblica come uno dei romanzi da regalare per Natale[6].

L'anno successivo torna alla poesia con Gli eroi dei cento mondi.

Del 2018 è il suo secondo romanzo Il lungo risveglio dell'impiegato E..

Dal 25 al 27 gennaio 2019 all’Altrove Teatro Studio di Roma è andato in scena Processo a Fellini, di cui Mariano Lamberti è regista, opera apprezzata per la sua qualità[7].

A Settembre del 2019 esce la raccolta di racconti "Amore sesso e altri emoticon" per Lantana Edizioni, dove l'autore continua la sua ricerca nel campo delle app per incontri e le relazioni virtuali nate su internet, cominciata con "Una coppia perfetta".

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Cortometraggi[modifica | modifica wikitesto]

  • 2004 L'indifferente - dv cam
  • 2003 Di giorno di notte – dvcam / selezionato al Festival Cinema Bellaria -
  • 1995 Solo quando non recitano - 16 mm -
  • 1994 Per un po' – Video / vincitore Premio Ennio Flaiano Pescara -
  • 1992 Western di cose nostre - 35 mm -
  • 1991 Metamorfosi - 16 mm -

Documentari[modifica | modifica wikitesto]

  • 2000 Fai sentire la tua voce backstage campagna fotografica per calendario Ericsson
  • 1998 La ragazza di Parigi lunga intervista a Claudia Cardinale - realizzata a Parigi in casa dell'attrice
  • 1997 Una storia di amore in quattro capitoli e mezzo - Vincitore del Festival Documentario Italiano Libero Bizzarri[8]
  • 1993 Effetiu - video prodotto dall'Enea
  • 1993 Antartide. L'isola di Utopia video prodotto dall'Enea
  • 1993 Dettagli di cera -1 6 mm

Pubblicazioni[modifica | modifica wikitesto]

Romanzi[modifica | modifica wikitesto]

Poesia[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Biografia su libero.it[collegamento interrotto]
  2. ^ Albo d'Oro, Fondazione Bizzarri
  3. ^ Scheda su comingsoon.it
  4. ^ La Vera Littizzetto (e le Sciampiste) di Aldo Grasso, Corriere della Sera 5 giugno 2007
  5. ^ Gabriele Ottaviani, Una coppia perfetta, su Mangialibri, 30 dicembre 2016. URL consultato il 24 marzo 2019.
  6. ^ Eva Grippa con la collaborazione di Francesca Del Vecchio, Un libro per Natale. Anzi, 45, su D. La Repubblica, 5 dicembre 2016. URL consultato il 24 marzo 2019.
  7. ^ Emilio Ranzato, Dalla parte di Giulietta, in L'Osservatore Romano, 31 gennaio 2019, pag. 4
  8. ^ Albo d'oro, in 23º Premio Bizzarri. Libero. Il giornale del documentario, Fondazione Libero Bizzarri, San Benedetto del Tronro 2016, pag 39.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN4147153895180502410009 · WorldCat Identities (ENviaf-4147153895180502410009