Patrick Süskind

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Patrick Süskind (Ambach, 26 marzo 1949) è uno scrittore, sceneggiatore e drammaturgo tedesco.

Il suo romanzo più noto è Il profumo (1985) che divenne un bestseller mondiale, tradotto in più di quaranta lingue.

La vita[modifica | modifica wikitesto]

Patrick Süskind crebbe nel villaggio bavarese di Holzhausen (oggi accorpato nel comune di Münsing), sul lago di Starnberg. Suo padre Wilhelm Emanuel Süskind era uno scrittore, traduttore e critico letterario, collaboratore di lunga data del giornale Süddeutsche Zeitung; sua madre, invece, era un'insegnante di educazione fisica[1]. Anche Martin E. Süskind, fratello maggiore di Patrick, era un giornalista.

Dopo il diploma superiore e il servizio civile studiò storia medievale e moderna a Monaco, e per due semestri anche a Aix-en-Provence dove ebbe l'opportunità di migliorare la propria conoscenza della lingua francese. Frequentò anche corsi di inglese, spagnolo, latino, greco, storia dell'arte e teologia, ma non terminò mai gli studi. In compenso, in questo periodo cominciò a scrivere i primi, brevi testi narrativi propri.

La sua prima pubblicazione, nel 1981, fu il breve monologo teatrale Il contrabbasso (Der Kontrabaß), che è stato l'opera teatrale più rappresentata in Europa nella metà degli anni '80. Parallelamente, in questo periodo, collaborò alla stesura della sceneggiatura di alcune serie televisive tedesche con il regista Helmut Dietl (vedi "Süskind e il cinema").

Dalla metà degli anni '80, poi, divenne anche un romanziere affermato a livello mondiale: nel 1985 pubblica il bestseller Il profumo, considerato dalla critica uno dei migliori romanzi tedeschi contemporanei. Del 1987 è invece il romanzo breve Il piccione. Negli anni '90 pubblica un altro romanzo e una raccolta di racconti, mentre negli anni 2000 torna sugli scaffali con un saggio. La sua attività letteraria vanta anche traduzioni dal francese: ha tradotto infatti in tedesco alcuni libri dell'amico illustratore e scrittore per bambini Jean-Jacques Sempé, che ha invece illustrato il suo libro Storia del signor Sommer.

Süskind tuttora vive fra Monaco di Baviera e il piccolo comune francese di Montolieu.

Süskind e i media[modifica | modifica wikitesto]

Nonostante la sua fama mondiale Patrick Süskind, come la maggior parte dei personaggi dei suoi libri, conduce una vita estremamente riservata ed è schivo nei confronti dei media di massa: concede raramente interviste, e le sue apparizioni in pubblico sono davvero sporadiche. Lo scrittore è arrivato persino a rifiutare importanti premi letterari tedeschi quali il Gutenberg, il Tukan e il FAZ, ed è impresa ardua addirittura trovare delle sue foto da pubblicare su giornali o riviste. Curiosamente, nel 2006 non si presentò neanche alla prima del film tratto dal suo romanzo Il profumo[2].

Süskind e il cinema[modifica | modifica wikitesto]

I diritti cinematografici de Il profumo sono stati acquistati nel 2000 per una cifra ritenuta tra i cinque e i dieci milioni di Euro dalla ditta di produzione Costantin-Film, che ne ha tratto un film girato nel 2005 dal regista Tom Tykwer. Inoltre Süskind è stato sceneggiatore delle serie televisive Monaco Franze (1983), in cui compare in un cameo, e Kir Royal (1986) e dei film Rossini (1997) e Vom Suchen und Finden der Liebe (2005), collaborando sempre con il regista tedesco Helmut Dietl.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Il Profumo

Romanzi[modifica | modifica wikitesto]

Antologie[modifica | modifica wikitesto]

Saggi[modifica | modifica wikitesto]

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Film sceneggiati da Süskind

  • 1980 - Der ganz normale Wahnsinn
  • 1982 - Monaco Franze (Serie TV) - 9 episodi
  • 1986 - Kir Royal (Serie TV)
  • 1990 - El contrabajo - tratto dal testo omonimo
  • 1991 - Kontrabas (Film TV) - tratto dal testo omonimo
  • 1997 - Rossini
  • 2005 - Vom Suchen und Finden der Liebe
  • 2006 - Profumo - Storia di un assassino (Perfume: The Story of a Murderer) - tratto dal romanzo omonimo

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (DE) Patrick Süskind: So flüchtig wie ein Duft, su focus.de. URL consultato il 15 gennaio 2018.
  2. ^ (DE) Der scheue Autor vom Starnberger See, su br.de. URL consultato il 15 gennaio 2018.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN98249600 · ISNI (EN0000 0001 2144 8443 · SBN IT\ICCU\CFIV\015777 · LCCN (ENn85377310 · GND (DE118885006 · BNF (FRcb12037851v (data) · NLA (EN36048480