Marco D'Amore

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Marco D'Amore nel 2018

Marco D'Amore (Caserta, 12 giugno 1981) è un attore e regista italiano.

È principalmente noto per il ruolo di Ciro Di Marzio della serie televisiva Gomorra, di cui è divenuto poi anche regista a partire dalla quarta stagione.

Nel 2019 interpreta Ciro Di Marzio anche nel film L'immortale, diretto da lui stesso, grazie al quale ha ottenuto il Nastro d'argento al miglior regista esordiente.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nato a Caserta da una famiglia di origine napoletana, nipote d'arte (il nonno ha recitato in compagnia con Nino Taranto e in qualche film di Nanni Loy e Francesco Rosi), nel 2000 supera il provino ed entra nel cast dello spettacolo Le avventure di Pinocchio, prodotto dalla compagnia Teatri Uniti di Toni Servillo, per la regia di Andrea Renzi.

Nel 2002 passa le selezioni per la Scuola d'arte drammatica Paolo Grassi di Milano, dove si diploma nel 2004. Seguono varie esperienze teatrali, tra cui si ricordano quella con la compagnia di Elena Bucci e Marco Sgrosso Le Belle Bandiere e quella de La trilogia della villeggiatura, con Toni Servillo[1]. Nel 2005, con Francesco Ghiaccio, fonda la compagnia di produzione teatrale e cinematografica La Piccola Società con la quale, nel corso degli anni, ha prodotto, diretto e interpretato quattro spettacoli teatrali (Solita formula, Il figlio di Amleto, L'albero e L'acquario) e due cortometraggi (Gabiano con una sola B e Voci bianche)[2], entrambi in concorso al Festival del Cinema di Torino.

Nel 2010 è co-protagonista al fianco di Toni Servillo nel film Una vita tranquilla di Claudio Cupellini. Nel 2012 arriva la notorietà con la Serie TV Benvenuti a tavola - Nord vs Sud e nel 2014 il grande successo[3] grazie alla Serie TV Gomorra. Nel 2014 produce con la sua compagnia e Indiana Production Company il film Un posto sicuro sui disastri dell'eternit, ed è nel cast del film Perez., con Luca Zingaretti[4] diretto da Edoardo De Angelis e Alaska con Elio Germano[5] e la regia di Claudio Cupellini.

Nel 2016 dirige ed interpreta il dramma American Buffalo di David Mamet (nella traduzione di Luca Barbareschi), presentandolo poi in una tournée protrattasi anche nel 2017 e nel 2018.

Nel 2019 debutta come regista dirigendo il quinto e il sesto episodio della quarta stagione di Gomorra, serie TV di cui è anche protagonista.

Inoltre interpreta Ciro Di Marzio anche nel film L'immortale, diretto da lui stesso (debuttando quindi anche come regista cinematografico), che racconta le vicende del personaggio dopo la terza stagione della serie TV. La pellicola viene distribuita nel circuito cinematografico italiano il 5 dicembre del 2019, ed ottiene parecchio successo tra il pubblico, superando i 6 milioni di euro d'incasso. Per questo film, D'Amore ottiene in seguito la candidatura alle edizioni 2020 dei David di Donatello e dei Nastri d'argento, in entrambi i casi nella categoria riservata al miglior regista esordiente, riuscendo ad aggiudicarsi la vittoria ai Nastri d'argento.

Teatro[modifica | modifica wikitesto]

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Attore[modifica | modifica wikitesto]

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Cortometraggi[modifica | modifica wikitesto]

  • Gabiano con una sola B, regia di Francesco Ghiaccio (2007)
  • Voci bianche, regia di Francesco Ghiaccio (2012)
  • Uomo in mare, regia di Emanuele Palamara (2016)

Regista[modifica | modifica wikitesto]

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Sceneggiatore[modifica | modifica wikitesto]

Programmi televisivi[modifica | modifica wikitesto]

Audiolibri[modifica | modifica wikitesto]

Premi e riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN262499230 · ISNI (EN0000 0003 8191 2003 · LCCN (ENno2016049092 · GND (DE1027004385 · BNF (FRcb16956570k (data) · BNE (ESXX5782996 (data) · WorldCat Identities (ENlccn-no2016049092