Kerlaugar

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Thor guada un fiume mentre l'Æsir attraversa il ponte Bifrǫst (1895) di Lorenz Frølich

Con il termine Kerlaugar (forma plurale dell'antico norvegese kerlaug, "vasca da bagno"[1], si identificano due fiumi attraverso i quali il dio Thor guada, comparsi nell'opera Edda in prosa, scritta nel XIII secolo da Snorri Sturluson.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

I Kerlaugar sono menzionati nell'Edda in prosa e nel poema Grímnismál, nel momento in cui Grímnir osserva che il ponte Asbrú "brucia tutto con le fiamme" e che, ogni giorno, il dio Thor guada le acque di Körmt, Örmt e dei due Kerlaugar:

(IT)

«Körmt e Örmt e i due Kerlaugs, ogni giorno Thor guada, per andare fuori dal frassino Yggdrasill; perché il ponte celeste brucia tutto, e le acque sacre ribolliscono»

(IT)

«Körmt e Örmt, e i due Kerlaugs: questi Thor deve guadare ogni giorno, quando va al consiglio dal frassino di Yggdrasill; perché il ponte di Ásgarðr è tutto a fuoco, le acque sante bollono.»

(Grímnismál, trad. Benjamin Thorpe[2] e Henry Adams Bellows[3].)

.

Nell'Edda in prosa, i fiumi sono menzionati due volte, una volta nel Gylfaginning e una volta nel Skáldskaparmál. Nel Gylfaginning, Hár afferma che Thor guada i fiumi per andare in tribunale, citando la strofa del Grímnismál[4]. Nel Skáldskaparmál, invece, il Kerlaugar compare nell'elenco dei fiumi del Nafnaþulur[4].

Interpretazioni[modifica | modifica wikitesto]

Rudolf Simek ritenne che il significato fosse "strano" e che potrebbe indicare un mito altrimenti perduto su Thor[5]. D'altro canto Guðbrandur Vigfússon sostenne che esso e molti altri nomi di fiumi dello stesso poema fossero di origine irlandese e li collegò ai nomi dei fiumi che iniziano con Ker - o Char - come il fiume omonimo di Cherwell[6]. Lui e Frederick York Powell denominarono il fiume "Charlocks" nel Corpus Poeticum Boreale[7].

Thor attraversa frequentemente fiumi nei testi mitologici[8]; John Lindow suggerì che ciò è dovuto alla grande quantità di tempo che trascorre nei regni dello jötnar, "che vive agli altri lati dei confini", e indica una connessione simbolica tra jötnar e acqua, citando come esempio il Jörmungandr dell'oceano[9].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Andy Orchard, Dictionary of Norse Myth and Legend, Cassell, 1997, ISBN 0-304-34520-2.
  2. ^ Benjamin Thorpe, Edda Sæmundar Hinns Frôða The Edda of Sæmund the Learned, Londra, Trübner & Co., 1907.
  3. ^ Henry Adams Bellows, The Poetic Edda, American-Scandinavian Foundation, 1923.
  4. ^ a b Anthony Faulkes, Edda, Everyman, 1995, ISBN 0-460-87616-3.
  5. ^ Rudolf Simek e Angela Hall (trad.), Dictionary of Northern Mythology, D.S. Brewer, 2007, ISBN 0-85991-513-1.
  6. ^ Guðbrandur Vigfússon, Sturlunga Saga: including the Islendinga Saga of Lawman Sturla Thordsson, vol. 1, Clarendon Press, 1878.
  7. ^ Guðbrandur Vigfússon e Frederick York Powell, Corpus Poeticum Boreale, vol. 1, Clarendon Press, 1883.
  8. ^ (DE) Jan de Vries, Altgermanische Religionsgeschichte, vol. 2, 3ª ed., Walter de Gruyter, 1970.
  9. ^ John Lindow, Norse Mythology: A Guide to the Gods, Heroes, Rituals, and Beliefs, Oxford University Press, 2001, ISBN 0-19-515382-0.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  • (EN) Albert Morey Sturtevant, Etymological Comments on Certain Words and Names in the Elder Edda, vol. 66, nº 2, PMLA, 1951, JSTOR 459605.