Altivole

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Altivole
comune
Altivole – Stemma
Altivole – Veduta
Facciata della chiesa parrocchiale di Altivole
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneCoat of Arms of Veneto.png Veneto
ProvinciaProvincia di Treviso-Stemma.png Treviso
Amministrazione
SindacoSergio Baldin (lista civica di centrodestra Insieme per Altivole) dal 26-5-2014
Territorio
Coordinate45°45′N 11°57′E / 45.75°N 11.95°E45.75; 11.95 (Altivole)Coordinate: 45°45′N 11°57′E / 45.75°N 11.95°E45.75; 11.95 (Altivole)
Altitudine88 m s.l.m.
Superficie21,95 km²
Abitanti6 959[1] (31-12-2017)
Densità317,04 ab./km²
FrazioniCaselle, San Vito
Comuni confinantiAsolo, Caerano di San Marco, Maser, Montebelluna, Riese Pio X, Vedelago
Altre informazioni
Cod. postale31030
Prefisso0423
Fuso orarioUTC+1
Codice ISTAT026001
Cod. catastaleA237
TargaTV
Cl. sismicazona 2 (sismicità media)
Cl. climaticazona E, 2 476 GG[2]
Nome abitantialtivolesi
PatronoS. Fosca, S. Valentino
Giorno festivo13,14 febbraio
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Altivole
Altivole
Altivole – Mappa
Il territorio comunale nella provincia di Treviso.
Sito istituzionale

Altìvole (Intiółe in veneto[3]) è un comune italiano di 6 959 abitanti[1] della provincia di Treviso in Veneto.

Origini del nome[modifica | modifica wikitesto]

Il toponimo potrebbe indicare dei piccoli rialzi del terreno (in veneto altiòle, dal latino altus) o, in alternativa, un luogo adatto all'uccellagione (dal latino altilia, attraverso il veneto altìa). Meno probabile una derivazione da altum vallum, in riferimento a una fortificazione[3].

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il primo scritto che menziona il paese risale al 1297; in esso viene citata la «Capella S. Fusce de Altivolle»[3].

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

Architetture religiose[modifica | modifica wikitesto]

Architetture civili[modifica | modifica wikitesto]

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[4]


Etnie e minoranze straniere[modifica | modifica wikitesto]

Al 31 dicembre 2017 gli stranieri residenti nel comune erano 677, ovvero il 9,7% della popolazione. Di seguito sono riportati i gruppi più consistenti[5]:

  1. Romania 339
  2. Cina 175
  3. Nigeria 23
  4. Marocco 22
  5. Macedonia 21
  6. Albania 20

Cultura[modifica | modifica wikitesto]

Eventi[modifica | modifica wikitesto]

Nel mese di giugno si svolge la sagra patronale a San Vito e verso fine giugno la sagra a Caselle. Ad agosto, intorno alla metà del mese, si svolge la tradizionale sagra d'agosto, molto famosa e rinomata nella zona.

Nel periodo estivo si svolgono visite guidate il sabato e la domenica presso la Tomba Brion di Carlo Scarpa a San Vito.

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Dato Istat - Popolazione residente al 31 dicembre 2017.
  2. ^ Tabella dei gradi/giorno dei Comuni italiani raggruppati per Regione e Provincia (PDF), in Legge 26 agosto 1993, n. 412, allegato A, Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l'energia e lo sviluppo economico sostenibile, 1º marzo 2011, p. 151. URL consultato il 25 aprile 2012.
  3. ^ a b c AA. VV., Dizionario di toponomastica. Storia e significato dei nomi geografici italiani, Torino, UTET, 2006, pp. 27-28.
  4. ^ Statistiche I.Stat ISTAT  URL consultato in data 28 dicembre 2012.
  5. ^ Bilancio demografico e popolazione residente straniera al 31 dicembre 2017 per sesso e cittadinanza, ISTAT. URL consultato il 25 luglio 2018.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN138824599