Trevignano

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando il comune della provincia di Roma, vedi Trevignano Romano.
Trevignano
comune
Trevignano – Stemma Trevignano – Bandiera
Trevignano – Veduta
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneCoat of Arms of Veneto.png Veneto
ProvinciaProvincia di Treviso-Stemma.png Treviso
Amministrazione
SindacoFranco Bonesso (lista civica trasversale Per Trevignano) dal 13-6-2022
Territorio
Coordinate45°44′00.6″N 12°05′38.46″E / 45.733501°N 12.094016°E45.733501; 12.094016 (Trevignano)
Altitudine77 m s.l.m.
Superficie26,5 km²
Abitanti10 709[2] (28-2-2022)
Densità404,11 ab./km²
FrazioniFalzè (sede comunale), Musano, Signoressa, Trevignano[1]
Comuni confinantiIstrana, Montebelluna, Paese, Vedelago, Volpago del Montello
Altre informazioni
Cod. postale31040
Prefisso0423
Fuso orarioUTC+1
Codice ISTAT026085
Cod. catastaleL402
TargaTV
Cl. sismicazona 2 (sismicità media)[3]
Cl. climaticazona E, 2 405 GG[4]
Nome abitantitrevignanesi
Patronosan Valentino e santa Maria del Carmelo
Giorno festivo14 febbraio
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Trevignano
Trevignano
Trevignano – Mappa
Il territorio comunale nella provincia di Treviso.
Sito istituzionale

Trevignano (AFI: /treviɲ'ɲano/; Trevinjàn in veneto, AFI: /trevi'ɲaŋ/) è un comune italiano di 10 709 abitanti[2] della provincia di Treviso in Veneto. Si tratta di un comune sparso in quanto la sede comunale non si trova nella località omonima ma nella vicina Falzè.

Origini del nome[modifica | modifica wikitesto]

Il toponimo è un prediale dal personale Trebinius cui è stato aggiunto il suffisso -ānus[5].

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

Architetture religiose[modifica | modifica wikitesto]

Architetture civili[modifica | modifica wikitesto]

Ville venete[modifica | modifica wikitesto]

  • Villa Bruna
  • Villa Cadò
  • Cooperativa San Valentino
  • Villa Coletti
  • Casa Coletti Previero
  • Villa Favaretto
  • Villa Manin
  • Annesso di Villa Onigo
  • Villa Onigo Farra[6]
  • Villa Onigo Pasinetti Favotto
  • Villa Onigo Rinaldi Ninni
  • Villa Palladini Coletti Pumini
  • Villa Pasqualetti Oniga
  • Casa Pizzolato

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[7]

Etnie e minoranze straniere[modifica | modifica wikitesto]

Al 31 dicembre 2017 gli stranieri residenti nel comune erano 834, ovvero il 7,8% della popolazione. Di seguito sono riportati i gruppi più consistenti[8]:

  1. Cina 200
  2. Marocco 121
  3. Kosovo 120
  4. Albania 90
  5. Romania 72
  6. Ghana 26
  7. Ucraina 21
  8. Macedonia del Nord 21

Economia[modifica | modifica wikitesto]

stabilimento Lotto e Stonefly

L’agricoltura continua a essere praticata con successo grazie alle favorevoli caratteristiche del terreno: si coltivano cereali, frumento, ortaggi, foraggi, viti e frutteti. È praticato anche l’allevamento, soprattutto di bovini, suini, ovini e avicoli. Il tessuto industriale è costituito soprattutto da fabbriche di calzature, per esempio la nota Lotto e Stonefly. Ci sono anche stabilimenti per la lavorazione e conservazione della frutta e degli ortaggi, aziende lattiero-casearie, mangimifici e varie imprese edili. Il terziario si compone della rete distributiva (supermercati) e dell’insieme dei servizi, tra cui va segnalato quello di un grande gruppo bancario nel centro storico.[9]

Geografia antropica[modifica | modifica wikitesto]

Frazioni[modifica | modifica wikitesto]

Due strade provinciali percorrono l'intero territorio comunale in direzione est-ovest (SP 69 Schiavonesca) e nord-sud (SP 100 di Montebelluna). Lo statuto riconosce 4 frazioni geografiche:

Trevignano è posta sulla SP 69, nella parte occidentale del territorio comunale;

Falzè (sede comunale) si trova all'incrocio della suddetta strada con la SP 100;

Signoressa è contigua a Falzè, sempre sulla SP 69 in direzione est;

Musano è invece a sud, lungo la SP 100.

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Sindaci dal 1946[modifica | modifica wikitesto]

Periodo Primo cittadino Partito Carica Note
1946 1958 Erminio Favotto Democrazia Cristiana Sindaco [10]
1958 1964 Nilo Pivetta Democrazia Cristiana Sindaco [11]
1964 1974 Antonio Feltrin Democrazia Cristiana Sindaco [12]
1974 1975 Alfeo Cattelan Democrazia Cristiana Sindaco
1975 1976 Lino Pizzolato Democrazia Cristiana Sindaco
1976 1977 Giovanni Bettio Democrazia Cristiana Sindaco
1977 1980 Fernando Bellan Democrazia Cristiana Sindaco
1980 1982 Silvano Venturato Democrazia Cristiana Sindaco
1982 1985 Elia Zanatta Democrazia Cristiana Sindaco
1985 1989 Angelo Frassetto Democrazia Cristiana Sindaco
1989 1989 Alberto De Muro Commissario prefettizio
1989 1993 Costante Favero Democrazia Cristiana Sindaco
1993 1993 Vittorio Capocelli Commissario prefettizio
1993 2002 Gino Pozzebon Lega Nord Sindaco [13]
2002 2012 Franco Bonesso Per Trevignano (civica trasversale) Sindaco [14]
2012 2022 Ruggero Feltrin Per Trevignano (civica trasversale) Sindaco [15]
2022 in carica Franco Bonesso Per Trevignano (civica trasversale) Sindaco

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Comune di Trevignano - Statuto (PDF), su dait.interno.gov.it. URL consultato l'11 aprile 2022.
  2. ^ a b Bilancio demografico anno 2022 (dati provvisori), su demo.istat.it, ISTAT.
  3. ^ Classificazione sismica (XLS), su rischi.protezionecivile.gov.it.
  4. ^ Tabella dei gradi/giorno dei Comuni italiani raggruppati per Regione e Provincia (PDF), in Legge 26 agosto 1993, n. 412, allegato A, Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l'energia e lo sviluppo economico sostenibile, 1º marzo 2011, p. 151. URL consultato il 25 aprile 2012 (archiviato dall'url originale il 1º gennaio 2017).
  5. ^ Carla Marcato, Trevignano, in Dizionario di toponomastica. Storia e significato dei nomi geografici italiani, Milano, Garzanti, 1996, p. 667, ISBN 88-11-30500-4.
  6. ^ Ville, su comune.trevignano.tv.it, 30 marzo 2021..
  7. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.
  8. ^ Bilancio demografico e popolazione residente straniera al 31 dicembre 2017 per sesso e cittadinanza, su demo.istat.it, ISTAT. URL consultato il 2 agosto 2018 (archiviato dall'url originale il 6 agosto 2017).
  9. ^ Economia, su italiapedia.it, 14 febbraio 2017.
  10. ^ rieletto nel 1951 e nel 1956.
  11. ^ rieletto nel 1960.
  12. ^ rieletto nel 1970.
  13. ^ rieletto nel 1997.
  14. ^ rieletto nel 2007.
  15. ^ rieletto nel 2017.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]