Zero Branco

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Zero Branco
comune
Zero Branco – Stemma
(dettagli)
Zero Branco – Veduta
Zero Branco, Via Martiri della Libertà, direzione Piazza Umberto I. Sullo sfondo si nota la palazzina municipale.
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneCoat of Arms of Veneto.png Veneto
ProvinciaProvincia di Treviso-Stemma.png Treviso
Amministrazione
SindacoLuca Durighetto (lista civica di centro-sinistra Feston) dal 27-5-2019
Territorio
Coordinate45°36′N 12°10′E / 45.6°N 12.166667°E45.6; 12.166667 (Zero Branco)Coordinate: 45°36′N 12°10′E / 45.6°N 12.166667°E45.6; 12.166667 (Zero Branco)
Altitudine18 m s.l.m.
Superficie26,06 km²
Abitanti11 449[1] (31-5-2019)
Densità439,33 ab./km²
FrazioniSant'Alberto, Scandolara
Comuni confinantiMogliano Veneto, Morgano, Piombino Dese (PD), Preganziol, Quinto di Treviso, Scorzè (VE), Trebaseleghe (PD), Treviso
Altre informazioni
Cod. postale31059
Prefisso0422
Fuso orarioUTC+1
Codice ISTAT026095
Cod. catastaleM171
TargaTV
Cl. sismicazona 3 (sismicità bassa)
Cl. climaticazona E, 2 411 GG[2]
Nome abitantizerotini
PatronoSanta Maria Assunta
Giorno festivo15 agosto
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Zero Branco
Zero Branco
Zero Branco – Mappa
Il territorio comunale nella provincia di Treviso.
Sito istituzionale

Zero Branco (IPA: /'dzɛro 'branko/; Xero Branco o, più semplicemente, Xero in veneto, IPA: /'zɛro 'branko/) è un comune italiano di 11 449 abitanti della provincia di Treviso in Veneto.

Geografia fisica[modifica | modifica wikitesto]

Zero Branco sorge in un territorio pianeggiante ricco di corsi d'acqua, presso il confine meridionale della Provincia di Treviso. Il fiume Zero passa proprio sotto la piazza principale del paese, incontrandosi, poco più a sud, con il suo affluente Vernise.

Origini del nome[modifica | modifica wikitesto]

Zero (citato per la prima volta come Zayro e poi come Iairus e Iarus) deriva forse da un personale del tipo Iarius, Diarius o Darius. Si tratterebbe quindi di un toponimo prediale riferito a un proprietario terriero dell'epoca della centuriazione romana. Dal nome del territorio sarebbe poi derivato anche quello del fiume Zero[3]. Altrimenti, potrebbe trattarsi di un fitonimo legato a cerro[4].

Branco era in origine uno dei vari colmelli che costituivano il paese, ovvero quello in cui, al momento dell'istituzione dell'odierno comune, andò ad ospitarne la sede. Dovrebbe significare "diramazione" e si riferisce probabilmente a un fosso o a un canale[3][4].

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Età paleoveneta e romana[modifica | modifica wikitesto]

Il territorio zerotino pare fosse abitato sin dall'età paleoveneta, fino a quando, nel II secolo a.C., non subì l'invasione romana e fu posto sotto il municipium di Altino. L'area attorno al fiume Zero fu completamente riorganizzata e centuriata e furono compiute notevoli opere di bonifica con il contenimento e la canalizzazione delle acque[3].

Nel XII secolo Zero fu posta sotto il controllo del libero Comune di Treviso e ne seguì le sorti passando, nel 1312, agli Scaligeri e quindi, dal 1338 al 1381 e definitivamente dal 1388, alla Serenissima[3].

Sotto Venezia, fu mantenuto l'antico sistema delle regule (che, in origine, erano Montiron e Fontane per quanto riguarda la villa di Zero) e il territorio fu assegnato alla podesteria di Treviso (quartiere Mestrina). Successivamente, la sola Zero passava alla podesteria di Mestre, mentre Sant'Alberto e Scandolara rimanevano sotto Treviso[3].

Grazie anche alla sua posizione, a metà tra Treviso e Venezia, alla salubrità del luogo e al rigoglio delle colture, Zero fu scelta da molti nobili veneziani come terra per le loro residenze estive, che erano non solo delle raffinate residenze di campagna, ma anche delle vere e proprie aziende agricole[3].

Nel 1797 il territorio comunale passò sotto la dominazione austriaca, salvo la breve parentesi napoleonica tra il 1805 e il 1814. Nel frattempo Zero e Sant'Alberto divengono comuni, inseriti nel 1807 nel cantone di Noale del dipartimento del Bacchiglione con capoluogo Vicenza. Al ritorno degli Austriaci, Zero (ora unita a Sant'Alberto) entra a far parte della provincia di Padova. Nel 1853 Zero passa alla provincia di Treviso e con l'annessione al Regno d'Italia, nel 1866, il Comune assume la denominazione di Zero Branco[3].

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

Architetture religiose[modifica | modifica wikitesto]

Chiesa parrocchiale e campanile[modifica | modifica wikitesto]

Già citata come pieve nella bolla Justis fratrum di Eugenio III del 1152, fu ricostruita e riconsacrata il 17 agosto 1642. Nel 1847 venne riedificata la facciata in stile neoclassico e nel 1857 venne rifatto il pavimento. L'altare maggiore fu realizzato nel 1695 dai Fratelli Bettanelli di Venezia; nel 1759 fu costruito l'organo, ad opera del veneziano Giovanni Placa. All'interno, tra le opere più notevoli, sono da ricordare la pala raffigurante la Madonna del Parto, opera autografa di Jacopo Palma il Giovane, e la Sacra Conversazione posta al centro dell'altar maggiore attribuita a Vittore Belliniano. Altri dipintidegni di nota sono quello raffigurante Gesù Bambino con i Santi Antonio e Valentino opera dell'artista veneziano Giovanni Carlo Bevilacqua e il San Sebastiano di Cosroe Dusi altresì noto come " pittore degli Zar " per la sua lunga permanenza a San Pietroburgo alla metà dell'800.

Nel 1696 venne iniziata la costruzione del campanile, che la leggenda vuole come modello più alto del campanile della vicina Mogliano Veneto.

Architetture civili[modifica | modifica wikitesto]

Palazzo Sagramora[modifica | modifica wikitesto]

Palazzo Sagramora.

Si tratta dell'edificio più antico della cittadina, un palazzo risalente al XIV secolo realizzato con architettura gotico-veneziana.

Ville venete[modifica | modifica wikitesto]

Mentre nel centro storico è possibile notare qualche edificio veramente notevole (quale il gotico "Palazzo Sagramora"), è nelle campagne che si trovano gli edifici più interessanti del territorio comunale. Si tratta di interessanti ville venete, talvolta circondate da grandi parchi e giardini come "Villa Guidini" (del XVIII secolo) , "Villa Albuzio" (del XVI secolo) e "Villa Coró" (del XVII secolo). Altri interessanti edifici sono "Villa ex Vitturi" ora Libralato, Villa Brotto Antonello (XVII secolo), a ridosso della piazza e Villa Bon in via Sola ove Enrico Fermi soggiornò più volte durante l'infanzia.

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[5]

Etnie e minoranze straniere[modifica | modifica wikitesto]

Al 31 dicembre 2017 gli stranieri residenti nel comune erano 527, ovvero il 4,7% della popolazione. Di seguito sono riportati i gruppi più consistenti[6]:

  1. Romania 116
  2. Albania 86
  3. Marocco 51
  4. Moldavia 29
  5. Cina 28
  6. Burkina Faso 25
  7. Nigeria 24
  8. Kosovo 24
  9. Ucraina 21

Cultura[modifica | modifica wikitesto]

Eventi[modifica | modifica wikitesto]

  • Sagra del Peperone - agosto (Zero Branco)
  • Sagra dell'Assunta - agosto (Zero Branco)
  • Mostra del Radicchio - gennaio (Zero Branco)
  • Mostra dell'asparago - aprile (Zero Branco)
  • Sagra San Rocco - agosto (Scandolara)
  • Sagra Sant' Alberto - agosto (Sant' Alberto)
  • Festa della Birra - giugno (Scandolara)

Geografia antropica[modifica | modifica wikitesto]

Suddivisioni storiche[modifica | modifica wikitesto]

Per tutto il dominio della Serenissima, Zero Branco si suddivideva in colmelli, quasi degli antenati degli attuali quartieri. Ciascuna giurisdizione era rappresentata da un meriga. A loro volta i colmelli erano raggruppati in quartieri, e i quartieri in podestarie. Zero fu per breve tempo ricompreso nella podestaria di Treviso per poi passare a Mestre. D'altra parte, i colmelli di Sant'Alberto e Scandolara rimasero sino alla caduta di Venezia sotto Treviso, compresi nel quartiere detto Mestrina di sopra. Segue un elenco dei colmelli divisi per parrocchie:

  • Zero
    • Borgo - centro
    • Branco - sudest
    • Cannaregio - nord-ovest
    • Conche - nord-est
    • Fontane - sudovest
    • Montiron- ovest
  • Scandolara
    • Scandolara Chiesa
    • Scandolara di Sopra
    • Scandolara di Sotto
  • Sant'Alberto
    • Sant'Alberto Chiesa - centro
    • Sant'Alberto Albera - nordest
    • Sant'Alberto Bertoneria - nordovest

Tutt'oggi essi sono rievocati durante il caratteristico "Torneo dei Colmelli" che vede sfidarsi gli abitanti dei vari quartieri.

Frazioni[modifica | modifica wikitesto]

Infrastrutture e trasporti[modifica | modifica wikitesto]

Il centro di Zero Branco è attraversato dalla SR 515 "Noalese", che collega Padova a Treviso e servito dagli autobus SITA e La Marca che svolgono servizio di linea lungo questa tratta. Gli Autobus Actv, invece, assicurano i collegamenti con Mogliano Veneto. Il territorio comunale è attraversato anche, a est, dall'Autostrada A4, nel tratto noto come Passante di Mestre.

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Periodo Primo cittadino Partito Carica Note
23 luglio 1985 19 giugno 1990 Lucio Pasqualetto DC Sindaco
19 giugno 1990 24 aprile 1995 Lucio Pasqualetto DC-indipendente Sindaco
24 aprile 1995 14 giugno 1999 Gaetano Cappelletto lista civica (centro-destra) Sindaco
14 giugno 1999 14 giugno 2004 Gaetano Cappelletto lista civica (centro-destra) Sindaco
14 giugno 2004 8 giugno 2009 Maria Margherita Sagramora Lega Nord-Liga Veneta Sindaco
8 giugno 2009 26 maggio 2014 Mirco Feston lista civica (centro-sinistra) Sindaco
26 maggio 2014 27 maggio 2019 Mirco Feston lista civica Feston sindaco (centro-sinistra) Sindaco
27 maggio 2019 in carica Luca Durighetto lista civica Feston (centro-sinistra) Sindaco

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 31 maggio 2019.
  2. ^ Tabella dei gradi/giorno dei Comuni italiani raggruppati per Regione e Provincia (PDF), in Legge 26 agosto 1993, n. 412, allegato A, Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l'energia e lo sviluppo economico sostenibile, 1º marzo 2011, p. 151. URL consultato il 25 aprile 2012.
  3. ^ a b c d e f g La storia, su comunezerobranco.it. URL consultato l'8 marzo 2019.
  4. ^ a b Egidio Finamore, Italia medioevale nella toponomastica. Dizionario etimologico dei nomi locali, Rimini, Bibliograf, 1992, p. 204.
  5. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.
  6. ^ Bilancio demografico e popolazione residente straniera al 31 dicembre 2017 per sesso e cittadinanza, ISTAT. URL consultato il 2 agosto 2018 (archiviato dall'url originale il 6 agosto 2017).

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]