Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui

Preganziol

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Preganziol
comune
Preganziol – Stemma
Preganziol – Veduta
Chiesa di Sant'Urbano
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneVeneto-Stemma.png Veneto
ProvinciaProvincia di Treviso-Stemma.png Treviso
Amministrazione
SindacoPaolo Galeano (PD) dal 9-6-2014
Territorio
Coordinate45°36′N 12°14′E / 45.6°N 12.233333°E45.6; 12.233333 (Preganziol)Coordinate: 45°36′N 12°14′E / 45.6°N 12.233333°E45.6; 12.233333 (Preganziol)
Altitudine12 m s.l.m.
Superficie23,1 km²
Abitanti16 878[1] (31-3-2017)
Densità730,65 ab./km²
FrazioniFrescada, Sambughè, San Trovaso
Località: La Boschetta, Alle Grazie, Settecomuni
Comuni confinantiCasale sul Sile, Casier, Mogliano Veneto, Treviso, Zero Branco
Altre informazioni
Cod. postale31022
Prefisso0422
Fuso orarioUTC+1
Codice ISTAT026063
Cod. catastaleH022
TargaTV
Cl. sismicazona 3 (sismicità bassa)
Cl. climaticazona E, 2 373 GG[2]
Nome abitantipreganziolesi
Patronosant'Urbano
Giorno festivo25 maggio
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Preganziol
Preganziol
Preganziol – Mappa
Il territorio comunale nella provincia di Treviso.
Sito istituzionale

Preganziol (IPA: /preɡanˈtsjɔl/, Preganxiol IPA: /preɡaŋ'zjɔl/ in veneto) è un comune italiano di 16 878 abitanti[1] della provincia di Treviso in Veneto.

Geografia fisica[modifica | modifica wikitesto]

Il territorio di Preganziol è completamente pianeggiante. Il suolo, per lo più argilloso, permette l'esistenza di numerosi corsi d'acqua, comunque di modesta portata e lunghezza: da sud, i principali sono il Zermanson, Serva, il Bigonzo e il Dosson, tutti affluenti del fiume Sile.

Origini del nome[modifica | modifica wikitesto]

La prima parte del nome è sicuramente in relazione al veneto prà che significa "prato" e indicherebbe dunque la presenza di terreni utili al pascolo o, più in generale, di possedimenti. La seconda parte è discussa: forse deriva dal nome dell'antico proprietario (un tale Golza, Galzolo o Granziol quindi); oppure è legato ad un termine veneto, oggi in disuso, che significava "bosco" (da gazo, giagio, gaiolo), quindi indicherebbe un prato protetto da una selva. La presenza di fitti boschi è infatti documentata in vari documenti medievali.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Le tracce più antiche della presenza umana nel territorio risalgono all'epoca romana. Si ritiene che l'attuale comune costituisse l'estremità settentrionale della centuriazione di Altinum, il cui confine con Tarvisium seguiva il corso del Sile.[3]

La prima citazione scritta di Preganziol, indicata come prati Golzoli, è in una bolla del 1170 con la quale papa Alessandro III donava la chiesa locale, già cappella della pieve di San Giovanni di Treviso, al Capitolo dei Canonici di Treviso. La disposizione fu confermata nel 1181 è il paese è menzionato come Pratoganziol.

Come suggerirebbe il toponimo, il territorio era in passato ricco di vegetazione. In un documento del 1317 si osserva la necessità di tagliare le selve che offrivano riparo ai briganti. Dell'anno successivo è un altro scritto in cui è attestato l'utilizzo delle loviere, trappole per catturare i lupi.

Nel 1350 la popolazione fu decimata per l'imperversare della peste. Per favorire il ripopolamento della zona, il comune di Treviso, da cui dipendeva, offrì sgravi fiscali per chi vi si ristabiliva.

Il 22 dicembre del 1807 nascono ufficialmente la municipalità di Preganziol (con l'aggregazione di Settecomuni) e quelle di San Trovaso e Sambughè. Tuttavia già il 6 febbraio 1808 le prime due sono abolite per essere annesse al comune di Treviso, preservando invece quella di Sambughè. Nel 1816 il comune di Preganziol si stacca da Treviso e, inglobando San Trovaso e Sambughè, assume l'odierna configurazione.

Simboli[modifica | modifica wikitesto]

Lo stemma del comune è diviso verticalmente in due campiture: a destra i boschi con il prato rossiccio ricordano l'etimo del toponimo (forse da prà "prato" e gazio "bosco", vedi sopra); a sinistra la fabbrica testimonia l'importanza dell'industria; i soggetti sono sovrastati da un pastorale (il potere dei vescovi di Treviso) con una spiga di grano e una pannocchia (l'abbondanza dell'agricoltura).

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

La parrocchiale di Sant'Urbano risale, nella sua ultima riedificazione, al XVIII secolo, tranne la facciata novecentesca progettata da Antonio Beni. All'interno, una Madonna della Cintura, gruppo ligneo di Valentino Panciera Besarel (1895), il Martirio di Sant'Urbano, affresco del soffitto di Giovan Battista Canal (1792) e una Madonna della Cintura, altro dipinto del Canal collocato sul primo altare di sinistra; le stazioni della Via Crucis e la tela Strage degli innocenti sono opere recenti di Giuseppe Pin. Nella cantoria sopra il portale una maestosa cassa settecentesca ospita l'organo, realizzato da Benigno Castelli di Lecco nel 1962 e ampliato da Silvano Girotto nel 1978 utilizzando materiale fonico Mascioni. È a trasmissione elettrica e conta 23 registri su due manuali e pedaliera.

Il Palazzo Municipale, posto lungo il Terraglio, fu inaugurato nel 1927 dal Sindaco Achille Vettorazzo, architetto e progettista dello stesso edificio.

Nel territorio, in particolare lungo il Terraglio, sono presenti numerosissime ville venete, tra le quali meritano particolare menzione Villa Franchetti e villa "La Colombina". Si trova invece lungo via Schiavonia villa Marcello detta "Ego".

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[4]

Etnie e minoranze straniere[modifica | modifica wikitesto]

Gli stranieri residenti nel comune sono 1.326, ovvero il 7,8% della popolazione. Di seguito sono riportati i gruppi più consistenti[5]:

  1. Albania, 173
  2. Romania, 145
  3. Marocco, 127
  4. Moldavia, 107
  5. Cina, 87
  6. Serbia, 79
  7. Kosovo, 76
  8. Ucraina, 51
  9. Nigeria, 46
  10. Ghana, 39

Persone legate a Preganziol[6][modifica | modifica wikitesto]

Geografia antropica[modifica | modifica wikitesto]

Frazioni[modifica | modifica wikitesto]

A Preganziol appartengono le tre frazioni di Sambughè, San Trovaso e Frescada e le località di Settecomuni, Alle Grazie e La Boschetta.

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Sambughè, San Trovaso e Frescada.

Suddivisioni ecclesiastiche[modifica | modifica wikitesto]

Nel territorio di Preganziol hanno sede quattro parrocchie, comprese nella diocesi di Treviso; tre di queste appartengono al vicariato di Mogliano e una al vicariato Urbano:

Altre località del territorio[modifica | modifica wikitesto]

  • La Boschetta (204 ab.): quartiere di recente costruzione posto all'estremità sud del comune, tra l'abitato di Campocroce di Mogliano e la ferrovia Venezia-Udine;
  • Le Grazie (377 ab.): lungo il Terraglio, tra Preganziol e Frescada, vi si trova un'area industriale;
  • Settecomuni (67 ab.; l'ISTAT lo indica come Case Gatto-Zanetti): ad ovest di San Trovaso, lungo via Bacchina.

Oltre a queste, che per importanza sono citate nello stesso statuto comunale, esistono numerosi altri toponimi, molti dei quali ormai in disuso. Si hanno ad esempio Baratta Vecchia, ad ovest del centro, Canton, ad est, La Croce, presso il confine con Mogliano Veneto, dove sorge una piccola zona industriale, e Borgo Verde (572 ab.), quartiere recente ad est del centro, alla sinistra di via Schiavonia.

Infrastrutture e trasporti[modifica | modifica wikitesto]

Stazione FS di Preganziol

Strade[modifica | modifica wikitesto]

Il comune è interessato dalla Strada Statale 13 ed è servito dalla Autostrada A4 Torino - Trieste (casello di Preganziol del Passante di Mestre).

Ferrovie[modifica | modifica wikitesto]

La località è servita dall'omonima stazione ferroviaria posta sulla linea Venezia-Udine.

Mobilità urbana[modifica | modifica wikitesto]

I trasporti interurbani di Preganziol vengono svolti con autoservizi di linea gestiti da MOM e ACTV. È attivo un servizio di autobus navetta effettuato da ATVO per l'Aeroporto di Venezia-Tessera.

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Periodo Primo cittadino Partito Carica Note
1920 1922 Carlo Marzari Sindaco
1922 1923 Emilio Pavan Sindaco
1923 Comm. pref.
1924 1926 Fusarini Sindaco
1926 1927 Francesco Zanatta Comm. pref.
1927 Francesco Zanatta Podestà
Lorenzo Biral Podestà
Girolamo Signoretti Podestà
Achille Vettorazzo Podestà
Vincenzo Piccolo Podestà
1946 1946 Paolo Morpurgo Democrazia Cristiana Sindaco
1946 1950 Francesco Zanchi Democrazia Cristiana Sindaco
1950 1958 Giovanni Mattiello Democrazia Cristiana Sindaco
1958 1966 Cirillo Granziol Democrazia Cristiana Sindaco
1966 1975 Giovanni Ceron Democrazia Cristiana Sindaco
1975 1984 Gino Vanin Democrazia Cristiana Sindaco
1984 1986 Giuseppe Ervas Sindaco
1986 1990 Giuseppe Olivo Sindaco
1990 1993 Bruno Moro centrosinistra Sindaco
1993 2000 Pietro Tronchin centrosinistra Sindaco
2000 2009 Franco Zanata centrosinistra Sindaco
2009 2014 Sergio Marton centrodestra Sindaco
2014 in carica Paolo Galeano centrosinistra Sindaco

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Dato Istat - Popolazione residente al 31 marzo 2017.
  2. ^ Tabella dei gradi/giorno dei Comuni italiani raggruppati per Regione e Provincia (PDF), in Legge 26 agosto 1993, n. 412, allegato A, Ente per le Nuove Tecnologie, l'Energia e l'Ambiente, 1 marzo 2011, p. 151. URL consultato il 25 aprile 2012.
  3. ^ Vecchiato Dino e Grimaldo Angelo, Preganziol. Villa, Borgo, Comune, 2013.
  4. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.
  5. ^ Bilancio Demografico e popolazione residente straniera al 31 dicembre 2010 per sesso e cittadinanza, ISTAT. URL consultato l'11 novembre 2012.
  6. ^ Vecchiato Dino, Personaggi preganziolesi, Associazione Culturale Aurora, 2014.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF: (EN241885253
Veneto Portale Veneto: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di veneto