Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui

Alessandro IV di Macedonia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Alessandro IV
Roxana with Alexander IV Aegus the son of Alexander the Great.jpg
Il piccolo Alessandro IV tra la madre Rossane e Alessandro il Grande
Sovrano macedone
In carica 323311 a.C.
Predecessore Alessandro Magno
Successore Cassandro I
Nome completo Ἀλέξανδρος Δ`
Altri titoli Egemone della lega di Corinto
Scià di Persia
Faraone d'Egitto
Principe d'Asia
Nascita Macedonia, agosto 323 a.C.
Morte Macedonia, 311 a.C.
Luogo di sepoltura Anfipoli, Grecia
Dinastia Argeadi
Padre Alessandro Magno
Madre Rossane

Alessandro IV di Macedonia (323 a.C.311 a.C.) è stato un sovrano macedone antico, unico figlio di Alessandro Magno e di Rossane,[1] principessa battriana e prima moglie del celebre condottiero.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nascita[modifica | modifica wikitesto]

Quando Alessandro Magno morì Rossane era ancora incinta e, dal momento che non si conosceva il sesso del bambino, nell'esercito crebbe un grande dissenso relativamente alla successione. La fanteria sosteneva lo zio del bambino, Filippo III, malato di mente, mentre Perdicca, comandante della cavalleria, preferiva aspettare nella speranza che il bambino fosse un maschio. Si giunse a un compromesso, per cui Perdicca avrebbe governato l'impero come reggente, mentre Filippo avrebbe regnato formalmente, ma senza alcun potere di fatto. Se il bambino fosse stato maschio, allora sarebbe diventato a tutti gli effetti re.

Reggenza[modifica | modifica wikitesto]

Dopo un periodo difficile, un fallimento militare in Egitto e l'ammutinamento dell'esercito, Perdicca fu assassinato dai suoi ufficiali nel maggio o giugno del 321 o 320 a.C. (questa incertezza è dovuta a una distrazione di Diodoro Siculo)[2] e venne eletto come reggente Antipatro. Portò con sé Rossane e i due re di Macedonia e rinunciò al governo dell'impero di Alessandro, lasciando le province di Egitto e Asia in mano ai diadochi.[3] Quando Antipatro morì nel 319 a.C. affidò il suo compito a Poliperconte, un generale macedone che aveva combattuto sotto Filippo II e Alessandro Magno.

Guerra civile[modifica | modifica wikitesto]

Cassandro, il figlio di Antipatro, quando venne privato del potere dal padre si alleò con Tolomeo I, Antigono ed Euridice, l'ambiziosa moglie del re Filippo III, e dichiarò guerra a Poliperconte, che a sua volta si alleò con Eumene e Olimpiade.

Anche se il reggente ebbe successo in un primo momento, prendendo il controllo delle città greche, la sua flotta fu distrutta da Antigono nel 318 a.C. Quando, dopo la battaglia, Cassandro assunse il pieno controllo della Macedonia, Poliperconte fu costretto a fuggire in Epiro, seguito da Rossane e il giovane Alessandro. Pochi mesi dopo Olimpiade riuscì a convincere il suo parente Eacide a invadere la Macedonia con Poliperconte. Quando Olimpiade scese in campo, l'esercito di Euridice si rifiutò di combattere contro la madre di Alessandro e disertò passando dalla parte di Olimpiade; dopodiché Poliperconte ed Eacide riconquistarono la Macedonia. Filippo ed Euridice furono catturati e giustiziati il 25 dicembre del 317 a.C., lasciando Alessandro IV re e Olimpiade sua reggente.[4][5]

Morte[modifica | modifica wikitesto]

I sostenitori della dinastia Argeade, allora, cominciarono ad affermare che Alessandro IV avrebbe dovuto esercitare subito il pieno potere e che un reggente non era più necessario. Cassandro, per risposta, fece assassinare segretamente da Glaucia il dodicenne e sua madre, che morirono avvelenati.[6][7][8][9]

Si ritiene che la sua tomba sia uno dei sepolcri reali scoperti dall'archeologo Manolis Andronikos nel cosiddetto "Grande Tumulo" di Verghina nell'agosto del 1977.[10][11]

Nel mese di ottobre 2012 gli archeologi della 28ª Soprintendenza alle Antichità hanno scoperto una tomba nella città di Amfipoli, vicino a Serres, nel nord della Grecia, che secondo loro potrebbe appartenere alla moglie e al figlio di Alessandro Magno, Rossane e Alessandro IV. La zona, circolare, misura 3 metri di altezza e ha una circonferenza di circa 500 metri. Tuttavia è troppo presto per affermare con certezza l'entità della scoperta.[12]

Titolatura[modifica | modifica wikitesto]

Titolo Traslitterazione Significato Nome Traslitterazione Lettura (italiano) Significato
G5
ḥr Horo
Srxtail.jpg
hwnw
G16
nbty (nebti) Le due Signore
G8
ḥr nbw Horo d'oro
M23
X1
L2
X1
nsw bjty Colui che regna
sul giunco
e sull'ape
Hiero Ca1.svg
N5 A28 ib i mn
n
U21
n
Hiero Ca2.svg
h՚՚ ib r՚ stp.n imn Haaibra setepenamon Il cuore di Ra è contento, scelto da Amon
G39 N5
s3 Rˁ Figlio di Ra
Hiero Ca1.svg
i E23
V31
O34
i D46
r
O34
Hiero Ca2.svg
i l k s n d r s Alexandros

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Francesco Predari (a cura di), Dizionario biografico universale, Volume 1, Tipografia Guigoni, Milano 1865.
  2. ^ Anson, pp. 208-217.
  3. ^ Diodoro, XVIII, 36-39.
  4. ^ Diodoro, XIX, 11.
  5. ^ Giustino, XIV, 5.
  6. ^ Diodoro, XIX, 51-52; 61.
  7. ^ Diodoro, XIX, 105.
  8. ^ Giustino, XV, 2.
  9. ^ Pausania, IX, 7, 2.
  10. ^ (EN) Tombe reali a Verghina, in Macedonian Heritage.
  11. ^ Korina Miller, Grecia continentale Guide EDT/Lonely Planet, Torino 2010, p.332
  12. ^ (EN) Tomb Near Serres Wife, Son of Alexander?, in Greekreporter.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Fonti primarie
Fonti secondarie

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Re di Macedonia Successore
Filippo III 317310 a.C. Cassandro I
con Perdicca, Antipatro
Predecessore Signore dell'Alto e del Basso Egitto Successore Double crown.svg
Filippo III 317305 a.C. Tolomeo I